The Word Foundation

U peccatu occulte di u dubbitu hè u dubbitu in l'omu spirituale. A pena hè cecità spirituale.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 7 GIULU, 1908. N ° 4

Copyright, 1908, da HW PERCIVAL.

DOVUTA.

DUBT hè una parolla in usu cumunu trà l'illettente cumu cù l'amparà. Ma pochi trà quelli chì u mantenenu cusì impiegatu si piantanu di cunsiderà è di guardà in lu principiu per a quale a parolla sta.

U dubbiu vene da duo, dui, in quale ci hè intesa l'idea di dualità in quantu à qualsiasi cosa, è si estende infinitamente da tutte e cose. Cum'è u dubbiu hè cuncernatu cù l'idea di duie, o dualità, hè sempre accumpagnatu da una indefinibilità, perchè hè divisu o si stà trà i dui. L'idea di duie vene da a sustanza, chì hè a radica di a natura o di a materia. A sustanza hè omogena in sè stessu, ma hè spressuta per mezu di u so attributu unicu - dualità. A Dualità hè u principiu di manifestazione attraversu u mondu. A Dualità persiste in ogni atomu. A Dualità hè in i dui aspetti inseparabbili è opposti di l'unità, a sustanza.

Ogni unu oppostu domina indissolubilmente l'altru è hè di turnà duminatu da l'altru. Un tempu un hè in l'ascendenza è dopu l'altru. U dubbitu accumpagna sempre i dui, facendu chì ognunu s'incline versu l'altru è à turnu à esse ritene da l'altru. A dubbità hè cunnisciuta da noi solu quandu hè una operazione mentale, ma l'idea di dubbiu hè presente in tutti i gradi di materia, da u principiu di a manifestazione finu à l'arrivata completa è completa di a cunniscenza. U dubbitu hè operativu attraversu tuttu u mondu manifestatu; u listessu in principiu, è chì varieghja secondu u pianu di a so azzione.

U dubbitu hà a so origine in l'ignuranza. Cambia di gradu secondu u sviluppu di l'esse in questu hè presente. In l'omu, u dubbitu hè quellu statu criticu di a mente, in quale a mente ùn decide micca in favore di unu di dui sughjetti o cose, nè ne hà cunfidenza in l'altru.

U dubbitu ùn hè micca una indagazione annantu à qualsiasi sughjettu, nè hè una ricerca è investigazione, nè un prucessu di pensamentu; ancu s'ellu spessu accumpagna u pensamentu, è risultatu da l'investigazione è l'inchiesta in un sughjettu.

U dubbitu hè cum'è una nuvola chì righjende a mente è impedisce di percive chjaramente, è di risolve ogni prublemu riguardanti quellu chì hè perceciutu. Cum'è una nuvola, u dubbiu aumenta o diminuisce di dimensione è di densità cumu unu fiasca di agisce sicondu a so capiscitura, o hè autosuficiente è agisce cun cunfidenza. Eppuru u dubbiu hè una cundizione di a mente necessaria per esse sperimentata è superauta prima di rende chjaru di a visione mentale.

Cunnetti è cunnessi cù u dubbitu, cum'è antenati, maestri, cumpagni, discendenti, è servitori di dubbiu, sò perplexità, esitazione, impacienza, discontentità, peevishness, irritabilità, turbulenza, sfiducia, incredulità, incredulità, sospettazione, misgiving, foreboding, somomia, morosità, irresolutezza, indecisione, incertezza, schiavitù, sloth, ignuranza, paura, cunfusione è morte. Eccu alcune di e cundizioni per quale u dubbiu hè cunnisciutu.

A dubbità hè profonda in a mente, hè in fattu sinonimu di una di e funzioni di a mente: quella funzione o attributu di a mente chì hè cunnisciuta cum'è oscurità, u sonnu. U dubbitu hè unu di i fatturi chì anu determinatu u modu di l'incarnazione di a mente da u primu à a longa linea di incarnazioni di mente. A dubbità hè statu un fattore impurtante in l'azzione di l'umanità, hè stata una di e cause principali di a grande parte di e soffrenze di a quale l'umanità hè eredi è di e cundizioni in chì l'umanità si trova attualmente in lotta. U dubbitu hè oghje unu di i ostaculi à u prugressu è u sviluppu di l'omu.

I dubbii chì affrontanu l'omu à ogni volta di a so vita quotidiana è à e crisi impurtanti di a so vita sò stati apparsu prima, in e vie passate in cundizioni sfarenti. Apareghjenu oghje ghjornu cum'è dubbiti perchè ùn eranu micca superati ieri. Sorgenu oghje o per impediscenu u prugressu di un omu o per esse superatu da a cunniscenza per via di l'azzione. U ciclu o u tempu di i dubbiti chì risultanu dipende da u sviluppu è l'età à u quali un ciclu simile di dubbitu assaltava a persona chì a sperimenta.

 

Ci hè quattru tippi o classi di dubbiu. Se raportanu cù u mondu fisicu è i trè mondi intornu è intornu à questu: dubbitu fisicu, dubbiu psichicu, dubbitu mentale è dubbitu spirituale. Questi sò attributi di sfarenti tippi di l'omi chì ci incontru, è ancu di i quattru omi di u zodiacu chì custituiscenu è cuntenenu ogni omu singulu. Quessi quattru omi sò stati parlati è simbulizati in l'Editorialu "U Zodiacu." Vede "A Parola", Marzu, 1907 (figura 30).

U dubbitu fisicu si raporta à u mondu fisicu è à u corpu fisicu, u so riprisentante (libra, ♎︎). Cume a mente opera via u corpu fisicu hè assaltata da tutti i fenomeni di u mondu fisicu in quantu à l'azzione di u corpu fisicu in u mondu fisicu. Per quessa, a mente cumencia à dubbità da u primu tempu hè cunuscita di a so attività in un corpu fisicu, è per mezu di u so corpu fisicu diventa conscientu di u mondu fisicu. L'animali ùn hà micca dubbità cumu da l'omu. L'animali principia à camminà appena nati, ma l'omu hè incapace di stà o nemmenu di arrampicà è richiede longi mesi o ancu anni prima ch'ella sia cunfidendu in i so pedi è mantene l'equilibriu di u corpu mentre camina. L'omu umanu animale porta cun ellu i stessi istinzioni da i so parenti cum'è u cane o u vitellu da i so genitori. S'ellu hè stata per l'eredità sola un criaturu deve esse impulsatu à camminà è à sportu intornu cum'è prestu un vitellu o un cucciolo. Ma ùn pò micca. Questu hè dovutu à u fattu chì l'animali umanu hè sottumessu micca solu di l'instinzione è di a tendenza di l'animali, ma hè ancu sottumessu à una entità individuale, a mente; è a mente nova incarnata, ùn avè micca a fiducia di l'esperienza attuale, hè incapace di caminari; dubbita è teme chì u so corpu caderà. Sè ittatu in acqua per a prima volta, un cavallu, o un gattu, o un altru animale, subbitu scapparà per a riva, ancu s'ellu ùn porta naturalmente à l'acqua. Pò natari à u primu tentativu. Ma un omu pusatu per a prima volta in midstream, si affucherà, ancu s'ellu hà amparatu a teoria di a nuvola prima di fà l'attentativu. L'elementu di dubbiu interferisce cù l'animali naturali di u corpu umanu è l'impedisce di aduprà u so putere naturale, è da mette in pratica a teoria di a nuvazione chì avia amparatu. L'azzione naturale di u corpu fisicu hè spessu verificata da u dubbiu chì sorge in a mente. Stu dubbitu hè purtatu in mente da una vita à l'altra, in stu mondu fisicu, finu à chì u dubbitu hè guadagnatu. U corpu fisicu hè ajustatu à u mondu fisicu, ma a mente ùn hè nativu à stu mondu; hè un straneru à stu mondu fisicu è à u so corpu. Cunfigurenza di a mente cù u so corpu permette à l'elementu di dubbitu in a mente per domine a so azzione è interferiscenu cù u cuntrollu di u corpu. Questa applica à tutte e cundizioni di vita è à e circustanze è e pusizioni chì venenu per l'omu da eredità.

Gradualmente, a mente s'hè abituata à u so corpu fisicu è hè capace di cuntrullà i so movimenti cun facilità è grazia. Se, in u sviluppu regulare di l'omu, dopu ellu hà amparatu e cose di u mondu fisicu necessariu per ellu cunnosce - tali, per esempiu, cum'è eserciziu è disciplina di u corpu, u so mantenimentu è l'alloghju attraversu una impresa o prufessiunale. pusizione, i custumi suciali di a sfera induve ellu campà, è a literatura di u periodu - è ellu hè tantu familiarizatu cù u usu ordinariu cume per superare i so dubbii previ, è s'ellu hà amparatu à avè fiducia è fiducia in a so pusizioni, tandu a mente hà passatu i primi stadii di u dubbitu è ​​hè affruntata da u dubbitu chì sorge riguardanti i mondi scunnisciuti.

Quandu e cose da qualsiasi regni di u mondu psichicu incidenu o sò insinuati à i sensi fisici, si creanu dubbiu in mente chì ci hè un mondu invisibile, intornu è intornu fisicu, perchè chì quella mente hè diventata adattazione è familiarizata cù u so corpu fisicu, è hè struitu da è chjave à u fisicu è e cose da u mondu fisicu. Dubita chì l'azzione fisica pò avè u so urigine in una fonte invisibile. Tali dubbii riguardanu u mondu astrale o psichicu invisibile cù i so desideri è e so forme. U so riprisentante in l'omu hè a linga-sharira, o forma di corpu (virgo-scorpio, ♍︎ – ♏︎), cù i so instinzioni è i so tendenzi animali.

Questi sò i dubbiti chì l'omu hà sopratuttu à affruntà è à cuntestà in a so vita quotidiana è emotiva. Eccu i spondi immediati di l'azzioni fisiche. Eccu e forze è l'entità currispondenti à, o quale sò, i causati di l'azzioni fisiche è di tali emozioni cum'è ira, timore, invechja, è odiu, è altre sensazione cum'è u piacè è a sensazione di felicità insensata. Eccu e forze è l'entità chì agiscenu nantu à u corpu psichicu delicatu di l'omu. Queste emozioni è sensazioni sò sperienziati attraversu u corpu fisicu cù i so sensi per mezu di u corpu psichicu. E forze sò invisibili à l'omu fisicu, ma apparente per l'omu psichicu quandu, per certe pratiche, o per mezu di "mediu", o per via di a malatia, l'omu psichicu hè abbastanza liberatu o separatu da i bobini di u corpu fisicu in modu chì e so sensazioni sò purtate à l'ottava sopra è à u mondu fisicu.

Tutti i dubbii chì anu assaltatu l'omu fisicu sò quì da esse scontri è superati, ancu quant'elli sò stati superati in u corpu fisicu. Sò sopravvuti in u mondu psichicu è in u corpu di forma astrale solu à u gradu chì eranu scontri è superati in u fisicu.

Dentru è sopra à i mondi fisichi è psichichi è i so omi hè u mondu mentale è a so mente incarnata (vita-pensamentu, ♌︎ – ♐︎).

Eccu u mondu in quale l'omu abbia a maiò parte è, à causa di a necessità per a mente per agisce cù u so corpu fìsicu, hè u mondu in quale ellu dubita più. Di l'usu abituale o abusu di u corpu fìsicu, a mente hà assuciatu u so essere cù a vita fisica in modu chì hà sminticatu l'essere reale è sè stessu cum'è un essere distintu da u so corpu fisicu. A mente si identifica à u pensamentu solu cù u so corpu è a so vita fisica solu, è quandu a teoria suggerisce chì a mente è u pensamentu sò distinti da u corpu fisicu, ancu s'ellu hè cunnessu cun ella, a mente dubita è hè inclinata à rifiutà quella dichjarazione.

Stu dubbitu si trova più spessu frà i struiti chè trà l’educati, perchè l’omu di l’amparera hè struitu in e cose solu chì si applicanu à a mente in a so relazione cù u mondu fisicu, è quellu chì abitueghja à pensà à e cose è à i sugetti chì riguardanu strettamente à u mondu fisicu hè disclinatu à lascià e strati di u so pensamentu è crescenu in un pianu più altu. L'omu struitu hè cum'è una vigna, chì si aggancia à l'ughjettu à quale hà vintu è incrustatu. Se a vigna deve ricusà di raghjucà, duveria esse capace di abbandunà e so radicazioni, colpisce è cresce da un terrenu parentale più profundo, cessaria di esse una vigna. Se l'omu struitu puderia diventà liberatu da e ruse di l'altri menti, è da i so penseri anu da ghjunghje è cresce da e cose parenti da quale altre menti anu cresciutu, allora, cum'è a pianta, ùn averia micca bisognu di crescenu in altre crescita. è esse obligatu à seguità a so appogni cum'è ellu, ma ellu seria una crescita individuale è hà u dirittu di ghjunghje sin'à l'aria libera è riceve a luce da ogni latu.

A vigna s'appicca à u so scopu; ùn pò micca fà altrimente perchè hè solu una pianta à a vigna, una crescita vegetale. Ma l'omu hè capace di distaccià u so pensamentu è di sfraccià a crescita di l'apprendimentu perchè ellu hè un omu-pianta d'origine spirituale chì u so duvitu è ​​u destinu hè di cresce fora di i regni sensuali di a natura è in a sfera luminosa di a cunniscenza spirituale. . L'omu di mera apprendimentu è a pedantria ùn cresce più oltre a so apprendimentu per dubbiu. A dubbità, è u timore chì hè u zitellu di dubbiu, u salutava di più dipende da amparà. U dubbitu u causa à esità. Esitassi troppu longu; tandu a paura si piglia è u spinghja à ritruvà in la selva di appruvamentu chì ellu vole à esse a fine di tuttu u sforzu mentale, o altrimenti continua à dubbità finu à chì dubbie tuttu, cumpresu u so sapere è i so dubbii.

A mente chì si contempla cum'è una mente chì agisce in u mondu mentale, chì hè distinta da u mondu fisicu, hè sempre assaltata da dubbiu. I prublemi cuncernendu a mente cum'è: a diffarenza trà e relazione di Diu è a natura, l'origine di l'omu, u duvere in a vita, u destinu ultimu, sò quelli chì anu cunfrontu tutte e menti chì cercanu di agisce liberamente in u mondu mentale.

U dubbiu riguardu à qualsiasi di queste dumande, o di a pussibilità di libertà di a mente da i sensi, hà una tendenza à scurità a visione mentale. Se a visione mentale hè scura, a mente perde cunfidenza in a so propria luce. Senza a luce ùn pò vedà o risolve i prublemi, nè vede u so percorsu, è cusì rientra in i campi sensuali di u pensamentu cun quale era familiarizatu.

Ma a mente chì hà fiducia in a so azione libera sparghje u bughju di u dubbiu. Vede u so propiu cursu di azzione à traversu u mondu di pensamentu chì hà creatu. Guadagnà cunfidenza è videndu mentalmente i so pinsamenti è i pensamenti di u mondu, vede chì e forme di u mondu psichicu sò determinate da i pinsamenti di u mondu mentale, chì a cunfusione di i desideri è u turbu di emozioni sò duvuta à a cunfusione di i pinsamenti è i curruzzioni cuntrastanti di u pensamentu, chì a causa di e forze è l'esseri chì anu entità cum'è forme in u mondu psichicu hè determinata da i pinsamenti generati da a mente. Quandu si rializeghja, tutti i dubbii riguardanti à e cause di l'emozioni è e sensazioni sò sbulicati, l'azzioni di unu hè vistu chjaramente è e so cause sò cunnisciute.

U dubbiu riguardante u mondu spirituale è l'omu spirituale hà da fà cù l'entità immortale chì sfrigera è cuntatta l'omu fisicu per mezu di a mente incarnata. Cum'è u rappresentante di u mondu spirituale, di Diu, di a Mente Universale, l'omu spirituale hè a mente umana superiore, l'individualità in u so mondu spirituale (cancru-capricornu, ♋︎ – ♑︎). Tali dubbii cumu assaltanu a mente incarnata sò: chì ùn pò micca persistà dopu a morte; chì, quantunque tutte e cose entranu in u mondu fisicu per nascita è passanu da u mondu fisicu per morte, cusì ancu passanu da u mondu fisicu è cesseraranu di esistirà; chì i pinsamenti puderanu esse un pruduttu o una reazione da a vita fisica invece di esse a causa di a vita fisica. Un dubbiu ancu più seriu hè chì, ancu se a mente deve persiste dopu a morte, passerà in un statu currispondente à quellu di a vita terrestra, chì a vita nantu à a terra in corpi carnali hà da finisce per sempre è chì ùn hà micca ritornu in terra. a vita

A mente dubita di l'esistenza o di a pussibile esistenza di l'esistitu di un mondu spirituale di cunniscenza in quale sò l'idee di tutte e fasi di l'esistenza, da quale u pensamentu piglia l'origine; chì stu mondu persistenti di a cunniscenza, cù e so forme ideali immortali, hè dovutu à a fantasia di una mente umana piuttostu chè hè a dichjarazione di un fattu spirituale. Finalmente, a mente incarnata dubbita chì hè u stessu in essenza cù a Mente Immortale è cù a Mente Universale. Stu dubbitu hè u dubbiu più seriu, distruttivo è scuritore di tutti, perchè tende à separa a mente incarnata è sottumessu à e vittime di e cundizioni transitori, da u so genitore eternu è immortale.

U dubbitu hè un peccatu occulte. Questu peccatu occulte di u dubbitu hè u dubbitu in l'omu spirituale. A pena di stu dubbiu hè a cecità spirituale è l'incapacità di vede verità spirituali in qualcosa ancu quandu sò indicati.

A causa di u dubbitu di i sferenti omi hè a bughjura non sviluppata di a mente. Finu à chì a bughjura hè dissipata o trasfurmata da una luce interiore, l'omu continuerà à dubbità è ferma in e cundizioni induve si trova quì. A dubbità di l'immortalità da u crescente hè nutata in a mente di l'omu da quelli chì avissiru domine è cuntrullà a so vita da u cuntrollu di a so mente. U timore hè tenutu davanti à a mente è hà fattu u doppiu fantasma di dubbitu. L’omi si permettenu d’esse sacerdotati, d’esse tinuti in bughjura mentale è suttanati à sottumissione da e gemme di dubbitu è ​​di paura. Questu hè applicatu micca solu per a massa di l'ignuranti, ma ancu per l'omi di l'apprendenza chì i so menti sò stati dirigiti da una furmazione precoce in certu groove, è chì dunque limitavanu a paura di avventurari fora di i so stanchi è dubbità di a so capacità di crescere da elli.

U dubbitu razza u dubbiu. L'omu chì dubbita continuamente hè una miseria per ellu stessu è una pesti per tutti intornu. U dubbitu cuntinuu fa di l'omu un sgrossante, un urdone debbule chì pocu s'aiuta à agisce, temendu a cunsequenza di a so azione. U dubbiu pò trasfurmà una mente cercadora è inquadrante in un flagellu, chì a so piacè hè di discutiri è di scappà, di scanzà o di scupricà e credenze di quelli cù quale vene in cuntattu, in quantu à a speranza o a cunfidenza in una vita futura, è, in u locu di fede è di speranza, di lascià scuntentamentu, insatisfaczione è disperazione. U dubbitu prende in dubbiu a mente di quellu chì hè disonesto è insinore è chì sospetta di i motivi di l'altri, chì trova u difettu à tuttu, chì calama è difama è chì prova di infettà tutti cù u dubbitu aderitu in a so mente.

U dubbitu hè quella indefinibilità chì face chì a mente s'interferisce, è ùn decide mai per una cosa o l'altra. Una disfunzione hè gittata annantu à a mente cum'è u risultatu di l'oscillante trà duie o più stati è micca di stallà o di decide annantu à nimu. Cusì truvamu omi miserabili chì ùn decidenu mai nunda, o, in ogni casu, se decidenu, fiascanu à agisce per via di qualchì dubbiu o di paura chì si sviluppa in riguardu à a decisione. Questa incertezza di mente è a ricusazione di agisce fa chì a mente sia menu capace di decide è di agisce, ma incuraghjisce a sluteria è l'ignuranza è razza a cunfusione.

Eppuru, ci hè un scopu per dubbiu, una parte chì hà da ghjucà à u sviluppu di l'omu. U dubbitu hè unu di l'iniziatori di a mente in i regni di a luce. U dubbitu guarda tutte e strade à a cunniscenza. Ma u dubbitu deve esse guadagnatu da a mente se sta mente vole à passà cuscente in i mondi interni. U dubbitu hè u guardianu di a cunniscenza chì impedisce à u spaventu è à a mente debule di passà oltre u so locu. E dubbule forze ritornu i zitelli mentali chì vulianu cultivà senza sforzu, è diventà sàviu senza cunniscenze. Cume a bughjura hè necessaria pè u crescita di l'animali è di e piante, cusì hè ancu a bughjura di u dubbiu necessariu per u crescita.

A mente dubbitosa chì ùn hà micca amparatu ghjudiziu ghjustu nè azzione curretta si mostra in mumenti critichi in a vita. Tali, per esempiu, cum'è quandu unu chì si trova confusu quandu dui carri s'avvicinanu da direzioni opposte. Sguarda prima un modu, è l'altru, indecisu di cun quale modu di scappà u periculu. Questa indecisione da quale l'attinzioni di dubbitu, pare cumpressa una strana fatalità di l'azzione sbagliata, cum'è una tale chì ùn corre in modu rigalu sottu à i pedi di i cavalli.

Quellu chì si ferma di decide trà duie pusizioni uffertu da ellu, à causa di u so dubbiu di scelta bona, hè di solitu vede di lascià a migliore opportunità. L'opportunità ùn aspetta mai. L'opportunità hè sempre presente sempre chì passanu constantemente. L'opportunità hè una prucessione di opportunità. L'omu dubbitosu soffreghja l'uppurtunità appena andata, è chì hà persu, ma u tempu trasmessu per perdendu a so perdita è culpisce à qualcunu, l'impedisce di vede l'uppurtunità allora presente, ma di novu micca vistu finu à ch'ella sia ancu appena andata. A indecisione cuntinua è fallimentu di vede l'uppurtunità facenu chì un dubbiu di a so capacità di sceglie o d'agisce. Quellu chì cuntesta continuamente i so pinsamenti è l'azzioni provoca una presente oscurità, sveglie, è disperazione, chì sò tutti opposti à a cunfidenza in azzione. L'azzione fiduciale guida a manu chì tira a bola direttamente à a marca. Da a manu in a so azzione, da a caminata, da u carrughju di u corpu, da u sguardu di a testa, da u sguardu di l’ochju, da u sonu di a voce, da a cundizione mentale di u dubbitu o da quellu chì agisce. cun fiducia pò esse vedutu.

U dubbitu hè a cosa scura è indefinita cù quale a mente pugna è diventa forte quant'è a supera. A cunniscenza vene o hè cultivata cum'è u dubbitu hè guadagnatu, ma u dubbitu hè superatu solu da a cunniscenza. Cumu duveremu da superare e dubbie?

U dubbitu hè guadagnatu da una decisione fiduciale seguita da l'azzioni chì a decisione indica. L'esame per quale hè u più preferitu di dui sughjetti o cose ùn hè micca a fiducia ceca di l'azzione ignurante, è ùn hè micca dubbitu, anche se u dubbiu entre è prevalerà quandu a mente si rifiuta di decide in favori d'unu. U dubbitu ùn mai decide; sempre interferiscenu è prevene decisione. S'ellu si superaria u dubbiu, riguardu à a scelta trà dui oggetti, o à a decisione di qualsiasi questione, duverebbe, dopu à una attenta cunsiderazione di a quistione, decide è agisce in cunsiquenza, senza dubbiu o teme di u risultatu. Sì unu cusì decisu è agitatu hà avutu pocu sperienza a so decisione è l'azzione ponu rivede chì sò sbagliate è, in fattu, in tali casu, generalmente hè sbagliatu. Tuttavia, deve cuntinuà à esaminà u sughjettu o quistione seguente è decide è agisce secondu a so decisione, senza teme. Questa decisione è l'azzione si deve piglià dopu un esame accuratu di l'errore fattu in a decisione è azione sbagliati precedenti. Chjappà ind'u dubbitu indecisivu dopu à l'azzioni chì s'hè dimustratu sbagliatu, anche si era credutu d'esse ghjustu à questu tempu, hè un ritornu in a mente è impedisce u crescita. Unu deve ricunnosce u so sbagliu, ricunnosce lu è corregge ellu continuendu à agisce. U so sbagliu puderia beneficià da ellu permettendu di vede per ellu.

Per decisione è azione cuntinuate, una ricunniscenza di i nostri sbagli è un impegnu seriu à ricunnosce è curreghje, unu hà da risolve u misteru di una bona azione. Un amparà à decide è agisce è risolverà u misteru di l'azione ghjusta da una fede ferma è a so credenza chì hè in essenza un cù a Mente Universale o Diu, attraversu a so individualità, a mente umana più alta o divina, è chì a so vera cunuscenza essendu vene da quella fonte è illuminarà u so pensamentu. S'ellu si riflette annantu à questu pensamentu, u tenne sempre in mente, decide cun ellu in mente è agisce secondu a decisione, apprendrà in assai tempu a decisione di prudenza è à agisce ghjustamente, è attraversu un giudiziu ghjustu è azzione ghjustu vene. in l'eredità di a cunniscenza chì hè lassata da u so babbu di u diu, da quandu hà guadagnatu.