The Word Foundation

THE

PARMA

APRIL, 1906.


Copyright, 1906, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Un Theosophist crede in superstizioni? hè stata dumandata unu di una festa d'amici fa pocu tempu.

Un Theosophist accetta tutti i fatti, è ùn mai perde a so ragione. Ma un Teosofista ùn si ferma micca è riposa u cuntenutu cù u fattu; si prova di tracciarla à l'origine è vede e so cunsequenze. A superstizione hè a creda in o pratica di qualcosa senza fà veramente sapè perchè. In una luce più larga, a superstizione hè un accunsentu di a mente à un instintu o una tendenza riguardante qualchì pratica senza altre ragione di credenza. I superstizioni di un populu sò i riflessi scuri di a cunniscenza scurdata. A cunniscenza andata, è quelli chì avianu a cunniscenza, u populu seguite a pratica di e forme; È cusì e forme è e credenze sò tramandate da tradizione da generazione à generazione. Cum'è diventanu più alluntanati da a cunniscenza, si ne fenu più vicinu à e so superstizioni è pò ancu diventà fanatichi. A pratica senza a cunniscenza hè a superstizione. Visite e chjese in una grande cità una dumenica matina. Vede e formalità di culte; fighjate a prucessione di i choristeri; nutate l'insignia di l'uffiziu di quelli chì guidanu u serviziu; osserva e statue, ornamenti sacri, strumenti, è simboli; stà à sente a repetizione è a formula di adorazione à - chì? Pudemu culpisce unu chì ùn sia micca familiarizatu cù tuttu questu per avè chjamatu a superstizione è di dì chì eramu un populu superstiziosu? Semu cusì inclinati à guardà e credenze di l'altri chì raramenti sò più supersticiosi cà u nostru populu. I superstizioni purtati da quelli chì chjamemu "l'ignurante" è "u credulitu", duveranu avè una origine. Quelli chì sapevanu devenu tracciari e tradizioni o superstizioni à a so origine. Se facenu questu, anu da ottene un cunniscenze, chì hè l'oppostu di a so riflessione inintelligente: superstizione. Un studiu senza preghjudiziu di a propria superstizione revelaranu una gattivu ignuranza di sè stessu. Cuntinuà u studiu è purtarà à a cunniscenza di sè stessu.

 

 

Chì basa ci hè per a superstizione chì un natu cun un "caul" pò pussede qualchì facultà psichica o putenza occulta?

Sta credenza scende à mezu à l'età da l'antichità, quandu l'umanità hà mantenutu relazioni cù l'esseri in u circondu è in terra. Eppo a vista di l'omu, l'uditu è ​​l'altri sensi occulti interni, eranu sbulicati da a crescita à una vita più sensuale è materiale. Ùn ci hè nisuna parte di u corpu di l'omu chì ùn hè micca legatu à una certa forza è putere in unu o più di i mondi invisibili di a natura. Quellu chì hè chjamatu u "caul" hè relatatu à u mondu astrale. Se, quandu l'omu hè natu in stu mondu fisicu, u cavu resta cun ellu stampeghja o imprime u corpu astrale cun certu tendenzi è l'attrache à u mondu astrale. In a vita più tardi sti tendenzi ponu esse sbulicati, ma mai sguassati in tuttu, cum'è a linga sharira, u corpu di u disegnu astrale, hè attinata per riceve impressioni da a luce astrale. A superstizione che l'omi marini attacca a questa reliquia, in quantu à esse un avvintu di "bona furtuna" o cum'è un conservatore contr'à l'abbandunamentu, si basa in u fattu chì era una prutezione per l'embriione da elementi avversi in il parto. munnu, dunque pò avà in u mondu fisicu pruteghja da i periculi di l'acqua chì currisponde à a luce astrale è l'elementi chì, anche si sò chjamati fisichi, ùn sò micca menu oculati è sò originati in u mondu astrale.

 

 

Se un pensamentu pò esse trasmessu à a mente di un altru, perchè ùn hè micca fattu questu currettamente è cun tanta intelligenza in quantu una conversazione ordinaria hè purtata?

Ùn hè fatta perchè ùn "parlemu" in u pensamentu; nè ùn avemu ancu amparatu a lingua di u pensamentu. Eppuru, u nostru pensamentu hè trasfiritu in la menti di l'altri più spessu chè noi suppuremu, ancu s'ellu ùn hè micca fattu di manera intelligente cum'è converseremu perchè ùn ci sò micca stati obligati per bisognu di cumunicà cun l'altri solu per u pensamentu, è, perchè noi ùn piglià micca u prublema di educà a mente è i sensi per fà. Un natu trà persone cultivate hè cura, furmatu, disciplinatu è educatu in i modi di i genitori o in u cercolu induve hè natu. Parla ma à pensà, è sarà subitu vistu chì ci hè bisognu di longi anni di pacienza da parte di u maestru è di un sforzu persistente da parte di l’alumine per amparà l’arte di parlà è di leghje è di scrive una lingua, è di amparà l'abitudini, e duie è i modi di pensamentu in quella lingua. Se ci vole un tali sforzu è furmazione in stu mondu fisicu per amparà una lingua, ùn hè micca stranu chì pochi persone sianu capaci di trasfirià i pensamenti currettamente senza l'usu di e parolle. Ùn hè più occulte per trasfirià u pensamentu senza parolle ma hè di trasfirià u pensamentu per l'usu di e parolle. A diferenza hè chì avemu amparatu cum'è fà in u mondu di parlà, ma fermu sempre ignurante cum'è i zitelli senza parolle in u mondu di u pensamentu. A trasmissione di u pensamentu per a parola richiede dui fattori: quellu chì parla, è quellu chì stà à sente; a trasmissione hè u risultatu. Questu sapemu cumu fà, ma u modu attuale in quale parlemu è capitu hè oculente per noi cum'è u trasferimentu di pensamentu senza parolle. Ùn sapemu micca è in quale modu i diversi organi in u corpu operanu per pruduce u sonu dichjaratu; ùn sapemu micca di quale prucessu u sonu uttenitu hè trasmessu da u spaziu; ùn sapemu micca cumu u sonu hè ricevutu da u timpanu è u nervu auditivu; nè da chì prucedimentu hè interpretatu à l'intelligenza indrentu chì capisce u pensamentu trasmessu da u sonu. Ma sapemu chì tuttu questu hè fattu, è chì a capiscenu unu dopu l'altru tali moda.

 

 

Avemu qualcosa chì hè analogu à u prucessu di trasferimentu di pensamentu?

Iè. I prucessi telegrafici è fotografici sò assai simili à quellu di u trasferimentu di pensamentu. Ci deve esse l'operatore chì trasmette u so messagiu, deve esse u receptore chì u capisci. Allora dunque ci deve esse duie persone disciplinate, furmate o educate per trasmette è riceve i pinsamenti di l'altru se u fessinu cusì intelligente è cù a stessa precisione cù a quale una conversazione intelligente ordinaria hè purtata, appena duie persone deve esse capace di parlà a listessa lingua si cunversanu. Ci hè dettu chì parechje persone sò capaci di fà questu, ma u facenu solu in una manera assai senza intelligenza, perchè ùn sò micca disposti à sottumettà a mente à un cursu rigidu di furmazione. Questa furmazione di a mente deve esse cumanda, è purtata cun tante cura, cumu hè a vita di u schizzu in una scola ben disciplinata.

 

 

Cumu pudemu conversà per u pensamentu intelligente?

Sì unu hà da osservà currettamente a so mente è a mente di l'altri, vene à capisce chì i so pinsamenti sò trasmessi à l'altri da qualchì prucessu misteriosu. Quellu chì avissi da conversà per u pensamentu senza l'usu di e parolle deve amparà à cuntrullà e funzioni di a so mente. Siccomu e funzioni di a mente sò cuntrullate, è unu hè capace à mantene a mente constantemente annantu à qualsiasi sughjettu, si percepisce chì a mente sparte a forma, piglia a forma è u caratteru di u sughjettu chì hè in cunsiderazione, è à una volta trasmette questu sughjettu o pensatu à l'ughjettu à quale hè direttu, dispunendu da allora. Se ci hè fattu bè, a persona à quale u pensamentu hè direttu, a riceve certamente. S'ellu ùn hè micca fattu bè, ci saranu una impressione indistinta di ciò chì hè destinatu. In quantu à leghje o sapendu di u pensamentu, e funzioni di a mente anu ancu esse cuntrullate se u pensamentu di un altru deve esse ricevutu è capitu. Questu hè fattu in a listessa manera chì una persona ordinariamente intelligente ascolta e parolle di l'altru. Per capisce bè unu deve stà à sente cun attenzione à e parolle pronunciate. Per ascolta attentamente a mente deve esse mantenuta quantunque pussibule. Se pinsamenti irrilevanti entranu in la mente di l'auditori, l'attenzione necessaria ùn hè micca dada, è e parolle, ancu s'è intesu, ùn sò micca capite. S'ellu si leghje u pensamentu di un altru a so mente deve esse mantenuta in un attente biancu per chì l'impressione di u pensamentu trasmessu pò esse cunservata chjaramente è distintamente. Allora se stu pensamentu hè chjaru è distintu, ùn ci sarà nisuna difficultà in quantu à capisce. Dunque, vedemu chì a mente di u trasmettitore di u pensamentu è a mente di u riceventore di u pensamentu deve esse tramindui à a pratica, se a trasmissione di u penseru deve esse conduzzione precisa è intelligente.

 

 

Hè drittu di leghje i pinsamenti di l'altri sì ch'ebbenu avissimu o micca?

Certamente micca. Per fà questu hè cume unpardonable è disonesto cume hè per entra in un altru studiu è ransack è leghje i so libri privati. Ogni volta chì unu invia un pensamentu hè stampatu cù l'individualità di l'emittente è porta una impressione o firma. Se u pensamentu hè di una natura chì l'emittente ùn vole micca esse cunnisciutu, l'imprese o a firma di u mittente a marca quant'è quella chì marchemu un buscu "privatu" o "persunale". Questu face chì sia invisibile. à a meddler seria dishonesta, salvu chì u pensamentu sia sfuffu in a so furmazione è hè ligatu à u meddler. Da u veru occultistu, un tali pensamentu ùn serebbe lettu o interferitu. Se ùn era micca per questa barriera tutti i prufessori di i puteri occulti puderianu diventà milionari durante a notte, è forse, fermanu cù a necessità di guadagnà soldi per tantu per lezione o seduta. Sbatteranu a borsa, formanu una fiducia oculta cù i mercati di u mondu, dopu si attaccanu è ghjunghjenu à una puntuazione puntuale, cum'è quella di i "misgi di Kilkenny".

HW Percival