The Word Foundation

Prima chì l'Anima possa vede, l'armunia dentru hè stata uttene, è l'ochji carnali ponu esse ceci à tutte l'illusione.

Sta terra, Discepulu, hè u Salone di u Dolore, induve si trovani lungo a strada di probazioni dirette, trappule per incarnà u vostru Ego da u deliriu chjamatu "Grande Eresia (Separazione").)

—Volizione di u Silenziu.

THE

PARMA

Vol. 1 FEBBRAI, 1905. N ° 5

Copyright, 1905, da HW PERCIVAL.

GLAMORE.

L'ànima hè un eterna pellegrinaghju, da u passatu eternu, è oltre, in u futuru immortale. In a so più alta cuscenza l'anima hè permanente, mudificabile, eterna.

Accugliendu à arrestà l'anima in i so duminii, a natura hà furnitu à u so invitatu immortale parechje vestite variate chì hà abituamente misurate in un corpu. Hè per mezu di stu corpu chì a natura hè capace di scaccià u so glamour sopra l'anima è di sbulicà u cumprinziu. I sensi sò i baggi magichi chì a natura maneghja.

U glamour hè l'incantu magicu chì a natura deriva di l'anima. Glamour fa attrarà fantasmi di parechji culori, per attrarre, scintillante tonalità di melodia per incantà, u soffiu fragrante di profumi per allure, provoca piacè dolci chì gratificanu l'appetiti è stimulanu u gustu, è u dolce toccu rendente chì inizia u sangue a trottulare attraverso il corpo. è intretene a mente.

Cume naturalmente l'anima hè guastata. Cume prontamente rinfriscata. Cumu innocentemente hè incantatu. Cume facilmente una rete di irrealità si gira annantu. A natura sà bè cumu tene lu so 'ospiti. Quandu un ghjoculu cessa di divertisce, un altru hè astuamente prupostu da chì l'anima hè guidata sempre più profonda in e maglie di vita. Continua à esse amusatu, occupatu è divertitu in una ronda cuntinua di cambià, è scurdeghja a dignità è u putere di a so presenza è a simplicità di l'essere.

Mentre prighjunatu in u corpu l'anima si sveglia gradualmente à a cuscenza di sè stessu. Cunniscendu ch'ella hè stata sott'à l'incantesimu di l'incantesima, apprezzendu u putere di i so bagni è capendu u so disegnu è i so metudi, l'anima hè capacita per preparà contr'à e frustrà i so dispositi. Si tempera e diventa immune contro la magia di i bagni.

U talismanu di l'anima chì romperà l'incantu di l'incantesimo hè a cunuscenza chì allora o in qualunque condizione, Hè permanente, immutabile, immortale, per quessa ùn pò esse ligatu, feritu, nè distruttu.

U glamur di u bagu di u toccu hè sintimentu. Hè u primu è l'ultimu chì deve esse superatu. Porta l’anima sott’à a variazione di tutte e sensazioni. L'aperture attraversu quale funziona a natura sò a pelle è tutti l'organi di u corpu. Questu sensu hà e so radiche profundamente assestate in u misteru di u sessu. In a meravigliosa statua di Laocoon, Phidias hà ritrattu l'anima chì si sbatte in e bobine di u serpente chì hè statu purtatu da u magliu di a bacca. Fighjendu fermu u talismanu, u serpente cumencia à sbulicà.

Un altru di i modi per quale l'incantesima schiava hè a lingua, u palatu è l'appetite di u corpu, chì venenu sottu à l'incantu di a bagna di u gustu. Fighjendu u talismanu l'anima face u corpu immune à l'intoxicazione di u gustu, è permette solu ciò chì ferà u corpu in salute è esse abbastanza per i so bisogni. A bacca di gustu poi perde u so glamour è u corpu riceve quellu alimentu chì u gustu internu furnisce solu.

Per l'usu di a magia di l'odore a natura afecta à l'anima attraversu l'organu di l'odore, è dunque sconfigisce u cervellu in quantu à permette à l'altri sensi di arrubà a mente. Ma fighjendu u talismanu, l'influenza di l'incantu hè rota è invece chì l'omu sia affettatu da u fragranciu di a natura, u soffiu di a vita hè trattu.

A traversu l'arechja l'ànima hè affettata da u sensu di u sonu. Quandu a natura guverna sta bacca l'anima hè incantata è arrabbiata finu à chì u talismanu hè vistu. Allora a musica di u mondu perde u so incantu. Quandu l'ànima sente l'armunia di u so propiu movimentu, tuttu l'altru sonu diventa rumore è questa bacca magica di a natura hè sempre rotta.

Oltre l'ochji a natura tira un glamour cù u toccu di a so bagna di vista. Ma cun un sguardu fermu à u talismanu sparisce u glamour, è u culore è a forma diventanu u fondu nantu à u quale hè percepitu u propiu riflessu di l'anima. Quandu l'ànima percepisce a so riflessione nantu à a faccia è in a prufundità di a natura cuntempla a vera bellezza è hè iniziatu cù una nova forza.

A lotta di i bagaglii da a natura porta à l'anima duie altre bacche: a cunniscenza di a relazione di tutte e cose, è a cunniscenza chì tutte e cose sò Una. Con questi vaghi l'anima finisce u so viaghju. Ùn hè micca un pessimisimu per fighjà l'illusioni di a vita se fattu per u scopu di capisce i so inganni è u glamuru di u mondu. Fussi tuttu ciò chì si pudia vede i vapori è a bughjura seria veramente impenseribile.

Hè necessariu chì quellu chì cerca u reale sia prima insatisfattutu di tuttu ciò chì ùn hè micca reale, perchè quandu l'ànima percepisce u reale in a vita deve esse capace di distinguerà l'irreal.

Quandu a mente hè cunfinata è cuntrullata da l'azzioni di i sensi, u glamour hè produttu è e facultati di l'anima sò abortute. Sò cusì in esistenza i vici: a scena di còllera, odiu, invidia, vanità, orgogliu, avidità è lussuria: i serpenti in i bobini di quale scrive l'anima.

A vita umana ordinaria hè una seria di scossi da a zitiddia à a vechja età. Per ogni scossa u velu di glamore hè perforatu è rinuvatu. Per un mumentu a verità si vede. Ma ùn pò micca esse fendu. A nebbia si chjude dinò. E strane, sti scossa sò à u stessu tempu purtate da i assai dolori è di e delizie chì ci pruducenu. U mortale cuntinueghja à flottà à longu à u flussu di u tempu, purtatu induv'u un passu, svoltendu in un fucile di u pensamentu, sgrossatu nantu à e rocce di disgrazia o sottumessu in u dulore è a disperazione, per risuscitassi è purtatu attraversu l'abbandono di a morte. oceanu scunnisciutu, u Difende, duve si vanu tutte e cose chì nascenu. Dunque un'altra volta l'anima hè sbatta da a vita.

U corpu in i tempi hè statu accettatu cum'è u revelatore di i misteri di stu mondu incantatu. L'uggettu di a vita era di capisce è realizà ogni rivelazione in turnu: dissipà u glamore di l'incantesimo da a cuscenza di l'ànima: fà u travagliu di u mumentu, chì l'anima puderia cuntinuvà à u so viaghju. Cù sta cunniscenza l'anima hà a cuscenza di tranquillità è di pace in mezzu à un mondu di glamour.