The Word Foundation

A mente di l'omu hè l'omu, u desideriu hè u diavulu.

U desideriu per u sessu è u desideriu di putere creanu l'infernu.

L'infernu hà duminiu in u mondu fisicu, libbiu, sessu, è in u mondu psichicu, virgo-scorpiu, forma-desideriu.

- U Zodiac

THE

PARMA

Vol. 12 NOVEMBER, 1910. N ° 2

Copyright, 1910, da HW PERCIVAL.

SALU.

Nisuna parolla s'hè antagonizzata è aggravata, turmentata è spavintata, turmentata è premuta a mente umana più cà u pensamentu è a parola infernale. Quasi tutti sò familiarizati cun ella, parechji ùn si ponu parlà senza ellu, alcune ci si sò scupertu, ma, fora di una chiesa è u cunfessiunale, pochi pensanu abbastanza à questu senza preghjudiziu per sapè induve hè, quale hè, è s'ellu hè. , perchè hè.

U pensamentu di l'infernu hè postulatu da tutti i sistemi religiosi è hè spressu da una parolla data à i populi da i teologi di quella religione. Ancu i tribù salvatichi intrattenenu u pensamentu di l'infernu; anche si ùn anu una religione stabilita, aspettavanu in qualchi locu o cundizione chì hè spressu in a so mente da una parolla chì sta per l'infernu.

U pensamentu di l'infernu ci vene più particularmente da e fonte ebraiche, greche è latine; da e parolle cum'è gehenna, sheol, tartaros, hades. I teologi cristiani anu vultatu in nozioni antichi è anu rivivuratu, ingranditu, pittatu, embellitu, quelli significati antichi in figure grottesche è scenografie cum'è suggerite da e esigenze di a religione è da i motivi chì li incitavanu. Dunque l'infernu hè statu descrittu cum'è un locu induve quellu chì entra hè fattu per sperimentà u soffrenu, u turmentu, è a tortura di vari gradi d'intensità è di durata.

L'infernu hè dettu à qualchì parte fora di stu mondu. Si dice chì hè in u centru di a terra; e di novu, in e parti più bassi di a terra, è, per esse situatu sottu à noi. Hè parlatu in termini cum'è u bughju, a tomba, a fossa o a fossa di distruzzione, a fossa senza fondu, a terra di l'ombra, u locu o a regione invisibile, allora di u gattivu. Si dice esse un cavu, una cavità, un locu di travagliu, una prigiò, un locu di stanza di dulore, un locu coperto o oculatu, un locu di turmentu, un fiume o un lagu di focu, un locu di spìriti disembodied. Si dice ancu chì era prufonda, scura, tutta devora, insatable, inesorabile, è di turmentu interminabile. Hè qualificatu cum'è un locu duve u focu è a brimosa si incendi in continuu è induve u verme rumpia è ùn hè mai satisfatu.

L'infernu teologicu hè statu adupratu per impressiunà nantu à e menti di e persone a necessità urgente per elli per ottene religione è perciò scappà l'infernariu. Ma ùn si cuntentendu micca di dà esempi impressiunanti à e persone cultivate, i teologi anu travagliatu in descrizzione à i zitelli chjuchi alcune di l'istituzioni di l'infernu. Scrivendu alcuni di l'heli di u Brahmanisimu, Monier Williams i compara bèmente à l'infernu cristianu è cita un libru cattolicu per i zitelli scrittu da u Rev. J. Furniss. U babbu Reverendu, in a so descrizzione, hà arrivatu finu à u quartu calabrone chì hè un bollitore ebulente. "Ascolta", dice ellu, "ci hè un sonu cum'è quellu di una caldaia bullente. U sangue ferma in u core di u zitellu; u cervelulu ferma è li bolbu in a so testa; a medula bulli in u so osse. "Cuntinueghja," U quinto calabrone hè u fornu caldu rossu in u quale hè un zitellu chjucu. Stà à sente cumu si urla chì vene fora; vede cumu si gira è si torce nantu à u focu; si batte u capu contr'à u tettu di u fornu. "Stu libru era scrittu per u benefiziu di i zitelli da un babbu di a chjesa cattolica rumana.

Monier Williams si riferisce à un altru autore chì dà una visione larga generale è generale di a fine di u mondu è di a sorte di i gattivi. Scrivite: "U mondu serà probabilmente cunvertitu in un grande lagu o globu di lume liquidu, in u quale i mali seranu sbulicati, chì sempre saranu in tempesta, in u quali saranu ghjittati in avanti, aviendu micca un ghjornu di riposu nè notte . . . a so testa, l'ochji, e lingue, e so mani, i pieni, i so lochi è i so vitali saranu per sempre pieni d'ardore, focu fondente, abbastanza feroce per fondre e petre è elementi. "

Riturnendu in particulari, Monier Williams cita da u sermone di un predicatore celebru, chì dice à u so auditori ciò chì puderanu anticipà cum'è a so sorte - salve chì ùn entreranu in quella religione cum'è a so unica arca di sicurità. "Quandu dormite a vostra anima serà turmentata sola; chì sarà l'infernu per questu; ma à u Ghjornu di Ghjudiziu, u vostru corpu unirà a vostra ànima è ti ne avarà gemelle di gemme; u vostru corpu sudora gocce di sangue, è a to anima suffusa per agunia. In u focu feroce, esattamente cum'è quellu chì avemu nantu à a terra, u to corpu sarà, asbestos-like, per sempre inconsumed; tutte e vostre strade vene per i pedi di u dolore per viaghjà; ogni nervu una corda induve u diavulu duverà per sempre ghjucà a so diabolica sintonia di u lamentu inutilevule di l'infernu ".

Questa hè una descrizzione brillanti è fucile in tempi comparativamente muderni. Eppuru chì e menti si facenu più illuminate tali argumenti pittoresci perde pesu, è cusì tipu di tacchi si ne stanu di moda. In fatti, cù u numeru crescente di novi culti, a credenza di moda ora hè diventata: ùn ci hè alcun infernu. Allora u pendulum si svolge da un estremu à l'altru.

Sicondu i tippi di menti chì venenu in corpi fisichi, e credenze di l'omu in, contru o annantu à l'infernu anu cambiatu è cambiaranu di tempu à u tempu. Ma ci hè quellu chì hà datu è sempre causa opinioni è credenze nantu à l'infernu. L'infernu ùn pò esse ciò chì hè statu dipinto. Ma s’ellu ùn ci hè ora un infernu, allora ùn ci hè mai statu un infernu, è tutte e grandi menti chì anu lottu cù u sughjettu anu lottu cù qualcosa chì ùn esiste micca, è i innumerabili milioni di u passatu chì anu vissutu è chì anu pensatu di l’infernu anu. anu aspittatu è si preoccuparu di qualcosa chì ùn hè micca nè mai hè statu mai.

Una duttrina chì hè tinuta in cumunu da tutte e religioni cuntene qualcosa à ellu chì hè vera, è ciò chì l'omu deve amparà. Quandu e figure è u travagliu frescu sò alluntanati, unu trova l'essenziali di l'insignamentu per esse veru.

I dui punti essenziali di a duttrina sò, prima, u soffrenu; u risultatu di, a seconda, azzione sbagliata. Ci hè qualcosa in l'omu chì si chjama cuscenza. A cuscenza dice à l'omu quandu ùn deve micca fattu male. Sì l'omu disubbia a cuscenza, ellu face male. Quandu face sbaglià soffre. U so suffrendu hè proporzionale à u male fattu; serà immediata o diferita cumu determinatu da e cause chì anu purtatu à l'azzione. A cunniscenza inherente di l'omu da u dirittu da u male, inseme cù a soffrenza chì hà sperimentatu, sò i dui fatti daretu à a so credenza in l'infernu. Questi causanu di accettà l'infernu duttrinali di u teologu, chì hè pianificatu, custruitu è ​​stallatu cù u furnitu, strumenti è carburante, necessariu per u travagliu in manu.

Da u sistema religioso cumplessu à a semplice fede di una razza inculturata, ognunu pianifica è ripara un infernu cum'è un locu è cù e cose chì sò capaci di causà u più grande disconfort è dulore à l'abitanti di l'infernu. In i paesi tropicali a religione nativa furnisce un infernu caldu. E persone chì vivenu in temperatures polari anu un infernu friddu. In a zona temperata a ghjente hà una cascata calda è fredda. Alcune religioni varienu u numeru. Alcune religioni furnisce vinti ottu o più eli cù subdivisioni è dipartimenti per avè un alloghju adattatu à i bisogni di tutti.

E religioni antiche furnìanu incarichi per quelli di a so fede. Ogni una di e parechje denominazioni di a religione cristiana furnisce un infernu, micca per quelli appartenenti à a so denominazione è chì credenu in e so duttrine particulare, ma per l'altri denominazioni cristiane, u populu di altre religioni, è quelli chì credenu in nessuna religione. Da e cochje di un statu mule è intermediu à quelli di agonia più intensa è durevuli, ci sò colpi di tutte e sorte è di tutte e livelli.

U principale fattore di un infernu di una religione hè u so diavulu. Ogni religione hà u so diavulu è ogni diavulu varia in a so forma è u serviziu da l'altri diavuli. U diavulu serve dui scopi. Tentate è incitanu l'omu à fà sbagliatu, è hè sicuru di catturà l'omu chì face. U diavulu hà permessu tutta a libertà chì vole in i so sforzi per tentà l'omu, è se ellu riesce in i so sforzi, riceve l'omu cum'è a so ricumpenza.

U fattu daretu à a credenza in u diavulu hè a prisenza in l'omu di u desideriu è a so influenza è u putere nantu à a so mente. U desideriu in l'omu hè u so tempiatore. Se l'omu cede à u desideriu di un desideriu illegale - illegale cum'ellu hè statu determinatu da a so cuscenza è u so standard morale - hè inculpatu da quellu desideriu di manera sicura cum'è u diavulu si dice chì tene i so sughjetti in robba. Cume tanti forme di u dolore è di a passione stanu assestate à u desideriu sfrenatu, tanti diavuli è infie è mezi di soffrenu ci sò.

I menti di i zitelli è i credulosi è i paure sò stati sfurzati è non sbulicati per a so pusizione in a vita da i duttrini diabolichi di cernite teologiche. Diu hè statu blasfematu è u diavulu sunniatu da i crabbed, significati o espunenti cattivi di a duttrina.

Hè sbagliatu per terrorizà e mamme è i zitelli è teme e persone cun teme duttrini di l'infernu. Ma hè bè per ognunu di sapè di l'infernu, duve, quale è perchè è chì l'omu hà da fà. Ci hè assai in verità in le dichiarazioni generali riguardanti l'helemi teologichi, ma e duttrine è e so variazioni sò state così decolorate, overdrawn, deformate, deformate, chì a mente antagonizza, ridicula, si rifiuta di crede o ignora i duttrini.

L'infernu ùn hè micca casticu eternu, nè per u corpu nè per l'anima. L'infernu ùn hè micca un locu duv'è prima o dopu u "ghjornu di ghjudiziu" i corpi morti umani seranu risurrezzione è cast induve sò cremati per sempre è sempre senza esse mai cunsumati. L'infernu ùn hè micca un locu, induve i zitelli o l'ànima di i malati è di i non-battezi vanu è ricevenu turmentu dopu a morte. Nemmenu ùn hè un locu induve e menti o l'ànime ricevenu punizioni di qualchissia perchè ùn anu micca entra in u senu di alcuna chjesa o ùn accettanu micca un creditu particulare o articuli di fede speciali. L'infernu ùn hè micca un locu nè fossa, nè burato, nè prigiò, nè un lagu di brusgià chì si sò affundati i corpi umani o l'animi dopu a morte. L'infernu ùn hè micca un locu per a cunvenzione o u dispensamentu di un diu arrabbiatu o amatore, è à quale cundanna quelli chì disubbidenu i so cumandamenti. Nisuna chjesa ùn hà un monopoliu di l'infernu. L'infernu ùn hè micca per benefiziu di alcuna chjesa nè religione.

L'infernu hà duminiu in dui mondi; u mondu fisicu è u mondu astrale o psichicu. Diversi fasi di e duttrine di l'infernu si applicanu à unu o à i dui mondi. L'infernu pò esse ingressu è sperimentatu mentre in u mondu fisicu è l'esperienza pò esse estesa in u mondu astrale o psichicu durante a vita fisica o dopu a morte. Ma questu ùn hè micca bisognu è ùn deve micca causà nimu terroru nè teme. Hè naturali è sequenziale cum'è a vita è a crescita in u mondu fisicu. U duminiu di l'infernu in u mondu fisicu pò esse capitu da ogni mente chì ùn hè micca abbastanza arruchjata nè troppu dullosa per esse impedita di capisce. U duminiu di l'infernu in u mondu psichicu o astrale pò ancu esse capitu da quellu chì ùn insiste micca chì ùn ci hè un mondu astrale o psichicu è quellu chì ùn crede micca chì a morte finisci tuttu è chì ùn ci hè un statu futuru dopu a morte.

À ogni omu serà in tempu à pruvà l'esistenza di qualcosa chì hè spressu da a parolla infernu. A vita in u mondu fisicu hà da pruvà à ogni omu. Quandu l'omu entra in u mondu psichicu a so sperienza allora furnirà un'altra prova. Ùn hè micca necessariu, però, chì l'omu aspetta finu à a morte per sperienze un infernu astrale o psichicu. Quella sperienza pò esse avutu mentre vive in u so corpu fisicu. Ancu se u mondu psichicu pò esse una sperienza dopu a morte ùn pò micca esse trattatu intelligente. Pò esse cunnisciutu è trattatu intelligente mentre l'omu vive in un corpu fisicu è prima di a morte.

L'infernu ùn hè micca fermu nè permanente. Cambia in qualità è quantità. L'omu pò toccu i cunfini di l'infernu o esplurà i misteri di a so prufundità. Hà à stà ignurante o amparà da e so sperienze secondu a debulezza o a forza è a capacità di a so mente è secondu a so vuluntà di mette i testi è ammette i fatti secondu i so risultati.

Appena ci sò dui tippi di infernu in u mondu fisicu. Ci hè unu di l'infernu persunale, chì hà u so postu in u so corpu fisicu. Quandu l'infernu in u so corpu diventa attivu pruduce u dolore cù quale a maiò parte di a ghjente hè familiar. Dopu ci hè l'infernu generale o di a cumunità, è in chì ogni persona hà una parte. L'infernu ùn hè micca scupertu subbitu, è se ci hè, hè percepitu dimu è cum'è un inseme individuu. Ùn si vede micca contorni forti.

Mentre l'omu cuntinueghja à scopre ellu scoprerà chì "u diavulu è i so anghjuli" ponu piglià, ancu s'ellu ùn hè micca forma fisica. U diavulu di u so infernu persunale hè a vulintà di impegnassi è di guvernà. L'angeli di i dimònii, o i picculi diavuli, sò l'appetiti minori, passioni, vici è lussure chì ubbidenu è serve u so desideriu principale, u diavulu. U desideriu principali hè rinfurzatu è incunificatu da u so esercitu di picculi diavuli, da i desideri, è si dà u putere è permette u duminiu da a mente. Mentre ch'ellu hè datu o permessu u duminiu u diavulu ùn hè micca perceciutu è l'infernu resta un regnu scunnisciutu, quantunque attivu. Mentre l'omu ubbidisce, si parleghja o prumette cù o cede à i so desideri è à e so lussure, u diavulu è l'infernu ùn sò micca cunnisciuti.

Ancu sì l'omu attraversa i so cunfini è sperimenta alcune di e dolore chì si trovanu in a periferia di u duminiu, ùn sò micca cunnisciutu à u so valore veru è sò cunsiderate cum'è disgrazii di a vita. Cusì a vita dopu a vita l'omu entra in u mondu fisicu è ellu scouteghja e fruntiere di l'infernu, è gode di pochi piacè è paga per elli u prezzu o a pena di l'infernu. Ancu se pò entra in u duminiu chì ùn pò micca vede è ùn sà micca chì l'infernu. Cusì l'infernu resta senza visione è scunnisciutu da l'omi. I soffrenze di l'infernu seguitanu indulgenze innaturele, illecite è stravaganti di l'appetite è di i desideri, cum'è a glutonità inordinata, l'usu eccessivu di droghe è alcolu, è e variazioni è abusi di a funzione sessuale. À ogni porta di l'infernu ci hè un inducimentu per entra. L'intrattenimentu hè a sensazione di piacè.

Mentre l'omu segui l'instinzione naturali è u desideriu ùn cunnosce micca assai di l'infernu, ma hà da campà una vita naturale cù i so piacè naturali assistenti è cun un toccanu occasionale di l'infernu. Ma a mente ùn serà micca satisfata di lascià nisuna parte o statu di l'universu inesploratu. Dunque, in a so ignuranza a mente à qualchì tempu vai contru à a lege, è quandu face l'infernu hè entratu. A mente cerca u piacè è l'riceve. Mentre a mente cuntinueghja à prufittà, chì deve fà per mezu di organi di sensu, si sbulicanu; perden a receptività è necessitanu un stimulu più grande; dunque a mente hè dumandata da elli di fà i piacè più è più intensi. In cerca di più piacè, è cercandu di aumentà u piacè, vai contru à e lege e infine riceve a pena pena di soffre è di dulore. Hè entrata solu in infernu. A mente pò esce da l'infernu dopu à pagà a pena di a soffrenza risultatu da l'attu illegale chì a hà causatu. Ma a mente ignorante ùn hè micca dispostu à fà questu è prova di fughje a pena. Per scappà di soffrenu, a mente cerca cum'è un antidotu più di piacè è hè tinutu in i fastnessi di l'infernu. Cusì a mente da a vita à a vita s'acumule, ligame per ligame, una catena di debiti. Eccu sò falsati da penseri è atti. Questa hè a catena cù quale hè ligatu è cù quale hè tinutu da a so vuluntà di u duminiu, u diavulu. Tutti l'omi pensanti anu viaghjatu un pocu in u duminiu di l'infernu è certi sò andati bè in i so misteri. Ma pochi anu amparatu cumu o sò capaci di fà osservazioni, da quessa ùn sanu micca quantu sò in terra, nè sappianu quale cursu di piglià per esce.

Ch'ella a sà o micca, ogni omu pensante chì vive in u mondu fisicu hè in infernu. Ma l'infernu ùn sarà micca veramente scupertu è u diavulu ùn serà micca cunnisciutu da ellu per metudi naturali cumuni è faciuli. Per scopre l'infernu è cunnosce u diavulu unu deve proceder à fà intelligente, è deve esse dispostu à piglià e cunsequenze. E cunsequenze sò in u principiu à soffre, chì aumenta constantemente. Ma à a fine hè a libertà. Ùn ci vole micca à dì à nimu chì stà à truvà l'infernu è à maestru di u diavulu. Ellu pò è deve fà tutti dui mentre vive in u mondu.

Per truvà l'infernu è scontre u diavulu, ci hè solu di resistere è cunquistà è cuntrullà a so vuluntà. Ma l'omu ùn spessu sfida cusì a grande vulintà sottostante è dirigente di a so natura. Issu grande desideriu stà in sfondate, ma hè u capimachja di tutti i so anghjuli, i picculi diavuli, u desideriu minore. L’omu dunque, quand’ellu face sfida à u diavulu, scontra solu unu di i so capitani o di i so tratti. Ma ancu sfidà unu di questi hè abbastanza per dà à a sfida una grande battaglia.

Una vita entera pò esse ripiglià in superare è cuntrullà un pocu di i desideri minori. Cunghjuntendu è superendu qualchì appetitu particulare, o ricusendu di esse duminatu è travagliendu per l'attenzione di una certa ambizione sbagliata, un omu conquista unu di l'ànghjuli di u so diavulu. Tuttavia ùn si scontra u grande diavulu. U grande desideriu, u so maestru-diavulu, resta assai in fondu, ma si manifesta in ellu in i so dui aspetti: u sessu è u putere; li danu l'infernu - dopu u piacè. Issi dui, sessu è putenza, anu u so urigine in i misteri di a creazione. Cunquistandu è cuntrullendu intelligente si risolve u prublema di l'esistenza è trova a so parte in questu.

Un tentativu decisu di superà a vulintà di u maestru hè una sfida à è una invucazione di u diavulu. U scopu di u sessu hè l'unità. Per cunnosce l'unità ùn deve micca esse superatu da u desideriu di u sessu. U sicretu è u scopu di u putere hè l'attenzione di l'intelligenza chì aiuta tutti. Per esse intelligente in questu modu si deve superà è diventà immune à u desideriu di u putere. Quellu chì hè cuntrullatu da u desideriu di u sessu o quellu chì hà un desideriu di u putere ùn pò micca sapè ciò chì l'unità hè nè ciò chì l'intelligenza utile hè. Dapoi a so sperienza attraversu parechje vite, a mente cerca u sviluppu, sia per mezu di prucessi intellettuale sia per aspirazioni à divinità o tramindui. Cume a mente cuntinueghja à fà progressu in u so sviluppu si incontra cù parechje difficultà è deve mette o sottusessuà parechje di l'allurazione di i sensi è di parechje attrazioni di a mente. Crescimentu è sviluppu cuntinuu di a mente, inevitabilmente, l'avete à impegnà in a grande lotta cù u diavulu, a lotta cù u sessu, è dopu, sottumissione finale di u diavulu da a superazione di a vulintà di u putere.

I mistici è i saggi anu ritrattu è descrittu a mente impegnata in a lotta, da tali ritratti o descrizioni cum'è quellu di Laocoon, i labori di Erculu, u mitu di Prometeu, a legenda di u vellicinu d'oru, a storia di Odisseu, a legenda di Helen di Troia.

Molti mistichi sò intruti in infernu, ma pochi anu superatu è sottumessu à u diavulu. Pochi sò disposti o capaci di cuntinuà a lotta dopu à u primu ritornu è cusì, dopu ch'elli sò stati attaccati è spaventati da u doppiu passaghju di u diavulu di desideriu di u sessu è di u desideriu di u putere, anu cedutu, abbandunatu a lotta, stati colpi. , è si sò firmati sottumessi à i so desideri. Duranti a lotta, anu patitu quant'è a capra chì era dispostu à stà. Doppu avè daverà, parechji anu pensatu chì anu cunquistatu per u restu dopu a lotta è perchè certi successi chì seguitanu cum'è a recompensa per a sottumissione dopu à a lotta. Certi si sò cundannati cume sognatori oci è stupidi per avè impegnatu in una impresa ridicula o impussibile. Ùn ci sò micca segni esterni di successu quandu unu hà luttatu è vintu u so diavulu è passatu per l'infernu. Chì a sà, è tutti i dettagli cunnessi cun ella.

U tippu più grossu o u gradu di l'infernu, hè soffrenu o turmentatu attraversu u corpu fisicu. Quandu u corpu fisicu hè in salute è cunfortu, ùn ci hè penseru nè suggerimentu da ellu di un infernu. Questa zona di salute è cunfortu si lascia quandu e funzioni di u corpu sò disordinate, una ferita à u corpu hè inghjuttata, o quandu i cravimi naturali di u corpu ùn sò micca suddisfatti. L'unicu tipu d'infernu fisicu pussibule per l'omu per sperimentà hè sentitu mentre vive in stu mondu fisicu. L'omu sperimenta l'infernu fisicu cum'è u risultatu di a fame è u dulore. Quandu l'alimentariu hè necessariu da u corpu a fame principia, è a fami diventa più intensa mentre u corpu hè ricusatu l'alimentariu. Un corpu forte è sanu hè più sottumessu à u malu di a fame chì unu hà dighjà emaciatatu è sfurtatu. Siccomu l'alimentu hè denegatu u corpu è u corpu gridemu da l'alimentariu, a mente hè impressiunata è intensifica a fame pensendu à l'alimentariu chì ùn hà micca. Cume a mente cuntinueghja à pensà chì a soffrenza di u corpu hè intensificata, è di ghjornu in tantu u corpu diventa più guastu, è salvaticu. A fam hè diventata di fame. U corpu diventa friddu o febbrile, a lingua parchjata finu à u corpu diventa un scheletru è tuttu u tempu chì a mente rende u soffrenu più intensu di u corpu pensendu à i desideri di u corpu. Quellu chì produce u soffrenu per u digiunu voluntariu ùn sperimenteghja dunque l'infernu, eccettu in a so fase più dolce, perchè u digiunu hè voluntariu è per qualchì scopu è destinatu à a mente. In fasting voluntariu a mente ùn intensifica a fame affitendu per a voglia di l'alimentariu. Resiste u pensamentu è incita u corpu à tene fora per u periodu intesu, è di solitu a mente dice à u corpu chì averà da manghjà quandu u fast hè finitu. Questu hè ben sfarente di l'infernu suppurtatu da a fame involuntaria.

A persona sana ùn cumencia à capisce ciò chì l'infernu di u dulore fisicu hè finu à quandu hà avutu una sperienza tale cum'è un mal di denti saltante. Si hà misu un ochju allargatu, i so gambi schiacciati, a respirazione diventata difficile; se cascà in un pozzu di l'acidu bullente o perde u scalp, o s'ellu hà un cancru alimentariu in a gola, tutti i casi di soffrenze causate da i cosi chjamati accidenti è di quali i ghjurnali sò pieni, una tale sperienza metterà una in infernu. . L'intensità di l'infernu serà secondu a so sensibilità è a so capacità di soffrenu, è à l'intensificazione di u soffrenu di u corpu da una mente horrificata è apprehensiva, cum'è era u casu di e vittime di l'inquisizione spagnola. Quelli chì u vedenu ùn a saranu micca u so infernu, sippuru ponu simpatizà è fà per ellu ciò ch'elli ponu. Per apprezzà u so infernu, unu deve esse capace di mette in u locu di u suffientu senza esse sbulitatu da u dulore. Dopu à questu quellu chì hà patitu un infernu cusì pò scurdà, o avè un ricordu di sognu solu.

Ùn ci hè una tale cosa o statu dopu a morte cum'è l'infernu di u teologu, salvu chì l'architettu-decoratore hè capace di portà cun ellu i ritratti chì hà pittatu durante a so vita fisica. Questu hè difficiulmente probabile; ma ancu s'ellu pò, altri chì ùn averia micca da sperienze. I picculi di stampa esistenu solu per quellu chì l'avia pittatu.

A morte hè naturale cum'è a nascita. I stati dopu a morte sò naturali è sequenziale cum'è e tappe cuncretiche di a crescita in u corpu fisicu. A diferenza hè chì, da l'infancia à l'umanità cumpleta, ci hè un raggruppamentu, un raghjunzione, di tutti i cumpunenti chì custituiscenu l'omu; mentre chì, à u mumentu o dopu ci hè una morte graduale, pusata da a mente di tutte e parte grosse è sensu, è un ritornu à una innocenza ideale nativa.

A mente chì s'appicca appassiunadamente à sensazioni carnose è piglia a so più grande gioia in elle averà l'infernu più seve. U so infernu si trova in a separazione di a mente da u desideriu è a sensazione, in i stati dopu à a morte. L'infernale finisce quandu a mente si separa da i desideri sensuale chì ci si affaccanu. A morte ci hè qualchì volta, ma micca sempre, una continuità di l'identità cum'è a stessa persona di u sensu cum'è in a vita fisica. Alcune menti dormenu per un tempu dopu à a morte. Menti di personalità chì tenenu à a nuzione chì sò custituiti è dipendenti da i sensi anu l'infernu focu. L'infernu dopu a morte principia appena chì a mente hè libera da u corpu fisicu è circà di dà spressione à l'ideale dominante di a so vita passata. U desideriu dominante di a vita, rinfurzatu da tutti i desideri minori, richiede l'attenzione di a mente è prova di impulsà a mente à ricunnosce e ricunnosce lealtà. Eppuru, a mente ùn pò, perchè hè di un regnu diversu è cercà a libertà da i desideri chì ùn sò micca in cunfurmità cun qualchì ideale tenutu in a vita, ma à chì era incapace di dà espressione piena. L'infernu dura solu per u periodu necessariu da a mente per liberassi da i desideri chì l'impediscenu, a mente, di circà u so regnu propiu. U periodu pò esse ma di un mumentu o pò esse di longa durata. U periodu, a quistione di a durata di l'infernu, hè quella chì hà datu l'infernu eternu o infinitu di u teologianu. U teologianu stima chì u periodu di l'infernu sia infinitu - cum'è una estensione infinita di a so nozione di tempu in u mondu fisicu. U tempu fisicu, o u tempu di u mondu fisicu, ùn esiste micca in alcunu di i stati di a morte. Ogni statu hà a so misura di tempu. Sicondu l'intensità di sensazione, una eternità o un periodu di durata immensa pò sembrà esse attrazzata à un mumentu, o un mumentu pò esse allargatu à una eternità. À una mente comprensiva di l'azzione rapida, una eternità di l'infernu pò esse una sperienza di un mumentu. Una mente stupita è stupida pò necessità un longu periodu di l'infernu. U tempu hè un misteru più grande di l'infernu.

Ogni mente hè sola rispunsevule di u so infernu longu o cortu dopu à a morte cum'è in a vita. Duranti u periodu dopu à a morte è prima ch'ellu possu andà più allora di l'infernu, a mente deve scontre è vince u diavulu. In proporzione à a forza di a mente è a definizione di u pensamentu, u diavulu hà da piglià forma è esse percepitu da a mente. Ma u diavulu ùn pò micca piglià forma si a mente ùn hè micca capaci di dannà a so forma. U diavulu ùn si prisenta listesse in e forme in tutte e menti. Ogni mente hà u so diavulu. Ogni diavulu hè abbastanza assuntatu in qualità è potenza à a mente rispettiva. U diavulu hè u desideriu chì hà duminatu tutti i desideri di a vita appena finita, è a so forma hè una forma cumposta cumposta da tutti i pinsamenti mundani è carnali di quella vita. Appena chì u diavulu hè percepitu da a mente, ci hè una battaglia.

A battaglia ùn hè micca di manciari, di trombi è di fulmini, di u focu è di u soffiu, in quantu à u corpu è à l'anima. A lotta hè trà mente è desideriu. A mente accusa u diavulu è u diavulu accusa a mente. A mente cumanda à u diavulu di andà, è u diavulu si nega. A mente dà una ragione, u diavulu risponde mostrendu un desideriu chì a mente avia sanzionatu durante a vita fisica. Ogni desideriu è azzione fatta o accunsentitu da a mente durante a vita hè insinatu è impressuatu nantu à a mente. I desideri causanu tormentu. Questa suffrenza hè u focu infernale è u tormentu è u turmentu chì hè statu torciutu da u teologianu in i so acelli teologichi. U diavulu hè u desideriu maestru di una vita, tagliatu in forma. E diverse forme chì e diverse chjese anu datu à i so diavuli sò duvute à a varietà di diavuli è di i desideri, datu e forme dopu à a morte da tanti menti individuali.

Alcune religioni di i nostri tempi ùn sò micca cusì cunsiderate cum'è quelle di l'anzianu. Qualchidunu di e vechje religioni anu permessu a mente di passà l'infernu per pudè gode di a so ricumpensa per u bè chì hà fattu in a vita fisica. Una denominazione di a religione cristiana ripone u so diavulu è lascia l'omu da surtite da l'infernu, se i so amichi paganu a so fine è i so diritti di cunsigliu à a chjesa. Ma nisun casu sarà pigliatu per un omu chì ùn era micca abbastanza strintu per entra in quella chjesa prima di murì. Eppuru deve stà in l'infernu sempre, è u diavulu pò fà cun ellu cum'è piace, cusì dicenu. Altre denominazioni diminuiscenu i so ingaghji per esse più rigidi in e so decisioni. Ùn ci hè micca un cummerciale o altru modu fora di u so infernu. Si mette in duvete stà in. Sia sì entrate o mantenite dipende s'ellu ùn credi micca o credi micca in u credo di ogni chiese.

Ma ciò chì e chiese puderanu dì, u fattu hè chì dopu à u diavulu, a vuluntà di a forma, hà dimustratu è accusatu a mente di tutti i sbaglii chì hà fattu durante a vita, è dopu chì a mente hà patitu i turmenti causati da i desideri ardenti, tandu u diavulu ùn pò più mantene a mente, a sucietà parte di a mente è ci hè un scopu di quellu infernu. A mente viaghja per gode di u so periodu di riposu o di sognu attraversu i so ideali, preparatori à u so ritornu à u mondu fisicu per inizià un altru terminu di scola in a so classe in a vita. U diavulu permanece in u so statu di desideriu per un pezzu, ma quellu statu ùn hè micca allora l'infernu per u desideriu. Senza mente, u diavulu hè incapace di cuntinuà cum'è una forma è cusì hè risoltu gradualmente in e forze di desideriu particulari da chì era statu custituitu. Eccu a fine di quellu diavulu particulare.

L'infernu è u diavulu ùn deve esse pensatu cù teme è tremendu. L'infernu è u diavulu deve esse pensatu à tutti quelli chì puderanu pensà è chì anu un interessu in a so origine è u futuru. Hè bugabu à quelli chì stanu ancora soffre di una svolta datu a so menti da una furmazione precoce. Puderemu esse sicuri se l'infernu è u diavulu esistenu, ùn ne pudemu scappà si pruvandu di scappà è stà ignuratu di elli. Più sà chè u diavulu è l'infernu, menu ha paura di elli. Inveglialli se ci piacenu, ma seguitanu finu à chì li cunnosci è facemu fora cun elli.

Ma perchè a menti deve soffre l'infernu, è quale hè u scopu di questu? A mente soffre l'infernu perchè ùn hà micca ottenutu a maestria nantu à sè stessu, perchè e so facultà ùn sò micca sviluppate, coordinate è adattate l'una à l'altra, perchè ci hè quellu chì hè ignurante, chì hè contru l'ordine è l'armunia, chì hè attrattu da. sensazione. A mente serà sottumessa à l'infernu finu à chì si sviluppa è aghjustà e so facultà, rimpiazzà l'ignuranza da a cunniscenza è acquista maestria annantu à sè stessu.

U scopu di u mondu è di u desideriu, u diavulu, hè di esercitassi è educà a mente da furnisce l'esperienze per mezu di a sensazione, chì pò distingue entre l'azzione di e so propie facultà è i risultati di a sensazione, è chì da a superazione di a resistenza. offruti da u desideriu esse sviluppate e facoltà di a mente, è cusì a mente ghjunghje à fine una cunniscenza è una maestria di sè stessu è da un maestru di sè stessu, à una cunniscenza di sè stessu, è a libertà. Senza sperienza, senza sensazione; senza sensazione, senza suffrenza; senza soffrenza, senza resistenza è senza resistenza nisuna auturità; senza maestria, senza cunniscenze; senza cunnuscenza, senza libertà.

L'infernu hè furnitu à a mente per u desideriu, chì hè una forza animale ceca è ignurante è chì vule u cuntattu di a mente, perchè a so espressione per mezu di a sensazione pò esse intensificata solu da a mente. U desideriu fa piacè di u dulore quant'è in piacè, perchè furnisce sensazione, è a sensazione hè u so piacè. A sensazione ùn fa piacè a mente, a mente superiore, micca incarnata.

L'infernu hè u campu di battaglia di a mente è u desideriu. L'infernu è u desideriu ùn sò micca da a natura di a mente. Sì a mente era di a natura di u desideriu allora a voglia ùn daria micca o infernu à a mente. A mente sperimenta l'infernu perchè hè diversu è micca u listessu in natura cum'è quellu di l'infernu hè fattu. Ma soffre perchè hà participatu à l'azzioni chì hà risultatu in l'infernu. U soffimentu di a mente dura per u periodu chì ci vole à separà di quellu chì hè diversu in natura da ella. À liberà di u desideriu è di l'infernu dopu à a morte ùn trova micca a libertà per sempre.

U mutivu chì a mente deve cuntattà è travaglià cun u desideriu, chì hè diversu da micca è ùn hè chì ci hè una qualità in una di e facultà di a mente chì hè di a natura di u desideriu. Questa qualità hè a facultà scura di a mente. A scura facultà di a mente hè chì in è di a mente per quale u desideriu attrae a mente. A facultà scura hè a facultà più scunnisciuta di a mente è quellu chì face u soffrenu pussibule à a mente. A mente hè attrata da u desideriu per via di a facultà scura di a mente. A vita sensuale è sensuale in i corpi fisichi, è u principiu universale di u desideriu, anu putere nantu à a mente. Quandu a mente conquista è cuntrola a so facultà scura, u desideriu ùn averà micca putere nantu à a mente, u diavulu serà tamed è a mente ùn soffrerà più infernu, perchè ùn ci hè nunda in questu chì i foci di l'infernu ponu brusgià.

A libertà da l'infernu, o di u diavulu, o di u soffrenu, pò esse uttenuta solu mentre era in u corpu fisicu. L'infernu è u diavulu sò sbulicati da a mente dopu à a morte, ma solu temporaneamente. A battaglia finale deve esse dicisa prima di a morte. Finu à chì a battaglia finale hè stata battuta è vinta, a mente ùn pò cunnosce sè stessu cum'è un essendu continuamente cunusciente di libertà. Ogni mente s'era in una vita fisica in una lotta per a libertà. Ùn pò micca esce vincitore in quella vita, ma a cunnuscenza acquistata per via di a so sperienza di a lotta addisperà a so forza è a farà più adattata per a lotta finale. Cù sforzu cuntinuatu ci sarà inevitabbilmente una lotta finale è vincerà in quella lotta.

U desideriu o u diavule ùn urge mai à a lotta finale. Quandu a mente hè pronta cumencia. Appena chì a mente resiste à esse guidata da u desideriu è ricusa di cede à ognuna di i desideri chì, in modu, sà chì ùn deve micca cedere, allora entra in l'infernu. L'infernu hè un statu di suffrenza di a mente in u so sforzu per superà a so propria ignuranza, per acquistà l'auturità è a cunniscenza. Cume a mente s'arresteghja è ùn cede micca, u diavulu diventa più attivu è usa u caprettu è i foci di l'infernu arrughjenu più scundamente. Ma a menu chì a lotta sia cumpletamente rinunciata da i foci sò illuminati da novu da u rimorsu, u rimore è l'agunia di a mente per u so cede è u so apparente fiascu. Cumu rinnova a lotta o cuntinueghja a ferma, tutti i sensi sò tassati à u limitu di u strettu; ma ùn si romperanu. Tutti i disgraziati è l'instinzioni risultati da l'età di u desideriu apparinu in u percorsu di a mente in u so "discendimentu" in l'infernu. I foci di l'infernu aumentanu in intensità à u mumentu chì a mente cuntinueghja à resistà per elli o à sparisce da elli. Cume a mente rifiuta di gratificà o di dà via à ognuna di l'ambizioni chì l'incarnanu, è cume ricusa di cede à l'inghjulazione o l'annunziu di u sessu, a ardente cresce più ardente è feroce è allora i foci pare chì si stenu. Ma u soffrenu ùn hè micca diminuitu, perchè in u so locu vene un vacu è un sintimu d'esse brusgiatu è una assenza di luce, chì hè cusì terribile cum'è u focu più caliente. U mondu sanu diventa un infernu. A risa hè cum'è una cazzula viota o un gemitu. A ghjente pò sembrà cum'è maniaci o insensati ingannati chì perseguite e so ombre o si impegnanu in ghjoculi inutili, è a propria vita pare chì hè stata secca. Eppuru, ancu in u mumentu di a più intensa agunia, a mente saperà chì pò stà tutte e teste, prucessi è tribulazioni di qualunque tipu si vole, è chì ùn pò micca falla, s'ellu ùn cederà, è chì hà da vince s'ellu avarà. tene.

U diavulu à esse lotta ùn hè micca in u corpu di alcuna altra donna o omu. U diavulu per esse cummattutu è superatu hè in u so corpu stessu. Nisuna altra persona o corpu chì u so propiu hè culpita da quellu chì hà sfidatu u diavulu è intrutu in infernu. Un tale nozione hè un truccu di u diavulu, chì prova cusì à scaccià a mente da a pista è per impedisce à quellu chì cumbatte vede u veru diavulu. Quandu unu culpisce à l'altru per ciò chì soffre, quellu hè sicuramente micca cumbattendu a vera lotta. Ammustra chì sta pruvava di scappà o di pruteghja si di u focu. Soffre d'orgogliu è d'egotisimu, o altrimenti a so visione hè troppu nuvola è ùn pò micca cuntinuà a lotta, perciò si scappa.

A mente saperà chì si cede è dà modu à i seduzzioni di i sensi o à a so ambizione di putere, chì ùn pò micca in quella vita fisica diventà immortale è acquistà libertà. Eppuru a mente chì hè pronta sapiè chì, se ùn cederanu micca à i sensi o à l'ambizioni, sà chì in quella vita sottumetterà u diavulu, stingerà l'infernu, guadarà a morte, diventerà immortale è hà libertà. Sempre chì a mente pò soffre l'infernu ùn hè adattatu per esse immortale. Chì in mente o in mente o in mente chì ponu soffre di u focu infernale ùn pò esse immortale è deve esse brusgiatu per chì a mente sia immortalmente consciente. L'infernu deve passà è u so focu deve brusgià finu à chì tuttu hè brusgiatu chì pò esse incendatu. U travagliu pò esse fattu solu da l'omu voluntariamente, cuscente è intelligente è senza raffinate. Ùn ci hè nisun cumprumissu. L'infernu ùn chjama à nimu è hè sbulicatu da a maiò parte di l'omi. Quelli chì sò pronti per ella entraranu è u superaranu.

In u numaru di dicembre, l'Editorial hà da esse di HEAVEN.