The Word Foundation

THE

PARMA

SETTEMBRE, 1915.


Copyright, 1915, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

Ciò chì ci urgeghja di proselità per e nostre opinioni. Finu à chì puntemu ci si pudemu oppone e nostre opinioni à quelle di l'altri?

Un parè hè u risultatu di u pensamentu. Un opinione hè vista trà mera credenza è cunniscenza riguardanti sughjetti o cose. Quellu chì hà una opinione nantu à una cosa, hè distinguibile da quelli chì anu una cunniscenza o una semplice credenza riguardanti a materia. Un hà l'opinione perchè ellu hà pensatu à u sughjettu. A so opinione pò esse curretta o sbagliata. Ch'ella sia curretta o ùn dipenderanu da e so premesse è u metudu di ragiunamentu, Se u so ragiunamentu hè senza preghjudiziu, i so opinioni saranu generalmente curretti, è, ancu s'ellu hà da cumincià cun premessi sbagliati, li dimostrarà esse sbagliati in u cursu di i so ragiunamenti. Se, però, permette a preghjudiziu à interferisce cù u so ragiunamentu, o basa a so premessa nantu à preghjudizi, l'opinione chì si forma generalmente hè sbagliata.

E opinioni chì un omu hà furmatu ripresentanu à ellu a verità. Pò esse sbagliatu, ma crede chì i diritti. In l'absenza di cunniscenza, un omu si ferma o falà da e so opinioni. Quandu i so opinioni riguardanu a religione o qualchì ideale, crede chì ellu deve stà per elli è sente un impulse per uttene altri à aduttà i so parè. Da quì vene a so proselitizazione.

Quella chì ci urge à fà proselitizà per e nostre opinioni hè a fede o a cunniscenza nantu à quale stanu e nostre opinioni. Pudemu ancu esse incuraghjiti da u desideriu chì l'altri devebbenu prufittà di ciò chì noi cunsideremu bonu. Se a una cunniscenza sottostante è a vulintà di fà u bonu sò aghjustate considerazioni persunali, i sforzi per cunvertisce l'altri à l'opinione propria puderanu sviluppà fanatismu, è, invece di bè, serà dannatu. A ragione è a bona vuluntà deve esse i nostri guide in a proselitizazione per e nostre opinioni. A ragiò è a bona vuluntà ci permette di presentà e nostre opinioni in argumentu, ma impediscemu di pruvà à impetu à l'altri à accettallu. A ragione è a bona voluntà ci impediscenu di insistere chì l'altri devenu accettà è esse cunvertiti à e nostre opinioni, è ci facenu forti è onesti in u sustegnu di ciò chì pensemu chì sapemu.

HW Percival