The Word Foundation

THE

PARMA

1910 GhjU.


Copyright, 1910, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Hè pussibule è hè dirittu di circà in futuru è di prevede eventi futuri?

Hè pussibule, ma raramenti si diritta à guardà versu u futuru. Sò pussibule chì hè attestata nant'à parechje pagine di storia. In quantu à esse ghjusta chì deve esse determinata da a propria fitness è un bonu ghjudiziu. Un Amicu ùn avissi micca cunsigliatu à un altru per pruvà à guardà in l'avvene. Quellu chì guarda à l'avvene ùn aspetta per esse cunsigliatu. Ellu mi pare. Ma di quelli chì guardanu in u futuru, pochi cunnosce ciò chì guardanu. Si veanu è vedenu, hè solu quandu u futuru hè diventatu u passatu chì sanu ciò chì vedianu quandu sguardu. S'ellu si vede in l'avvene naturalmente, ùn ci hè micca un danu particulare in u so cuntinuu à circà, quantunque pochi sò capaci di ottene qualchì beneficu da l'operazione. Harm dannà quasi invariabilmente da predichendu ciò chì u looker pensa chì vede.

Sì unu si vede o vede in l'avvene face cusì cù i so sensi, à dì, i so sensi astrali; o cù e so facultà, vale à dì e facultà di a mente; è ùn ci hè nisun periculu particulare di fà cusì, sempre chì ùn ùn hà micca una tentazione di mischjà u mondu induve vede cun stu mondu fisicu. Quandu prova à predisce l'avvenimenti futuri in questu mondu da ciò chì hè vistu in un altru mondu, diventa confusu; ùn pò micca relacionà quellu chì hà vistu è mette in u so postu in u futuru in stu mondu fisicu; è hè cusì ancu sì ellu hà vistu veramente. E so previsioni ùn ponu micca affissà quandu si applicanu à l'avvenimenti futuri in stu mondu fisicu, perchè questu ùn si realizanu micca cum'è previstu in u tempu, nè in modu, nè in locu. Quellu chì vede o chì prova à vede in l'avvene hè cum'è un zitellu chì vede o prova di vede oggetti da questu. Quandu u zitellu hè capace di vede, hè assai piacè, ma falla assai sbaglii in a so cunniscenza è a ghjudiziu di ciò chì vede. Ùn pò micca apprezzà a relazione o a distanza trà l'oggetti. A distanza ùn esiste micca per u zitellu. Prova à capisce u candelabru cun tanta fiducia quant'ellu mette u nasu di a mamma è ùn capisce micca perchè ùn ghjunghje micca à u candelabru. Quellu chì guarda in u futuru vede avvenimenti è fantasie da accade, perchè ellu ùn hà ghjudicazione in quantu à a relazione trà ciò chì vede in u mondu induve ellu vede, è u mondu fisicu, è perchè ùn hè capace di stima u tempu di u mondu fisicu in chì pò accade in relazione à l'avvenimentu à quale ellu mira. Tanti prediczioni si facenu realità, anche se ùn sò micca sempre cum'è previsti. Dunque, ùn hè sbagliatu, dunque, per e persone dipendenu di e prediczioni di quelli chì cercanu di circà à u futuru utilizendu a clarividenza o un altru di i sensi interni, perchè ùn ponu micca dettu quale di e prediczioni seranu currette.

Quelli chì dipendenu di predizioni chì venenu generalmente chjamati "piani interni" o "luce astrale", perde unu di i so diritti più preziosi, vale à dì u so propiu ghjudiziu. Perchè, quantunque parechji sbagli chì si pò fà in tentativu di ghjudicà e cose è e cundizioni per ellu stessu, ghjudicerà currettamente solu per amparà, è ellu apre per i so sbagli; mentre chì, se ellu amparà à dipende di l'altri predizioni, ùn averà mai un ghjudiziu sanu. Quellu chì predice avvenimenti futuri ùn hà micca certezza di a so vera verità cum'è prevista, perchè u sensu o a facultà per quale a predizione hè fatta ùn sò micca in relazione cù l'altri sensi o facole. Dunque, quellu chì vede solu o sente solu, è quellu imperfettu, è quellu chì prova di predicà ciò chì hà vistu o intesu, hè forse ghjustificatu in certi aspetti, ma cunfondà quelli chì si basanu di a so predizione. L'unica manera sicura di predice l'avvenimenti futuri hè per quellu chì predice d'avè i so sensi o e so facultà intellettualmente addestrati; in stu casu ogni sensu o facultà seranu attaccati à l'altri è tutti saranu cusì perfezziunati chì ponu esse aduprati cun tanta precisione quant'è quellu cun un omu hè capace di aduprà i so sensi in a so azione è in relazione cù stu mondu fisicu.

A parte assai più impurtante di a quistione hè: Hè vera? In a cundizione umana attuale ùn hè micca ghjustu, perchè si puderia usà i sensi interni è relazionali cun l'avvenimenti è e cundizioni di u mondu fisicu, daria un vantaghju inghjustu annantu à e persone trà e quali vive. L'usu di i sensi interni avissi permette à un omu di vede ciò chì hè statu fattu da l'altri; a vittura di quale avaristi sicuramente purtatu certi risultati cum'è u sbattimentu di una bola in l'aria averia da cascà. S'è unu hà vistu a bola sbulicata è hà sappiutu seguità a curva di u so volu, è avianu una sperienza, puderia stima in modu precisu induve si cascà. Dunque, se unu puderia utilizà i sensi interni per vede ciò chì era dighjà fattu in a borsa o in i cercli suciali o in materie statali, hà da sapè cumu piglià un vantaghju inghjustamentu di ciò chì era destinatu à esse privatu, è puderia cusì furmà. i so azzioni cume di benefiziu sè stessu o di quelli in quale era interessatu. Per mezu di questu, ellu diventerà u direttore o direttore di l'affari è puderia sfruttà è cuntrullà l'altri chì ùn eranu micca pussibuli di puteri cum'è u so. Dunque, prima ch'ella sia ghjusta per un omu fighjà in u futuru è predicà bè l'avvenimenti futuri, ellu deve avè superatu a avidità, l'ira, l'odiu è l'egoismu, a lussuria di i sensi, è deve esse inaffettata da ciò chì vede è predice. Deve esse liberu di qualsiasi desideriu di pussessu o di guadagnà da e cose mundane.

HW Percival