The Word Foundation

Di sta karma di l'umanità l'omu hà un sentimentu vagu instintuale o intuitivu è per via di questu teme l'ira di Diu è dumanda misericòrdia.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 7 AUGUSTU, 1908. N ° 5

Copyright, 1908, da HW PERCIVAL.

Karma.

I MUVRINI.

KARMA hè una parolla chì da migliaia d'anni hè stata aduprata da l'Hindu. Karma include l'idee espressate da altri populi è più tardi, in parole cum'è kismet, destin, ordini, predestinazione, providenza, inevitabile, destinu, fortuna, punizione, è recompensa. U karma cumprendi tuttu ciò chì hè spressu da sti termini, ma significa assai di più o di tutti. A parola karma hè stata aduprata in una manera più grande è cumprensiva da alcuni di quelli chì anu prima apparitu di quellu chì hè entre quelli di a stessa razza cù quale hè oramai impiegatu. Senza una capiscitura di u significatu di e so parti è di ciò chì queste parti in combinazione eranu destinate à trasmette, a parola karma ùn puderia mai esse riunite. L'usu à quale hè stata messa in questi ultimi anni ùn hè micca stata in u so sensu più cumprenda, ma pocu limitatu è limitatu à u sensu di e parolle cum'è sopra citatu.

Dapoi più di dui seculi, i savani orientali anu familiarizatu cù u termine, ma micca finu à l'avventu di Madame Blavatsky è attraversu a Società Teosofica, chì hà fundatu, anu a parolla è a duttrina di u karma cunnuscite è accettate da parechji in l'Occidenti. A parola karma è a duttrina chì insegna avà si trovanu in a maiò parte di lexiconi muderni è sò incorporate in a lingua inglese. L'idea di karma hè spressuta è sentita in a literatura attuale.

I teosofi anu definitu u karma cum'è causa è effettu; a ricumpensa o a punizione cum'è i risultati di i pinsamenti è l'azzioni; a lege di compensazione; a legge di l'equilibriu, di l'equilibriu è di a ghjustizia; a lege di causazione etica, è di azzione è reazione. Tuttu chistu hè capitu sottu u karma di una sola parola. U significatu sottostante di a parola cum'è indicatu da a struttura di a stessa parola ùn hè trasmessa da nessuna di e definizioni avanzate, chì sò modifiche è applicazioni particulari di l'idea è u principiu nantu à a quale a parola karma hè custruita. Una volta capita questa idea, u significatu di a parolla hè apparente è a bellezza di a so prupurzione hè vistu in a cumminazione di e parti chì custituiscenu a parola karma.

Karma hè cumpostu da duie radiche sanscrita, ka è ma, chì sò riunite da a lettera R. K, o ka, appartene à u gruppu di gutterali, chì hè u primu in a cinquantima classificazione di e lettere sanscrite. In l'evoluzione di e lettere, ka hè a prima. Hè u primu sonu chì passa a gola. Hè unu di i simbuli di Brahmâ cum'è creatore, è hè rapprisentatu da u Diu Kama, chì currisponde à a Cupida Rumana, u diu di l'amore, è à l'Eros grecu in a so applicazione sensuale. Trà i principii hè u kama, u principiu di desideriu.

M, o ma, hè l'ultima lettera in u gruppu di labial, chì hè u quintu in a classificazione di cinque quadri. M, o ma, hè adupratu cum'è u numeru è a misura di cinque, cum'è a radica di a manas è hè analogu à u grecu nous. Hè u simbulu di l'ego, è cum'è un principiu hè manas, the mente.

R appartene à i cerebrali, chì hè u terzu gruppu in a cinque cinque classificazione di u Sanscrittu. R hà u sonu di continuu rotulare Rrr, fattu per mette a lingua contr'à u tettu di a bocca. R significa action.

A parolla karma, dunque, significa desideriu e cuntata in 'azzioni, o, l'azzione è l'interazione di u desideriu è di a mente. Dunque ci sò trè fatturi o principii in karma: u desideriu, a mente è l'azzione. A pronunzia curretta hè karma. A parolla hè di qualchì volta pronunziata krm, o kurm. Nisuna pronunzia ùn hè cumplettamente spressiva di l'idea di karma, perchè u karma hè l'azione cungiunta (r) di ka (kama), desideriu, è (ma), mente, mentri krm o kurm hè chiusu, o karma soppresso, è ùn ne rapprisenta. azzione, u principiu principale intarvena. Se a cunzunante ka hè chjusa hè k è ùn pò micca esse sonu; u r pò esse sunnatu, è se seguitatu da a cunsunante chjusa ma, chì diventa m, ùn ci hè un sonu generatu è dunque nisuna espressione di l'idea di karma, perchè l'azzione hè chjusa è suppressa. Per u karma hà u so significatu pienu deve avè u sonu liberu.

U karma hè a lege di azzione è si stende da u granu di a sabbia à tutti i mondi manifestati in u spaziu è in u spaziu stessu. Questa legge hè presente in ogni locu, è in nessuna parte fora di i limiti di una mente nuvola ùn ci hè un locu per tali nozioni cum'è l'accident o a chance. A legge regula suprema in ogni locu è u karma hè a legge à quale tutte e lege sò sottumesse. Ùn ci hè alcuna deviazione da nè eccezzioni à a legge assoluta di u karma.

Qualchidunu crede chì ùn ci hè una lege di ghjustizia assoluta, à causa di certu avvenimenti chì chjamanu "accidente" è "casu". Tale parole sò aduttate è aduprate da quelli chì ùn capiscenu micca u principiu di ghjustizia, nè vedenu l'intricacità di u travagliu. di drittu in a so relazione cù ogni casu speciale. E parolle sò aduprate in cunnessione cù i fatti è i fenomeni di a vita chì pareanu esse cuntrariu o micca ligatu cù a lege. L'accidenti è l'uccasione ponu spuntà cume avvenimenti separati micca preceduti da cause definite, è chì puderanu accadutu cum'è in l'altru modu, o chì pò micca accadutu in tuttu, cum'è un meteoritu cadente, o un fulminu chì batte o chì ùn batte micca un casa. À quellu chì capisce u karma, l'esistenza di l'accidente è di l'uccasione, se aduprata sia in u sensu di rompe di dirittu o cum'è qualcosa senza causa, hè impussibile. Tutti i fatti chì entranu in a nostra sperienza è chì parevenu andà contru à e liggi ordinariamente cunnisciuti o chì sò senza causa, sò spiegati à u dirittu - quandu i fili di cunnessione sò tracciati à e so cause precedenti è rispettive.

Un accidente hè un incidente in un cerculu di l'avvenimenti. L'accidentu si distingue cum'è una cosa separata chì unu hè incapace di cunnette cù l'altri incidenti chì custituiscenu u cerculu di l'avvenimenti. Puderà esse capace di traccia alcune di e cause precedenti è di l'effetti in seguitu di un "accidente", ma cume ùn hè incapace di vede cume è perchè hè accadutu prova di rende cunsiderazione l'accidentà o attribuisce à a chance. Mentre chì, partendu da un sfondate di cunniscenze passate, u mutivu propiu dà a direzzione è face chì ellu pensa quand'ellu hè affruntatu da certi altri penseri o cundizioni di vita, l'azzione segue u pensamentu è l'azzione pruduce risultati, è i risultati completanu u cerculu di l'avvenimenti. chì era custituitu da: cunniscenza, mutivu, pensamentu è azione. Un accidente hè un segmentu visibile di un cercolu altrimente invisibile di l'avvenimenti chì currisponde è chì hè analogu à u risultatu o l'occurrenza di un cercolu precedente di avvenimenti, per ogni cercolu di l'avvenimenti ùn finisce micca in sè stessu, ma hè u principiu di un altru cercolu. di avvenimenti. Cusì l'intera vita hè custituita da una longa catena spirale d'innumerabili cerchi d'avvenimenti. Un accidente - o qualunque avvenimentu, per questione di quessa - hè solu unu di i risultati di l'azzione da una catena di avvenimenti è u chjamemu accidente perchè hè accadutu inesperatu o senza intenzione presente, è perchè ùn pudemu vede l'altri fatti chì u precedeva cum'è causa. L'azzione hè a scelta di una azione da e varietà di fattori chì entranu in l'azzioni. Tuttu hè duvutu à a cunniscenza propria, a ragione, u pensamentu, u desideriu è l'azzioni - chì hè u so karma.

Per esempiu, dui omi stanu viaghjendu nantu à una riposta ripida di rocce. Mittennu u pede annantu à una roccia insegura, unu di elli perde u pede è hè precipitatu in un ravinu. U so cumpagnu, andendu in salvezza, trova u corpu quì sottu, manghjatu, trà e rocce chì mostranu una strata di minerale d'oru. A morte di unu pobre a so famiglia è causa di fallimentu à quelli cù quale hè assuciatu in l'affari, ma da a stessa caduta l'altru scopre una minera d'oru chì hà a fonte di a so ricca immensa. Un tali casu hè statu un accidente, chì hà purtatu u dulore è a miseria à a famiglia di u mortu, fallimentu di i so cumpagni in l'affari, è purtatu bona furtuna à u so cumpagnu chì a ricchezza hè stata guadagnata per casu.

Sicondu a legge di u karma ùn ci hè micca un accidentu o casu cunnessu cun tale incidente. Ogni avvenimentu hè in cunfurmità cù u travagliu di a legge è hè cunnessu cù e cause chì sò stati generati oltre i limiti immediati di u campu di percepzione. Dunque, l'omi micca capaci di seguità queste cause è e ramificazioni è cuscinetti di i so effetti in u presente è u futuru, chjamanu u so risultatu accidente è chance.

Sia a puvertà si deve svegliu l'autosugestenza in quelli chì eranu dipendenti da i morti è purtà facole è principii per ùn esse vistu mentre eranu dipendenti da un altru; o sì, in u casu oppostu, quelli dipendenti devenu esse disconsolati è disgraziati, rinunciate à a disperazione è diventanu poveri, dipendenu cumpletamente di u passatu di quelli chì ci sò stati cuncernati; o sì l'opportunità di e ricchezza hè prufitta da quellu chì hà scupertu l'oru è chì migliurà l'uppurtunità di ricchezza per migliurà e cundizioni di ellu stessu è di l'altri, per alleviare a soffrenza, per dotà spitali, o per inizià è sustene u travagliu educativu è scientificu. investigazioni per u bonu di a ghjente; o sè, d 'altra banda, ùn face nunda di questu, ma usa a so ricchezza, è u putere è l'influenza chì li dà, per l'oppressione di l'altri; o sia chì duverebbe diventà un debauchee, incuraghjendu l'altri à una vita di dissipazione, purtendu disgrazia, miseria è ruina per ellu stessu è l'altri, tuttu questu seria secondu a lege di u karma, chì avaristi statu determinata da tutti quelli interessati.

Quelli chì parlanu di casu è accidente, è in u stessu tempu parlanu è ricunnosce una cosa cum'è a legge, si staccanu mentalmente da u mondu astratto di a cunniscenza è limitanu i so prucessi mentali à e cose chì si raportanu à u mondu sensuale di fisica fisica. materia. Videndu ma i fenomeni di a natura è l'azzioni di l'omi, ùn sò micca capaci di seguità quellu chì cunnetta è causa i fenomeni di a natura è l'azzioni di l'omi, perchè quellu chì cunnetta causi cù effetti è effetti cù e cause ùn pò micca esse vistu. A cunnessione hè fatta da è in i mondi chì ùn sò micca vista, è dunque negata, da quelli chì ragiunate da fatti fisichi solu. Tuttavia, sti mondi esistenu. L'azzione di un omu chì porta un risultatu cattivu o benefiziu pò esse osservatu, è alcuni risultati dopu ponu esse tracciati, da l'observatore è ragiunatore di è da fatti in u mondu fisicu; ma perchè ùn pò vede a cunnessione di quella azione cù u so mutivu antecedente, u pensamentu è l'azzione in u passatu (quantunque distante), prova di dà cuntu di l'azzione o di l'eventu dicendu chì era un impulso o un accidente. Nisuna di ste parolle spiega l'occasione; nè da una di ste parolle ùn pò definisce o spiegà u ragiunatore materiale, ancu secondu a lege o e lege chì ellu ricunnosce esse operativi in ​​u mondu.

In u casu di i dui viaghjatori, se a morta avia usatu cura in a selezzione di a so strada, ùn serebbe micca cascatu, anche se a so morte, cume era richiestu da a lege di u karma, avissi da solu esse rinviata. Se u so cumpagnu ùn era micca descendutu da u periculu periculosu, in a speranza di dà l'assistenza ùn averia micca truvatu i mezi per u quale hà acquistatu a so ricchezza. Eppuru, cume a ricchezza era di esse, secondu u travagliu di u so passatu, ancu s'è a paura averia causatu di ricusà d'andà à l'aiutu di u to cumpagnu, avissi solu difesu a so prosperità. In micca lasciandu passà una opportunità, chì u so duvere presentatu, hà pigliatu u so bon karma.

U karma hè a lege maravigliosa, bella è armunosa chì prevale in u mondu. Hè maravigliu quandu cuntemplatu, è l'incunnisciutu è micca scurdatu per l'occurrence hè vistu è spiegatu da a continuità di u mutivu, u pensamentu, l'azzione è i risultati, tuttu in legge. Hè bellu perchè e cunnessione trà u mutivu è u pensamentu, u pensamentu è l'azzione, l'azzione è i risultati, sò perfetti in i so prupurzioni. Hè armoniu perchè tutte e parte è fattori in u travagliu fora di a lege, ancu s'ellu spessu appariscenu opposti l'una à l'altra quandu si vedenu aparti, sò fatte à rializà a lege aghjustendu l'una cù l'altru, è in u stabilimentu di rilazioni è risultati armoniosi. assai, parti vicinu è distanti, opposti è inarmoniosi è fatturi.

Karma adatta l'atti reciprocamente interdipendenti di i bilioni di omi chì anu mortu è vissutu è chì mureranu è vanu à vive novu. Benchì dipendente è interdipendente da l'altri di u so generu, ogni omu hè un "signore di u karma." Tutti siamu signori di u karma perchè ognunu hè u guvernatore di a so sorte.

A somma tutale di i pinsamenti è l'azzioni di una vita hè purtata da u reale I, l'individualità, à a vita prossima, è à a prossima, è da un sistema mundiale à un altru, finu à u gradu finale di perfezione hè stata arrivata è a lege di i pinsamenti è l'azzioni di sè, a lege di u karma, hè stata suddisfatta è rializata.

U funziunamentu di u karma hè oculatu da a mente di l'omi perchè i so pinsamenti sò centrati in cose chì anu da a so persunalità è a so sensazione assistente. Issi pinsamenti formanu un muru attraversu u quale a visione mentale ùn pò passà per tracciate ciò chì cunnetta u pensamentu, cù a mente è u desideriu da chì nasce, è per capisce l’azzioni in u mondu fisicu cumu sò nati in u mondu fisicu da i pinsamenti. è desideri di l'omi. Karma hè oculta da a persunalità, ma hè chjaramente cunnisciutu da l'individualità, chì l'individualità hè u dio da quale a personalità hè uriginale è di quale hè un riflessu è un ombra.

I dettagli di u funziunamentu di u karma resteranu oculati da u mumentu chì l'omu rifiutà di pensà è agisce in modu ghjustu. Quandu l'omu penserà è agirà in modu giustu è senza paura, indipendentemente da elogie o culpe, allora amparà à apprezzà u principiu è seguità u funziunamentu di a lege di u karma. Poi rinforcerà, formerà è agudicherà a so mente per allora perforarà u muru di i pinsamenti chì circundanu a so personalità è esse capace di tracciare l'azzione di i so pinsamenti, da u fisicu à traversu l'astrale è da u mentale à u spirituale è di ritornu in u fisicu; allora pruvarà à u karma hè tuttu ciò chì hè riclamatu per quellu da quelli chì sà ciò chì hè.

A prisenza di u karma di l'umanità è di quale prisenza e persone sò cunuscite, ancu s'ellu ùn sò micca cuscenti, hè a fonte da quale vene u sentimentu vagu, instintuu o intuittivu chì a ghjustizia regula u mondu. Questu hè inherente in ogni essere umanu è per via di questu, l'omu teme l'ira di Diu "è dumanda a misericordia".

A còllera di Diu hè l'accumulazione di azioni sbagliate realizate intenzionalmente o ignuranziamente chì, cum'è Nemesis, perseguite, pronti à superare; o appiccicà cum'è a spada di Damoculu, pronta à caduta; o cum'è una nuvola di u tonu chì stà abbannunatu, sò pronti à precipità si appena e cundizioni sò maturu è e circustanze li permettenu. Stu sintimu di u karma di l'umanità hè spartutu da tutti i so membri, ogni membru di ella anu un sensu ancu di a so particulare Nemesis è di u nuvulu di trombi, è questu sintimu face chì l'omu pruvate à propugnà un certu essere invisibile.

A misericordia chì cerca l'omu hè chì averà i so diserti ghjusti rimossi o posposti per un tempu. A rimozione hè impussibile, ma u karma di l'azzioni si pò esse rientratu per un tempu, finu à chì u supplientu per a misericordia hè capace di scuntrà u so karma. A Misericordia hè dumandata da quelli chì si sentenu troppu debuli o troppu guadagnati da a paura di dumandà chì a lege sia cumplessa subitu.

Oltre u sentimentu di "furore" o di "vendetta" di Diu è u desideriu di "misericordia", ci hè una credenza o una fede inerenti in l'omu chì in qualche locu di u mondu - malgradu tutte l'inghjustia chì sembra sia evidente in tutti i nostri- a vita di ghjornu - culà hè, malgradu ch'ella ùn sia vista è micca capita, una legge di a ghjustizia. Questa fede inherente in a ghjustizia hè innata in u spiritu di l'omu, ma esige qualchì crisa induve l'omu hè ghjittatu nantu à ellu stessu da l'apparente inghjustizia di l'altri per chjamala. U sentimentu inherente di ghjustizia hè causatu da l'intuizione sottostante di l'immortalità chì persiste in u core di l'omu, malgradu u so agnosticismu, u materialisimu è e cundizioni avversi da ellu per fà affruntà.

L’intuizione di l’immortalità hè a cunniscenza sottostante ch’ellu hè capace è viverà per l’injustizia apparente chì li hè imposta, è chì hà da campà à arraggià i sbaglii chì hà fattu. U sensu di a ghjustizia in u core di l'omu hè a sola cosa chì u salva di chiancià per u favore di un diu inghjustu, è chì soffre longu i capricci è un patrociniu di un sacerdote ignorante, avariu, amatore di u putere. Stu sensu di ghjustizia face un omu di l'omu è li permette di vede senza paura in u visu di un altru, ancu s'è cuscente ch'ellu deve soffre per u so sbagliatu. Issi sentimenti, di l'ira o di a vendetta di Diu, di u desideriu di misericordia, è di a fede in l'eternica ghjustizia di e cose, sò evidenza di a presenza di u karma di l'umanità è di una ricunniscenza di a so esistenza, anche se a ricunniscenza hè di volte inconsciente o remoto.

Cum'è l'omu pensa è agisce è vive secondu i so pinsamenti, mudificati o accentuati da e cundizioni chì prevalenu, è cum'è un omu, cusì una nazione o una civilisazione entera cresce è agisce secondu u so pensamentu è l'ideale è l'influenzi ciclici prevalenti, chì sò i risultati di i penseri mantinuti dapoi sempre, cusì face ancu l'umanità inseme è u mondu in quale hè è hè stata, vive è sviluppata da a zitiddina finu à i più alti rializazioni mentali è spirituali, secondu sta lege. Eppuru, cum’è un omu, o una razza, l’umanità inseme, o cume tutti quelli di l’umanità chì ùn anu righjuntu a perfezione finale chì hè u scopu di quella manifestazione particulare di i mondi per ghjunghje, moriri. E personalità è tuttu ciò chì tocca à a personalità passanu è e forme di i mondi sensuali cessanu di esistene, ma l'essenza di u mondu resta, è l'individualità quant'è l'umanità resta, è tutte passanu in una cundizione di restu simili à quella in quale l'omu. passa quandu, dopu à i sforzi di una ghjurnata, mette u corpu à riposu è si ritira in quellu statu o regnu misteriosu chì l'omi chjamanu u sonnu. Cù l'omu vene, dopu à u sonnu, un svegliu chì chjama à i duveri di u ghjornu, à a cura è a preparazione di u so corpu chì pò eserciteghja i duveri di u ghjornu, chì sò u risultatu di i so pinsamenti è l'azzioni di u ghjornu passatu. o ghjorni. Cum'è l'omu, l'universu cù i so mondi è l'omi si svegliate da u so periodu di dorme o di restu; ma, a diferenza di l'omu chì vive di ghjornu à ghjornu, ùn pussede micca corpu fisicu nè corpi in quale percece l'azzioni di u passatu immediatu. Si deve richiamà i mondi è i corpi attraversu quali agisce.

Quella chì vive dopu a morte di l'omu sò e so opere, cum'è l'incarnazione di i so pinsamenti. A somma totale di i pinsamenti è l'ideali di l'umanità mundiale hè u karma chì dura, chì sveglja è chjama tutte e cose invisibili in attività visibile.

Ogni mondu o serie di mondi entra in esistenza, e forme è i corpi sò sviluppati secondu a lege, chì a lege hè determinata da a listessa umanità chì esistia in u mondu o mondi chì precedenu a nova manifestazione. Questa hè a lege di ghjustizia eterna per quale l'umanità in generale, è ancu ogni unità individuale, sò tenute à gode i frutti di i travaglii passati è soffre e cunsequenze di l'azione sbagliata, esattamente cum'è prescritta da i pinsamenti è l'azzioni passati, chì facenu. a lege per e cundizioni attuali. Ogni unità di l'umanità determina u so karma individuale è, cume una unità inseme cù tutte l'altre unità, adopta è porta a lege per quale l'umanità in generale hè guvernata.

À a fine di ogni grandi periodu di a manifestazione di un sistema mundiale, ogni unità individuale di l'umanità hè avanzata versu u gradu finale di perfezione chì hè u scopu di quella evoluzione, ma alcune unità ùn anu righjuntu u gradu tutale. passa in quellu statu di restu chì currisponde à ciò chì sapemu cum'è sonnu. A l'avvicina di novu di u novu ghjornu di u sistema mundiale ognuna di e unità si sveglia in u so tempu è cundizione propiu è cuntinueghja a so sperienze è u travagliu alluntanatu fora in u ghjornu o u mondu precedente.

A sfarenza trà u svegliu di un essaru umanu da u ghjornu à u ghjornu, a vita à a vita, o da u sistema mundiale à u sistema mundiale, hè una differenza solu in u tempu; ma ùn ci hè nisuna differenza in u principiu di l'azzioni di a lege di u karma. I corpi novi è e persunalità anu da esse fatte da u mondu à u mondu cumu i vestiti sò messi da u corpu da u ghjornu. A diferenza hè in a texture di i corpi è di a ropa, ma l'individualità o mi ferma u listessu. A legge esige chì u vestitu messu in quistione sia quellu affare è dispostu in un ghjornu precedente. Quellu chì l'ha sceltu, affaccatu per ellu è hà urganizatu l'ambiente è a cundizione in quale deve esse purtatu u vistimentu, hè l'I, l'individualità, chì hè u fabbricante di a legge, sottu à quale hè obligatu da a so propria accetta di accettà chì chì hà datu per ellu stessu.

Sicondu a cunniscenza di i pinsamenti è l'azzioni di a personalità, chì hè tinuta in a memoria di l'ego, l'ego forma u pianu è determina a lege secondu a quale a futura personalità deve agisce. Cume i pinsamenti di una vita si mantene in a memoria di l'ego, cusì i pinsamenti è l'azzioni di l'umanità in generale sò conservati in a memoria di l'umanità. C'è ci hè un veru ego chì persiste dopu a morte di una persunalità cusì ci hè ancu un ego di l'umanità chì persiste dopu à a vita o un periodu di a manifestazione di una umanità. Stu ego di l'umanità hè una individualità più grande. Ogni unità individuale hè necessaria per questu è nimu ùn pò esse sguassatu nè fattu fora perchè l'ego di l'umanità hè unu è indivisibile, nessuna parte ùn pò esse distrutta o persa. In a memoria di l'ego di l'umanità, i pensamenti è l'azzioni di tutte l'unità individuali di l'umanità sò conservati, è hè sicondu sta memoria chì u pianu per u novu sistema mundiale hè determinatu. Questu hè u karma di a nova umanità.

L'ignuranza si estende à traversu i mondi finu à una cunniscenza cumpleta è cumpleta. U peccatu è l'azzione ignuranza varianu in gradu. Cumu, per esempiu, unu pò peccà, o agisce in modu di ignuranza, da bevendu da una piscina infettiva da una febbre, passà l'acqua à un amicu chì beve ancu, è tutti i dui ponu soffre u restu di a so vita secondu u risultatu di una tale azione ignurante; o si pò trama è deliberatamente arrubà grandi somme da investitori poveri; o un altru pò creà a guerra, uccidere, distrughje e cità è sparisce a desolazione in un paese sanu; ancu un altru pò induvinà a ghjente à crede ch'ellu sia u rappresentante di Diu è di Diu incarnate, per via di a quale a credenza li pò causà per abbandunà a ragione, si dannassi di eccessi è seguite e pratiche chì saranu da dannu morale è spirituale. U peccatu, cum'è azione ignurante, si applica à ogni casu, ma e penalità chì sò i risultati di l'azzioni difereranu secondu u gradu di l'ignuranza. Quellu chì hà una cunniscenza di e lege umane chì guvernanu a sucietà è chì usa a so cunniscenza per dannà l'altri, soffrerà più intensamente è per un periodu più longu perchè a so cunniscenza li fa rispunsevule, è u peccatu, una azione sbagliata, hè più grande mentre a so ignuranza hè diminuita.

Dunque unu di i peccati peghju, per quellu chì sa o duverebbe cunnosce, hè di privà di vuluntà un altru di u so dirittu di scelta individuale, di debilitallu chinu dannucci da ellu a legge di a ghjustizia, di pruvucallu à rinuncia di a so vuluntà, à incuraghjelo o fà chì dipendenu sia per u pardunamentu, u putere spirituale, o l'immortalità da un altru, invece di depende di a lege di a ghjustizia è di i risultati di u so propiu travagliu.

U peccatu sia una azione sbagliata, o u ricusatu di fà bè; tutti dui sò seguiti da un timore inherente di a legge ghjusta. A storia di u peccatu originale ùn hè micca una mente; hè una fabula chì oculta, ma dice, una verità. Havi à fà cù a procreazione è a reincarnazione di a prima umanità. U peccatu originale era u rifiutu di una di e trè classi di i Figli di a Mente Universale, o di Diu, per reincarnate, per piglià a so croce di carne è procreà legale in modu chì altre razze pudessinu incarnate in u so ordine propiu. Questa rifusazione era contru a lege, u so karma di u periodu precedente di manifestazione chì avianu participatu. U so rifiutu di reincarnate quandu hè venutu a so volta, hà permessu à e entità menu avanzati à entra in i corpi preparati per elli è chì queste entità inferiori eranu incapace. per fà un bonu usu di. Per ignuranza, l'entità inferjuri accumpagnate cù tippi d'animali. Questu, l'usu misurante di l'attu procreativu, era u "peccatu originale", in u so sensu fisicu. U risultatu di l'atti procreativu illegale di l'umanità bassa era di dà à a razza umana a tendenza à a procreazione illegale - chì porta in u mondu u peccatu, l'ignuranza, l'azzioni sbagliatu è a morte.

Quandu e menti anu vistu chì i so corpi sò stati pigliati da razzi inferiori, o entità menu di l'omu, perchè ùn avianu micca usatu i corpi, sapianu chì tutti anu peccatu, anu agitu di modu sbagliatu; ma mentri chì e razze inferjuri avianu agitu in modu ignorante elle, menti, anu ricusatu di fà u so duveri, dunque u so più grande u peccatu per via di a cunniscenza di i so sbagliati. Cusì i menti si appruntonu à aduttassi di i corpi ch'elli avianu ricusatu, ma anu cunsideratu ch'elli eranu digià duminati è cuntrullati da una lussura illegale. A pena di u peccatu originale di i Figli di u Mente Universale chì ùn reincarnate micca è procreà hè, chì sò ora dominati da quellu chì si ricusavanu di guvernà. Quandu puderianu guvernà ch'elli ùn anu micca, è avà chì so guvernanu ùn ponu micca.

A prova di quellu peccatu anticu hè presente in ogni omu in u dulore è in agunia di a mente chì seguitanu l'attu di u desideriu pazzi chì hè guidatu, ancu contru à a so ragione, à commette.

U karma ùn hè micca una legge ceca, anche si u karma pò esse creatu cecamente da quellu chì agisce per ignuranza. Tuttavia, u risultatu di a so azione, o karma, hè amministratu intelligente senza favore o preghjudiziu. L'operazione di u karma hè meccanicamente ghjusta. Anchi se spessu ignorante u fattu, ogni essere umanu è tutte e creature è intelligenze di l'universu anu ognuna a so funzione designata per eseguisce, è ognuna hè una parte in a grande macchinaria per u travagliu di a legge di u karma. Ogni hà u so postu, sia in a capacità di una ruota, un pin, o un gauge. Questu hè cusì sì ellu sia cusciente o inconsciente di u fattu. Tuttavia una parte insignificante si pò parenu ghjucà, cumunqui, quand'ellu agisce, principia tutta a machina di karma in operazione chì implica tutte e altre parte.

Sicondu cumu unu rende bè a parte chì deve cumpienu, per quessa, diventa conscientu di u travagliu di a lege; allora pigghia una parte più impurtante. Quand'ellu hè statu dimustratu per esse ghjustu, essendu liberatu di e cunsequenze di i so pinsamenti è di l'azzioni, hè adattatu per esse affidatu di l'amministrazione di u karma di una nazione, razza o mondu.

Ci sò intelligenze chì agiscenu cum'è l'agenti generale di a lege di u karma in a so azzione à traversu i mondi. Queste intelligenze sò da diverse sistemi religiosi chjamati: lipika, kabiri, cosmocratori è arcangeli. Ancu in a so stazione alta, queste intelligenze rispettanu a lege facendu. Sò parti in a machina di karma; elli sò parti in l'amministrazione di a grande lege di karma, quant'è u tigre chì face u colpu à u zitellu è devora un zitellu, o cum'è un borbusu sordu è sbulicatu chì travaglia o uccide per una pena. A diffarenza hè chì unu agisce per ignuranza, mentri, l'altru agisce intelligente è perchè hè ghjustu. Tutti sò preoccupati per a realizazione di a lege di u karma, perchè ci hè l'unità attraversu l'universu è u karma priserva l'unità in u so impegnativu funziunamentu ghjustu.

Pudemu chjamà queste grandi intelligenze per tali nomi cum'è preferimu, ma ci rispondenu solu quandu sapemu cumu chjamà è poi ponu risponde solu à a chjama chì sapemu di dà è secondu a natura di a chjama . Ci ponu mustrà nè favore nè disgrazia, ancu s'è avemu a cunniscenza è u dirittu di chjamà. Anu da nutà è chjamanu l'omi quandu l'omi volenu agisce in modu ghjustu, inghjustu è per u bonu di tutti. Quandu tali omi sò pronti, l'agenti intelligenti di u karma pò avè bisognu di elli à serve in a capacità per quale u so pensamentu è u travagliu li anu adattatu. Ma quandu l'omi sò cusì invucati da una grande intelligenza ùn hè micca cun l'idea di favore, nè qualsiasi interesse persunale in elli, o cun l'idea di ricumpensa. Sò chjamati à travaglià in un campu d'azzione più grande è più chjaru perchè sò qualificati è perchè sò solu chì devenu esse travagliadori cù a lege. Ùn ci hè nisun sentimentu o emozione in e so elezzione.

In u settembre u karma "Parola" serà trattu in a so applicazione à a vita fisica.— Ed.

(À seguità.)