The Word Foundation

THE

PARMA

AUGUSTU, 1913.


Copyright, 1913, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Per piacè date una definizione di immortalità è dichiarate breve cum'è l'immortalità pò esse ottenuta?

L'immortalità hè u statu in quale unu hè cuscente di a so identità à traversu tutti i stati, e cundizioni è i cambiamenti.

L'immortalità deve esse uttenuta intelligente, aduprendu l'intelligenza. L'immortalità ùn si pò riesce ind'è una credenza ceca in una sorta eterna dopu a morte, è nimu si pò mette in u statu di immortalità da rigalu, favore, eredità. L'immortalità deve esse guadagnata da u travagliu duru, cun intelligenza.

L'immortalità deve esse cusì guadagnata è acquistata prima di a morte, durante a vita in un corpu fìsicu in stu mondu fisicu. Dopu a morte immortalità ùn pò esse realizatu. Tutte e menti incarnate strive sò immortali. Sì l'immortalità ùn hè micca rializata prima di a morte, u corpu mori è a mente torna in terra in un novu corpu fisicu, tempu dopu à u tempu è finu à l'immortalità hè arrivata.

U modu immortalità hè per unu di cessà d’identificà si cù u so corpu fìsicu, o cù i so desideri è emozioni, a so persunalità. Si deve identificà si cù quellu chì hà a prescienza di a cunniscenza; chì hè, cun ellu stessu. Quandu pensa à questu è s'identifica cù ellu, l'immortalità pare vicinu. Per esse successu in questu, unu deve piglià un inventariu di e parti è di l'elementi chì compone ciò chì s'hè cunfirmatu finu à ellu stessu. Dopu à questu inventariu deve esaminà ciò chì si pò cambià in ellu, è ciò chì permanente. Quellu cun ellu chì persiste, è ùn hè micca sottumessu à tempu è locu, hè di ellu stessu; tutte e reste sò transitori.

Ci hà da esse truvati chì i soldi, e terre, l'antichità, e pussidimenti, a pusizione, a fama è qualsiasi altru di stu tipu u valore di u mondu, sò trà e cose transitori, è di pocu o nimu valore per una prova di diventà immortale. E cose chì valenu sò intangibili, micca di i sensi.

Diritta mutivu è diritta pinsamenti in a vita quotidiana, in tutte e fasi di a vita quotidiana, ùn importa ciò chì u caminu di vita pò esse, sò e cose chì cuntanu. Ùn hè micca a vita più faciule chì porta risultati più veloci. A vita di un eremita, luntanu da carezze è tentazioni, ùn furnisce micca i mezi o cundizioni. Quellu chì hà difficultà, prucessi, tentazioni, ma li supera è li ferma in u cuntrollu di elli è veru à u so scopu intelligente di diventà immortale, à prestu è in menu viteze ghjunghjeranu u so scopu.

L'attitudine di a mente chì hè preminutamente utile hè chì u cercatore si cunnosce ellu stessu di u so corpu, separati da a so persunalità, i so desideri, l'emozioni, i sensi, è i so piacè è e soffrenze. Hè duvutu cunnosce sè stessu è indipendente di tuttu questu, anche si pare di tuccà u so sè stessu è di volte pare esse ellu stessu. A so attitudine deve esse, ch'ellu sia di l'infinitu, vivu cum'è l'infinitu, in eternità, senza frontiere è divisioni di u tempu, o senza cunsiderazione di u spaziu. Cusì hè u statu di l'immortalità. Hè duverebbe abituassi à guardà quessu cum'è realità. Allora puderà sapè. Per fà fantasia ùn hè insufficiente, è per piacè per ellu, inutile è zitellu.

 

 

Sò l'omu piace è ùn piace u riflessu di a so propria anima? Se sì, cumu si sò riflessi? Se no, d'induve venenu sti piacè è ùn li piace

U terminu "l'ànima di l'omu" hè adupratu promiscientamente è ferma per parechje fasi di e parti invisibili di quellu in quantu à u so aspettu visibile hè chjamatu omu. L'anima pò significà a so cundizione nascita, o a forma d'ombra senza sensu dopu a morte, o u principiu universale sfuggiante chì hè in ellu durante a vita. L'anima di l'omu hè quì cunsiderata cum'è a mente - u principiu di u penseru, a luce cuscente in u corpu. L'omi è piacè cù l'omu ùn sò micca riflesse di a so mente. I gusti è i disgusti resultanu da l'azzioni di a mente cù u desideriu.

Quandu a mente cunsidereghja alcune di i desideri chì li piace; altri desideri chì a mente ùn piace. Quella natura di a mente chì pensa à u desideriu, à u desideriu li piace; quella natura di a mente chì pensa fora di u desideriu è di i sensi, u desideriu ùn piace. In questu modu sò sviluppati piace è piace cù a mente è u desideriu. I gusti è i disgusti venenu da a similezza è a mancanza di a mente è di u desideriu. L'alloghju di l'omu chì li piace è di li piace ùn sò nati è criati in ellu. Allora manifesta i so gusti è ùn piace à ellu. I gustatori è i disgusti creati in un omu crearanu più gusti è ùn piace à l'omu chì ellu scontra; è quelli chì causanu ancu altri gusti è disgusti in altri omi chì simule ancu sparghjenu i so gusti è disgusti; in modu chì u mondu hè chinu di gustatori è di disgusti. In stu modu si pò esse dichjaratu chì u mondu hè un riflessu di u piace è di u disprezzu di l'omu.

Ci piace u mondu è e cose in u mondu? O ùn li dispiace? Hè inutile per pruvà di piantà di piacè o di a disgrazia. Hè bè per l'omu di ricusà di sanzionà cù a so mente ciò chì sà per ùn esse micca ghjustu. Cusì registra un degnu degnu. Hè megliu per l'omu chì piace è di pensà à quellu chì sà per esse ghjustu, è di fà. In questu modu i so gusti anu u valore è u putere. Si tratta di piace è ùn li piace questu modu cun ellu stessu, altri farenu ancu, è u mondu cambià cù i gustatori è ùn piace.

HW Percival