The Word Foundation

THE

PARMA

MARZU, 1908.


Copyright, 1908, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

S'ellu hè veru chì nisunu ma scucche, spugna è entità sprovate di manas si presenti, secondu à l'insegnamentu teosoficu, à i sedi, da chì niscìu l'infurmazioni è l'insegnamenti di una natura filosofica è spessu theosofica chì certi medium anu ricevuti indubbiamente?

L'insignamentu di ogni tipu porta u so valore nantu o in ellu stessu. Tutti l'insignamenti sò deve esse ghjudicati per ciò chì valenu, indipendentemente da a so fonte o autorità. Hè dipende di a capacità di quellu chì riceve un insignamentu di sapè quant'è ellu sia capace di ghjudicà l'insignamentu à u so valore veru. Certi insegnamenti stanu annantu à a so faccia tuttu ciò chì ci hè, mentre chì altri anu da esse veduti, pensati è assimilati prima chì u veru significatu hè perceivu. A maiò parte di i media babbu è drivel in seances, è l'uditori ricevenu questi dumanni in maraviglia. In ocasu un mediu pò riceve o ripetiri un discorsu filosoficu, chì si dice chì hè dittatu da un certu cuntrollu. Quandu l'insignamentu di una natura filosofica o teosofica hè datu per mezu, si pò dì chì sia da l'ego superiore di u mediu, sia da un omu sàviu chì sempre vive in un corpu, o da quellu chì hà amparatu à si separa è vive distinti. da u corpu fìsicu, o pò vene da unu chì hè alluntanatu sta vita, ma ùn s'hè dissociatu da u so desideriu di u corpu chì poi u cunnette cù u mondu è chì ùn hè statu sottumessu à u statu di coma per quale l'omu ordinariu passa. duranti è dopu a morte.

L'insignamentu chì valenu a pena mentre puderà vene da qualsiasi di queste fonti, attraversu un mediu, sia in poche o micca. Ma mai un insegnamentu deve esse valutatu perchè vene da una fonte chì unu cunsidereghja cum'è "autorità".

 

 

U mortu travaglia individualmente o cumpartitu per avè un certu fine?

Cosa pudemu dì cù "i morti?" U corpu mori è hè dissipatu. Ùn travaglià dopu a morte è a so forma hè dissipata in aria fina. Se per "morti" sò significati i desideri persunali, allura pudemu dì chì persiste per un tempu, è tali desideri persunali cuntinueghjanu in i so sforzi per uttene u so scopu o oggetti. Ognunu di sti morti deve travaglià per u so o di i so scopi persunali, perchè cume ognunu travaglia per u desideriu persunale ùn sò micca cuncernati di ghjunghje certu fini per l'altri. D’altra banda, per “i morti” si entende quella parte di un sè stessu chì persiste da a vita à a vita, allora diciamovamu chì pò campà dopu a morte in u mondu di i so ideali custruiti da sè stessu, è per u so piacè individuale. , o i so ideali anu pussutu esse tali chì includenu in i so scopi a vita di l'altri, in questu casu i partuti viveranu o assimilavanu l'ideali chì era furmatu durante a vita nantu à a terra. Sta terra hè u locu per u travagliu. I morti passanu in un statu di riposu preparativu di u so ritornu in stu mondu per u travagliu. Di e scintille immortali chì agiscenu per mezu di sti corpi fisichi in stu mondu, certi travaglianu in stu mondu per ghjunghje certi fini cum'è individui, mentre chì altri travaglianu cullettivamente per ghjunghje à a so fine. Ogni unu di e prime classi travaglia egoistamente per u so propiu scopu individuale. L'altre classi travaglianu individualmente è cullettivamente per u bonu di tutti. Ci hè applicà à e duie di queste classi chì ùn anu micca rializatu a so immortalità, significendu per immortalità una esistenza consciente ininterromputa è cuntinua in tutti i stati è e cundizioni. Siccomu avè ottinutu l'immortalità in a vita presente pò travaglià dopu a morte di u corpu sia per i so oggetti individuali sia per u bonu di tutti. Sta vita hè u locu per u travagliu in questu mondu per l'omu umanu ordinariu. In u statu dopu a morte ùn viaghja micca, postu chì hè u tempu di riposu.

 

 

Cume i morti manghjanu, s'ellu ci hè? Cosa sustene a so vita?

L'alimentu hè necessariu per mantene l'esistenza di un corpu di qualunque tipu. Rocce, piante, animali, omi è dii necessitanu cibo per cuntinuà l'esistenza. L'alimentu di unu ùn hè micca l'alimentariu di tutti. Ogni regnu usa cum'è alimentu u regnu sottu è à u turnu serve cum'è alimentu per u regnu sopra. Questu ùn significa micca chì u corpu grossu di un regnu hè l'alimentariu di l'altru, ma chì l'essenza di questi corpi hè l'alimentu chì hè sia pigliatu da u regnu quì sottu o offrittu à u regnu supra. I corpi caduti di l'omi servinu com'è alimentu per a terra, e piante, i vermi è l'animali. L'entità chì hà utilizatu l'alimentu cuntinua a so esistenza per l'alimentariu, ma l'alimentu di tale entità ùn hè micca u listessu alimentu chì era usatu per cuntinuà l'esistenza di u so corpu fisicu. Dopu a morte u veru omu passa in un statu di riposu è di piacè, solu dopu chì s'hè separatu da i desideri grossi di a so vita fisica. Per via di a so associazione cù sti desideri per via di u cuntattu cù u mondu fisicu, dà à sti desideri una semblanza di l'omu è di questi desideri participanu un pocu di pensamentu, ma solu in u sensu chì una buttiglia di vetru parte di u profume di un profumu chì cuntene. Di solitu sò e entità chì appare dopu a morte. Se seguenu a so esistenza da manghjà. U so alimentu hè pigliatu in parechji modi, secondu a natura particulare di l'entità. A perpetuà a brama hè di ripetiri la. Questa pò esse fatta solu da sperienze u desideriu particulare attraversu u corpu fisicu di un essere umanu. Sì stu alimentu hè ricusatu da l'omu umanu vivente u desideriu si brusgia è si cunsuma. Tali formi di desideriu ùn manghjianu micca cibo fisicu, perchè ùn anu nisun apparizione fisicu per dispose di cibo fisicu. Ma u desideriu è altri entità, cum'è l'elementi di natura, perpetuanu a so esistenza in forma da l'odore di l'alimenti. Dunque in stu sensu si pò esse dichjaratu chì vive da l'odore di l'alimenti, chì hè a forma più grossa di cibo da chì sò capaci di usu. A causa di stu fattu, certe classi di elementi elementari è entità di desideriu umanu discarnati sò attrati da alcune località da l'odori chì nascenu di l'alimentariu. U più grossu l'odore u più densu è sensuale sarà l'entità attrata; entità pre-umane, elementali, spriti di natura sò attrati è propulsi da a combustione di l'incensu. A combustione di l'incensu attrae o repele tali classi o entità secondu a so natura. In questu sensu "i morti" pò esse dettu di manghjà. In un altru sensu, u principiu cuscente alluntanatu chì vive in u so celu ideale o u statu di restu pò ancu esse dettu di manghjà per cuntinuà a so esistenza in quellu statu. Ma l'alimentu chì vive hè di u pensamentu ideale di a so vita; secondu u numeru di i so pinsamenti ideali furnisce l'alimentariu chì assimile dopu a morte. Questa verità era simbulizata da l'egiziani in quella parte di u so Libru di i Morti in a quale hè dimustratu chì l'ànima dopu ha attraversatu u Salone di e duie Verità è chì hè stata pesata in u bilanciu, passa in i campi di Aan Ru , induve si trova u granu di a crescita di trè è cinque e sette cubi di altezza. A partenza pò solu gode di u periodu di riposu, a durata di u quale hè determinatu da i so pinsamenti ideali mentre sò in terra.

 

 

E i morti portanu?

Iè, ma secondu a texture di u corpu chì l'anu da purtalli, di u pensamentu chì li hà furmatu è di u caratteru chì sò destinati à spressione. A robba di qualsiasi omu o razza hè una spressione di e caratteristiche di l'individuu o di a ghjente. Oltre à l'usu di a ropa cum'è una prutezzione contra u clima, mostranu certe peculiarità di u gustu è di l'arte. Questu hè tuttu u risultatu di u so pensamentu. Ma per risponde direttamente à a dumanda, diciamu chì depende di a sfera in quale i morti sò quantunque se portanu o micca ropa. Quandu strettamente assuciatu in u pensamentu cù u mondu l'entità abbandunata conserverà l'abitudini è e costume di u mondu suciale in u quale si muviva, è se una entità cusì partita puderia esse vistu puderia cumparisce u vestitu chì era più adattatu à u so piace. Li apparissi in tali vestitu perchè qualunque sia u so pensamentu, chì saria, è a robba chì duverebbe purtata naturalmente in u so pensamentu hè quella chì averia adupratu in a vita. Tuttavia, s'è i pinsamenti di a partenza si cambiassi da una cundizione à un'altra, allora li appariscerà in i vestiti ch ellu avissi pensatu, per adattà à a cundizione. Eppuru, à causa di u pensamentu di l'esseri umani, i vestiti sò destinati à dissimulà difetti o migliurà a forma, quant'è per scudeli o pruteggevvi da u clima inclemente, ma ci hè una sfera in quale unu passa dopu a morte è induve hè vistu. cum'è ellu hè veramente è micca cum'è i vestiti u fessinu apparisce. Questa sfera hè à a luce di u so Diu internu, chì u vede cum'è ellu è chì ghjudicheghja sicondu u valore. In quella sfera ùn ci hè bisognu nè robba nè prutezzione, postu chì ùn hè micca sughjettu nè affettatu da i pinsamenti di l'altri esseri. Dunque "i morti" si pò dì chì portanu ropa se ne anu bisognu o volenu ropa, è si pò dì chì portanu a ropa necessaria per blindà, oculta o pruteghja i so corpi in e cundizioni di quale stanu.

 

 

I morti vivi in ​​case?

Dopu a morte u corpu fisicu hè strettu chjinatu in u so casellu di legnu, ma a forma di u corpu, u corpu astrale, ùn resta micca in quella casa. Ella dissipate cum'è u corpu face annantu à a tomba; tantu per u latu fisicu. In quantu à l'entità chì abita in u corpu, vive in tali cundizioni o ambienti chì sò più in cunfurmità cù a so natura. Sè u so pensamentu dominante hè statu tale per attirare à una casa o località particulare, ci hè sia in pensamentu sia in presenza. Ci hè applicatu à u corpu di u desideriu, ma l'entità chì vive in u so mondu ideale dopu a morte - di solitu chjamata celu - pò allora vivi in ​​una casa, à u puntu di pensà à una casa perchè pò pitture qualsiasi stampa chì piace. A casa sì quellu chì abitassi in sta seria una casa ideale, custruita da u so propiu pensamentu, è micca di e mani umane.

 

 

U dorme i morti?

A morte stessu hè un sonnu, è hè un sonnu longu o cortu cum'è l'entità chì hà travagliatu in stu mondu hè bisognu. U sonnu hè un periodu di reste, una cessazione temporaria da l'attività in ogni pianu. A mente o ego superiore ùn dorme, ma u corpu o corpi attraversu chì funziona necessanu riposu. Questu restu hè chjamatu sonnu. Dunque, u corpu fisicu, tutti i so organi, e cellule è e molécule dormenu o anu un periodu quantunque curtu o longu, chì li permette di riagregalizà magneticamente è elettricamente à e so cundizioni.

HW Percival