The Word Foundation

THE

PARMA

MARZU, 1910.


Copyright, 1910, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Sò o noi micca in unione cun atma-buddhi?

Ùn simu micca. A quistione hè generale è vaga, è piglia cunsideratu chì sapemu tutti i fattori chì sò basati. I fattori sò atma è buddhi cù quali "noi" siamu o ùn sò micca "in unione". A dumanda hè evidentemente fatta da u puntu di teosofosimu. Atma hè dettu di esse u spiritu consciente universale chì pervade tutte e cose. Buddhi si dice chì hè l'anima spirituale, u veiculu di atma, è chì attraversu quale atma agisce. "Semu" hè dettu di esse menti individuale cuscenti di sè stessu. "Unione" hè un statu in quale unu o più sò assuciati o bluccati cù l'altri. Atma u spiritu universale cuscente è buddhi u so veiculu, sò in unione sempre; perchè agiscenu coordinativamente in ogni mumentu è u buddhi hè cunuscitu di l'atma è i dui sò uniti. Puderanu dunque esse dichjaratu chì hè Unu unitu chì hè universalmente cuscente. Per u singulare di noi di esse in unione cù atma-buddhi, I deve esse cuscente cum'è mè è deve cunnosce quale hè cum'è I; deve esse cuscenza di a so propria individualità è d'identità è deve esse cuscente ancu di buddhi è atma, è deve esse cuscente chì, cum'è un individu hè unitu à, unitu cù, u buddhi universale è atma. Quandu un individuo I hè cuscente di a so identità è hè cuscente chì hè à unu cù l'atma è u buddhi universalmente cuscenti, allora l'individuu pò dì à pena chì hè "in unione cù atma è buddhi." individuale in quantu à ciò chì atma è buddhi è noi, è quale unione hè, perchè l'individuu saparia è a cunniscenza finisceva a speculazione. A cundizione attuale di l'omu, "noi" ùn sapemu micca quale simu. Se ùn sapemu micca quale "noi" sò, ùn sapemu micca quale o quale buddhi è atma sò; è se ùn sapemu micca quale noi è ùn sò micca conscienti universali, ùn simu micca esseri cosciente in sè in unione cù i principii universalmente conscienti di atma è buddhi. L'Unione hè un cuntattu strettu, è in questu pianu cuntattu cunciente cù e cose unite. Un essere cuscente di sè stessu ùn pò micca veramente dì chì hè unitu o in unione cù qualcosa di quale ùn hè micca sanu sanu, ancu se quella altra cosa pò esse presente cun ellu. Atma è buddhi sò prisenti cù l'omu in ogni mumentu, ma l'omu ancu cum'è un essiri in cuscenza di sè stessu ùn hè micca cuscente o consciente di atma è buddhi cum'è principi universali è spirituali. Perchè ùn hè micca cunuscitu universalmente è perchè ùn hè ancu micca cuscente di a so propria identità individuale, dunque, l'omu, cum'è un essere pensatore, ùn hè micca in unione cù atma-buddhi.

 

 

Ùn hè micca veramente chì tuttu ciò chì si pò diventà hè in noi è chì tuttu ch'è no avemu da fassi hè di diventà cuscenti di questu?

In generale, questu hè abbastanza veru, è tuttu ciò chì avemu da fà in prima hè di fà cuscenza di tuttu ciò chì ci hè in noi. Hè abbastanza per u presente. Eppo, forse, duvemu avè a cuscenza di tuttu ciò chì ci hè fora di noi è dopu vede a diffarenza trà quella è tuttu ciò chì ci hè in noi.

A dumanda cum'è dichjarazione hè cusì calmante è faciule cum'è una brezza gentile in l'estate - è cum'è indefinita. Sì unu si cuntenterà cun una tale dumanda è a risposta "sì" o una risposta quant'è indefinita cum'è a dumanda, ci sarà un pocu benefiziu derivatu da quandu vene à un agricultore chì si cuntene cun u pensamentu chì hà guardatu in qualchì locu in a so infurende tutte e sementi di tutte e cose chì crescenu. Quellu chì sà o crede chì ellu hà in u so cumpunimentu di tuttu ciò chì hè pussibule diventà o chì cunnosce, è chì ùn diventa qualcosa di ciò chì sà, hè peggiu è hè più misericordiosu da quellu chì ùn abbia micca. cù pruposti astratti ma chì prova solu à migliurà e so cundizioni fisiche attuale. In i paesi orientali hè cumunu sente sente devoti ripetendu in e so lingue rispettive: "Sò Diu"! "Sò Diu"! "Sò Diu"! cun assicurazione faciule è più cunfidu. Ma sò? Di solitu issi dii serebbi sò cerboni in e strade è ne sanu pocu più chì abbastanza per fà l'affirmazioni; o puderanu esse assai amparate è capaci di entrerà in argumenti longu à sustegnu à a so pretendenza. Ma pochi di quelli chì facenu a dichjarazione facenu evidenza in a so vita è travagliu chì capiscenu è anu un dirittu. Avemu impurtatu sti affirmazioni inseme cù sfarenti tippi di sti devoti è sò ancu riceve novi spedizioni in i Stati Uniti. Ma s'ellu sò dii, chì vole esse un Diu?

Vale à l'omu per crede chì tutte e cose sò pussibuli per ellu; ma hè una ipocrisia in ellu per pruvà à fà crede chì ellu hà digià righjuntu à quellu statu chì pò esse remotamente pussibule. U chimicu in u so laboratoriu, u pittore in u so cavallu, u scultore in u so marmu, o l'agricultore in i so campi, sò più simuli à Diu chì quelli chì si camminanu è palesamente è cunvincenti affirmanu chì sò dii, perchè u divinu hè in u elli Ci hè dettu: "Sò u microcosmosu di u macrocosimu." Veru è bonu. Ma hè megliu per agisce ch'è per dì.

Per cunnosce o per crede una cosa hè u primu passu per a uttenimentu. Ma per crede una cosa ùn hè micca o esse a cosa crede. Quandu cridemu chì tuttu ciò chì pudemu diventà hè in noi, ùn avemu solu cuscenti di a nostra credenza. Questu ùn hè micca esse cuscente di e cose in noi. Diventaremu conscienti di e cose in u quale noi cridemu di pruvà à capì è di travaglià versu elli. Guidati da u nostru mutivu è secondu u nostru travagliu, diventeremu conscienti di e cose in noi è ghjunghje à l'attenzione di i nostri ideali. Per mezu di u so travagliu, u chimicu fa diventà ciò chì travaglia per secunnu e formule. U pittore fa visibile l'ideale in mente. U scultore face chì l'imaghjera in a so mente si distingue da u marmu. L'agricultore face cresce e cose chì sò potenziali solu in sementi. Chì l'omu hà tutte e cose in ellu hè un pensamentu divinu. Stu penseru hè a potenziale semente di divinità. Stu pensamentu divinu hè abusu, ridiculatu è dibattitu quandu hè incruciatu ligeramente. Quand'ellu hè soffiatu ligeramente per bocche sfrenate, cum'è una semente sopra sopra a terra congelata, ùn piglià micca a radica. Ciò chì sà u valore è desiderà cultivà una semente ùn u spone micca, ma u pone in terra adatta è nutrerà è cura per quellu chì cresce fora di e semente. Quellu chì dice constantemente chì hè divinu, ch'ellu hè u microcosmosu di u macrocosmos, chì ellu hè Mithra, Brahm, o un altru Divinità formale, espone è soffia a semente chì hà è ùn hè micca prubabile di esse unu in quale semente di a divinità arricchisce è cresce. Quellu chì sente chì ellu hè una vera Arca di Noè è chì sente u divinu in ellu, possa sacru è alimenta u pensamentu. Cultivendu è migliurà i so pinsamenti è agitu in cunfurmità cù a so credenza, furnisce e cundizioni in e quali l'intelligenza è a divinità cresce naturalmente. Allora sarà consciente gradualmente chì tutte e cose sò in ellu è chì hè gradualmente cunnuscendu tutte e cose.

HW Percival