Prefazione di l'autore à:

Pensà è DESTINA




Questu libru hè statu dettu à Benoni B. Gattell à intervalli trà l'anni chì 1912 è 1932. Da quì ha fattu una volta più è più. Ora, in 1946, ci sò pochi pagine chì ùn sò micca stati almeno cambiati leggermente. Per evitare ripetizioni è complessità, e pagine intere sò state eliminate, è aghju aggiuntu parechje sezioni, paragrafi è pagine.

Senza assistenza, hè dubbiuvule chè u travagliu hè statu scrittu, perchè era difficiule per mè di pensà è di scrive nant'à u tempu. U me corpu avia da stà fermatu mentre pensu à u sughjettu in forma è scelu parolle adatte per custruisce a struttura di a forma: è cusì, sò veramente grata per u travagliu ch'ellu hà fattu. Devu ancu aghjò ancu di ricunniscà i boni uffizii di amici, chì anu desideratu rimanà innominatu per e so suggerimenti è l'assistenza tecnica in a cumpleta a travagliu.

Un travagliu più difficili era di uttene termini per esprimu u sughjettu recubitu trattatu. U mo sforzu seriu hà avutu di truvà paroli è frasi chì trasmettiscenu di più u significatu è l'attributi di certe realtà incorporee è di mostrà a so cunnessione inseparabile cù u me cunniscente in i corpi umani. Dopu e cambiamenti ripetuti, aghju pussutu definitivamente nantu à i termini impiegati.

Parechji sughjetti ùn sò micca chiari cume mi piacerebbenu esse, ma i cambiamenti apportati duvanu abbastanza o esse infiniti, perchè à ogni lettura cunsunate d'altre cambiamenti uti.

Ùn ne presumu à predicà à nimu; Ùn mi cunsegnu nè un prédicatore o un maestru. Sò ch'ella ùn sia chì sò responsabile di u libru, preferiu chì a mo personalità ùn sia micca nominata cum'è u so autore. A grandezza di i sughjetti nantu à i quali aghju da l'infurmazione, mi allevia è liberà di a speranza per se stesso è pruibisce a supplicazione di a pudenza. Ausiu fà dichjarazioni strane è sorprendenti à u sente cosciente è immortale chì hè in ogni corpu umanu; è pensu per quellu chì l'individu decide di ciò chì hà o micca fà cù l'infurmazioni presentate.

E persone riflessive anu messu in sottumessu a necessità di parlà quì alcune di e mo esperienze in stati di a coscienza, è di l'eventi di a mo vita chì pudenu aiutà a spieghjere cumu era pussibuli per me cunniscà è scrivere di cose chì sò in a varianza cun crede attuale. Dicenu chì questu hè necessariu perchè ùn ci hè nunda di bibliografia appesi è ùn ci sò micca referenze per fondà e dichjarazioni fatte. Alcune di e mo esperienze sò state à differenza di tuttu ciò chì aghju avutu di sente. A mo riflessione di a vita umana è di u mondu in cui vivemu mi hè rivelatu sughjetti è fenomeni chì ùn sò micca trovati citati in i libri. Ma ùn hè micca onerosu suppurtà chì tali questioni puderebbenu esse, ma esse ignote per l'altri. Devi esse quiddi chì cunnoscenu ma ùn si pò dì. Ùn aghju micca nunda di pegno di secretu. I apparteniu à nisunu organisazione di alcun tipu. Ùn dicu micca fede in a direzzione di ciò chì aghju trovu da pensà; da un pensatu stabile mentre sò sveglii, micca in sonnu o in trance. Ùn sò mai statu nè avemu mai vogghiu esse in trance di alcun tipu.

Ciò chì aghju cunnoscutu mentre pensu à temi quali u spaziu, e unità di materia, a costituzione di materia, l'intelligenza, u tempu, e dimensioni, a creazione è l'urdinazioni di i pensamenti, speranu, avianu lanciatu regni per a splurazione futura . Da ddu tempu a cumpurtamentu currettu deve esse una parte di a vita umana, è deve tene cun u ventu di a scienza è l'invenzione. Dopu a civiltà pò continuare, è l'Indipendenza cù Responsabilità sarà a regula di a vita individuale è di u guvernu.

Eccu un schizzo di alcune sperienze di a mo primu tempu di a vita:

U Ritmu era a mo prima sintenza di cunnessione cù stu mondu fisicu. Più tardu mi pudia dì ind'u corpu, è aghju pututu à vede voci. Aghju capitu u significatu di i sonni fatti da e voci; Ùn aghju vistu nunda, ma mi, cum'è a sensazione, pudessi avè u significatu di e tutte e voci-sughji espressi da u ritmu; è u mo sentimentu mi dava a forma è u culore di l'oggetti chì eranu descritti cù e parole. Quandu pudia aduprà u sensu di a vista è puderaghju vede oggetti, aghju trovu e forme è apparenze chì, cum'è mi sentia, avia amparatu, esse in accordu approssimativo cù ciò chì aghju avutu. Quandu eru in grado di aduprà i sensi di a vista, l'uditu, u gustu è l'odore è pudere dumandà è risponde à dumande, aghju trovu à esse un straniero in un mondu stranu. Sapii ch'e ùn era micca u corpu in u quali eru vitatu, ma nimu ùn pò dìmi a ch'è o quandu eru o induve daveru, è a maiò parte di quelli chì aghju interrogatu mi parianu crede chì eranu i corpi in i quali eranu vivi.

Aghju capitu chì eru in un corpu da chì ùn puderu mi liberà. Sò camminata, solu, è in un cuntintu di tristezza. Pruvemi ripetuti è sperienze mi cunvintu chì e cose non eranu micca ciò chì parenu esse; chì ci sia cambiu; chì ùn ci sia micca permanenza di nulla; chì a ghjente dicessi spessu u cuntrariu di ciò chì significavanu veramente. U zitellu hà ghjucatu à i ghjochi chì i chjamavanu "fate" o "fate finiscà". I zitelli u ghjocu, l'omi è e e e donne praticavanu cuncepimenti è simulazioni; parechje persone anu veramente veru è sinceri. Ci era sprecata in sforzu umanu, è apparenze ùn durò micca. L'apparenza ùn hè stata fatta per durà. Aghju dumandatu: cumu si farrà e cose chì dureranno, è fate senza distruzzioni è disordini? A altra parte di me risponde: Primo, sapete ciò chì vulete; vede è tene fermu in mente a forma in cui avete avè ciò chì vulete. Poi pensate è vulete e parlanu chì in apparenza, è ciò chì pensate sarete riunite da l'atmosfera invisibile è fissatu in e intornu à sì a forma. Ùn aghju micca pensatu in sti paroli, ma sti parolle spiegu ciò chì aghju pensatu. Mi sò avutu fiducia chì pudessi fà, è pruvallu e provu longhi ghjornu. Sò fallu. À mancanza, mi sintia disgraziatu, degradatu, è mi vergogna.

Ùn pudu micca aiutà à esse attente à l'eventi. Ciò chì aghju intesu e persone dicenu nantu à e cose chì accadderu, in particulare per a morte, ùn sò micca cuncreti. I me parenti eranu cristiani devoti. A sente ch'ellu lighjia è disse chì Diu faci u mondu; chì hà creatu una anima immortale per ogni corpu umanu in u mondu; E chì l'anima chì ùn obbedisce micca à Diu era pigliata in l'infernu è bruscia in focu è sulfuru per sempre. Ùn aghju cridutu micca una parola di quessa. Mi pari troppu assurdu per pensu o crede chì qualunque Diu o essendu pudaria fà u mondu o m'avemu creatu per u corpu in cui aghju campatu. Aghu avutu brusgiatu u mitu dittu cù un abbagliu di sulfuriu, è aghju credu chì u corpu puderia esse brusgatu à morte; ma sapiu chì I, ciò chì era cunsenti cum'è eu, ùn pudaria micca esse brusgatu è ùn pudessi micca morre, u focu è u sulfuriu ùn pò micca uccidermi, ancu se u dolore di quella bruscia era terribile. Aghju puderia sente periculu, ma ùn avia timore.

A ghjente ùn pare micca cunnoscendu "perchè" o "ciò chì", di a vita o di a morte. Sapiu chì ci deve esse una ragione per tuttu ciò chì accadde. Vuliu sapè i secreti di a vita è di a morte è di viva per sempre. Ùn sapiu micca perchè, ma ùn pudu micca aiutà a vali di ciò. Sapii chì ùn ci puderebbe esse notte è ghjornu è vita è morte, è micca un mondu, à menu cusì ci fussi quisti chì aghjenu u mondu, a notte è u ghjornu è a vita è a morte. Tuttavia, aghju determinatu chì u mo scopu hè di truvà quanti saghjoli chì mi direbenu cume avissi da imparà è ciò chì aghju fà, per esse fidatu di i secreti di a vita è di a morte. Ùn ne pensu micca di dà sta situazione, a mo risoluzione ferma, perchè a ghjente ùn a capisce; Mi credenu à esse insensato o furzatu. Aghju avutu circa sette anni in quellu tempu.

Quindici o più anni passanu. Aghju rimarcatu a pruspettiva diversa di a vita di i masci è di e ragazze, mentre crescevanu è si trasformavanu in omini è donne, in particulare in a so adolescenza, è in particulare in a me propria. I mo visti mi sò cambiati, ma a mo scopazione - di truvà quelli chì eranu saghjuli, chì sapiavanu, è à chì mi pudianu amparà i sicreti di a vita è di a morte - era stallatu. Ero sicura di a so esistenza; u mondu ùn puderia micca esse, senza elli. In u ordinamentu di l'eventi, pudaghju vede chì ci deve esse un guvernu è una gestione di u mondu, perchè duveru esse u guvernu di un paese o di una gestione di qualunque affari perchè questu cuntinuazione. Un ghjornu a mamma mi dumandava ciò chì aghju cridutu. Senza esitazione, aghju dettu: so senza dubbitu chì a ghjustizia governa u mondu, ancu s'è a mo vita pare sembra esse prova chì ùn hè micca, perchè ùn vedu micca a pussibilità di fà u scopu di e so a cunniscenza di e di ciò chì vole di più.

In quellu annu, in primavera di 1892, aghju avutu in un giornale di domenica chì una certa Signa Blavatsky era una sculula di saghji in Oriente chì si chiamavanu Mahatmas; chì per e ripetute vive in a terra, avianu truvatu a saggezza; chì avianu avutu i segreti di a vita è di a morte, è chì avianu cundannatu Madam Blavatsky à formà una Società Teosofica, attraverso chì i so insegnamenti pussianu esse datati à u publicu. Ci sarà una conferenza chì a sera. Sò statu. Più tardi mi sò diventata un membru ardente di a Società. A dichjarazione chì ci eranu saghji - per chjamà nomi chì eranu chjamati - ùn mi stupiscianu; questu hè solu l'evidenza verbale di ciò chì aghju avutu sicuramente di u necessariu per l'avanzamentu di l'omu è per a direzzione è a guida di a natura. U lettu tuttu ciò chì pudessi di iò. Aghju avutu a pensà di diventà una pupilla di unu di i saggi; ma cuntinuà à fà a capisce chì a vera strada ùn era micca per qualchì applicazione formale à chiunque, ma per esse io in forma è pronta. Ùn aghju vistu o sentu parlà, nè avutu avutu cuntattu cù 'i saggi' chì aghju cuncipitu. Ùn aviu micca prufessori. Avà aghju una megliu capienza di tali prublemi. I veri «Saggi» sò Trioni Selves, in u Regnu di a Permanenza. Aghju finutu di cunnessione cù e so società.

Da nuvembri di 1892 aghju passatu da sperienze sorprendenti è cruciali, dopu chì, in primavera di 1893, accaddeu u avvenimentu più straordinariu di a mo vita. Aghu avutu passatu a strada 14th in 4th Avenue, in New York. Intendendu a vittura è a gente, Mentre scinnà finu à u angulu di u nordest, u cantaghju, Chjaru, più grande di i miriadi di soli apri in u centru di a mo testa. In st'istante o puntu, l'eternità sò state arretrata. Ùn ci era tempu. A distanza è e dimensioni ùn sò micca evidenti. A natura era composta di unità. I eranu cuscenti di e unità di a natura è di unità cum'è Intelligenze. Nant'à e per via, per dì, ci era più grande è micca luci; maghjine maghjineghjanu i luci inferiori, chì rivelanu i diversi generi di unità. I Luci ùn sò micca di natura; eranu Luci cum'è Intelligenze, Luci Cunsiglii. Rispuntendu à a lucentezza o a ligerezza di quelle Luci, a lumu di u sole circundante era una nebbia densa. È in e attraverso tutti i Luci, e unità è oggetti sò statu cusciente di a Presenza di Coscienza. Aghju ricunnusu a Cunciente cum'è a Reale è l'Altura assoluta, è cuscione di u rapportu di e cose. Ùn aghju micca eccitazioni, emozioni, ecstasy. E parolle ùn bisessu micca da descriviri o spieghjarà CONCIOUSNESS. Saria futiliu di pruvà a descrizione di a grandezza sublime, di u putere è di l'ordine è di a relazione in eguite di ciò chì eru allora cusciente. Duie durante i quindici anni successivi, per un bellu pezzu in ogni occasione, eru cunessu di Coscienza. Ma nantu à quellu tempu eru cunessu di micca più di ciò chì avia statu cunniscutu di quì u primu mumentu.

Esse cunniscitu di Coscienza hè l'insieme di parole relative chì aghju sceltu per una frase per parlà di quellu momentu più putente è rimarcibile di a mo vita.

A Cuncenza hè presente in ogni unità. Allora a presenza di Coscienza face ogni unità cuncevuta cum'è a funzione chì faci in u gradu in cui hè cunsente.

Esse cunniscitu di Coscienza rivela l'incognu à quellu chì hè statu cusì cunsenti. Allora sarà u travagliu di quellu di fà chì cunnosce ciò chì pò di esse cosciente di Coscienza.

U megliu in u sensu di cunniscenza di Coscienza hè chì permette di sà à cunnosce ogni sughjettu, pensendu. Pensà hè a tene ferma di a Luce Cunciente nant'à u sughjettu di u pensamentu. Breve dichjarazione, a riflessione hè di quattru stadi: selezzione di u sughjettu; tene a luce Cosciente nantu à quellu sughjettu; focalizà a Luce; è, u focu di a Luce. Quandu a Luce hè focalizzata, u sughjettu hè cunnisciutu. Da questu metudu, Thinking and Destiny hè statu scrittu.

U scopu particulare di stu libru hè: Di cuntenere u me cosciente in i corpi umani chì siamo parti antiparente inseparabili di trinità individuale consapevolmente immortali, Triune Selves, chì, in u fora di u tempu, vivevanu cù i nostri grandi pensatori è parti sapienti in corpi perfetti senza sesso. in u Regnu di a Permanenza; chì noi, a so cunsenti cusì in i corpi umani, fallessi in un test cruciale, è cusì ne esilassi da quellu Regnu di Permanenza in st'omu temporale è a donna di u mondu di a nascita è di a morte è di a rinascite; chì ùn avemu micca memoria di stu perchè avemu messu in un sonnu self-hypnotic, à sunnà; chì continueremo à sognà per via di a vita, da a morte è torna à a vita; chì anu da cuntinuà a fà cusì finu chì duvemu hypnotize, svegliu, noi stessi fora da l'ipnosi in cui noi si mettenu; chì, quant'è lungu ci vole, duvemu svegliatu da u nostru sognu, diventà cuscinu di noi stessi cum'è noi stessi in i nostri corpi, e poi rigenerà è restituite i nostri corpuri à a vita eterna in a nostra casa - u Reame di Permanenza da u quali venemu - chì invaia in stu mondu di noi, ma ùn si vede micca da l'ochji mortali. Allora vulemu cullucà i nostri posti è cuntinuà a nostra parti in l'Oternu Ordine di Progressione. U modu per fà questu hè dimostratu in capituli chì seguenu.

À sta scrittura, u manoscrittu di stu travagliu hè in stampa. Ci hè pocu tempu da aghjunghje à ciò chì hè statu scrittu. Durante i parechji anni di a so preparazione, hè stata spessu dumandata ch'e aghjinu in u testu qualchì interpretazione di i passaggi biblici chì sembrano incomprensibili, ma chì, à a luce di ciò chì hè statu dichjaratu in sta pagine, avè un sensu è anu significatu è chì , à tempu, cunfirmi dichjarazioni fatte in stu travagliu. Ma aghju aversu di fà u cumparamentu o di mostre correspondenze. Vogliu chì questu travagliu sia ghjudicatu solu nantu à i so meriti.

In l'ultimu annata aghju cumpratu un volumu chì cuntene I Libri Liberi di a Bibbia è I Libri dimenticati di l'Eden. Quandu scansiona e pagine di sti libri, hè stupendu vede quantu i passaggi stranieri è altrimenti incomprensibili si pò capisce quandu si capisce ciò chì hè quì scrittu nantu à u Sente Triune è e so trè parti; su a rigenerazione di u corpu umanu fisicu in un corpu fisicu perfettu, immortale, è u Regnu di a Permanenza, chì in e parole di Ghjesù hè u "Regnu di Diu".

Ancu una volta sò state dumandate e richieste di chiarimenti di i passaggi di a Bibbia. Forse è bè chì questu sia fattu è ancu chì i lettori di Pensamentu è Destinu anu da una certa prova chì cunfiriscenu certi dichjarazioni in stu libru chì e prove pò esse trovate sia in u Novu Testamentu sia in i libri sopra citati. Allora aghju à aghjunghje una quinta sezione à u Capitulu X, Dii è e so Religioni, chì si occupa di questioni.

HWP

New York, marzu 1946

Continuate à Introduzione ➔