The Word Foundation

Fearlessness, sincerità, assiduità in devozione, generosità, autrastruzione, pietà, e almsgivings, studiu, mortificazione, è rettitù; inoffensione, veracità, è libertà da l'ira, a dimissioni, l'equanimità, è micca parlendu di i difetti di l'altri, a cumpassione universale, a pudore, è a dulcezza; pacienza, putenza, fortezza, è purezza, discrezione, dignità, irragionevule è libertà di cuncepimentu - quessi sò i segni d'ellu chì e so virtù sò di un carattere divinu, u figliolu di Bharata.

-Bhagavad-Gita. ch. xvi

THE

PARMA

Vol. 1 DECEMBRE, 1904. N ° 3

Copyright, 1904, da HW PERCIVAL.

CHRISTU.

U vintisimu ghjornu di Dicembre, u sole, chì i ghjorni sò diventati più brevi da u XXI ghjornu di ghjugnu, cumencia u solstiziu d'invernu, in u signu capricornu, u decimu signu di u zodiacu. I trè ghjorni dopu sò stati cunsacrati da l'antichi à i riti religiosi. A mezanotte di u XXI quartu, chì hè u principiu di u XXI, cume a custellazione chjamata Vergine Celectiale o Virgo, u sestu signu di u zodiacu, si alzò sopra à l'orizzonte, cantavanu canzoni di ludari è era tandu. hà annunziatu chì u Diu di u ghjornu era natu; ch'ellu avissi da esse u Sarvatore di u mondu da a bughjura, a miseria è a morte. U vintisimu di dicembre, i Rumani anu fattu un festival di gioia - u so festival solariu - in onore di a nascita di u Diu di u ghjornu, è i partiti à u circus accuminciavanu in mezzo da una bella gioia.

Stu Diu di u ghjornu, u Salvadore di u mondu, era u zitellu di quale a vergine Isis si chjamava sè a mamma in quella inscription in u Tempiu di Saïs chì hà dichjaratu: "U fruttu ch'e aghju natu hè u Sun". Questa stagione (Natale -tide) hè stata celebrata micca solu da i Rumani, ma da l'antichi di tutti i tempi, quandu l'Immaculata Vergine-a Natura - Isis – Maya – Mare – Maria hè stata dettu chì hà natu à u sole di a Ghjustizia, u Diu di u ghjornu, u Salvadore di u mondu.

U paese di nascita hè discrittu di manera diversa da i diversi populi. L'egiziani parlanu di questu cum'è una grotta o un caskettu, i Persiani dicianu chì era una grotta, i Cristiani dicenu chì era un manghjatore. Tuttavia, in tutti i misteri, l'idea di ognunu era cunservata, perchè era da u santuariu o caverna sacra chì nascìu Iniziatu, u Twice Born, u Glorificatu, è era u so duvere di surtì in u mondu per predicà. è per insegnà è per a luce di a verità chì era in ellu di cunsulà u dulore è u disturbatu; guarì i malati è i coci, è à salvà u pòpulu da a bughjura di a morte di l'ignuranza.

Appenatu in u cummercialisimu, a scolastica, è u materialisimu di a teologia, u mondu face luce di queste credenze antiche.

U soli hè un simbulu di u Cristu, u sole centrale, spirituale è Invisibile, chì a so presenza in u corpu hè di salvallu da a dissoluzione è a morte. I pianeti sò i principii chì chjamanu esistenza l'apparenza di u corpu visibule cum'è l'universu fisicu, è mentre stu corpu o universu fisicu durà u Sun Spirituale farà sente a so prisenza. I fenomeni solari eranu, dunque, indicativi di i tempi è di e stagioni quandu stu principiu Cristu puderia manifestà megliu à a cuscenza di l'omu; è a stagione di Natale era unu di i tempi impurtanti quandu i riti sacri eranu realizati in i Misteri.

Nimu chì hà datu à u sugettu alcun penseru ùn pò riesce à vede u fattu chì a storia di a natività sia di Ghjesù, Zoroaster, Buddha, Krishna, Horus, Erculu, o qualsiasi di i Salvatori di u mondu, hè a storia caracteristica è descriptiva. di u viaghju di u sole à traversu i dodici segni di u zodiacu. Cum'è in u viaghju di u sole, cusì hè cun ogni Salvatore: hè natu, perseguitatu, predica u Vangelu di a salvezza, aumenta a putenza è a putenza, cunfortu, guarisce, anima è illumina u mondu, hè crucifissu, mori è enterratu , per esse rinvivitu è ​​risurrezzione in a so putenza è u putere è a gloria. Negà stu fattu hè di proclamà a nostra propria ignuranza o di dichjarà noi intoleranti è grossi.

"Ma", si lamenta u sectariu nervosamente è temurosu, "si deve ammette chì era un fattu chì ferà a mo speranza è a prumessa di redenzione è salvezza." "Ammetta questu", dice l'esultante seguitore di u materialisimu chì ùn vede micca u core di quellu chì ellu hè cunsideratu cum'è u so avversariu, è micca pensendu à u dolore chì sta dannu è a speranza chì sta rimuove da quellu credente, "ammette quessu è pronunciete a condanna di tutte e sette è religioni. Scurciaranu è spariscenu cum'è sarà un campu di neve sottu u sole scintillante. "

À i dui, settoi è materialisti, rispondemu: Hè più nobile di ammetta a verità, ancu s'ellu deve fà rimuvà i feticci è l'idoli chì avemu custruitu trà a luce è noi, è da lasciarci nudi, ch'è da continuà à crede in un mondu di bughjone sgrossatu da mostri invisibili. Ma qualchissia fase di a verità hè dichjarata da u religiosu è da u seguitore di u materialisimu. Ogni hè, però, un estremistu; ognunu pensa chì u so duvere di cunvince à cunvince l'altru di u so errore è di cunvertisce a so propria cridenza. Ci hè un terrenu mutuu per elli. Sì ognunu si mette in u locu di l'altru, averà truvatu quellu chì manca à cumpiendu a so fede, l'altru hà.

U cristianu ùn hà micca bisognu di teme ch'ellu perderà a so religione si deve accettà fatti. I materialisti ùn anu micca a paura di perde i so fatti se ellu accetta a religione. Nunda chì vale a pena guardà si pò perde da quellu chì veramente cerca a verità. E se a verità hè veramente l'ughjettu di a ricerca di l'omu di a religione è l'omu di fatti allora chì ci pò allora caccià da l'altru?

Se u religiosu ricunnoscerà i fatti duri di u materialistu, distrugeranu u so celu cù e so porte perliose intornu à l'idoli ch ellu hà sbulicatu, dissiparanu le nuvole sempre simili a nuvola di e so passioni sopravvalutate, è calmarà i spiritu turbolti. in un infernu, i cui fughji stanu brusgiendu quelli nemici chì ùn avissenu micca accettà a so fede è seguità e duttrine chì cridì. Dopu avè sguassatu l'irrealità, hà da truvà chì dopu à l'incendiamentu di l'idoli è di e rossi, ci hè una presenza viva chì ùn pò micca esse descritta da u cincelu o di a spazzola musicale.

Se u materialistu si mette in u locu di u sinceru religiosu, truverà chì in ellu nasce un potere, una luce, un focu, chì li permette di assumisce responsabilità, di svolge i so duveri, di insulà a machina di a natura. è capì i principii à mezu à stu meccanisimu, per brusgiare i preghjudizi è l'orgogliu di i so fatti friddi, duri, è per trasfurmassi in e manifestazioni di vestimenti è tistimonii di a verità di u spiritu di sempre.

Per ammettà chì a vita di Cristu hè un duplicatu di a viaghju di u sole, ùn significa micca chì u cristianu hà bisognu à esse un semplice astronomu, abbandona u so Cristu è diventa apostatu. Nisunu u cristianu o u credente in alcuna altra religione ùn hà dirittu à arriccà u mercatu nantu à a salvezza d'anime, formanu una fiducia è u monopoliu di u so schema religioso è pruvate à sdattà a salvezza à un mondu affamatu obligendu à cumprà a so vendita.

Rompe e barriere! Luntanu cù tutte e fiducia chì spinghianu a luce universale! Tutti i piani si bagnanu à a luce di un sole, è e so figliole participanu à a maiò parte di a so luce chì ponu. Nisuna razza o persone ponu monopolizà sta luce. Tutti ricunnosce chì u sole hè u listessu per tutti. Ma u sole si vede solu à l'ochji fisichi. Calda u corpu fisicu è infuse a vita in tutte e cose animate.

Ci hè un altru, un Invisibili Sun, di quale u nostru sole hè ma u simbulu. Nuddu pò vedà u ​​Sun Invisible è ferma mortale. Per questa luce a cuscenza di u materiale hè trasmessa à a cuscenza di u spirituale. Questu hè u Cristu chì salva da l'ignuranza è a morte, quellu chì accetta principalmente è rende finalmente a luce.

E persone sò avà suficientemente illuminate in a scienza di l'astronumia per sapè chì u sole rende i so uffizii micca per alcun sacrificiu è preghiera chì una razza degenerata o ignurante puderia offre, ma in ubbidenza à u dirittu còsmicu. Secondu sta legge tutti l'altri corpi in u spaziu funzionanu in armunia. I prufessori chì apariscenu da u tempu à u mondu sò simpliciamente i servitori di sta lege chì hè oltre a capiscitura di una mente finita.

U semplice fattu chì semu nati in una famiglia di a fede cristiana ùn ci dà u dirittu di chjamà noi stessu cristiani. Nè avemu ancu un monopoliu o qualsiasi dirittu o privilegiu speciale in Cristu. Avemu u dirittu di parlà di noi stessi cum'è cristiani solu quandu u spiritu di Cristu, chì hè u principiu di Cristu, si dichjarate per mezu di noi in u pensamentu è a parolla è l'azzioni. Si annuncia, ùn hè micca annunziatu. Sapemu chì ùn hè micca di u sensu, ma l'avemu, sintemu è toccu, perchè penetra, penetra è sustene tutte e cose. Hè quantunque vicinu à quandu hè luntanu. Sostene è eleva è quandu simu in u fondu ci hè da elevà noi. Ùn si pò scrivendu si prisenta in tutti i boni penseri è atti. Hè a fede di u forte, l'amore di a cumpassione, è u silenziu di i saggi. Hè u spiritu di u pirdunu, u promittente in tutti l'atti di disinteressu, misericordia è ghjustizia, è in tutti l'esseri hè u Principiu intelligente, unificatore.

Cume tutte e cose in l'universu funzionanu armoniosamente è secondu una legge cumuna, e cose chì a vita portemu stanu furmendu à un scopu. Quandu perdemu a vista di u principiu sottumessu, e cose da a superficia pare chì tutte l'apparenze sò in cunfusione. Ma nantu à u ritornu à u principiu capiscenu l'effetti.

Ùn simu, cume noi fantasia, campà in un mondu di a realtà. Dormemu in un mondu di ombre. U nostru slumber hè ora allora eccitatu o disturbatu da qualchì sognu o incubu causatu da cambiante ombre. E l'anima ùn pò micca sempre dorme. Ci vole à esse un svegliu à a terra di l'ombra. A volte qualchì messageru vene, è cun un putente toccu, ci prupone svegliu è impegnà in u nostru travagliu in a vita vera. L'anima cusì stanchjata pò svegliari è realizà i so duveri o, incantata da l'incantesimu di i so sonnii, pò riturnà à a terra di l'ombra è di slumber. Si slumb on and dream. Eppuru i so sònnii saranu disturbati da u ricordu di u so svegliu finu à chì l'ombre seranu conspiranu per forzelu in u so regnu, è poi, cù u dulore è u tremulu, hà da inizià u so travagliu. U duvere cumminciatu per u travagliu hè un travagliu di u travagliu è persegue l'anima à e lezioni chì i devini insegnanu. U duvere di bona vuluntà hè un travagliu d'amore è revela à l'interpretatore a verità di a lezione chì porta.

Ogni umanu hè un messageru, un figliolu di u Sun Invisibile, un Salvadore di u mondu à traversu quale u principiu di Cristu brilla, finu à chì ellu capisce è rializeghja a cuscenza di sempre in u so internu. Da unu chì hè cunuscente di questa Cuscenza pudemu avè u veru rigalu di Natale se questu hè ciò chì cercemu. A Presenza di Natale hè l'entrata chì porta à a vita eterna invinente. Questa Presenza pò vene mentre simu sempre in ombrezza. Svegliarà u sonnu da i so sònnii è da permette à ellu di ùn esse teme di l'ombra circundante. Sapendu u tonu à esse ombre ùn hè micca paura quand'elli parenu apprufundiscenu è abbattitu.