The Word Foundation

THE

PARMA

U OCTUBBU, 1913.


Copyright, 1913, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Chì hè a logica di a dottrina di a spiazione, è cumu pò esse riconciliatu cù a legge di u karma?

Se l'espiazione hè presa literalmente, è e cause chì anu dettu chì l'espiazione hè necessariu sò cunsiderate literalmente, ùn ci hè una spiegazione raziunale di a duttrina; nessuna spiegazione pò esse raziunale. La duttrina ùn hè micca raziunale. Pocu di cose in a storia sò cusì repellenti in la brutta, così barbaria in trattamentu, cusì scernosa à a ragione è l'ideale di ghjustizia, cum'è a duttrina di l'Espiazione. A duttrina hè:

L'unu è solu Diu, autoesistente in tuttu u tempu, hà creatu u celu è a terra è tutte e cose. Diu hà creatu l'omu in innocenza è ignuranza, è a mette in un giardinu di piacè per esse tentatu; e Diu creò a so tempurìa; è Diu disse à l'omu chì se ellu cede à a tentazione, ellu morse di sicuru; e Diu hà fattu una moglia per Adamu è anu manghjatu i frutti chì u Diu li ha pruibitu di manghjà, perchè anu cridutu chì era un bon cibu è li faria sàviu. Dopu Diu hà maledettu a terra, è maledittu Adamu è Eva è li hà alluntanati da u giardinu, è curdendu i zitelli chì duveranu da nasce. È una malidicenza di u dulore è di u soffrenu è di a morte hè stata nantu à tutta l'umanità futura per via di u manghjatu di Adam è Eva di u fruttu chì Diu li hà pruibitu di manghjà. Diu ùn pudia micca o ùn revucà micca a so malidizioni finu à, cum'ellu hà dettu, "hà datu u solu Figliolu nascitu", Ghjesù, cum'è un sacrificiu di sangue per caccià a malidizioni. Diu hà accettatu Ghjesù cum'è ispiazione per u male fattu di l'umanità, à cundizione chì "quellu chì crede in ellu ùn perisera micca", è cù a promessa chì per tale credenza "avarianu vita eterna". A causa di a maledicazione di Diu, ogni anima chì hà fattu. per ogni corpu chì era natu in u mondu hè statu cundannatu, è ogni alma chì ellu hè cundannata, à soffre in u mondu; è, dopu a morte di u corpu, l'anima hè condannata à l'infernu, induve ùn pò micca mori, ma deve soffre turmenti senza fine, salvu chì l'anima prima di a morte crede di esse un peccatore, è crede chì Ghjesù hè ghjuntu à salvallu da i so peccati. ; chì u sangue chì Ghjesù hè dettu chì hà versatu nantu à a croce hè u prezzu chì Diu accetta di u so solu figliolu, cum'è l'Espiazione per u peccatu è a ransom di l'anima, è l'anima serà ammessa dopu à a morte in celu.

À e persone adunite sottu a bona influenza antica di a so chjesa, è soprattuttu se ùn sò micca familiarizati cù e lege naturali di a scienza, a so familiarità cun queste dichjarazioni salveranu l'innaturalità di elle è impedisceranu di sembrà stranu. Quand'ellu hè esaminatu à a luce di a ragione, si vedenu in a so nudezza, è micca tutti i fucili minacciati di l'infernu ponu impedisce à quellu chì vede cusì di denunce una tale duttrina. Ma quellu chì denunce a duttrina ùn deve micca denunce à Diu. Diu ùn hè micca rispunsevule di a duttrina.

La duttrina letterale di l'Espiazione ùn pò in alcun sensu esse riconciliata cù a lege di u karma, perchè l'espiazione avissi statu unu di i più ghjusti è irragionevuli eventuali mai registrati, mentri, u karma hè a lege operativa di a ghjustizia. Sì l'espiazione era un attu di ghjustizia divina, allora a ghjustizia divina seria un misnomeru è più ingiustu di qualsiasi atti di legge di un mortale. Induve si trova un babbu chì daria à u so figliolu solu chì sia perseguitatu è crucifissu, assassinatu, da un saccu di manichi fattu da ellu stessu, è chì, per via di ùn sapè di fà li agisce in cunfurmità cù u so piacè, avia pronunciatu un malidizioni di distruzioni annantu à elli; tandu s'hè ripintitu di a so malidizioni è accunsentia à pardunallu s'è avissi cridutu ch'ellu li avia perdonatu, è chì a morte è a spargera di u sangue di u figliolu li avianu scusatu di i so atti.

Hè impussibule di pensà à un tali cursu di azione cum'è divina. Nuddu pudia crede ch'ella sia umana. Ogni amante di u ghjocu ghjustificatu è di ghjustizia averia da pena i manichi, sentenu simpatia è amicizia per u figliolu, è esigene punizioni per u babbu. Un amante di a ghjustizia scarderà a nuzione chì i manichini duverà cercà u perdonu di a so creazione. Avissi dumandatu à u fabbricante à circà u perdonu di averli fattu manichini, è insisteria chì u fabbricante duverebbe piantà è correggerà i so numerosi sbaglii è cumminciare tutti i sbaglii chì hà fattu; ch'ellu deve rinunzià tuttu u dulore è u soffrenu ch'ellu avia fattu esse purtatu in u mondu è di quale dichjara chì avia avutu una pre-cunniscenza, o altrimenti, chì deve furniscia i so manichi, micca solu di ragiunà u putere abbastanza per interrugà a ghjustizia di i so ediculi, ma cun intelligenza suficiente per permette di vede una certa ghjustizia in ciò chì avia fattu, affinchì possinu piglià i so posti in u mondu è continuanu di bonu cù u travagliu assignatu, invece di esse schiavi, alcuni di quelli pare chì gode di un lussu inghjustu è di piacè, pusizioni è vantaghji chì a ricchezza è a ripruduzzione ponu darà, mentre chì altri sò cundutti da a vita da a fame, u dulore, u soffrenu è a malatia.

Per d 'altra banda, nisun egotismu o cultura hè un bisognu sufficente per un omu chì si dice: l'omu hè a produzzione di evoluzione; l'evoluzione hè l'azzione o u risultatu di l'azzioni di a forza ceca è a materia ceca; a morte finisci tuttu; ùn ci hè nimu infernu; ùn ci hè micca salvatore; ùn ci hè Diu; ùn ci hè ghjustizia in l'universu.

Hè più raziunale di dì: ci hè ghjustizia in l'universu; per a ghjustizia hè l'azzione ghjusta di a lege, è l'universu deve esse amministratu da a lege. Se a legge hè necessaria per a gestione di un negozio di macchine per impedisce ch'ella sparghjera, a legge ùn hè micca menu necessaria per a gestione di a machina di l'universu. Nisuna istituzione ùn si pò guidà senza una guida o intelligenza cumulativa. Ci deve esse intelligenza in l'universu abbastanza grande per guidà e so operazioni.

Ci deve esse certa verità in una credenza di l'espiazione, chì hà campatu è truvatu benvenuta in u cori di a ghjente per quasi duie mille anni, è oghje numeru milioni di supportanti. A duttrina di l'Espiazione hè basata nantu à una di e grandi verità fundamentali di l'evoluzione di l'omu. Questa verità è stata distorta da menti non addestrate è non sviluppate, menti chì ùn sò micca abbastanza maturi per cuncepisce. Hè stata raghjunata da l'egoismu, sottu à l'influenzi di crudeltà è macellu, è cresciuta in a so forma prisente attraversu l'età scura di l'ignuranza. Ci hè menu di cinquanta anni da quandu a ghjente hà cuminciatu à interrugà a duttrina di l'espiazione. A duttrina hà campatu è vivrà perchè ci hè qualchì verità in l'idea di a relazione persunale di l'omu cù u so Diu, è à causa di l'idea di autosacrifiziu per u bè di l'altri. E persone sò avà principia à pensà à sti dui idee. A relazione persunale di l'omu cù u so Diu, è u sacrificiu di l'altri per l'altri, sò e duie verità in a duttrina di l'Espiazione.

L'omu hè u termu generale usatu per designà l'urganisazione umana cù i so principii è e so natura. Sicondu a vista cristiana, l'omu hè un triplice esseri, di spiritu, d'anima è di corpu.

U corpu hè statu fattu da l'elementi di a terra, è hè fisicu. L'anima hè a forma in o in quale a materia fisica hè moldata, è in quale sò i sensi. Hè psichicu. U spiritu hè a vita universale chì entra in è rende vivu l'anima è u corpu. Hè chjamatu spirituale. U spiritu, l'anima è u corpu custituiscenu l'omu naturale, l'omu chì mori. À a morte, u spiritu o a vita di l'omu torna in a vita universale; u corpu fisicu, sempre sottumessu à morte è dissoluzione, torna per disintegrazione in l'elementi fisichi da chì era cumpostu; è, l'anima, o forma di forma fisica, cume à l'ombra, s'alluntanu cù a dissoluzione di u corpu è hè assorbita da l'elementi astrali è u mondu psichicu da quandu hè vinutu.

Sicondu a duttrina cristiana, Diu hè una trinità in Unità; trè persone o essenzi in una sola unità di sustanza. Diu u Babbu, Diu u Figliolu, è Diu u Spìritu Santu. Diu u Patre hè u creatore; Diu u Figliolu hè u Sarvatore; Diu u Spìritu Santu hè u consoladoru; questi trè subsistenu in un esseru divinu.

Diu hè mente, esistente di sè stessu, davanti à u mondu è u so principiu. Diu, a mente, si manifesta cum'è natura è cum'è divinità. A mente chì agisce attraversu a natura crea u corpu, a forma è a vita di l'omu. Questu hè l'omu naturale sughjettu à a morte è chì deve morse, salvu micca cresciutu sopra a morte per intervenzione divina in u statu di immortalità.

A mente ("Diu u babbu," "u babbu in celu") hè a mente superiore; chì manda una porzione di sè stessu, un raghju ("u Salvadore", o, "Diu u Figliolu"), a mente inferiore, per entre è vive in l'omu mortale umanu per un periudu di tempu; dopu à quellu periodu, a mente inferiore, o un raghju da u più altu, abbandunà u mortale per vultà à u so babbu, ma manda in u so locu un'altra mente ("u Spìritu Santu", o, "U Cunfortu", o "Avvucà"), un aiutu o un maestru, per assiste à quellu chì hà ricivutu o accettatu a mente incarnata cum'è u so salvatore, a realizazione di a so missione, u travagliu per a quale s'era incarnata. L'incarnazione di una parte di a mente divina, chjamata veramente u figliolu di Diu, era è hè o pò esse u redentore di l'omu mortale da u peccatu, è u so salvatore da a morte. L'omu mortale, l'omu di carne, in quale hè venutu o pò vene, pò, per via di a divinità in ellu, amparà cumu cambià è pò cambià da a so cundizione naturale è mortale in u statu divinu è immortale. In ogni modu, l'omu ùn deve micca continuà l'evoluzione da u mortale à l'immortale, deve resti sottumessu à e lege di a mortalità è deve mori.

I populi di a terra ùn sò micca sbanditi da un omu mortale è una donna mortale. Ogni essere mortale in u mondu chì hè umanu hè chjamatu in l'essenza mortale da parechji dii. Per ogni essere umanu ci hè un diu, una mente. Ogni corpu umanu in u mondu hè in u mondu per a prima volta, ma e menti chì si agiscenu per via di, cù, o in, l'esseri umani in u mondu ùn sò micca cusì chì agiscenu per a prima volta. I menti anu agitu da modu simili cù l'altri corpi umani di i so tempi in i tempi passati. Se ùn hè micca successu à risolve è perfezzione u misteru di l'incarnazione è l'espiazione mentre agisce cù o in u corpu umanu presente, quellu corpu è quella forma (anima, psique) murerà, è quella mente ligata cun ella duverà incarnate una volta è torna finu à suffirenzia di l'illuminazione hè stata fatta, finu à chì l'espiazione o a unu-mentu hè realizatu.

A mente incarnata in ogni essere umanu hè u figliolu di Diu, venite per salvà l'omu da a morte, se l'omu persunale hà a fede in l'efficacità di u so salvatore per vincite a morte seguitendu a Parola, chì u salvatore, a mente incarnata, face cunnosce ; è l’insignamentu hè cumunicatu in gradu secondu a fede di l’omu persunale in ellu. Se l'omu accetta a mente incarnata cum'è u so salvatore è segui l'istruzzioni chì riceve dopu, limparà u so corpu da l'impurità, cesserà l'azione sbagliata (peccatura) per azione ghjusta (ghjustizia) è mantene u so corpu mortale vivu finu à chì ellu hà redimitu. a so anima, a psique, a forma di u so corpu fisicu, da a morte, è a fece immortale. Stu cursu di azione di a furmazione di a mortale umana è a trasfurmassi in l'immortale hè a crucifissu. A mente hè crucifissa nantu à a so croce di carne; ma, da quella crucifixione u mortale, sottumessu à a morte, supera a morte è guadagna a vita immortale. Dopu u mortale hà messu in immortalità è hè suscitatu à u mondu di l'immortali. U figliolu di Diu, a mente incarnata hà rializatu tandu a so missione; Hà fattu u travagliu chì hè u so duveri di fà, per pudè riturnà à u babbu in u celu, a mente suprema, cù quale diventa unu. S'ellu, però, l'omu chì hà accettatu a mente incarnata cum'è u so salvatore, ma chì a so fede o cunniscenza ùn hè micca abbastanza grande per seguità l'insignamentu ricevutu, allora a mente incarnata hè ancora crucifissu, ma hè una crucifissu da l'incredulità è u dubbiu. di i mortali. Hè una crucifixione di ogni ghjornu chì a mente dura in o nantu à a so croce di carne. Per l'omu, u corsu hè: U corpu mori. A discendenza di a mente in infernu, hè a separazione di quella mente da i so desideri carnali è carnali durante un statu di morte dopu. L'ascendenza da i morti, hè a siparazione da i desideri. L'ascensione in celu induve "ghjudica i rapidi è i morti", hè seguita da a determinazione di quale saranu e cundizioni di u corpu mortale è di a psique, chì serà creatu per a so prossima descendenza in u mondu, cù u scopu di effettuà a l'illuminazione è l'espiazione.

Per l'omu chì hè salvatu, chì a so mente incarnata face immortale, a vita sana di Ghjesù deve esse attraversata mentre vive ancu in u corpu fisicu in u mondu fisicu. A morte deve esse superata prima chì u corpu mori; a discendenza in l'infernu deve esse prima, è micca dopu, a morte di u corpu; l'ascensione in celu deve esse ottenuta mentre u corpu fisicu hè vivu. Tuttu chistu deve esse fattu cun cuscenza, vuluntà, è cun cunniscenza. Se ùn hè micca, è l'omu hà solu una credenza in a so mente incarnata cum'è u salvatore, è se, puru se capiscendu cumu, ma micca una vita immortale prima di a morte, ellu mori, allora a prossima volta per a discendenza in l'atmosfera di u mondu è in quella di l'omu mortale, a mente ùn entrerà in a forma umana ch'è ellu hà chjamatu, ma a mente agisce cum'è u consolatore (u Spìritu Santu), chì serve in l'anima umana è hè un sustitutu di u figliolu di Diu. , o mente, chì era incarnata in a vita o a vita precedente. Agisce cusì per via di l'accettazione previa di a mente da l'omu cum'è u figliolu di Diu. Ghjè u cunfortu intornu à ellu chì ispira, cunsiglia, dà struzzioni, per chì, se l'omu vole cusì, pò cuntinuà u travagliu per l'immortalità chì era stata lasciata in a vita precedente, tagliata da a morte.

L'esseri umani chì ùn si vanu micca à a mente per a luce, devenu stà in bughjone è rispittà e lege di a mortalità. Soffrenu a morte, è a mente ligata cun elli deve passà per l'infernu durante a vita, è durante a so separazione da a so cunnessione terrena dopu a morte, è questu deve cuntinuà à mezu à l'età, finu à chì sia disposta è capace di vede a luce, per suscitarà u mortali finu à l'immortalità è diventanu in unu cù a so fonte parentale, u so babbu in celu, chì ùn ponu micca esse suddisfatti finu à chì l'ignuranza dà locu à a cunniscenza, è a bughjura si trasforma in luce. Stu prucessu hè statu spiegatu in L'editoriali Living Forever, Vol. 16, n. 1-2, è in Momenti cù Amichi in A Parola, Vol. 4, pagina 189, e Vol. 8, pagina 190.

Cù sta comprensione di a duttrina di l'Espiazione, unu pò vedà ciò chì significa "e Diu hà amatu cusì u mondu chì hà datu u so unicu Figliolu, chì quellu chì crede in ellu ùn deve perisce, ma hà vita eterna". la duttrina di l'Espiazione hè cunciliata cù a legge di una custodia inesorabile inesorabile è eterna ghjustizia, a lege di u karma. Questu spiegà a relazione persunale di l'omu cù u so diu.

L'altra verità, l'idea di autosacrifiziu per u bè di l'altri, significa chì dopu l'omu hà truvatu è seguitu a so mente, a so luce, u so salvatore, è hà guadagnatu a morte è hà guadagnatu vita immortale è sapi di sè stessu senza morte. micca accettà e gioie di u celu chì hà guadagnatu, per ellu stessu solu, ma, invece di esse soddisfatta di a so vittoria annantu à a morte è di goderà solu i frutti di i so labori, decide di dà i so servizii à l'umanità per sollivà e so tristezza è e so soffrenze, è aiutalli à u puntu di truvà a divinità dentru, è di ghjunghje l'apoteosi ch'ellu hà righjuntu. Questu hè u sacrificiu di l'individuu propiu à u Sinu universale, di a mente individuale à a Mente universale. Hè u Diu individuale chì diventa à unu cù u Diu universale. Ellu vede è sente è cunnosce sè stessu in ogni anima umana viva, è ogni anima cum'è ellu. Hè u principiu di I-am-Thou è Thou-art-I. In questu statu si realizza a paternità di Diu, a fratellanza di l'omu, u misteru di l'incarnazione, l'unità è l'unicità di tutte e cose, è a integrità di l'Onu.

HW Percival