The Word Foundation

THE

PARMA

1909 DI NOVEMBRE.


Copyright, 1909, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Ùn pare micca raguevu chì duie o più opinioni contraddittive ponu esse bè nantu à ogni verità. Perchè ci sò tantissime opinioni nantu à alcuni prublemi o cose? Cumu saremu chì noi pudemu dì chì altru opinione hè vera è ciò chì hè a verità?

L'astratto Una Verità ùn pò esse pruvatu o dimustratu à a mente umana, nè a mente umana puderia capisce una tale prova o dimostrazione era pussibile dassi, altrimenti i leggi, l'urganizazione, è u travagliu di un universu pò esse pruvatu à un colpu. abe, o di più chì un zuppu pò capisce a custruzzione è l'operazione di una locomotiva. Eppuru, se a mente umana ùn pò micca capisce l'Aste Verità in astratto, hè pussibile capisce qualcosa di una verità riguardanti qualcosa o prublema in l'universu manifestatu. Una verità hè una cosa cum'è. Hè pussibule chì a mente umana sia cusì entrenata è sviluppata chì pò cunnosce ogni cosa. Ci sò trè tappe o gradi chì a mente umana deve attraversà, prima ch'ella pò cunnosce qualcosa cum'ellu hè. U primu statu hè l'ignuranza, o bughjura; u sicondu hè opinion, o credenza; u terzu hè a cunniscenza, o una verità cume.

L'ignuranza hè u statu di a bughjura mentale in quale a mente pò percepisce una cosa dimmustamente, ma hè abbastanza incapace di capisce. Quandu in l'ignoranza a mente si move è hè cuntrullata da i sensi. I sensi sò cusì nuvola, culore è cunfundenu a mente chì a mente ùn hè incapace di distinguerà trà a nuvola d'ignuranza è a cosa cume. A mente resta ignurata mentre hè cuntrullata, diretta è guidata da i sensi. Per esce da a bughjura di l'ignuranza, a mente deve cuncernassi cun a capiscitura di e cose cum'è distinguita da a sensazione di e cose. Quandu a mente tenta di capisce una cosa, distinta da sente u sensu, deve pensà. U pensamentu face à a mente passà da u statu di l'oscurità scura in u statu d'opinione. U statu di l'opinione hè quellu in quale a mente sensa una cosa è prova di truvà ciò chì hè. Quandu a mente s'assumiglia à qualcosa o prublema principia à separà si cum'è un pensatore di ciò chì tocca à sè stessu. Allora cumencia à avè opinioni nantu à e cose. Queste opinioni ùn anu micca cuncernatu mentre era soddisfattatu di u statu di l'ignuranza, più ch'è u mentale perdu o sensu sensu si occuparanu d'opinioni riguardanti cose chì ùn applicanu micca à i sensi. Ma avaranu opinioni riguardu à e cose di natura sensuale. L'opinione hè u statu in u quali a mente ùn pò vede chjaramente una verità, o ciò chì hè, cumu si distingue da i sensi, o oggetti chì parevenu esse. L'opinioni di unu formanu e so credenze. E so credenze sò i risultati di e so opinioni. L'opinione hè u mondu mediu trà a bughjura è a luce. Hè u mondu in u quale si vedenu i sensi è l'uggetti cambiante cunfundendu cù a luce è l'ombra è e riflessioni di l'uggetti. In stu statu di opinione, a mente ùn pò micca o ùn distingue l'ombra da l'ughjettu chì u scacca, è ùn hè micca capaci di vede a luce com'è distinta da l'ombra o da l'ughjettu. Per esce da u statu di l'opinione, a mente deve pruvà à capisce a diffarenza trà a luce, l'ughjettu, è a so riflessa o l'ombra. Quandu a mente prova cusì, principia à distinguerà trà l'opinione ghjusta è l'opinione sbagliata. L'opinione ghjusta hè a capacità di a mente per decide di fà una sfarenza trà a cosa è a so riflessione è l'ombra, o di vede a cosa cume. L'opinione sbagliata hè l'errore di a riflessione o l'ombra di una cosa per a cosa stessa. Mentre chì in u statu d'opinione, a mente ùn pò vede a luce cum'è una distinzione da l'opinioni ghjustificate è sbagliate, nè l'ughjetti cum'è sferenti da i so riflessioni è l'ombra. Per esse capace d'avè opinioni ghjustificate, unu deve libera a mente da preghjudiziu è da influenza di i sensi. I sensi cusì ciurenu o influenze a mente cumu per pruduce preghjudiziu, è induve u preghjudiziu ùn ci hè micca una opinione ghjusta. U pensamentu è a furmazione di a mente per pensà sò necessarii per furmà opinioni ghjusti. Quandu a mente hà furmatu una opinione ghjusta è ricusa di permette à i sensi di influenzà o preghjudiziu a mente contr'à l'opinione ghjusta, è cuntene chì l'opinione ghjustificate, ùn importa se pò esse contru a pusizione di unu o l'interessu di sè stessu o d'amici, è accade à l'opinione ghjusta prima è in preferenza à tutti l'altri, allora a mente passerà per u statu di a cunniscenza. A mente allora ùn averà micca una opinione annantu à una cosa nè deve esse cunfundita da altri opinioni contradictorii, ma saperà chì a cosa hè cum'ella. Un si passa fora di u statu di opinioni o di credenze, è in u statu di a cunniscenza o di a luce, tenendu à ciò chì sapi di esse veru in preferenza à tutti l'altri.

A mente amparà à cunnosce a verità di qualsiasi cosa cuncernendu si di quella cosa. In u statu di a cunniscenza, dopu à avè amparatu à pensà è hè statu capaci di ghjunghje à opinioni ghjusti da a libertà da preghjudiziu è da u pensamentu cuntinuatu, a mente vede qualcosa cum'è è sà chì hè cum'è per una luce, chì hè a luce di a cunniscenza. Mentre era in un statu d'ignuranza era impussibile di vede, è mentre in u statu d'opinioni ùn hà micca vistu a luce, ma avà in u statu di a cunniscenza a mente vede a luce, distingue da una cosa è e so riflessioni è ombre. . Sta luce di cunniscenza significa chì a verità di una cosa hè cunnisciuta, chì ogni cosa hè cunnisciuta da esse cume hè veramente è micca cum'è apparisce quandu esse nuvola da l'ignuranza o cunfundita da opinioni. Sta luce di vera cunniscenza ùn saranu sbagliati per alcune altre lumine o luce chì hè cunnisciuta da a mente in l'ignuranza o in l'opinione. A luce di a cunniscenza hè in ella stessa prova oltre quistione. Quand'ellu si vede, ghjè perchè u pensamentu hè finitu da a cunniscenza, cum'è quandu un sà una cosa ùn riesce più à traversu u laboriosu prucessu di ragiunà annantu à quellu chì hà digià ragiunatu è chì sà avà.

Sì unu entra in una stanza scura, si sente u so caminu nantu à a stanza è pò sbattulà sopra di l'oggetti in ella, sbattulendu contra i mobuli è i mura, o colpisce cù l'altri chì stanu mossi senza scopu cum'è ellu in a stanza. Questu hè u statu di ignuranza in quale l'ignuranti vive. Dopu avè alluntanatu nantu à a stanza, i so ochji sò abituati à a bughjura, è pruvatu hè capaci di distinguì u conturnu scuru di l'ughjettu è e figure in mossa in a stanza. Questu hè cum'è u passu da u statu di l'ignuranza à u statu di l'opinione induve l'omu hè capace di distinguerà una cosa dimu da un'altra cosa è di capisce cumu ùn si pò micca scontri cù altre figure in movimentu. Suppone chì quellu in stu statu si alluntaneghja ora di una luce purtata è oculta finu à a so persona, è da suppone chì avà piglia a luce è u lampeghja intornu à a stanza. A lampassi intornu à a stanza si cunfonda ùn solu ellu stessu, ma ancu cunfonda è fastidie altre figuri muvimenti in a stanza. Questu hè cum'è l'omu chì prova di vede l'uggetti in quantu sò distinti da ciò chì li anu apparsu per esse. Mentre lampara a so luce, l'ughjetti parevanu sfarenti di ciò ch'elli eranu è a luce abbaglia o confonde a so visione, postu chì a visione di l'omu hè cunfundita da l'opinioni cuntrastanti di ellu stessu è di l'altri. Ma cum'ellu examina currettamente l'oghjettivu nantu à quale resta a so luce è ùn hè micca disturbatu o cunfunditu da altri luci d'altri figuri chì puderanu tandu lampassi, amparà à vede qualsiasi oggettu cumu hè, è l'apprende continuendu à esaminà l'uggetti, cumu vede qualsiasi oggettu in a stanza. Pensemu avà chì hè capace à esaminà l'uggetti è u pianu di a stanza per scopre l'apertura di a stanza chì hè stata chjusa. Da un cuntinuu sforzu hè capace di caccià ciò chì ostruisce a apertura è quandu face a luce inundate in a stanza è face visibili tutti l’ogetti. S'ellu ùn hè micca chjosu da l'inundazione di luce luminosa è ùn chjude micca di novu l'apertura per via di a luce chì curreghja è schia i so ochji, micca abituale à a luce, viderà gradualmente tutti l'ogetti in a stanza senza u lentu prucessu di andà. sopra ogni separatamente cù a so luce di ricerca. A luce chì inundà a stanza hè cum'è a luce di a cunniscenza. A luce di a cunniscenza faci cunnosce tutte e cose è sò da quella luce chì ogni cosa hè cunnisciuta per esse cum'ellu hè.

HW Percival