The Word Foundation

THE

PARMA

NOVEMBER, 1906.


Copyright, 1906, da HW PERCIVAL.

MOMENTI CON AMICI.

 

In parlante di clarività è di materie occulte, un amicu dumanda: Hè veramente pussibule per unu di vede in u futuru?

Iè. Hè pussibule. U tempu hè divisu per u passatu, u presente è u futuru. Fighjemu in u passatu, quandu ricordemu una cosa vistu in a nostra mente l'ochju ciò chì hè accadutu. Questa veduta in u passatu ognunu pò fà, ma no tutti ponu vede in u futuru, perchè pochi usanu a cunniscenza di u passatu intelligente per vede in l'avvene. Se unu si piglia tutti i fattori è i cuscinetti di un avvenimentu passatu hà cunsideratu a so cunniscenza li puderia predicà certi eventi futuri, perchè ancu u futuru hè quella divisione di u tempu chì ùn hè micca ghjunta in fattu, eppuru, l'azzioni di u passatu creanu. , moda, determinate, limite u futuru, è, dunque, sì unu hè capace, cum'è un specchiu, di riflette a cunniscenza di u passatu, pò predisce l'avvenimenti futuri.

 

 

Ùn hè micca pussibule per unu di vede l'occurenza attuale di u passatu è di l'occasioni cume sò in u futuru cum'è chiaramente è distintamente cum'è quandu vede u present?

Hè pussibule, è parechji anu fattu. Per fà questu si usa quellu chì hè chjamatu clarividenza, vedutu chjaru, o una seconda vista. Per vede di manera clara, un secondu inseme di facultà o u sensu internu di vedelu hè adupratu. L'ochju pò esse adupratu, ancu s'ellu ùn hè micca essenziale per a clarividenza, per quella facultà chì funziona à traversu u sensu di vista pò trasfirià a so azzione da l'ochju à qualchì altru organu o parte di u corpu. L'uggetti ponu esse veduti, per esempiu, da e cunsiglii di i diti o u plexu solare. Induve u clarifiziu si vede nantu à ciò chì chjamemu oggetti distanti chì sò passati o annantu à avvenimenti chì venenu, a parte di u corpu da u quale hè fatta hè di solitu in u craniu ghjustu sopra à e ciglia. C'è annantu à un screnu panoramicu a scena o l'oghjettu si vede spessu di manera distintu cum'è se u clarividente era in questu stessu locu. Tuttu ciò chì ci hè dunque necessariu per cumunicà ciò chì si vede, hè a facultà di parlà.

 

 

Cumu hè possibile per unu di vede clairvoyantly quandu tale vista hè opposta à tutta a nostra esperienza?

Tali veduti ùn sò micca ind'è a sperienza di tutti. Sò in a sperienza di alcuni. Molti di quelli chì ùn anu micca avutu a sperienza dubbenu a testimonianza di quelli chì l'anu avutu. Ùn hè micca oppostu à e lege naturale, perchè hè abbastanza naturale, è hè pussibile à quelli chì a so linga sharira, u corpu astrale, ùn hè micca troppu ferme in e so cellule fisiche. Pensemu à l'ughjetti chì vedemu, è ciò chì vedemu quelli oggetti attraversu. A visione stessu hè un misteru, ma e cose cuncernate da a visione ùn cunsideremu micca un misteru. Cusì, avemu l'ochji fìsichi attraversu quale vedemu in l'aria è vedemu oggetti fisichi. Pensemu chì questu hè assai naturale, è cusì hè cusì. Pensemu à i sfarenti regni in quale a vista hè pussibile. Supponemu chì eramu in terra cum'è vermi o insetti; duvemu avè u sensu di a vista, ma e nostre facultà seranu assai limitate. L'organi chì sapemu cum'è ochji ùn puderanu micca esse aduprati per vede grandi distanze, è a vista fisica seria limitata à spazii assai brevi. Avanza una tappa è suppone chì eramu pisci. A distanza attraversu quale puderiabbenu dopu vede in l'acqua seria assai più grande è l'ochji saranu attaccati à registrà e vibrazioni luminarie chì ghjunghjenu per l'acqua. Cum'è pisci, però, deve negà a pussibilità di vede in un'antra manera ch'è attraversu l'acqua o, in fattu, chì ci era un tali elementu cum'è l'aria. Se in u trappu avemu scacciatu i nostri nasi fora è mettimu i nostri ochji sopra l'acqua in l'aria allora ùn duvemu micca pudè respira, è l'ochji ùn puderia micca esse serve perchè fora di u so elementu. Cum'è animali o esseri umani simu in una tappa in avanzu di i pesci. Videmu per mezu di a nostra atmosfera è sò capaci di percepisce oggetti à traversu l'ochji à distanze assai più grande ch'è à traversu l'acqua. Ma sapemu chì a nostra atmosfera, essendu spessa è mura, limita a nostra visione. Tuttu u mondu sà chì in l'ambienti di Chicago, Cleveland è objetti di Pittsburg si pò vedà à distanza di pochi chilometri solu. In cità induve tuttu hè più chjaru, si pò vede trenta o quaranta miglia, ma da e montagne di l'Arizona è u Colorado e distanze di parechji centinaie di chilometri ponu esse coperto, è tuttu questu cù l'ochji fisici. Comu si pò vedà più chjaru righiendu in atmosfere più chjaru, dunque si pò vedà di manera claramente righjunghjendu un altru elementu più altu ch'è l'aria. L'elementu adupratu da u clarivatore per vede in hè l'etere. À u clarividentu chì vede in l'etere a nostra idea di distanza pèrdite u so valore ancu cum'è l'idea di distanza di u verme o di u pesciu perdaria u so significatu à un abitante in altitudine, chì l'ochju agile puderia detectà oggetti invisibili per quelli chì campanu. in strati inferiori annantu à e pianure.

 

 

Chì ci sò l'urgani utilizzati per a viscosità, è cumu hè una visione di u passatu vicinu à l'ogni stretti, è da a cunniscibilità visibile à l'invisibile chì ùn si pò fà?

Ogni organu di u corpu pò esse adupratu per scopi clarividenti, ma quelle parte o organi di u corpu chì sò instintivamente o intelligentemente utilizati da u clarividente sò u centru visuale in a cortezza di u cervellu, i sinus frontali, u talamo otticu, è u corpu pituitaria. L'ughjetti fisichi vicinu sò riflessi da l'onda di luce atmosferica à l'ochju, chì cunvergenu queste onde di luce o vibrazioni à u nervu otticu. Isse vibrazioni sò sopportate longu u trattu otticu. Alcune di queste sò trasmesse à u thalami otticu, mentre chì altri sò ghjittati nantu à a cortezza cerebrale. Queste riflesse sò in u sinus frontale, chì hè a galleria di stampa di a mente. U corpu pituitariu hè l'organu per mezu di quale l'ego percepisce queste stampi. Sò micca più fisiche quand’elli sò quì vistu, ma piuttostu l’imagine astrale di u fisicu. Sò oggetti fisichi riflessi in u mondu astrale di l'ego, per vede quale e vibrazioni più bassi di l'oggetti fisici sò stati elevati à una tarifa più alta di vibrazione. A visione di unu pò esse trasferita da u mondu fisicu à u mondu astrale in parechji modi. U più fisicu hè per a focazione di l'ochju. U mondu ethericu o astrale penetra, penetra, è passa oltre u nostru mondu fisicu. L'ochju fisicu hè cusì custruitu chì registra solu vibrazioni di u mondu fisicu chì sò lenti quandu si compara cù u mondu etericu o astrale. L'ochju fisicu ùn pò micca riceve o registrà vibrazioni eteriche, salvu ùn hè micca furmatu o salvu chì ùn hè micca un clarividente naturale. In ogni casu hè dunque pussibule per unu di cambià u focu di l'ochju da u mondu fisicu à u mondu etericu o astrale. Quandu questu hè fattu, l'organi o parte di u corpu sopra citati sò cunnessi cù u mondu etere è riceve e vibrazioni da ellu. Cum'è unu vede l'ughjettu di a so vuluntà sgagiatu i so ochji versu quellu oggettu, cusì u clarivatore vede un oggettu luntanu desiderà o esse direttu à vedelu. Questu pò sembrà maravigliu per alcuni, ma a meraviglia cessa quandu i fatti sò cunnisciuti. Per un prucessu perfettamente naturale, quellu chì vede claramente si eleva o hè purtatu à un mondu più chjaru di distanze più grande, ancu cume u subacqueo di u fondu pò esse elevatu da a so visione limitata in acqua per visione in una atmosfera nebbiosa, è poi in altitudini elevate. da induve vena oggetti à una distanza ancora più grande. Quellu chì hà amparatu à vede clarificanti da un longu cursu di studiu è di furmazione ùn anu micca bisognu à seguità stu metudu. Hà bisognu di pensà solu à un locu è vede s'ellu vole. A natura di u pensamentu li cunnetta cù l'estrati di l'etere currispondenti à u pensamentu, ancu cume unu gira l'ochji nantu à l'ughjettu chì avissi da vede. A capiscenza di l'ughjettu vistu dipende da a so intelligenza. Un si pò trasferisce a so visione da u visibile cunnisciutu à l'invisibile scunnisciutu è capisce ciò chì vede per a lege di l'analogia.

 

 

U ocultista pò cercà in u futuru ogni volta ch'ellu vole, è utilizza una facultatudine di chiarvenzia?

Un clarividente ùn hè micca occultista, è ancu se un occultista pò esse clarividente, ùn hè micca necessariamente cusì. Un occultista hè quellu chì hà una cunniscenza di e lege di a natura, chì vive in cunfurmità cù queste leggi, è chì hè guidatu da l'internu da a so più alta intelligenza. L'occasionarii varianu in gradu di cunniscenza è di putenza, ancu cum'è u travagliadore varieghja in capiscitura è capacità da l'ingegnere o l'astrònomu. Un pò esse un occultista senza avè sviluppatu clarività, ma l'occultista chì hà sviluppatu sta facultà u usa solu quandu si tratta di sugetti appartenenti à u mondu astrale. Ùn l’hà micca aduprà per piacè o per gratificà u so capricciu d’altrò o d’altru. Ùn hè necessariu chì l'occultore aduprate a facultà clarividente per vede in l'avvene, ancu s'ellu pò fà ellu, se u desideriu, tenendu intensamente u pensamentu in un certu periodu in u futuru è dispostu à vede è à sapè ciò chì trascende in quellu tempu

 

 

Se un ocultista pute scunfighja u velu perchè ùn sò micca occulisti, individualmente o collettivamente, ne beneficiaranu di a so cunniscenza di i ghjurnali chì vene?

Un occultista chì avissi a guardà in u futuru è chì prufiteghjerà personalmente da a so cunniscenza cessaria di esse occultista in u sensu veru. Un occultista deve travaglià in cunfurmità cù a lege naturale è micca oppostu à a natura. A natura pruibisce u benefiziu di un singulu in detrimentu di tuttu. Se un occultista, o qualchissia chì travaglia cù puteri più altu ch'è quelli pusseduti da l'omu ordinariu, usa quelli puteri contr'à l'altri o per u so benefiziu individuale s'oppone à a lege cù quale deve travaglià, micca contru, è cusì diventa un rinnegatu. à a natura è un essere egoista o altru pèrdite i puteri chì pò esse sviluppatu; in ogni casu si cessa di esse un veru occultista. Un occultistu hà u dirittu solu di ciò chì hà bisognu cum'è individuu è per u so travagliu, è u sintimu di egoiismu o l'amore di guadagnà u blindà à a lege. Hè in modu cusì cecu, hè in gradu di capì è capisce e leghje chì guvernanu e cuntrullà a vita, chì passanu oltre a morte, è chì leghjenu tutte e cose unite in un inseme armoniu per u bè di tutti.

 

 

Chì ghjè u "terzu ochju" è u usa clarividente è l'occultista?

U "terzu ochju" riferitu in certi libri, in particulare a "Duttrina secreta", hè quellu organu pocu in u centru di a testa chì i fisiologi chjamanu a glándula pineale. U clarividente ùn usa micca stu terzu ochju o a ghiandola pineale per vede oggetti distanti o per fighjà in u futuru, ancu se alcuni clarivizi chì anu vivi una vita bona è pura puderanu per un pocu seconde avè avutu u terzu ochju apertu. Quandu si accadenu e so sperienze sò assai sfarenti di qualsiasi prima. L'occultore ùn usa micca ordinariamente a glàndula pineale. Ùn hè necessariu d'utilizà a glàndula pineale o un terzu ochju per vede in l'avvene, perchè u futuru hè una di e trè divisioni di u tempu, è l'organi diversi da a glàndula pineale sò usati per circà in u passatu, vedendu u presente, o peering à u futuru. A ghiandula pineale o un terzu ochju hè sopra a divisioni di u tempu solu, benchì i capisci tutti. Havi à fà cù l'eternità.

 

 

Quale utilizza a glándula pineale, è ciò chì hè u scopu di u so usu?

Solu una persona altamente sviluppata, un altu occultista o un maestru, pò aduprà u "terzu ochju" o ghirlanda pineale à vuluntà, seppuru parechji di i santi, o omi chì anu campatu una vita disinteressata è chì l'aspirazioni sò state elevate, anu sperimentatu l'apertura di "L'ochju" in mumenti di a so esaltazione più altu. Questa puderia esse fatta solu in questu modu naturali, cum'è un flash in i mumenti rari di a so vita è cumu una recompensa, u fruttu di i so pensamenti è atti. Ma questi omi ùn anu micca pussutu apre l'ochju stessi, perchè ùn sò micca stati furmati, o perchè ùn eranu micca capaci di mantene un longu cursu cuntinuatu di a furmazione di u corpu è di a mente necessaria per u risultatu. Un occultista, sapendu e lege di u corpu, è e lege chì cuntrolanu a mente, è vivendu una vita moralmente pura, infine chjama à aduprà funzioni di disusazione longa di u corpu è di e facultà di a mente, è infine capace à apre u so “ terzu ochju, "a ghirlanda pineale, per a so vuluntà. L'ughjettu di l'usu di a glàndula pineale o "terzu ochju" hè di vede e relazioni cume esistenu trà tutti l'esseri, di vede u reale attraversu l'irreal, di percepisce a verità, di realizà è di diventà unu cù l'infinitu.

 

 

Cumu aprì u terzu ochju o a ghjunta pineale è ciò chì accade in tale apertura?

Solu un occultista di un altu ordine puderia risponde à sta questione cun certezza. Senza pretenzione di nessuna cunuscenza tali, pudemu, cun ogni modu, beneficià, si speculeghja in quantu à anticipà a manera in chì questu hè realizatu, è ancu u risultatu. Quellu chì face a vita mundana ordinaria ùn pò micca apre o aduprà u so "terzu ochju." Questu organu fisicu hè u ponte trà u corpu è a mente. U putere è l'intelligenza chì opera attraversu hè u ponte trà l'infinitu è ​​l'infinitu. Quellu chì vive in finitu pensa in finitu è ​​agisce in u finitu ùn pò micca cresce in è capisce l'infinitu mentre ellu vive è pensa è agisce. U passu iniziale da esse pigliatu versu l'apertura di u "terzu occhiu" hè di cuntrullà i pinsamenti, di purificà a mente, è fà u corpu pur. Questa scioglie i radichi di a vita, è copre tutta l'inseme di u sviluppu umanu. Tutti i duveri sò devenu esse rialzati fideli, tutti l'obbligazioni devenu esse vivu in modu strettu, è a vita deve esse guidata da u sensu inherente di ghjustizia. Unu deve cambià l'abitudini di u pensamentu nantu à e cose di baser à a cunsiderazione di l'uggetti più elevati di a vita, è da quì u più altu. Tutte e forze di u corpu deve esse girate à u pensamentu. Tutte e relazioni civili anu da cessà. Unu cusì vivu farà chì l'urgani occulti longu di u corpu sianu diventati attivi è svegliati. U corpu ci piacerà una nova vita, è sta nova vita s'allargarà da un pianu à l'altru in u corpu finu à chì tutte l'essenze più fine di u corpu portanu a putenza à a testa è infini, sia di sè stessu naturalmente, o per un sforzu di a vulintà, u fiore di l'eternità florerà: l'ochju di Diu, u "terzu ochju", si aprirerà. A radiante di mille suli ùn deve esse paragunata cù a luce di a verità chì poi cumpone è circonda u corpu è penetra in tuttu u spaziu. L'uggetti, cum'è oggetti, spariscenu è sò risolti in u principiu chì rapprisentanu; è tutti i principii cumu chì rapprisentanu i reali sò risolti in turnu in l'immensità di l'inseme. U tempu sparisce. L’eternità hè sempre presente. A persunale hè persa in l'individualità. L'individualità ùn hè micca persa, ma si spende in è diventa una cù l'inseme.

HW Percival