The Word Foundation

THE

PARMA

Vol. 16 DECEMBRE, 1912. N ° 3

Copyright, 1913, da HW PERCIVAL.

LUMINANA DI NATALE.

IT hè à l'alba di u solstiziu d'invernu. I lampi in u sudu orientale alluntananu l'esercitu di a notte è parlanu di u Signore chì si trova di u ghjornu. Nuvole si riuniscenu mentre u ghjornu porta è ghjallanu l'ombra più longa di l'annu. L'arbureti sò nudi, a sapa hè bassa, è i ghjardini trascinanu a terra sterpa.

Sera a sera; i nuvuli cambianu u celu in una cupola di piombu. I venti gemeghjanu una bassa a morte; nantu à un spaziu pocu sopra a linea di terra di u sudu uccidintali, u celu grisu si leva da un stadiu. U rè murendu di u celu, un globu di focu arrubbatu in un sudu purpurinu, si affonda in un spaziu tremante, al di là di a valle chì attraversava e muntagne distanti. Colori fade; piume-nuvole chjude sopra ellu; i venti murenu; a terra hè fredda; è tuttu hè impannillatu à pena.

A tragedia di u tempu di u so ultimu annu hè fatta. L'omu pensativu vede, è in ella vede a tragedia di a vita simbolizata - è a previsione propria. Ellu vede inutilità di sforzu in a ronda interminable di a vita è a morte, è a tristezza cascà nantu à ellu. Fain mettia u pesu di l'anni è passassi in u scurdatu di u sonnu senza sognu. Ma ùn pò. U criticu uriginale di l'umanità rompe a tristezza di a tristezza; è sente. Aghjunghjite e fragilità di l'omu: fede perse, amicizie rotte, ingratitudine, ipocrisia, ingannazione. In u so core ùn ci hè spaziu per questi. Si sente u dulore di un mondu in gola è a garganta cù u cori di u malu di l’omu. In ellu stessu l'omu sente u gridu di l'omu per u putere per vede, sente, parlà. Vive di u passatu è di vita per vene à truvà voce in ellu, è sta parlanu in silenziu.

U percorsu di u sole simbolizza a vita di l'omu: in quantu à esse sicuru - è sì u celu luminoso, o soprappuru - assicuratevi di sunnà in u bughju. Questa hè stata u cursu in numerose eone è pò andà per eone scunnisciute. A vita di l'omu hè solu una puzza d'aria, un lampu in u tempu. Ghjè una striscia di luce, arruffata, costumata, chì cala è per un mumentu ghjoca nantu à u palcuscenicu; poi trembles, sparisce, è ùn hè più vistu. Ellu vene - ùn sà d'induva. Passa - induva? L'omu hè natu per pienghje, per ridia, per soffre è per piacè, per amà, solu chì ellu deve mori? U destinu di l'omu sarà sempre a morte? E lege di a natura sò listesse per tutti. Ci hè un metudu in u crescente di lama di erba. Ma a pala d'erba hè una pala d'erba. L'omu hè l'omu. A lama di l'arba fiurisce è seccu; ùn dumanda micca a luz di u sole, nè u fretu. L'omu dumanda mentre ellu soffre, ama, è mori. Sì ùn hè micca rispostu, perchè duverebbe dumandassi? L'omi anu interrugatu attraversu l'età. Tuttavia, ùn ci hè più risposta ch'ella ci hè un eco in a rustica di a lama d'erba. A natura da dà nascita à l'omu, allora u obliga à fà cummettere offesi chì ripiglia cù e malatie è a morte. A natura amabile deve esse sempre fatta à tentà è distrughje? I prufessori parranu di bè è di gattivu, di dirittu è di gattivu. Ma chì hè bonu? chì cattivu? chì drittu? chì sbagliu? Chì sapi? Ci deve esse sapienti in questu universu di dirittu. L'omu interrogatoriu sarà sempre senza risponde? Se a fine di tuttu hè a morte, perchè sta gioia è agunia di a vita? Se a morte ùn finisce micca tuttu per l'omu, cumu o quandu cunnoscerà a so immortalità?

Ci hè u silenziu. Mentre u crepuscolo profundeghja, e fiocche di neve venenu da u nordu. Copreranu i campi congelati è oculanu a tomba di u sole in ovest. Oculanu a sterilità di a terra è prutegge a so vita futura. È da u silenziu vene a risposta à e dumande di l'omu.

O, terra disgraziata! O terra stanca! playhouse di i ghjochi, è u teatru tintau di sangue di innumerevoli crimini! O poviru, infelice, ghjucadore di i ghjochi, fabbricatore di e parti chì agite! Un altru annu hè passatu, vene un altru. Quellu chì mori? Quale hè vita? Quale hè a risa? Quale chianci? Quale vince? Quale perde, in l'attu ghjustu finitu? Chì eranu i pezzi? Tiraniu cruel, e poveri oppressi, santu, peccatore, dolt è salvia, sò parte chì ghjucate. I vestiti chì porta, cambianu cù i scene cambiante in ogni attu successu di u spettaculu cuntinuu di a vita, ma ti ferma l'attore - pochi attori ghjucanu bè, è menu cunnoscenu e so parti. Sempre chì tu, poviru attore, ammucciatu da sè stessu è di l'altri, in i vestiti di a vostra parte, vene nantu à u palcuscenicu è ghjucate, finu à quandu avete pagatu è ricevutu pagà per ogni attu in e parti chì ghjucate, finu à chì avete servutu u vostru tempu è guadagnatu libertà da u ghjocu. Poviru omu! attore troppu ansiosu o chì ùn vole micca! infelice perchè ùn sapete micca, perchè ùn ampararete micca a vostra parte - è in ellu permanece separati.

L'omu dice à u mondu chì cerca a verità, ma ferma è ùn serebbe micca partutu da a falsità. L'omu chjama a voce alta per a luce, ma si lampeghja quandu a luce venenu à guidallu fora di a bughjura. L'omu chjude l'ochji, è gridendu chì ellu ùn pò micca vede.

Quandu l'omu fighjerà è lasciate vede e cose, a luce mostrarà u bonu è u male. Ciò chì hè per ellu, ciò chì deve fà, chì hè bonu, hè di dirittu, hè megliu. Tuttu u restu, per ellu, hè male, hè sbagliatu, micca megliu. Ci vole à esse lasciatu.

Quellu chì vole à vede vede, è capiscerà. A so luce li mostrarà: "No", "Siate", "Ùn hè micca u megliu." Quandu l'omu sente u "no" è cunnosce u "sì", a so luce li mostrarà: "Sì," "Fà questu, "" Questu hè u megliu. "A luce stessu ùn pò micca esse vistu, ma mostrarà e cose cum'è sò. U modu hè chjaru, quandu l'omu vulerà vede lu è seguite.

L'omu hè cecu, sordu, stupidu; eppuru si vidissi è sente è parlava. L'omu hè cecu è, teme di luce, si guarda in u bughju. Hè sorda perchè, stendu à sente i so sensi, ferma l'arechja à discordà. Hè stupidu perchè hè cecu è sordu. Ellu parla di fantasmi è di disarmonie è resta inarticulatu.

Tutte e cose mostranu ciò chì sò, à quellu chì vede. L'omu scunnisciutu ùn pò micca dì l'aspettu da u reale. Tutte e cose proclamanu e so natura è nomi, à quellu chì sente; l'omu inudibile ùn pò micca distingue i soni.

L'omu amparà à vede, se ellu farà u sguardu in a luce; amparà à sente, sè ellu stà à sente per u veru; avarà u putere di articula u discorsu, quand'ellu veda è sente. Quandu l'omu vede è sente è parla cù l'innuità di u putere, a so luce ùn fallerà micca è li lasciarà cunnosce l'immortalità.