The Word Foundation

THE

PARMA

MAI, 1910.


Copyright, 1910, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Possibile sviluppà una nova specie di vegetali, frutti o pianti, totalmente diversa è distinta da qualsiasi altra specie cunnisciuta? Se sì, cumu hè fattu?

Hè pussibule. Quellu chì hà ottenutu in quella linea un successu più notevule è cunnisciutu hè u Luther Burbank di Santa Rosa, in California. Mr. Burbank ùn hà ancu micca, finu à ciò chì sapemu, hà sviluppatu una spezia completamente nova è nova, ma ùn ci hè nunda chì l'impedisce di fà se ellu cuntinueghja u so travagliu. Finu à a data oghje, finu à noi sapemu, i so sforzi sò stati diretti à u incruciamentu di certe varietà di frutti è di piante, pruduciate micca una spezia totalmente distinta, ma una chì hà e caratteristiche di e duie o di una o duie. più variità aduprate per sviluppà a nova crescita. Parechji cunti sò stati publicati da u travagliu di Mr. Burbank, anche se hè assai prubabile chì ùn hà micca dettu tuttu ciò chì sapi è tuttu ciò chì faci, per ottene u successu chì hè questu. Hà fattu un serviziu inestimabile à l'omu: hà pigliatu qualchi crescita inutile è inghjustu à l'omi è hà sviluppatu in arbusti utili, alimenti salutari o belli fiori.

Hè pussibule sviluppà ogni vegetale, pianta, fruttu o fiore, da quale a mente pò cuncepisce. U primu ciò chì hè necessariu per sviluppà una nova spezia hè: cuncepisce. Sè una mente ùn pò cuncepì una nova spezia, quella mente ùn pò sviluppà una, ancu s'ellu pò per osservazione è applicazione pruduce novi varietà di spezie anziane. Quellu chì vole desiderà inventà una spezia nova deve riflette bè nantu à u generu di e spezie chì averia è poi deve riflette intensamente è cun fiducia sopra. S'ellu hà fiducia è aduprerà a so mente cù prudenza è ùn lasciarà micca u so penseru di vagabunderà à altre tippi nè di ingaghjà in fantasie ochje, ma penserà è criate nantu à e spezie chì averia, dunque, à u longu di u tempu, cuncepirà. u penseru chì li mustrarà u tippu ch'ellu hà cusì desideratu. Questa hè a prima prova di u so successu, ma ùn hè micca abbastanza. Deve cuntinuà à sminuà u pensamentu chì hà cuncipitu è ​​pensà cun pacienza di quellu penseru particulare senza vagare à l'altri. Cumu cuntinueghja a pensà, u pensamentu diventerà più chjaru è i mezi per quale e novi spezie ponu esse purtate in u mondu sarà chjaru. Intantu, deve metta à travaglià cù e spezie chì sò più vicinu à quellu chì hà in mente; sente in elli; cunnosce i sferenti muvimenti è esse in simpatia è impresse a sap di a pianta chì attraversa e so arterie è e vene, senti i gusti è li furnissi, per attraversà e piante chì hà sceltu è poi pensà à e so spezie in attraversà, per sente sviluppà da e dui varietà chì hà sceltu, è per dà forma fisica. Ùn deve micca, è ùn serà micca, se ellu hè andatu finu à ora, ùn serà scuraghjatu s'ellu ùn vede micca subitu a so nova spezia cum'è u pruduttu. Duverebbe pruvà è pruvà à pruvà è mentre cuntinueghja à pruvà si rallegrà à u tempu per vede a nova spezia chì vene, perchè hà da sicuramente fà se ellu face a so parte.

Quellu chì averia purtatu una nova spezia sia bisognu di cunnosce pocu botanica quandu ellu principia, ma duverebbe cunnosce tuttu ciò chì pò amparà di stu travagliu. Tutte e cose in crescita anu sentitu è ​​l'omu deve sentu cun elli è li amassi, s'ellu avissi cunnosce i so modi. Se avissi u megliu chì ci hè in elli, duverebbe dà u megliu chì hà. Sta regula mantene bè in tutti i regni.

HW Percival