The Word Foundation

Cosa hè cunuscente senza i sensi hè eu.

- U Zodiac

THE

PARMA

Vol. 5 LULU, 1907. N ° 4

Copyright, 1907, da HW PERCIVAL.

I À I SENSI.

SMELLU E TASTAMU è sentimu è vedemu è sentimu; noi vivemu in i sensi, agiscenu cù i sensi, pensemu à traversu i sensi è ci identifichiamu spessu cù i sensi, ma raramenti o mai ùn ne interrugemu l'origine di i nostri sensi, nè cume l'occupante li abita. Soffremu è piacè, strivemu è schiavmu per alimentà è gratificà i sensi; pensemu è pensemu è travagliammu per u conseguimentu di i nostri ambizioni senza capisce chì queste ambizioni sò tutte cunnesse cù i sensi è chì simu i so servitori. Creemu ideali chì sò basati in percepzioni sensuali. L'ideali diventanu idoli è noi idolaturi. A nostra religione hè una religione di i sensi, di i sensi i nostri dii. Criamu o selezziunate a nostra divinità secondu i dittati di i nostri sensi. L'abbandunemu cù l'attributi di u sensu, è venerà devuamente attraversamente e via di i nostri sensi. Semu educati è cultivati ​​secondu a nostra capacità è à l'illuminazione di l'età chì vivemu; ma a nostra cultura è l'educazione hè per u scopu di rende omaggiu è omagiu à i nostri sensi in modu artisticu è esteticu, è secondu i metudi scientifichi. A nostra scienza hè una scienza di i sensi. Pruvamu di dimustrà chì l'idee sò solu forme sensuali è chì i numeri sò figuri inventate per a cunvenzione di cuntà è esse aduprate per ottene u cunfortu è u piacè di i sensi in l'età in chì vivemu.

Lassatu à i sensi duvemu esse circuscrittu è chjusu da u mondu di i nostri sensi; duvemu nutriscia, agisce, campà è mori cum'è animali in u mondu di i nostri sensi. Ma ci hè u "Eu" chì stà in l'abitazione di i sensi - da quale i sensi dependenu di a so sensibilità - è anche se i sensi sò i so maestri attuali, ci sarà un ghjornu quandu u "I" svegliarà da u so stupore. è hà da spuntà è scaccià e catene di i sensi. Finisce u so mandatu di schiavitù è di rivindicà i so diritti divini. A luce chì li irradia dissiperà i puteri di a bughjura è dissiparà u glamore di i sensi chì l'anu cacciatu è l'abbandunò in u scurdamentu di a so origine divina. Si ferma silenziu, sottumette, disciplina, è sviluppà i sensi in facultà superiori è diventeranu i so servitori disposti. Allora u "Eu" farà cum'è u rè divinu regnà cun ghjustizia, amore è saviezza annantu à l'universu di i sensi.

Allora u "I" cunnoscerà u regnu intornu è fora di i sensi, chì hè a fonte divina di tutte e cose, è serà participevule di a presenza ineffabile chì hè a Realtà Unica in tutte e cose, ma chì noi, mentre sò cecati da a nostra sensi, sò incapace di percive.

À l'iniziu di l'universu, una sustanza omogenea si distingue, è per mezu di u so attributu, dualità, si manifesta cum'è materia spirituale. Da e, cum'è a materia spirituale sò pruduciuti tutte e forze. Dunque entra in esistenza un universu senza forma. In u cursu di l'involuzione e forze pruducenu l'elementi cum'è e so veiculi. Ogni forza hà u so veiculu currispondente. Questu veiculu o elementu hè l'espressione più grossa di a forza. Hè u latu inversu di a so forza, propiu cum'è spiritu-materia è materia-spiritu sò i poli opposti di quellu chì era sustanza. Tutte e forze è l'elementi ùn si manifestanu micca in principiu, ma manifestanu solu cum'è è in u gradu in chì pruducenu e cundizioni per a manifestazione. Ci sò sette forze, cù i so veiculi currispondenti, sette elementi. Queste custituiscenu un universu in a so involuzione è a so evoluzione. U zodiacu mostra questa involuzione è evoluzione da i so sette segni da u cancer (♋︎) per via di a libra (♎︎) à u capricornu (♑︎). À u principiu di u primu periodu (round) di manifestazione, ma una forza si spressione è per mezu di u so elementu particulare. Questu elementu dopu serve cum'è mezzu per spressione di a seconda forza ancu cun u so secondu elementu. In ogni periodu (round) una forza addizionale è manifestu di elementi. U nostru universu attuale hà passatu per trè grandi periodi è hè ora in u quartu. I nostri corpi sò u risultatu di l'involuzione di e forze è i so elementi chì sò manifestati è si manifestanu. In u quartu periodu hè u puntu d'inviu da l'involuzione in evoluzione.

Per l'involuzione di l'elementi, sò corpi pruduciuti chì cuntattanu l'elementi è attraversu chì l'elementi operanu. L'elementi sò involutati in corpi è diventanu i sensi di u corpu urganizatu. I nostri sensi sò a cunghjunzione è a fusione di l'elementi in un corpu. Ogni sensu hè cunnessu cù a so parte particulare di u corpu chì parte hè u so organu è u centru particulare attraversu chì u sensu agisce nantu à u so elementu currispondente è attraversu chì l'elementu reagisce nantu à u sensu. Cusì sò stati implicati l'elementi di u focu, l'aria, l'acqua è a terra; È u quintu hè avà evolutu cum'è etere. A sesta è a sesta sensi sò ora, è sò sempri evoluti à traversu i so organi è centri currispondenti in u corpu. E forze chì operanu à traversu l'elementi di u focu, di l'aria, di l'acqua, di a terra è di l'etere sò luce, elettricità, a forza di l'acqua chì ùn hà ancu nome scientificu, magnetismo è sonu. I sensi currispondenti sò: vista (focu), uditu (aria), degustazione (acqua), odore (terra), è u toccu o sintimentu (etere). L'organi di questi elementi in a testa sò l'ochju, l'arechja, a lingua, u nasu è a pelle o labbra.

Questi elementi cù e so forze sò entità, ùn sò micca cose caòtiche. Sò riuniti è uniti per pruduce u corpu di l'omu cù i so sensi.

Quasi ogni forma animale hè dotata di cinque sensi, ma nimu in u stessu gradu cum'è l'omu. I sensi in l'animali sò guvernati è cuntrullati da i so elementi currispondenti, ma in l'omu "I" offre resistenza à tuttu u cuntrollu da l'elementi. I sensi in l'animali parevenu più attenu ch'è quelli di l'omu. Questu hè chì l'elementi ùn incontranu micca alcuna oppusizione quandu agiscenu nantu à l'animali, è per quessa l'animali hè guidatu più veramente da l'elementi. I sensi di l'animali sò simpricimenti cuscenti di i so elementi rispettivi, ma u "I" in l'omu interrugeghja l'azzioni di i so sensi mentre prova à relazzallu cun ellu stessu, è cusì esce a cunfusione apparente. A meno resistenza chì u "I" offre à i sensi in i quali si trova più, veramente, l'elementi guidanu i sensi, ma se l'elementi guidanu l'omu interamente per i so sensi, hè menu intelligente è menu responsabile. Quantu u più vicinu a natura umana vive, più prestu risponderà è sarà guidatu da a natura attraversu i so sensi. Eppuru chì l'omu primitivu pò vede è sente più luntanu è u so odore è u gustu sò più attenti à e linee naturali, ma ùn pò micca distinguerà trà colori è sfumaturi di culore, chì l'artista vede è apprezza à pocu pressu, nè ùn pò distingue a differenza di toni è armonie. chì u musicista sapi, nè hà u sapientu di u gustu chì l'epicure hà cultivatu o l'esperta sperimentata di u tè sviluppatu, nè hè capace di detectà a diffarenza è a quantità di l'odore chì si pò disciplinà u so sensu di l'odore.

L'omu sviluppa una sesta sensazione chì l'animali ùn anu micca. Questu hè u persunale o u sensu murale. U sensu morale principia à svegliatu in l'omu primitivu è diventa un fattore più dominante mentre l'omu si sviluppa in a ripruduzzione è l'educazione. L'elementu chì currisponde à questu sensu ùn pò micca esse perceciutu da l'omu ancu s'ellu hè presente, ma a forza chì ellu usa attraversu u sensu di a personalità è a morale hè pensata, è hè per u pensamentu chì si sveglia in i sensi di l'omu u so veru "I" chì hè u settimu sensu, u sensu di l'individualità, di capiscitura è di cunniscenza.

A storia passata di u nostru universu, di l'involuzione di l'elementi di a natura è di tutta a vita animale, hè rientrata in a furmazione di un corpu umanu. L'involuzione di l'elementi finisci à a nascita è l'evoluzione di i sensi cumencia. U sviluppu graduale di i sensi in e razze passate pò esse megliu studiatu da una osservazione attenta di l'omu, da a nascita à u sfondate cumpletu cum'è l'omu. Ma un mètudu sempre megliu è più sicuriu di amparà cumu si sviluppanu i sensi hè di vultà à u tempu di a nostra propria infanzione è di guardà l'evoluzione graduale di i nostri sensi è di u modu in quale avemu fattu usu di elli.

Un criaturu hè un ughjettu maravigliu; di tutte e cose vivente hè a più impotente. Tutti i putenzi di a terra sò chjamati per aiutà in a fabricazione di u corpu pocu; hè in verità una "Arca di Noè" in u quale si cuntene u paru di tutte e forme di vita è di ogni cosa. E bestie, l'acelli, i pesci, i rèptili è e sementi di tutta a vita sò tene in quellu universu wee. Ma, a diferenza di l'altra creazione animale, un zitellu hà bisognu di cura è prutezzione custanti durante parechji anni, postu chì ùn pò micca furnisce nè aiutà. A piccula criatura hè natu in u mondu senza l'usu di i so sensi; ma cù a facultà di fà si sente à l'arrivu è esigenza di l'attenzione.

À a nascita, u zitellu ùn hè micca pussessu di alcunu di i so sensi. Ùn pò nè vede, nè sente, nè tastà, nè sente, nè sente. Ci hà da amparà l'usu di ognuna di questi sensi, è a face gradualmente. Tutti i zitelli ùn amparà micca l'usu di i so sensi in u listessu ordine. Cù qualchì audizione vene prima; cù l'altri, videndu prima. In generale, però, l'infantu hè solu cuscente cum'è in un sognu indistintatu. Ogni sensu di u so sensu hè apertu cum'è un scossa, pruduttu da a veduta o à l'udienza per a prima volta, chì hè purtatu da a so mamma o qualchì presente. L'uggetti sò sfucati à l'ochju di u zitellu, è ùn ponu in nunda vede distintamente. A voce di a so mamma hè intesa solu cum'è un zumbatu o un altru noise chì eccite ​​u so organu d'udienza. Hè incapace di distingue l'odori è ùn pò micca tastà. A nutritura pigliata hè da a pronta di e cellule di u corpu, chì sò simpliciamente bocche è stomacu, è ùn pò micca sentu senza esattezza nè localizà alcuna parte di u so corpu. À u primu tempu ùn pò micca chjude e mani nantu à qualsiasi oggetti, è prova di nutriscia cù i so pugni. Chì ùn pò vede serà osservatu da a so incapacità di focalizà l'ochji nantu à qualsiasi oggettu datu. A mamma l'hà da insignà à vede è à sente, mentre a insegna à piglià l'alimentazione. À mezu à parolle è gesti ripetuti ella prova à attira a so attenzione. Cù pacienza a mamma si ne vede ind'i so ochji intrecciati per un sguardu di ricunniscenza, è settimane o mesi passanu prima chì u so core sia gladdutu da un sorrisu intelligente. Quandu a prima volta hè capace di detectà u sonu move i so membrani rapidamente, ma hè incapaci di localizà u sonu. Di solitu cù u locu di u sonu vene u sensu di a vista quandu qualchì oggettu luminoso hè spustatu davanti à l'ochji o a so attinzione hè attrata da qualchì ughjettu. L'observatore attente chì hà seguitu à u sviluppu di qualsiasi infantile ùn pò micca sminticà per capisce per i so azzioni quandu unu di sti sensi hè adupratu bè. Se u tonu usatu in parlendu hè leve è piacevule sorrierà, se duru è arraggiatu urlarà di timore. U tempu quandu vede prima un oggettu pò esse ricunnisciutu da l'aspettu di ricunniscenza currispondente chì l'ughjettu eccite. À questu momentu l'ochji seranu vistu fucalizà bè; in altri tempi ch'ella vede chì l'ochji sò fora di focu. Puderemu pruvà à u zitellu in quantu vede è sente cun unu di i ghjoculi preferiti, un canzone. Sciacquamu u sonu è u zitellu a sente ma ùn vede, allargerà e mani in ogni direzione è pate violentu, chì pò esse o pò micca in a direzzione di u sonnellu. Questa dipende di a so capacità di localizà u sonu. Se vede u sonu, subitu focalizà l'ochji nantu à u sonu è ghjunghje pè ellu. Hè ciò chì face o ùn vedi hè pruvatu movendu u rocchettu gradualmente à l'ochji è ripiglià dinò. Se ùn vede micca, l'ochji anu prisentatu un sguardu in biancu. Ma s'ellu vede si cambianu in u so focu secondu a vicinanza o a distanza à u cancellu.

U gustu hè u prossimu sensu sviluppatu. À u primu, u criaturu ùn hè micca capace di mostrà a so preferenza per l'acqua o u latte o u zuccheru o altre alimentu chì ùn in realtà ùn irrità o blister i cèl·luli di u corpu. Pigliarà tutte l'alimentariu, ma in u tempu mostra una preferenza per unu sopra l'altri, chiancennu per ella quandu u cibo particulare hè di colpu ritirata. Cusì, per esempiu, se un pezzu di caramella hè messu in bocca chiancerà se a caramella hè cacciata è ùn sarà micca cunsulata nè da u nipple nè da u latte. Ma a so attenzione pò esse alluntanata da u so sensu di u gustu batendu un trincu o ballu qualchì oggettu luminoso davanti à l'ochji. U sensu di l'odore hè rilevatu da l'observatore prisentendu certu odori, a preferenza per a quale serà mostrata da un sorrisu, un frunziu, o una cucciola di u zitellu.

A sensazione si sviluppa gradualmente è in proporzione à l'altri sensi. Ma u zitellu ùn hà ancu amparatu u valore di e distanze. Sbarcerà pè a luna o un muvillone di un arburu cun tanta fiducia quant'ellu duverà per u nasu di a mamma, o a barba di u babbu. Spessu si chiancerà perchè ùn pò micca capisce a luna o qualchì oggettu luntanu; ma pianu pianu apprende u valore di e distanze. Ùn, però, appruntate cusì prestu l'usu di i so organi, perchè pruvà à alimentà si cù i so pedi o u ghjuvellu o di qualsiasi ghjoculi. Sinò parechji anni passanu cessarà di pruvà à mette tuttu in contu di bocca.

I sensi sò in prima vita cuntrullata da l'elementi cum'è sò l'animali. Ma in questa prima ghjuventù i sensi ùn sò micca veramente sviluppati; perchè, sippuru ci sò produzzioni eccezzioni à a regula ordinaria, i sensi ùn cumincianu micca veramente à esse usatu cù l'intelligenza finu à l'età di a pubertà; poi principia l'usu veru di i sensi. Hè tandu chì u sensu morale, u sensu di a persunale principia, è tutti i sensi adopranu un significatu diversu in sta tappa di u so sviluppu.

Cumu ci sò forze chì operanu à traversu i so veiculi, l'elementi, cusì ci sò ancu i principii chì sò cunnessi cù è agiscenu attraversu i sensi è i so organi. À u principiu u primu elementu era u focu, u primu manifestu di forza era a luce chì operava attraversu u so veìculu è l'elementu, u focu. À l'iniziu di l'omu a luce cum'è un focu in l'universu hè in mente, chì, ancu s'è u so principiu hè in a forma più primitiva, cuntene in sè stessu i germi di tutte e cose da sviluppà è mette ancu u limitu per u so sviluppu. . U so sensu hè a vista è u so organu hè l'ochju, chì hè ancu u so simbulu.

Allora vene l'operazione di a forza, l'elettricità, per mezu di u so elementu l'aria. In l'omu u principiu currispondente hè a vita (prana), cù u so currispondente sensu di l'uditu, è l'arechja cum'è u so organu. A forza di "l'acqua" agisce attraversu u so elementu d'acqua, è hà cum'è a so corrispondenza u principiu di a forma (u corpu astrale o linga sharira), cù u so sensu, quellu di u gustu, è u so organu a lingua.

A forza di u magnetismu opera attraversu l'elementu terra, è hà u so principiu è u sensu currispondente in l'omu, u sessu (corpu fisicu, sthula sharira) è smelling, cù u nasu cum'è u so organu.

A forza di u sonu agisce attraversu u so etere di u veìculu. In l'omu u principiu currispondente hè a vulintà (kama) è u so sensu, cù a pelle è i labbra cum'è i so organi. Issi cinqui sensi sò cumuni à l'animali è à l'omu, allora, ma in diverse variate.

U sestu sensu hè u sensu chì distingue l'animali di l'omu. U sensu cumencia, sia in zitellu o in omu, cù u sensu di I-am-nessunità. In u zitellu hè dimustratu quandu u zitellu diventa ciò chì si chjama "cunuscenza di sè stessu". U zitellu naturali, cum'è l'animali naturale o l'omu naturale, ùn hè micca bellu riservatu in i so modi, è ùn hà micca paura è fidu di u so cumpurtamentu. Appena chì diventa conscientu di sè stessu, però, perde quella risposta naturale di i sensi à i so elementi esterni, è si senti stintu da u so sintimu di I.

In avè u sguardu à u passatu l'adultu ùn ricurdeghja i numerosi pignotti è vasetti chì a presenza di I hà causatu a so sensazioni. I più cunuscenza I hè di sè stessu, u dolore più pruvucarà à l'organizazione sensibile. Questu hè particularmente spressu da u zitellu o a zitella chì solu ghjunghje à l'adolescenza. Allora u sestu sensu, u sensu morale o u sensu di a persunale, hè evince perchè u I hè allora più cunnessu pusitivamente cù u corpu ch'è era statu prima. Hè in questu puntu chì u principiu di u pensamentu agisce attraversu u so sensu, u sensu morale o a persunalità. In questu sensu a personalità hè solu u riflessu di u I, a maschera di l'I, u falsu ego. L'I hè l'individualità o u principiu perfezionatu di a mente, chì currisponde à u sforzu iniziale di a mente per sprimesi per mezu di u so primu sensu, quellu di a vista, cù a forza corrispondente di a luce è u so elementu focu.

I sensi sò rapprisentati in u zodiacu. Se un diàmitru hè trattu da i segni cancru (♋︎) à u capricornu (♑︎), l'ochji in a testa sò nantu à a linea orizontale in u zodiacu chì divide a sfera in una parte superiore è bassa. A parti suprana di u zodiacu o a testa hè micca manifesta, mentre chì a mità inferiore di u zodiacu o di a testa hè a mità manifestata è manifestante. In questa mità manifestante inferiore ci sò sette aperture, chì indicanu sette centri, ma attraversu quali attualmente operanu solu cinque sensi.

I principi enumerati da Mme. Blavatsky in insegnamenti teosofichi sò, u corpu fisicu (sthula sharira), u corpu astrale (linga sharira), u principiu di vita (prana), u principiu di u desideriu (kama), a mente (manas). U principiu di a mente (manas) hè di Mme. Blavatsky hà dettu chì era u principiu individualizante, chì hè l'unicu di quelli citati da ella chì hè eternu, è u solu principiu indietrante chì si manifesta in l'omu. I principii superiori ùn sò micca manifesti, è per quessa sò rappresentati in a mità superiore di u zodiacu; ma, quant'è u principiu di mente hè quellu chì hè manifestu in l'universu è l'omu, i segni di u zodiacu mostranu a manera in quale stu principiu hè sviluppatu per via di cuntattu cù i principii transitori inferiori, in l'ordine naturale da l'involuzione à l'evoluzione. Cusì, per esempiu, u primu soffiu di mente, u cancer (♋︎), fructifica u germe di a vita, leo (♌︎), chì si sviluppa gradualmente in forma, virgo (♍︎), è chì a forma hè determinata da u so sessu è a nascita, libra (♎︎) U so sessu hè spressu cun u sviluppu di u principiu di u desideriu, scorpio (♏︎). Eccu finiscenu l'omu fisicu di l'animali unicu. Ma ci sò i sensi interni, cum'è a clarividenza è a clarità, chì currispondenu à vede è à sente. Quessi, cù e facultà di a mente, anu i so organi è centri di azzione in a mità superiore di a testa. A mente è e so facultà deve esse disciplinate è sviluppate prima chì i principii superiori (atma è buddhi) possinu diventà attivi.

L'omu principia u sestu sensu di a persunalità è a morale chì sia guidatu o guidatu da u pensamentu, sagittariu (♐︎). Cum'è u pensamentu diventa strettamente morale, è i sensi sò aduprati in e so funzioni propii è mette à l'usu ghjusti, u pensamentu cum'è personalità è una riflessione di u I vene in ligna cù u so reale I, l'individualità o a mente, chì hè u cumpletu di i sensi chjamendu in azzione u putere più altu di a mente. L'organu per quale hè riflettutu a persunalità è nantu à a quale cresce u sensu morale hè in sta classificazione rapprisentata da u corpu pituitariu. L'organu chì rapprisenta l'individualità, u capricornu (♑︎) hè a glándula pineale. Cum'è un organu u corpu pituitariu hè pusatu daretu à a mità è trà l'ochji. A glàndula pineale hè ligeramente à daretu è sopra. L'ochji simbolizanu questi dui organi chì si trovanu daretu.

Questi sensi di u nostru mentre agiscenu à traversu i centri o organi in a testa ùn sò micca solu accidenti, o casualità - evoluzione per l'ambiente. Sò i stazioni di riceve è quelli di l'operazione da quale u pensatore, l'omu, pò riceve struzzioni, è cuntrullà o dirette e forze è l'elementi di a natura. Eppuru ùn si deve suppone chì i segni di u Zodiacu sò a dittatura arbitraria di certu custellazioni in u celu. E custellazioni in u celu sò simbuli cumu sò i nostri proprii pianeti. I segni di u zodiacu rapprisentanu tante grandi classi o ordini. À u capu di ogni classa o ordine hè una intelligenza troppu sacra per fà più chè da parlà di noi. Da ogni tale grande intelligenza avanza gradualmente in prucessione ordinata tutte e forze è l'elementi chì custituiscenu u corpu di l'omu, è ognuna tali hà a so currispondenza in u corpu di l'omu cume dichjaratu.

I sensi sò distinti da u reale I è ùn ponu micca esse identificatu cù questu. Quand’ellu entra in cuntattu cù u corpu, i sensi l’illusionanu, l’intristiscenu, l’inchjiscenu è arricchianu un glamour d’incantesimu intornu à u quale ùn hè micca bellu capace di superà. Sò ùn sò micca percepitu da i sensi; hè intangible è impalpabile. Cumu vene in u mondu è hè assuciatu cù i sensi s'identifica cù qualcunu o tutti i sensi, perchè hè in u mondu fisicu di e forme in chì ùn ci hè nunda chì l'avete da ricurdà, è ùn hè micca finu à longu tempu. u patimentu è parechji viaghji chì cumencia à identificà si cum'è distinti da i sensi. Ma in u so assai sforzu di distingue si, à u primu tempu diventa ancu più innamuratu è ingannatu.

In u statu di u zitellu o di l'omu primitivu hà avutu l'usu naturale di i so sensi, ma cun tali ùn pudia micca discernà. Per mezu di a cultivazione è di l'educazione, i sensi sò stati purtati à un livellu più altu di sviluppu. Questu hè rapprisentatu da e diverse rame di l'arti. Cumu, per esempiu, u scultore cuncepisce più chjaru a forma è a proporzione è molda l'argilla di plastica o sculleghja u marmo solidu in forme apprussimatiche di a bellezza chì a so mente cuncepisce. L'artista cù u sensu di u culore antrena u so ochju per vede è u so principiu di pensà per cuncepisce a bellezza micca solu in forma ma in culore. Ellu detecta diffirenzi in sfumature è toni di culore chì l'omu ordinariu ùn mancu cuncepisce, è l'omu o u zitellu primitivu vede solu cum'è un splash di culore chì cuntrasta cù un altru splash. Ancu l'omu di l'educazione ordinariu in guardà una faccia vede solu u cuntornu, è pigghia l'impressione generale di u culore è e caratteristiche. Da un'inspezione più vicina vede quellu chì ùn pò micca chjamà cum'è qualsiasi ombra particulare di culore; ma l'artistu ùn solu subitu una impressione generale di u culore, ma ellu pò inspecciona per detectà parechje sfumature di culore nantu à a pelle chì ùn sò ancu sospettati di esse presente da l'omu ordinariu. A bellezza di un paisaghju o una figura esecutata da un grande artistu ùn sò micca apprezzati da l'omu ordinariu, è vistu solu da da l'omu primitivu o omu da u zitellu. Un animali sia mancu rispettu di u culore, o altru hè solu eccitatu da ellu. U zitellu o l'omu primitivu deve esse entrenatu currettamente per capisce l'idea di sfumaturi di culore è di a perspettiva in un quadru. À u primu quadru pare solu una superficia plana chì hè chjara o scura in certe parti, ma gradualmente a mente apprezza a prima parte è u sfondate cù l'ughjetti è l'atmosfera intervenendu, è mentre amparà à apprezzà u culore chì vede u mondu sfarente. . U zitellu o l'omu primitivu ricunnosce solu un sonu per via di u sentimentu o l'emozione chì pruduce. Dopu si distingue entre un rumore discordante è una melodìa simplice. Più tardi pò esse furmatu per apprezzà i soni più cumplessi, ma solu u musicista veru hè capace di distinguerà è apprezzà a discordia da l'armunia in una grande sinfonia.

Ma u glamour chì risultatu da a cultivazione di i sensi li vince ancu più vicinu à i sensi, è u facenu più schiavu cà oghje. Da u so servitore ubbidiente in l'ignuranza, diventa u so fideli schiavu cù a cultura, anche se per l'educazione è a cultura s'avvicina à u tempu di u svegliu.

Ciascunu di i cinque sensi hè altu o bassu secondu l'usu chì hè fattu da a parsunalità. A civilisazione è l'educazione tendenu à vintu l'I à i sensi, sempre chì l'I è e facultà di ragiunamentu si applicanu à i fini materiali è l'I sò attaccati à u mondu è à ciò chì cuncepisce erroneamente per esse e so prupietà. Pèrdite, miseria, dolore, malatie, tristezza, prublemi di ogni tipu, tiranu a volta à ellu stessu è alluntanendu i so opposti chì attruvenu e illudianu l'I. Quandu l'I, hè abbastanza forte, cumencia à discutiri cun sè stessu stessu. Allora hè pussibule per amparà u significatu è l'usu veru di i sensi. Aprenu dopu chì ùn hè micca di stu mondu, chì hè messageria cù a missione in stu mondu. Chì prima di pudè dà u so messagiu è eseguisce a so missione, deve cunnosce i sensi, cume sò veramente, è aduprà cumu si deve esse usatu invece di esse ingannati è cuntrullati da elli.

Amparate chì i sensi sò veramente l'interpretenti di l'universu à questu, l'I, è cum'è tali deve esse dati l'audienza, ma chì u I deve amparà a so lingua di interpretazione, è l'utilizanu cum'è tali. Invece di esse guastatu da a so influenza, l'amparà chì solu da u cuntrollu di i sensi hè capace di interpretà l'universu attraversu, è chì per u so cuntrollu, questu, I, svolge un duvendu dendu forma à l'informati. è aiutendu à a materia in i so processi involucionarii è evolutivi. Allora mi ampara ancu di più chì in daretu è sopra l'elementi à quale parla per i so sensi ci sò intelligenze e presenze cù e quali puderà cumunicà per mezu di e facultati novi è inutilizate chì esistenu è sò acquistate da l'usu è u cuntrollu di u so fisicu. sensi. Cumu sò sviluppate e facultà superiore (cum'è a percezione è a discriminazione), piglianu u locu di i sensi fisichi.

Ma cumu hè u me per diventà cuscente di mè è cunniscendu stessu? U prucessu per quessa pò esse fattu hè semplicemente dichjaratu, anche se per parechji pò esse difficiule di realizazione. U prucessu hè un prucessu mentale è hè u prucessu di eliminazione. Ùn pò micca esse fattu subitu, ancu se hè u pussibule se i sforzi sò continuati.

Chì quellu chì averia riesciutu à l'eliminazione di i sensi esse pusatu tranquillamente è chjude l'ochji. Immediatamente ci rientranu in a so mente i pinsamenti di tutte e cose relative à i sensi. Chì simpricamente principià l'eliminazione di unu di i sensi, dite chì l'odore. Allora lasciassi tagliate u sensu di u gustu, in modu chì ùn hè micca cusciente di qualcosa chì puderà odore o gustu. Chì cuntinueghja eliminendu u sensu di a vista, vale à dì ch'ellu ùn sarà micca cuscente in u pensamentu da qualsiasi mezzu di forma o di culore. Elimina ancu di più u sensu di l'uditu, allora ch'ellu sia conscientu di mancu di u sonu nè di u sonu, nè mancu u rumore à l'arechja, o a circulazione di u sangue per u corpu. Lasciammu allora cuntinuà à eliminà tuttu u sensu di u sintimu in modu chì ùn hè micca cuscente di u so corpu. Ci sarà cuncepitu avà chì ùn ci hè nè luce nè culore è chì nunda di l'universu ùn si pò vede, chì u sensu di u gustu hè persu, u sensu di l'odore hè persu, chì nunda di l'universu pò esse intesu, è chì ci hè senza sensu di sente qualcosa.

Si dice chì unu da quale u sensu di vista, di sente, di degustà, d'odore è di sintimentu hè tagliatu ùn hà esistenza, ch'ellu hè mortu. Questu hè veru. In quellu mumentu hè mortu, è ùn esiste micca, ma in u locu di l'esistenza hà quellu chì hè, è invece di avè una vita sensuali, ellu hè.

Quellu chì resta cuscente dopu chì i sensi sò stati eliminati hè I. In quellu breve tempu di u tempu l'omu hè illuminatu in Cuscenza. Hà a cunniscenza di l'I cum'è I, distinta da i sensi. Questu ùn durà micca longu. Serà di novu in cuscenza di i sensi, in i sensi, à traversu i sensi, ma li cunnoscerà per ciò chì sò, è ellu hà purtatu cun ellu a memoria di u so essere veru. Pò poi travaglià cun è attraversu i sensi versu u tempu quandu ellu ùn sarà più u so schiavu, ma serà ellu stessu sempre, sarà sempre ellu in a relazione curretta cù i sensi.

Quellu chì hà paura di a morte è u prucessu di morire ùn deve micca impegnà in sta pratica. Hà da amparà un pocu a natura di a morte è i so prucessi mentali prima di andà cusì in cerca di I.