The Word Foundation

THE

PARMA

U OCTUBBU, 1907.


Copyright, 1907, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

I sughjetti trattati in queste colonne sò cum'è di interessu generale è suggeriti da i lettori di A PAROLA. MOMENTI CON AMICI, vulemu stà tuttu ciò chì u tìtulu suggerisce. Ùn sò micca previsti in alcun modu di esse cuntruversu. E dumande fatte da l'amichi sò tentati di esse risposte da unu d'elli è di a manera di l'amichi. L'argumenti, per sfida di l'argumenti, sò raramenti cunduttivi in ​​amicizia.

L'articulu seguenti, ricevutu subitu dopu à l'emissione di a PAROLA di marzu, pò micca micca sembratu à u lettore esse esattamente cumu l'ex dumande è risposte sottu MOMENTI CON AMICI, ma per via di l'interessu generale di i sughjetti discututi è di a dumanda seriu di u corrispondente. d'avè publicatu e so obiezioni in LA PAROLA, UN AMIC risponderà à e so obiezioni cum'è dumandatu, essendu capitu chì l'ughjetti sò riguardu à i principii è e pratiche di a scienza cristiana, è micca à e persone - Ed. A PAROLA

New York, Marzu 29, 1907.

À l'Editore di A PAROLA.

Signore: In u numeru di Marzu di A PAROLA, "Un Amicu" dumanda è risponde à una serie di dumande nantu à Scienze Cristiane. Queste risposte mostranu chì u scrittore hà aduttatu certi premessi sfavorevoli per a Scienza cristiana, chì, se purtati à e so cunclusioni logiche, sò sfavorevoli à a pratica di tutti i corpi religiosi. A prima dumanda, "E 'sbagliatu aduprà medii mentali invece di fisici per guarì i malati fisici?" Rispondi praticamenti "sì." Ci hè dichjaratu chì "ci sò casi in cui unu hè ghjustificatu di utilizà u putere di u pensamentu per vince i mali fisici. , in questu casu diceriamu chì ùn era micca sbagliatu. In a grande parte di i casi hè decisamente sbagliatu aduprà mentalmente invece di mezi fisichi per curà i malati fisichi ".

Se per l'usu di i mezi mentali u scrittore si riferisce à l'operazione di una mente umana nantu à una altra mente umana, per caccià i malati fisici, allura accunsente cun ellu chì hè sbagliatu in ogni casu. I Cientifichi Cristiani ùn impieganu micca a mente umana in ogni casu per caccià i malati fisici. Ci hè quì a differenza trà a Scienza cristiana è a scienza mentale, chì hè trascurata da "Un Amicu".

I Científici Cristiani utilizanu mezi spirituali, solu per preghiera, per curà e malatie. L'Apostolo Ghjacumu hà dettu: "A preghiera di a fede hà da salvà i malati." La Scienza cristiana insegna à fà "a preghiera di a fede", è, postu chì i malati sò curati per via di a preghiera di Scienze Cristiane, hè a prova chì hè "a preghiera di a fede. "" Un Amicu "hà involuntariamente cunfusu u trattamentu di a Scienza cristiana è u trattamentu mentale. A Scienza cristiana si basa in tuttu per Diu, per via di a preghiera, mentre a chjamata scienza mentale, sia s'ellu opera per suggerimento mentale, ipnotismo, o mesmerismo, hè u funziunamentu di una mente umana su un'altra mente umana. I risultati in l'ultimu casu sò transitori è dannosi, è meritanu pienamente a cundanna sottumessa à una tale pratica da "Un Amicu." Nimu, però, ùn pò micca oppone à a preghiera à Diu, nè ci pò dì qualcunu chì una preghiera sincera per un altru pò esse mai. ferite.

Un'altra dumanda hè: "Ùn hà micca Ghjesù è parechji di i santi guariscenu i malati fisichi per i mezi mentali, è si hè, era sbagliatu?"

In risposta à sta dumanda "Un Amicu" ammette ch'elli anu guarì i malati, è chì ùn era micca sbagliatu per fà. Dice, però, "Ghjesù è i santi ùn anu ricivutu nimu soldi per a so cura", è dice ancu: "Cumu a differenza di Ghjesù è di manera svintu ùn parerebbe chì Ghjesù o i so discepuli o qualcunu di i saggi ad accusà assai per visita. ogni paziente, cura o micca cura. "

I fatti sò chì Ghjesù hà guaritu i malati, è hà amparatu à i so discepuli cumu fà cusì. Questi discepuli in turnu anu amparatu à l'altri, è per trè centu anni u putere di guarisce era esercitatu regularmente da a chjesa cristiana. Quandu Ghjesù hà mandatu prima una banda di i so discepuli cun u cumandamentu di predicà l'evangelu è di guarì i malati, li disse à ùn accettà micca di pagà per i so servizii. Quand'ellu li hà mandatu a prossima volta, però, li disse chì portanu a borsa, è hà dichjaratu chì "u laburatore hè degne di u so ingaghjamentu." Stu testu hè statu accettatu da quasi duie mille anni cum'è autorità suficiente per u cleru è altri impegnati in u travagliu cristianu per accettà una compensazione per i so servizii, è ùn ci pò esse una ragionevule raghjone per fà una eccezzioni in u casu di i Científici Cristiani. I clerichi sò impiegati da e chjese per predicà è pricà, è in quasi tutti i casi sò pagati un salariu fissu. I praticanti di e Scienze cristiane tramindui predicanu l'evangelu è preghjanu, ma ùn ricevenu micca un salariu fissatu. A so carica hè cusì piccula per esse triviale, è hè pagatu voluntariamente da l'individuu chì cerca l'aiutu. Ùn ci hè alcuna compulsione in questu casu, è in ogni casu hè un sughjettu persunale trà u paziente è u praticante cuncernati da quelli chì ùn stanu. Per esse un praticante di a Scienza cristiana, unu deve rinunzià à l'affari seculari è dedicà tuttu u so tempu à u travagliu. Per fà questu, duveranu avè almenu alcune mezi per bisogni ordinari. Se nisuna prestazione ùn hè stata fatta per una compensazione, hè apparente chì i poveri seranu esclusi cumpritamenti da stu travagliu. Sta dumanda hè stata risolta da a chjesa di scienza cristiana nantu à una basa chì hè eminentemente propiu è satisfacente per e parte stesse. Ùn ci hè lagnanza di quelli chì si rivolten à a Scienza cristiana per aiutu chì sò overcharged. Un tali denunce vene generalmente da quelli chì ùn anu avutu nunda di fà cù a Scienza cristiana. In ogni casu, deve esse ammessa da tutti quelli chì vulianu trattà u sughjettu in ligna, chì si hè dirittu di pagà i clerichi per predicà, è di pricà per a ricuperazione di i malati, hè ugualmente dirittu à pagà un Científico Cristianu per tale servizii.

Benissimu veramente.

(Firmatu) VO STRICKLER.

L'interrogatore dice chì avemu "aduttatu certi premessi sfavorevoli per a Scienza cristiana, chì, se purtati à e so cunclusioni logiche, sianu altrimente sfavorevoli per tutti i corpi religiosi."

Chì a premessa ùn sia sfavorevule à a scienza cristiana hè vera, ma ùn vedemu micca chì da e so cunclusioni logiche ste premesse ùn saranu sfavore per a pratica di tutti i corpi religiosi. A scienza cristiana sustene chì i so insegnamenti sò unichi trà e fede muderne, è chì hè senza dubbiu veru. Perchè quelli locali sò sfavoreti per a scienza cristiana, ùn insegna in alcunu modu chì e stesse premesse si applicanu à tutti i corpi religiosi; ma se tutti i corpi religiosi neganu i fatti è insegnanu falsità, allora noi avissi senza favurevule per elli sfavorevoli in i nostri loculi di e so dottrine è di e so pratiche, quandu l'occasione hà dumandatu chì a nostra opinione sia spressa.

In riferimentu à a prima dumanda è risponde à ella, chì era apparsu in a PAROLA DI MARZO, 1907, u scrittore di a lettera sopra dice in u sicondu paràgraf chì accunsente cun noi chì "l'operazione di una mente umana in un'altra mente umana, per caccià u fisicu. malamenti, hè sbagliatu in ogni casu. "

Nantu à leghje questu, nasce naturalmente a quistione, quale serà allora a necessità di più obiezioni o argumenti; ma ci simu maravigliati da a dichjarazione chì seguita: "I Científici Cristiani ùn impieganu micca a mente umana in ogni casu per caccià i malati fisichi."

S'ellu hè veru chì a mente umana ùn hè micca aduprata da u scientistu cristianu in i so sforzi è pratiche per caccià i malati fisichi, allora u casu hè cacciatu da i tribunali di u mondu, è ùn hè micca tandu per qualsiasi tribunale d'inchiesta. Dunque, u scientistu cristianu ùn deve micca preoccupatu di qualchì cumentu sfavorevule nantu à e so pratiche, è hè fora di a sfera di MOMENTI CON AMICI per trattà di trattà un sughjettu chì ùn riguarda micca a mente umana. Ma ùn pò quasi capisce chì una tale dichjarazione pò esse fatta veritamente. Si pretende chì hè a mente divina (o qualsiasi altra mente) chì elimina i malati fisici, è micca a mente umana, allora, senza a mente umana, a mente divina pò agisce? Se a mente divina, o qualunque principiu di u "scientistu" dice, agisce, cumu hè quella azione indotta senza u suggerimentu o l'impiego di a mente umana? Ma si deve a mente divina capace d'attuà è di caccià i malati fisichi senza l'impiegu o l'usu di a mente umana, allora perchè l'interventu di un scientistu cristianu hè necessariu per caccià i malati fisici di ogni tippu? Per d 'altra banda, l'unica alternativa hè chì nè una mente divina nè umana ùn sò impiegati in a rimuzione di i malati fisichi. Sì cusì, cumu simu l'omu, senza l'usu di a mente umana, per sapè o fà fantasia chì esistenu i malati fisichi, o una mente divina, o a mente umana, esistenu. U scrittore di a lettera cunclude u sicondu paràgrafu dicendu: "Ci hè quì a differenza trà a Scienza cristiana è a scienza mentale, chì hè ignorata da" Un Amicu ". ''

Ricunnosciamu chì ùn avemu micca cunnisciutu questa distinzione trà scienza cristiana è scienza mentale. A distinzione fatta da u scientistu cristianu hè in favore di u scienziatu mentale, in quantu, secondu a dichjarazione in a lettera, u scienziatu mentale utilizza sempre a mente umana, mentri u scientistu cristianu ùn.

À u principiu di u terzu paragrafu, u scrittore di a lettera dice: "Scienziati cristiani utilizanu mezi spirituali per preghiera solu per curà e malatie. L'apostolu Ghjacumu hà dettu: "A preghiera di a fede hà da salvà i malati." ''

Queste dichjarazioni cunfundiscenu piuttostu chè per elucidà e citazioni sopra. A questione sorge naturalmente, quale distinzione intende u Scrittore deduce trà i mezi spirituali è i mezi mentali? À u psicologicu, mesmerista è psicologu dilettante, ogni azione chì ùn hè micca creduta da una causa fisica hè lampada sottu un capu cumunu è chjamata sia psichica, mentale o spirituale; preferibilmente spirituale. Ùn hè chjaru cumu u Scrittore intende impiegà a so frasa "mezi spirituali", salvu chì ellu dici chì a preghiera ùn hè micca un'operazione mentale. Ma se a preghiera ùn hè micca un'operazione mentale, o ùn hà micca fattu cù a mente umana, chì allora hè a preghiera? Quale hè quellu chì prega? Di chì pricà, è à quale si prega, è perchè?

Se quellu chì prega hè un scientistu cristianu, cumu pò inizià a so preghiera senza a mente umana? Ma se ellu ùn hè più umanu è diventatu divinu, allora ùn deve micca prega. S'ellu si prega, pigliemu chì a so preghiera hè diretta à un putere più altu ch'è u soiu, da quì a preghiera. È se ellu hè umanu, deve aduprà a so mente per prega. Quellu chì prica deve pregà nantu à qualcosa. L'inferenza hè, chì ellu prega nantu à i malati fisichi, è chì questi malati fisici seranu eliminati. Sì l’importazione di a preghiera hè per a rimozione di i malati fisici, l’omu chì prega deve aduprà a so umanità è a so mente per cunnosce i malati fisichi è dumandà a so rimessa per u benefiziu di u soffre umanu. A preghiera hè u messagiu o a dumanda indirizzata à a persona, a putenza o u principiu chì hè per alluntanà i malati fisichi. Si dice chì a preghiera hè indirizzata à Diu; ma quellu chì vole indirizzà di manera efficace un messagiu o una petizione à un inferiore, uguali, o superiore, deve sapè cumu indirizzà un tali messaghju o petizione in una manera chì uttene l'estremità desiderate. Quellu chì prie o petizioni ùn petiterà micca un putere inferiore à ellu stessu, cume ùn pudia micca accunsentisce a so dumanda, nè dumandà micca di unu u so uguali di fà ciò chì ellu stessu puderia fà. Hè dunque ragionevule, dunque, suppone chì quellu à quale appellu hè superiore. S'ellu hè superiore in u putere è tuttu sàviu in l'azzione, allora a petizione deve esse di mustrà quellu à quale s'indirizza di qualcosa chì ellu ùn sà micca. S'ellu ùn sà micca, ùn hè micca all-prudiente; ma s'ellu a sà, hè un attu d'insulenza è impudenza da parte di u petizzore per dumandà una intelligenza intelligente è onerosa per eseguisce una azione, in quantu a dumanda suggerisce chì l'intelligenza omnipresente sia trascurata. per rializà ciò chì averia fattu, o ùn sapia chì si deve esse fattu Se permette, d'altra parte, chì l'intelligenza hè all-intelligente è onnipotente, ma ùn si trattava micca di l'affari umani, allora quellu chì intercede o prega per a rimessa di i malati fisichi deve esse cuscenti di quelli malati fisici, è usa a so mente umana in qualchì manera iniziale per fà cunnosce i malati fisichi per via di a preghiera à Diu, l'intelligenza. A petizione deve esse per a rimuzione di i malati, è perciò in ogni casu a mente hè aduprata per scopi fisichi. U principiu hè fisicu, u prucessu deve esse mentale (qualchissia altru pò seguità); ma a fine hè fisicu.

In quantu à a preghiera di a fede sorge a quistione: chì hè a fede? Ogni essere in forma umana hà fede, ma a fede di unu ùn hè micca a fede di l'altru. A fede di un stregone in i risultati riescuti di e so pratiche difiere di a fede di u scientistu cristianu chì pò riesce in e so pratiche, e duie sferenti da a fede di un Newton, di un Keppler, di un Platone o di un Cristu. Un fanàticu chì hà una fede ceca in u so diu in legno ottene risultati cum'è face qualchissia di e citate sopra chì anu ancu a fede. Ciò chì si chjama l'azzione di successu pò esse basatu nantu à una cridenza ceca, nantu à una speculazione cunfidiva, o nantu à cunniscenze attuali. I risultati saranu secondu a fede. U principiu di a fede hè u listessu in ognunu, ma a fede difiere in u gradu di l'intelligenza. Per quessa, se i scientisti cristiani pretendenu guarisce per via di a preghiera di a fede, allora i curati effettuati devenu esse secondu u gradu di fede in u so usu intelligente. Pò esse infernale o divinu; ma in ogni casu, perchè l'apòstulu Ghjacumu hà dettu chì "a preghiera di a fede salvà i malati," ùn a fa micca cusì. I fatti sò testimoni è micca Apòstulu Ghjacumu.

U Scrittore cuntinua: "" Un Amicu "hà involuntariamente cunfusu trattamentu di a Scienza cristiana è trattamentu mentale."

Sì questu hè, "Un Amicu" ricunnosce u so sbagliu; ancora ùn vede cumu i scientifichi cristiani ponu amparà à fà, è "fà" a preghiera di a fede ", senza l'usu di a so mente umana. Questa dubbità pare esse sustenuta da a seguente dichjarazione: "La Scienza cristiana si basa completamente in Dio per la preghiera, mentri a chjamata scienza mentale, sia operata per suggerimentu mentale, ipnotismo o mesmerismo, hè l'operazione di una mente umana su un'altra mente umana. . I risultati in l'ultimu casu sò transitori è dannosi, è meritanu cumplettamente a cundanna pusata nant'à una tale pratica da "Un Amicu". ''

Mentre ùn avemu micca quì parlà di i scientifichi mentali è dicenu chì e dichjarazioni sopra sò currette, ancora in i so libri i scientifichi mentali pretendenu inseme cù i scientisti cristiani di cunfidassi pienu di Diu, o per qualunque termine chì puderia designà à Diu. Questa ùn pò micca fà chjara a diffarenza riclamata da u Scrittore, per i motivi digià avanzati. I trattamenti effettuati da i scientifichi mentali sò dichjarati da esse efficace è quantunque proporzionali à i praticanti cum'è i trattamenti di i scientisti cristiani. Qualunque sia u principiu di cura implicatu, i curati sò effettuati da i dui tipi di "scientifichi". L'affirmazioni, tuttavia, di scrittore di a lettera di sopra per a scienza cristiana sò assai pronunciate, cum'è accentuata da a so denuncia di i scientisti mentali in à quellu chì vede cun disgrazia. Ciò si rende evidente da l'usu è l'absenza di e lettere maiuscole in i termini "Scienze cristiane" è "scienza mentale". In tutta a lettera, i scritti "Scienza cristiana" o "Scienziati" sò capitalizati, mentre chì in parlante di scienza mentale o di scienziati, e capitale sò notevolmente assenti. À a fine di u paràgrafu sopra avemu lettu: "Nimu, però, ùn pò micca oppone a preghiera à Diu, nè nimu pò dì chì una preghiera sincera per un altru pò mai esse dannusu."

"Un Amicu" accetta questa dichjarazione, ma duverà aghjustà chì a preghiera per un altru, per esse sinceru è benefiziu, deve esse disinteressa; a preghiera, puru s'ella sia per l'effettu apparente di un altru, s'ellu ci hè una rimunerazione persunale o a riceve di soldi, ùn pò micca esse tintaiata è cessa di esse disinteressata, perchè i benefici persunali sò da esse ghjunti altru chè u beneficu chì vene da a cunniscenza di serviziu di realizazione.

In u paragrafu iniziu: "I fatti sò chì Ghjesù hà guaritu i malati, è chì hà insegnatu à i so discepuli di fà lo stesso", u nostru Corrispondente prova di dimustrà a legittimità di l'azzione di a scienza cristiana in pagà, per i seguenti: "Quandu Ghjesù prima hà mandatu una banda di i so discepuli cù u cumandamentu di predicà l'evangelu è di guarì i malati, li averebbe incaricatu di ùn accettà micca di pagà per i so servizii. Quand'ellu li hà mandatu fora a prossima volta, però, li disse à piglià i so bagni è hà dichjaratu chì "u laburatore hè degne di u so impegnu." ''

A prima riferenza in u Novu Testamentu appiegazione à a dichjarazione di u nostru Correspondente hè truvata in Matt., Chap. x., vs. 7, 8, 9, 10: "E, mentre vai, predica, dicendu: U regnu di i celi hè à tempu. Curaci i malati, puliti i leprosi, alzate i morti, cacciate i demoni: liberamente avete ricevutu, dete liberamente. Ùn furnite micca d'oru, nè d'argentu, nè di latte, in i vostri sacchetti; nè scrive per u vostru viaghju, nè duie stemme, nè scarpe, nè mancu stavole; per u travagliadoru hè degne di a so carne. "

Ùn pudemu vede nunda in quì sopra per ghjustificà u scientist cristianu per una compensazione esatta. In fatti a dichjarazione "hai ricevutu liberamente, dà di manera libera", ci argumenta contru.

In Marcu, cap. vi., vs. 7-13, truvamu: "È li chjamava i dodici, è hà cuminciatu à mandallu dui è dui, è li dete u putere nantu à i spiritu spuri; è li cumandò chì ùn piglianu nunda per u viaghju, salvu un staffu solu; senza scrip, nè pane, nè soldi in a so purta. Ma esse chjappu cun i scarpi: è micca messu nantu à duie vistimenti ...... È surtenu, è hà pricatu chì l'omi si deve penti. È cacciatu parechji diavuli è unghjitu cù oliu assai chì eranu malati, è i guarì. "

Di sopra ùn hè micca discututu in favore di e pratiche di i scientisti cristiani, è in fattu i scientifichi cristiani ùn ponu micca pretende di seguità alcuna di e struzzioni sopra.

A prossima riferenza chì truvamu in Luca, cap. ix., vs. 1-6: "Dopu chjamava i so dodici discipuli, è li dete u putere è l'autorità annantu à tutti i diavuli, è à curà e malatie. È u mandò à predicà u regnu di Diu, è à guarisce i malati. È li disse: Pigliate nunda per u viaghju, nè stalla, nè scrive, nè pane, nè soldi; nè pussede dui cappotti apiece. E in qualsiasi casa chì entrete, allughjemu, è partenu da quì ...... .. È partenu, è traversanu i paesi pridichendu l'evangelu, guariscendu in ogni locu. " l'absenza di pagà, a pianura di u vestitu, hè nutata. Di sopra ùn sustene micca u nostru Correspondente in i so rivindicazioni.

A prossima riferenza hè in Luke, chap. x., vs. 1-9, induve si dice: "Dopu queste cose u Signore hà numinatu ancu altri settanta, è li hà mandatu dui è dui davanti a so faccia in ogni cità è locu induve ellu stessu avia da vene ...... nè scrive, nè scarpa; è salute micca nimu per via. E in qualunque casa entri, primu dicenu: Pace sia in questa casa. È se u figliolu di a pace ci hè, a vostra pace paenderà annantu: se no, hà da vultà à voi di novu. È in a stessa casa stanu, manghjendu è beie, cose chì danu: perchè u travagliadore hè degnu di a so impresa. Andate micca da casa à casa. E in qualunque cità entrete e ti ricevenu, manghjanu tutte e cose chì vi sò state davanti: E guarisce i malati chì ci sò, è dicete à elli: U Regnu di Diu hè vicinu à voi. "

Quì sopra cuntene a citazione in a lettera "chì u travagliadore meriteghja di l'impiegà"; ma stu affittu hè semplicemente u "manghjà e beie cose da cume." Certamente da questa riferenza u nostru Corrispondente ùn pò micca pretende u dirittu di riceve un indemnamentu altru da u semplice manghjà è bevutu datu in casa di u paziente. Tutte e referenze finu à avà sò stati contru à a ricezione di qualsiasi compensazione altru da l'alimentariu è di l'alloghju chì hè datu u curatore. E cumu mostra in MOMENTI CON AMICI, a natura sempre furnisce questu per u veru curatore.

Volemu ora à l'ultima riferenza, Luke. cap. xxii., vs. 35-37: "È li disse: Quand'ellu vi aghju mandatu senza borsa, e scrip, e scarpe, vi mancava qualcosa? E anu dettu: Nunda. Dopu li disse: Ma avà, quellu chì hà una sacchetta, lascia ellu è piglialla, è simile a so scrittura: E quellu chì ùn hà micca spada, lasciò vende u so vestitu, è ne cumprà unu. Perchè vi dicu, chì questu chì hè scrittu deve esse rializatu ancu in mè. È fù ricurdatu trà i transgressori: perchè e cose chì mi riguardanu sò di fine. "

U significatu in i passaggi precedenti pare esse chì Ghjesù ùn serebbe più cù i discìpuli, è chì avaristi da avè cumbatti à a so manera; ma ùn ci hè assolutamente nimu riferimentu à a compensazione per a cura di a malatia. In fattu, l'istruzzioni per piglià e so borse è e so scrive inseme insinu di suggerisce l'uppostu di a compensazione: ch'elli avianu da pagà a so manera. In fatti, ciò chì u nostru Correspondente avanza cum'è prova in sustegnu à e rivendicazione è à e pratiche di a scienza cristiana, risulta esse contru. U nostru Correspondente hà ferutu u so casu da ciò chì avanza in favore di ellu. L'urdinazioni chì sò datu da Ghjesù ùn sò micca seguiti nè in u spiritu nè in a lettera. I scientisti cristiani ùn sò micca cristiani nè in i so insignamenti, nè sò discepuli di Ghjesù; Sò discìpuli di a Sra Eddy, è i promulgatori di e so duttrine, è ùn anu micca dirittu di fà avanzà l'insignamenti di Ghjesù nè cum'è i so o i maestri di Eddy o in u sustegnu di e so rivendicazioni è e pratiche.

U Correspondente cuntinua: "Stu testu hè statu accettatu da guasi duie mille anni, cume l'autorità suficiente per u cleru è l'altri impegnati in u travagliu cristianu, per accettà una compensazione per i so servizii, è ùn ci pò esse un fundamentu raziunale per fà una eccezzioni in u casu. di Científici Cristiani. "

Sembra micca ghjustu per i scientisti cristiani di seguità certe pratiche di u cleru di a chjesa cristiana, è si scusanu per accettà una compensazione perchè u cleru a facenu, è à u listessu tempu di ignorare completamente a chjesa cristiana in e so duttrine principali, è di tentativu di sustantà u Cristianesimu da a Scienza Cristiana. A chjesa cristiana osserva certu pratiche è insegna certu duttrini, chì centinaia di migliaia di persone di a cristianità cundannanu, è i capi di a chiesa cristiana di ogni denominazione agiscenu contru l'insignamenti di Ghjesù, ancu s'ellu custodiscenu e dottrine; ma questu ùn hà nunda da fà cù u sbagliatu, se hè sbagliatu, chì i scientisti cristiani accettanu soldi per caccià i malati fisichi per i mezi mentali, o, se a frasa hè preferibile, cù i mezi spirituali, perchè se Diu o i mezi spirituali, effettuanu u cura, allora a cura hè di Diu, è hè un rigalu di u spiritu, è u scientistu cristianu ùn hà micca dirittu di accettà soldi fisicu induve ùn hà micca effettuatu a cura, è ellu riceve soldi sottu falsi pretenzioni.

U Scrittore cuntinua: "I Clerichi sò impiegati da e chjese per predicà è pricà, è in quasi tutti i casi sò pagati un salariu fissu. I praticanti cristiani di a Scienza predicanu l'evangelu è preghjanu, ma ùn ricevenu micca un salariu fissatu. "

Ùn hè micca dubbitu veru, ma, boni omi di cummerciale, recullanu paganu per u so tempu è u travagliu. Continuendu à a quistione di cumpensazione, u Scrittore dice: "A so carica hè cusì piccula quant'è triviale, è hè pagatu voluntariamente da l'individuu chì cerca u so aiutu."

Chì a carica hè minima è triviale è hè pagata voluntariamente pò esse cusì in u stessu sensu chì un omu pò rinunzià a so borsa quandu pensa ch'ellu avia megliu, o chì un sughjettu ipnotizatu volerà volontariamente i so beni è dà i so soldi à i so ipnotista. A pretensione chì i scientifichi cristiani ùn anu micca un salariu fissu è chì i carichi fatti sò cusì picculi quant'è quasi triviali, hè eccessivamente ingenuu è deve appellu à l'ingenuosità di u lettore. L'ingressu di alcuni di i praticanti è di i lettori in a chjesa di scienza cristiana hè "da picculi quant'è triviali" solu quandu viranu e pussibulità future di l'ingressu di u scientistu cristianu.

In riferimentu à a dichjarazione di u nostru Correspondente chì "a so carica hè chjucu quant'è quasi triviale", è "sta dumanda hè stata risolta da a Chjesa Scienzia Cristiana nantu à una basa chì hè eminentemente propria è satisfactoria per e stesse parti. Ùn ci hè lagnanza di quessi chì vultanu à a Scienza cristiana per aiutu chì sò overcharged ".

Relattemu i seguenti da i numerosi casi à quali a nostra attenzione hè stata chjamata. Un ingegnere in una strada ferroviaria lucale avia un affettu nervoso di u bracciu dirittu chì li minacciava di incapacitarlo per u travagliu. L'aiutu era cercatu in vanu da parechji medichi. Cunsiglii di i so medichi sò stati seguitati sempre chì pussibule, è i so cullaburatori anu ancu furnitu i mezi per ellu di piglià un viaghju in mare cum'ellu era cunsigliatu. Ma questu ùn hà micca risultatu in alcun beneficu. Dopu pruvò un praticante cristianu di a scienza è era un pocu allentatu. Questu l'hà fattu chì si unì à u cultu è diventò un credente ardente, è hà tentatu di cunvertisce tali di i so amichi chì u stà à sente. Ma ùn era micca guaritu. Un ghjornu hè statu dumandatu perchè, se era statu tantu aiutatu, u so praticante di a scienza cristiana ùn pudia guarì. A so risposta hè stata: "Ùn pò micca permessu di curarà me." Quandu hà dumandatu una spiegazione, hà dettu chì hà pigliatu tutti i soldi chì puderia scraper inseme per esse sollievu quant'ellu era allora, è chì ùn pudia ottene micca. soldi abbastanza inseme per esse guaritu sanu sanu. Hà spiegatu in più chì u scientistu cristianu ùn si pudia permetteghju di dà u so tempu abbastanza per effettuà una cura minaccia s'ellu ùn era pagatu per ella; chì u scientistu cristianu duverà vive, è cum'ellu dipendeva per a so vita cù u soldu ricevutu per e so cure, puderia guarì solu quelli chì puderanu permetteranu di pagà e cure. Stu votante di a scienza cristiana paria da pensà chì era eminentemente propiu di ùn esse guaritu sè ùn avia soldi per pagà a so cura.

Continuendu nantu à u sughjettu di riceve soldi da u paziente per i benefici dati, u Correspondente dice: "Ùn ci hè micca cumpetizione, è in ogni casu hè un affare persunale trà u paziente è u praticante, cù quelli chì i forasteri ùn ci sò micca."

Apparentemente, ùn ci hè una cumpressione quant'è a riceve u pagamentu o di dà. Questa hè una quistione lasciata à l'inferenza, ma u Correspondente ùn pò micca cusì facilmente sferisce l'affare di l'ultima parte di a sintenza. Chì i stranieri ùn sò micca cuncernati da e cose persunali trà l'omu è l'omu hè vera; ma questu ùn si applica à a pratica di a scienza cristiana. A scienza cristiana prova à fà cunnosce e so duttrine, è e so pratiche ùn sò solu una materia d'interessu privatu è persunale trà l'omu è l'omu. E pratiche di a scienza cristiana sò una materia publica. Percettanu l'interessi di a cumunità, di a nazione, è di u mondu. Stattenu nantu à i vitali di l'umanità; rifiutanu fatti, assumenu falsità, attaccanu u sensu morale di dirittu o di male, affettanu a sanità è l'integrità di a mente; demandanu omniscienza pratica è omnipotenza per u fundatore di u so cultu, una donna dipendente da a maiò parte di e fragilità di u so tipu umanu; fariavanu è riduce u mondu spirituale per esse u servitore di sta terra fisica; u so ideale di religione pare esse, in u so scopu principale, solu a cura di a malatia, è u lussu di u corpu fisicu. A chjesa di u scientistu cristianu hè fundata è custruita nantu à a cura di i malati fisichi, cù un ochju à e cundizioni fisiche. L'intera religione di a scienza cristiana gira nantu à u successu mundiale è à a vita in a vita fisica; benchì dichjara esse spirituale in origine, in scopu, è in pratica. U successu in a vita è a salute di u corpu fìsicu hè ghjustu è propiu; ma tuttu ciò chì sopra a chjesa cristiana di e scienza hè alluntanata da una adorazione di u principiu di Cristu è di u veru Diu. Cù i scientifichi cristiani, à ghjudicà di e so rivendicazione, Diu esiste principarmenti à u scopu di risponde à e so preghiere. Cristu esiste ma cum'è una figura à esse indicata per pruvà chì u scientistu cristianu hè ghjustificatu in a so pratica, è à u locu di Diu o di Cristu è di a religione, a Sra Eddy hè da elli divinificata è consacrata in un halo di gloria è vultata da elli in un oraculu, chì u decrettu hè inviolatu è infallibile, da u quale ùn ci hè alcun rimediu o cambiamentu.

E trè frase chì seguitanu in a lettera sò state risposte in

MOMENTI CON AMICI.

A sintenza seguente, però, presenta un aspettu diversu, ancu s'è si tratta ancu di u sughjettu di a compensazione. "Questa dumanda hè stata risolta da a chjesa cristiana Scienza nantu à una basa chì hè eminentemente propiu è satisfactoria per i partiti stessi."

Solu cusì; ma questu hè solu ciò chì qualsiasi corpu puliticu corruptu o cusì chjamatu cosi religioso puderia dì riguardu à e so pratiche. Ancu se pò esse cunsideratu eminentemente propiu è satisfactoriu per i scientifichi cristiani, ùn hè micca cusì più à u publicu cà si fussi se i detenuti di un asiliu insanatu avissiru da permettere di fà ciò chì puderanu tene una nozione è eminamente adattata è adatta. .

U Scrittore di a lettera l 'hà cunclusu dicendu: "In ogni casu deve esse ammessa da tutti quelli chì vulianu trattà u sughjettu in ligna, chì si hè ghjustu di pagà i clerichi per predicà è di pricà per a ricuperazione di i malati. ugualmente dirittu à pagà un Científicu Cristianu per tali servizii. "

Ancora una volta attiremu l'attenzione di l'inghjustizia di pruvà à scaccià a culpa, se a culpa ci hè, nant'à u cleru di a chjesa cristiana, è di scusà l'azzioni di i scientisti cristiani da a pratica di u cleru cristianu. Ùn hè una pratica in a chjesa cristiana chì u cleru riceve paga per preghiera per i malati. Quellu, cumu hà osservatu u scientistu cristianu, riceve un salariu fissu per predicà l'evangelu cum'è ministru di a chjesa, è micca cum'è guaritore. Ma a quistione chì sta hè ùn hè micca ghjustu o male hè di pagà i clerichi per predicà è pregà per a ricuperazione di i malati, è dunque di scusà i scentifichi cristiani per un serviziu simili.

L'intentazione di spingà l'argumentu nantu à u cleru cristianu indebulisce l'argumentu di u scientistu cristianu. A quistione hè: Hè dirittu o sbagliatu per piglià soldi per u rigalu di u spiritu? S'ellu hè sbagliatu, allora sì u clericu facenu o micca, ùn hè scusa per falsi pretensioni o pretensioni fatti da i scientisti cristiani.

In quantu à a basa di a scienza cristiana, ci pare chì se tutte e pussibulità di guadagnà sia per l'insignamentu di e duttrine di a scienza cristiana sia da a guariscenza, o da u tentativu di guarì, di i malati fisici sò stati rimossi, u cultu ùn cessaria di esiste. I pruduttori di e scole cristiane perderanu u rispettu per questu, o ùn l'anu micca adupratu per questu. In quantu à i credenti in la scienza cristiana, se a cura di i mali fisici si fessi fora, a fondazione di a so credenza in e duttrine di a scienza cristiana avaristi, è a so "spiritualità" sparisce cù a basa fisica.

HW Percival