The Word Foundation

THE

PARMA

Vol. 13 SETTEMBRE, 1911. N ° 6

Copyright, 1911, da HW PERCIVAL.

VOLANTE.

A scienza MODERNA hà ultimamente ammessu Flying in a so famiglia di scienza rispettabile, sottu u nome pneumatica, aerostatica, aeronautica o aviazione. A meccanica di Flying pò esse studiata è praticata da qualsiasi omu qualificatu senza perda di a so pusizione scientifica.

Dapoi seculi ci sò stati omi capaci è degni, inseme cù pretendenti è avventuri fantastichi trà i pretendenti à una cunniscenza di a scienza di u volu. Sin'à l'attuale scienza ortodoxa hà luttatu è tinutu u campu contr'à tutti i pretendenti. Hè statu una lotta longa è dura. L'omu di u meritu hè statu sottumessu à a stessa cundanna o ridicule cum'è un charlatan è fanaticu. L'aviatore chì vola ora tranquillamente attraversu l'aria o rialza è cade, torbbe o dardi o scorre in figure graziose prima di ammirazione di i spettatori, hè capace di fà per via di una longa fila di l'omi, arrivendu da i seculi passati à u presente, chì hà fattu u so successu pussibule per ellu. Suppurtaru assai ridiculu è censura liberamente datu; guadagna una ricumpensa sustanziale è riceve e lode di ammirazione di e mille.

A scienza di u volu ùn hè stata accolta nè ammessa facilmente in u cerculu di e scienza ricunnisciute è da i so eletti ci anu datu u so titulu di rispettabilità scientifica. L'omi di e scienze appruvati anu ammissu a scienza di volà à u so numeru perchè anu avutu. U volu hè statu pruvatu è dimustratu per i sensi cum'è fatti, è ùn pudia più esse nigatu. Cusì hè stata accettata.

Ogni teuria deve esse sottumessa à teste è pruvata prima chì sia accettata cum'è vera. Quellu chì hè veru è per u megliu perseverà è vincerà tutte l'opposizioni in u tempu. Ma l'uppusizione chì si mostra à parechje cose fora di ciò chì hè in u mumentu di i limiti di a scienza ristretta, hà impeditu à i menti addestrati à u pensamentu scientificu di ripiglià suggerimenti è di purtà à a perfezione certi pensamenti chì avarianu da esse utuli assai per l'omu.

L'attitudine di a scienza autorizata - per affruntà i sughjetti fora è micca accettatu - hè un cuntrollu per l'aumentu è u putere di i fraudes è i fanatichi, chì crescenu cum'è malezi in u caldu di a civilisazione. Se ùn era micca per questa attitudine di scienza, i frodi, i fanatichi è i pesti sacerdotali, cum'è e malatie erbiche, crescenu è ombreghjanu, fusserassi o furesteraranu i menti umani, cambiassi u giardinu di a civiltà in una giungla di dubbii è di paure è forse. a mente per vultà à e incertezze superstiziosi da quale l'umanità era guidata da a scienza.

In cunsiderà l'ignuranza chì in diverse gradi prevalenu trà tutte e menti, pò esse, forse, megliu chì l'autorità scientifica duverebbe scentificamente scurificà è nega i sughjetti o cose fora di i limiti limitati. Per d 'altra banda, questa attitudine scentifiche impedisce a crescita di a scienza muderna, postponi scoperte preziose da fà in campi novi, carica a mente cù preghjudizi scunnisciuti è cusì impide a mente di ritruvà u so modu attraversu u pensamentu à a libertà.

Micca tempu fà chì i ghjurnali ripiglianu l'opinioni di a scienza ridiculava o cundannavanu quelli chì custruìranu macchine volanti. E accusavanu i volanti d'esse di divintatori inutili o inutili. Hanu tenutu à sforzi di volanti volanti ùn anu mai avutu nunda, è chì l'energia è u tempu è i soldi spreati in tali tentattivi inutili anu da esse trasfurmati in altri canali pè ottene risultati pratichi. Ripetenu l'argumenti di l'autorità per dimustrà l'impussibilità di volu meccanicu da l'omu.

Volu o volu hè avà una scienza. Hè impiegatu da i guverni. Hè l'ultimu lussu indulatu da i sportivi audaci. Hè sughjettu di interessu cumerciale è publicu. I risultati di u so sviluppu sò cunsiderati currettamente è u so avvene prevede in modu impaciente.

Oghje tutti i ghjurnali anu qualcosa à dì in lode di l'omi "acelli-uccelli", i "omi-acelli", i "aviatori", è e so macchine. In fatti, e nutizie nantu à a pneumatica, l'aerostatica, l'aeronautica, l'aviazione, u volu hè a più grande è l'ultima attrazione chì i ghjurnali offre à un mondu attentu.

Sti muli d'opinione pubica sò sfurzati da i fatti è l'opinione publica à cambià a so vista. Vulenu dà à u publicu ciò chì a mente publica desidera. Hè bè dimenticà i dettagli è i cambiamenti di opinioni in u flussu di u tempu. Eppuru, ciò chì l'omu duverebbe pruvà à diventà vivu è ciò chì deve ricurdà hè chì i preghjudizii è l'ignuranza ùn ponu per sempre verificà a crescita è u sviluppu di a mente nè frenà u so putere di espressione. L'omu pò sentu forte in u pensamentu chì i so puteri è e pussibulità seranu megliu espressi se travaglia diligente in u pensamentu è l'azzione per ciò chì cuncepisce pussibule è megliu. L'uppusizione offerta da i preghjudizii è l'opinione publica pò, per un tempu solu, impedisce u so prugressu. I preghjudizii è e mera opinioni saranu superati è sbulicati, postu chì e pussibilità diventenu evidenti. Intantu, tutte l'opposizioni offrenu l'oppurtunità di sviluppà a forza è hè necessariu di crescita.

In mumenti di reverie, di penseru profundo, d'estasi, l'omu, a mente, sà chì ellu pò vulà. À l'ora di l'elazione, à l'udiu di una bona nutizia, quandu u soffiu rinu ritmicamente è u polu hè altu, si sente cum'è se puderia cullà in alto è in avanti in i spazii di u blu di u blu scunnisciutu. Dopu vede u so corpu pisanti è si stà nantu à a terra.

U vermu si strappa, u porcu cammina, u pesciu face a nata è l’acellu vola. Ogni pocu dopu hè natu. Ma longu dopu à a nascita, l'omu-animali ùn pò micca volà, nè natà, nè caminu nè rastrellà. A più cosa pò fà hè di squirmà e pichjà è urla. Parechji mesi dopu a nascita amparà à rastreà; allora cun tantu sforzu li rampta nantu à e mani è à i ghjinochji. Più tardi è dopu parechji tampi è caduti hè capace di stà. Infine, per esempiu parentale è cun assai guida, cammina. Anni ponu passà prima ch'ella amparà à natà, è qualchissia ùn amparà mai.

Avà chì l'omu hà ottenutu u miraculu di u volu meccanicu, parerebbe chì quandu ellu domina u volu aereo per mezi meccanichi, hà da ghjunghje à u limitu di e so pussibilità in l'arti di volà. Ùn hè micca cusì. Hà da fà è ferà più. Senza nisuna controlanza meccanica, senza aiutu è sola, in u so corpu fisicu gratuitu, l'omu voli à l'aire à vuluntà. Puderà riesce altamente quant'è a so capacità di respirazione permetterà, è di guidà è di regulà u so volu cun facilità cum'è un acellu. Quantu sarà fattu questu dipende da u pensamentu è u sforzu di l'omu. Si pò esse fattu da assai di quelli chì campanu. In l'età futura tutti l'omi puderanu acquistà l'arti di volà.

A cuntrariu di l'animali, l'omu amparà l'usu di u so corpu è di i sensi da esse struitu. L'umanità duverà lezioni di ughjettu o un esempiu, prima chì accettanu è pruvate ciò chì hè pussibule per elli. Per a natazione è a vola, l'omi anu avutu i pesci è l'uccelli cum'è lezioni di ughjettu. Invece di pruvà à scopre a forza o l'energia utilizata da l'uccelli in u so volu, è di amparà l'arte di impiegà l'omi, l'omi anu sempre pruvatu à inventà una certezza meccanica è adupralla per u volu. L'omi anu trovu i mezi meccanichi di volu, perchè anu pensatu è travagliatu per ella.

Quandu l'omu fighjava l'uccelli in i so voli, pensava à elli è vulia volà, ma ùn hà micca mancatu cunfidenza. Avà hà a fiducia perchè vola. Eppuru chì hà mudellatu dopu à u mecanismu di l'uccello, ùn ci vole micca cum'è l'uccello, nè mancu a forza chì una uccella usa in u so volu.

Sensibili à u pesu di i so corpi è à ùn cunnosce micca a natura di u pensamentu nè a so relazione cù i so sensi, l'omi saranu stupiti da u pensamentu di u so volu attraversu l'aria solu in i so corpi fisichi. Allora ci ne dubbiteranu. Hè prubabile chì aghjunghjenu ridicule per dubbità, è mostranu per argumentu è sperienza chì u volu umanu aiutatu hè impussibile. Ma qualchì ghjornu un omu più auditore è più qualificatu cà u restu volerà, senza altri mezi fisichi cà u so corpu. Allora l'altri omi vedranu è crederanu; è, videndu è credendu, i so sensi saranu adattati à u so pensamentu è anch'elli volaranu. Allora l'omi ùn ponu più dubbità, è una fugliale umana senza aiutu serà un fattu accettatu, cumuni cume fenomeni di e forze meravigliose chjamate gravitazione è luce. Hè bè di dubbità, ma di ùn dubbità troppu.

A forza motiva di u volu di tutte e acelli ùn hè micca per via di l'abbattimentu o di u fluttuazione di e so ali. A forza motiva di u volu di l'uccelli hè una forza specifica indotta da elli, chì li permette di fà i so voli longu duvuti, è da a quali si ponu viaghjà à traversu l'aria senza l'abbattimentu o l'imbattimentu di e so ali. L'acelli usanu e so ali per equilibrà i so corpi, è a cuda cum'è un timone per guidà u volu. L'ali sò ancu usati per inizià u volu o per induce a forza di u mutivu.

A forza chì uccellu usa per vola hè presente cù l'omu cum'è hè cun un uccello. Eppuru, l'omu ùn a ne sà, o se ellu hè cuscente di a forza, ùn cunnosce micca di l'usi à quale si pò mette.

Un acellu inizia u so volu intruchjendu, allungando e gambe, è stendendu e so ali. Per mezu di i muvimenti di u soffiu, di e gambe e di le ali, l’acellu excita u so organisimu nervu, allora per metelu in una certa cundizione. Quandu in quella cundizione induce a forza motiva di u volu per agisce à traversu a so urganizazione nervosa, altrettantu com'è un corrente elettricu hè induvinatu à u longu di un sistema di fili da u giru di una chjave nantu à a centralina di u sistema. Quandu a forza motiva di volu hè indotta, impele u corpu di l'acellu. A direzzione di u volu hè guidata da a pusizione di e ali è di a cuda. A so velocità hè regulata da a tensione nervosa è u voluminu è u muvimentu di u soffiu.

Chì l'acelli ùn volanu micca per l'usu di e so ali solu hè palesa a diffarenza in a superficia di l'ala in comparatione cù u pesu di u so corpu. Un fattu degnu di nutà hè chì ci hè una diminuzione proporzionale in a superficie di l'ala o l'ala di l'uccello in comparatione cù l'aumentu di u so pesu. L'acelli di e ali relativamente grandi è e corpi liggeri ùn ponu micca vola quant'è veloci o per uccelli chì l'ali sò chjucchi cumparatu à u so pesu. Più u potente è u pisante uccello menu dipende da a so superficie di l'ala per u so volu.

Alcune acelli sò in pesu ligeru cumparatu à a grande diffusione di e so ali. Questu ùn hè micca perchè anu bisognu di a superficie di l'ala per u volu. Hè perchè a grande superficie di l'ala li permette di alzà subitu è ​​di rompe a forza di a so caduta brusca. L'acelli di volu longu è rapidu è l'abitudine ùn anu micca bisognu di svantassi è cadenu di colpu ùn anu micca bisognu è generalmente ùn anu micca grande superficie d'ala.

Una altra evidenza chì a forza motiva di u volu di l'acelli ùn hè micca per via di a superficia è u meccanisimu di e so ali, hè chì ogni volta chì l'occasione richiede, l'acellu aumenta assai a so velocità cun solu un ligeru aumentu di u muvimentu di e so ali o senza alcun aumentu. di muvimentu d'ala qualunque sia. Si dipendeva da u muvimentu di l'ala per u volu un aumentu di a velocità dipendeva da un muvimentu di u ala aumentatu. U fattu chì a so velocità pò esse aumentata assai senza un aumentu proporzionale di u muvimentu di l'ala hè una evidenza chì quellu chì u muvimentu hè causatu da una altra forza chì i movimenti muscolari di e so ali. Questa altra causa di u volu hè a forza motiva di u volu.

Pè esse cunclusu.