The Word Foundation

Un, dui, trè specchi di a superficia sò simbuli di u mondu spechju fisicu, astrale è mentale; un globu di cristallo, di u specchiu spirituale.

U spechju spirituale hè u mondu di a creazione. U mondu mentale, u mondu di emanazione da a creazione; u mondu psichicu riflette riflissioni di emanazioni è riflessioni di sè stessu; u mondu fisicu hè u riflessu di e riflessione.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 9 MAI, 1909. N ° 2

Copyright, 1909, da HW PERCIVAL.

MIRI.

Ogni volta che ci guardemu in un specchiu vedemu qualcosa chì hè meraviglioso, meravigliu è misteriosu. U misteru si trova micca solu in l'imaghjini è in a so riflessione, ma in u specchiu stessu, a cosa chì riflette, u scopu chì serve, è quellu chì simbulizeghja.

Chì ghjè ciò chì chjamemu una riflessione, hè una ombra? Innò? ma ancu s'ellu hè ombra, chì ghjè un ombra? U scopu immediatu chì un specchiu serve è quellu per quale hè principalmente usatu hè in l'arrangementu di u nostru vestitu è ​​di vede cumu avemu apparsu à l'altri. Un specchiu hè u simbulu di l'illusione, l'irreal cum'è distinguitu da u reale. I specchi sò simbuli di u mondu fisicu, astrale, mentale è spirituale.

Cum'è a maiò parte di e cose chì sò necessarie per a civiltà, accettemu mirroi cum'è cunvenzioni simplici è utili è cunsiderendu cum'è mobili cumuni. I specchi sò sempre stati altamente stimati da l'antichi è cunsiderati magichi, misteriosi è sacri. Prima di u XIII seculu l'arti di a fabbricazione di specchi era scunnisciutu in Europa, è per seculi u secretu di a fabricazione era guardatu gelosamente da quelli chì pussede. U rame, l'argentu è l'azzaru sò stati primi utilizati cum'è specchi per esse purtati à un altu pulitu. Più tardi hè statu scupertu chì u vetru avissi da serve u listessu scopu quandu supportatu da amalgami di metalli cume stanu, piombu, zincu è argentu. À u primu specchiu fabbricatu in Europa eranu chjucu è costu, u più grande hè di dodici pollici. I mirrori d'oghje sò pocu costuali è sò fatti in qualsiasi dimensione desiderata.

Un spechju hè quellu corpu di materia da, sopra, in, da o attraversu, chì a luce è e forme di luce ponu esse riflesse.

Un spechju hè quellu chì riflette. Tuttu ciò chì riflette pò esse bè chjamatu spechju. U specchiu più perfettu hè quellu chì riflette più perfettamente. Si piega o torna daretu à a luce, o cose chì sò in a luce riflessa. Un spechju si piega, gira, o scaccia, u riflessu di l'imaghjine o di a luce chì hè ghjittata annantu à a posizione o à l'angolo à quale hè pusatu da l'imaghjine o à a luce.

Un mirallu, beni una cosa, hè cumpostu da parechje parte o custituenti, tutti necessari à u specchiu. I pezzi essenziali per un mirroru sò u vetru è u metallu o amalgama di metalli.

Quandu u vetru hà sfondate nantu à questu, hè un spechju. Hè un mirroru pronta per riflette. Ma un mirroru ùn pò micca riflette l'uggetti in a bughjura. A luce hè necessaria per un specchiu per riflette qualcosa.

Ci sò specchi perfetti è imperfetti. Per esse un specchiu perfettu, u vetru deve esse senza difetti, abbastanza trasparenti, è e duie superfici anu da esse esattamente uguali è di spessore uguale in tuttu. I particelle di l'amalgama anu da esse di u listessu culore è di qualità è si riuniscenu in una massa cunnessa chì hè spargugliata uniformemente è senza mancare nantu à u vitru. A suluzione o ingrediente chì fissa u fondu à u vetru deve esse incruce. Allora a luce deve esse chjara è stabile. Quandu tutte queste cundizioni sò prisenti avemu un mirroru perfettu.

U scopu di un specchiu hè di riflette una cosa cum'è effettivamente. Un specchiu imperfettu magnifica, diminuisce, distorta, quellu chì riflette. Un specchiu perfettu riflette una cosa cum'è quella.

Ancu se pare esse abbastanza simplice in sè stessu, un spechju hè una cosa misteriosa è magica è esercite una di e funzioni più necessarie è impurtanti in stu mondu fisicu o in una di e quattru monde manifestate. Senza specchi seria impussibile chì l'Ego sia cunuscente di qualsiasi mondu manifestatu, o di u mondu chì si manifesta. Ghjè per creazione, emanazione, rifrazione è riflessione chì u non manifistatu si manifesta. L'espura ùn sò micca limitati à aduprà in u mondu fisicu. L'esperimenti sò usati in tutti i mondi. I mirati sò custruiti di u materiale di u mondu in quale sò usati. U materiale è u principiu annantu à quali operanu sò necessariamente sferenti in ognunu di u mondu.

Ci hè quattru tippi di specchi: specchi fisici, specchi psichichi, specchi mentali è specchi spirituali. Ci hè parechje varietà di ognuna di sti quattru tipi di specchiali. Ogni tipu di specchiu hà u so mondu particulare cù e so varianti, è tutti i quattru tipi di specchi anu i so rapprisentanti fisici in u mondu fisicu per questu sò simbolizzati.

U mondu fisicu hè simbolizatu da un mirroru di una superficia; u mondu astrale da un specchiu cù duie superfici; u mentale da unu cù trè superfici, mentre chì u mondu spirituale hè simbulizatu da un specchiu all-surface. L'ochju à una sola superficia s'assumiglia à u mondu fisicu, chì pò esse vistu da un latu solu - u latu presente, fisicu. U mirroru bi-superficiale suggerisce u mondu astrale, chì pò esse vistu da dui lati solu: quellu chì hè passatu è quellu chì hè prisente. U specchiu tri-superficiale rapprisenta u mondu mentale chì pò esse vistu è capitu da trè lati: passatu, presente è futuru. U spechju tutale face u mondu spirituale chì hè avvicinatu è cunnisciutu da ogni parte è in quale u passatu, u presente è u futuru si fondenu in l'essere eternu.

A superficia hè un pianu; duie superfici sò un angolo; trè superfici formanu una prisma; tutta a superficia, una sfera di cristallo. Quessi sò i simbuli fìsici per specchi di u mondu fisicu, psichicu o astrale, mentale è spirituale.

U fisicu hè u mondu di a riflissioni di e riflessioni; l'astrale, u mondu di riflissioni; u mentale, u mondu di emanazione, trasmissione, rifrazione; u spirituale, u mondu di idee, essendu, iniziu, creazione.

U mondu fisicu hè u spechju di tutti l'altri mondi. Tuttu u mondu hè riflettutu da u mondu fisicu. In ordine di manifestazione, u mondu fisicu hè u puntu più bassu righjuntu in u prucessu involutariu è u principiu di u prucessu evolutivu. In a manifestazione di a luce, quandu a luce s’avvicina à u puntu più bassu, s’appiattia è torna versu l’altura da quale descendì. Questa lege hè impurtante. Rappresenta l'idea d'involuzione è di evoluzione. Nisuna cosa pò esse evoluzione chì ùn hè micca implicata. Nisuna luce ùn pò esse riflessa da un specchiu chì ùn hè micca ghjittatu nant'à u specchiu. A linea di luce quand'ellu batte un mirroru serà riflessu à u listessu angolo o curva à a quale chjude u specchiu. Se una linea di luce hè ghjittata nantu à u specchiu à un angolo di gradi 45 serà riflessa à quellu angulu è avemu solu cunnosce l'angle induve a luce hè ghjittata nantu à a superficia di u specchiu per esse capace di dire l'angolo à chì sarà riflessu. Sicondu a linea di manifestazione per quale u spiritu hè involuttu in materia, a materia serà evolucionata in spiritu.

U mondu fìsicu ferma u prucessu di involuzione è gira quellu chì hè implicatu torna nantu à a linea di l'evoluzione, di u stessu modu chì un specchiu ritorna a riflessione di a luce chì ghjera sopra. Certi riflessi fisichi riflettenu solu l'oggetti fisichi, cum'è l'oggetti vistu in un vetru di ricerca. L'altri riflessi fisichi riflettenu a luce da u desideriu, di i mondi mentali o spirituali.

Trà i specchi fìsichi ponu esse citati petre, cum'è l'onice, u diamante è u cristallu; metalli, cume ferru, stagno, argentu, mercuriu, oru è amalgami; boschi, cume quercia, caoba è ebone. Trà i corpi o l'organi animali chì l'ochju riflette particularmente a luce ghjittata. Dopu ci hè l'acqua, l'aria, è u celu, tutti riflettenu a luce, è oggetti visibili da a luce.

I specchi fisichi anu diverse forme. Ci hè parechji sgrossati sfondati è sbulicati. Ci sò specchi concavi è cunvechi, longhi, larghi è stretti. Ci sò riflessi chì pruducenu effetti crudeli, distortendu e caratteristiche di quellu chì u face. Sti sfarenti tippi di spechji rapprisentanu aspetti di u mondu fisicu chì hè u spechju di l'altri mondi.

Ciò chì vede in u mondu hè a riflette di ciò chì face in u mondu. U mondu riflette ciò chì pensa è faci. Si morsi è pichja u pugnu in u piacè, ne farà a listessa cosa. Si ne ridi, a riflessione ancu di risa. S'ellu si dumanda à ella, ellu viderà una maraviglia illustrata nantu à ogni linea. Si sente tristezza, rabbia, avidità, mestieri, innocenza, astuzia, inanità, guile, egoismo, generosità, amore, viderà queste agisce è turnatu in daretu à ellu, da u mondu. Ogni cambiamentu di e emozioni, u spaventu, gioia, paura, piacè, amabilità, envia, vanità hè riflettutu.

Tuttu ciò chì ci vene in u mondu hè ma a riflessione di ciò chì avemu fattu per o in u mondu. Questu pò pare stranu è falsi da a vista di i tanti avvenimenti è avvenimenti chì anu casu à un individuu durante a durata di a so vita è chì ùn pare micca esse meritati da o cunnessi cù alcunu di i so pinsamenti è azioni. Cum'è qualchi pensamentu chì hè novu, hè stranu, ma micca vera. Un mirroru illustrà cumu pò esse vera; unu deve fà cunniscenza di a lege prima di sparisce a so stranezza.

Per l'esperimentu di i specchi unu pò amparà di fenomeni strani. Lasciami mette dui grandi specchji affinchì si affaccanu unu è lasciassi un ochju guardà unu di i specchi. Hà à vede a riflessione d’ellu stessu in quellu chì face. Fighjate u riflessu di a so riflessione chì ellu vede in u specchiu daretu à ellu. Lascià guardà à novu in u specchiu davanti à ellu è ellu vede ellu stessu cum'è u riflessu di a riflessione di a prima riflessione di ellu stessu. Questu hà da mustrà dui riflette di a vista frontale è dui di a vista posteriore di ellu stessu. Iddu ùn essia micca soddisfattatu cù questu, ma vedi ancu più alluntanatu è vidarà una altra riflessione è un altru è un altru. Quantu spessu per circà l'altri li viderà, se a dimensione di i specchi permette, finu à chì vede i riflessi di ellu stessu stendu in a distanza finu à l'ochju puderà chjappà, è i so riflessi pareanu una linea di l'omi. stendi per una strada larga finu à ch'elli ùn sò più discernibili perchè l'ochju ùn hè micca capaci di vede più luntanu. Pudemu cuntinuà l'illustrazione fisica aumentendu u numeru di specchi in modu chì ci saranu quattru, ottu, sette, trenta e duie, in coppie è opposti. Allora u numaru di riflissioni serà aumentatu è l'esperimentu averà micca solu una vista frontale è posteriore, ma vede a so figura da u latu dirittu è di a sinistra è da diverse anguli intermedi. L'illustrazione pò esse purtata ancu più allora avendu una stanza intera composta di specchi, u pianu, u tettu è quattru pareti di quali sò riflessi è in i cantieri di i quali sò imposti specchi. Questu pò esse cuntinuatu indefinitu. Allora l'esperimentu hà da esse in un labirintu, u vede di sopra è da quì sottu è di fronte è di daretu, da diritta à sinistra; da tutti l'anguli è in una multiplicazione di riflissioni.

Qualcosa chì succede o si riflette à noi da l'azzioni di qualchissia altru, pò esse u inversu di ciò chì riflettemu o chì facemu in u mondu oghje, è, mentre chì si cunsideremu da u puntu di vista di u presente, ùn averemu micca a cunnessione. Per vede a cunnessione pudemu avè bisognu di un altru specchiu, quellu chì riflette u passatu. Allora videremu chì quellu chì hè ghjittatu davanti à noi oghje, hè u riflessu di quellu chì hè in daretu. Uccasioni chì ùn ponu micca esse tracciate à e so cause o fonti, sò e riflessioni gittate in u prisente, d'azzioni dapoi u passatu, azioni chì sò state realizate da l'attore, a mente, se micca in questu corpu in questa vita, allora in un altru corpu in una vita passata

Per vede a riflissione di e riflessioni, hè di a persona ordinaria necessaria d'avè più di un specchiu. A funzione essenziale per l'esperimentu hè di avè a luce chì permetteranu a so forma è e so azioni per esse riflesse. In u stessu modu hè essenziale per quellu chì videria a cunnessione trà a so forma presente è a so azzione cù altre forme è e so azioni in u passatu, è ancu cù altre forme in u mondu oghje, per avè a forma di to-. ghjornu è tene à a luce di a mente. Appena chì a forma sia vista riflessa in a luce di a mente, sta riflessione à a luce di a mente, quandu sta luce hè girata nantu à sè stessu, rifletterà una volta è di novu. Ogni riflessione hè una continuazione di una riflessione precedente, ognuna una forma di una forma precedente. Allora tutte e forme è e riflessioni chì venenu in a luce di una mente individuale, per via di a so serie di incarnazioni, saranu veduti chjaramente è cun putenza è capiscitura proporzionata à a forza di a mente per vede, distinguì, è discriminà u presente, u passatu è e so cunnessione.

Ùn hè micca necessariu chì unu hà i specchi per vede e so riflessioni se ellu pò sperimentà riflettendu a so mente à a so propria luce. Quantu specchi quant'è puderia mette in opera è induve ellu vede i so riflessi riflettuti, radduppiati è aumentendu indefinitu in numeru, tanti puderia vede senza specchi, se ellu hè capace di riflette nantu à elli in a so mente. Ùn puderebbe solu vede i riflessioni di u so corpu in a so mente, ma ancu puderia cunnette è vede a relazione di tutte e cose chì li succedenu, cù a so vita attuale, è hà da sapè allora chì nunda ùn face. accade ma ciò chì hè in qualchì manera ligatu cù a so vita attuale, cum'è riflessu da l'azzioni di e vita passata, o quelle di l'altri ghjorni in sta vita.

Tuttu u mondu, animatu o inanimatu cusì chjamatu, hè solu a riflessione o u riflessu di una riflessione di l'omu in i so sfarenti aspetti. Pietre, terra, pesci, acelli è animali in e so diverse spezie è forme, sò l'immagine avanti è a riflessione in e forme fisiche di u pensamentu è di i desideri di l'omu. L'altri esseri umani, in tutte e so differenze razziali è e caratteristiche è l'innumerabbili variazioni è similitudini individuale, sò tante riflessioni di l'altri lati di l'omu. Questa dichjarazione pò pare micca falsa per quellu chì ùn succede micca di vede a cunnessione trà ellu stessu è l'altri esseri è e cose. Si pò dì chì un mirroru dà riflissioni solu, chì e riflessioni ùn sò micca l’ughjetti riflessi, è chì l’ughjetti sò distinti da i so riflessi, è chì in u mondu l’ogetti esistenu in sè stessu cum'è creazioni indipendenti. Chì l'ughjetti in u mondu anu dimensioni, chjamate lunghezza, larghezza è spessore, mentre chì l'ughjetti veduti in i specchi sò riflessi di superficia, avè a lunghezza è a larghezza, ma micca u spessore. In più, chì a riflessione in un specchiu sparisce appena l'ughjettu prima di esse cacciatu, mentri l'esseri viventi cuntinueghjanu à muvimentu cum'è entità distinti in u mondu. A queste obiezioni si puderà risponde chì l'illustrazione di una cosa ùn hè micca ciò chì illustra, ancu s'ellu hà una similitudine.

Gaze in un vetru mirattu. U vitru hè vistu? o à u sfondate? o quellu chì mantene u fondu è u vetru inseme? Si hè dunque allora a riflessione ùn si vede micca chjaramente, ma in una manera indistinta solu. Invece, a faccia è u contornu di a figura hè vistu chjaramente? Si accussì dunque si vede u vetru, u so sfondate, nè quellu chì mantene e duie inseme. A riflessione hè vista. Cume hè a cunnessione riflessa cù ciò chì riflette? Nisuna cunnessione ùn si pò vede trà a riflessione è u so oggettu. Hè, cum'è riflessu, hè distintu in sè stessu cum'è l'ughjettu chì riflette.

In novu, u vetru circatu mostra u numeru di lati di una cosa chì sò esposti à questu. Tuttu ciò chì pò esse vistu di a figura da altri, pò esse vistu da riflessu in u vetru di circà. Videmu a superficia solu di una cosa in un vetru persunale; ma ùn si vede più à nimu in u mondu. Solu quellu chì appare nantu à a superficia hè vistu, è solu quandu l'internu vene à a superficia, allora hè vistu in u mondu. Allora serà vistu ancu in u vetru à circà. L'idea di prufundità o di spessore hè in modu definitu è ​​distintamente perceptibile in u vetru d'aspettu cum'è in qualsiasi oggettu fora da ellu. A distanza hè vista in u vetru ancu cumu si pò esse percepitu senza ellu. Eppuru u vetru aspettu hè solu una superficia. Allora hè u mondu. Vivemu è si muvianu nantu à a superficia di a terra cum'è facenu l'uggetti in un vetru à circà.

E figure è e forme chì si move in u mondu, sò dichjarate esiste in sè stessu è esse sfarenti di i so riflessi in un vetru di ricerca. Ma questu hè solu in durata è micca in realtà. E forme chì si move nantu à a superficia di a terra sò solu riflessioni, cum'è in un vetru di ricerca. L'imaghjini chì riflettenu hè u corpu astrale. Chì ùn hè micca vistu; solu a riflessione hè vista. Queste forme riflesse in u mondu seguenu in muvimentu finu à chì l'imaghjini chì riflettenu hè cun elli. Quandu l'immagina parte, a forma, sparisce ancu, cum'è in un vetru à circà. A diferenza hè solu in tempu, ma micca in principiu.

Ogni persona difiere di ogni altra persona in complexione, figura è caratteristiche, ma solu in gradu. A similarità umana hè riflessa da tutti. Un nasu hè un nasu sè stubbed o puntatu, flat o tondo, inflatatu o magre, longu o cortu, machatatu o liscia, ruddy o pallidu; un ochju hè un ochju è marrone, blu o neru, amandulu o cù forma di bola. Pò esse duru, liquidu, ardente, acqua, sempre hè un ochju. Un arechja pò esse elefantina o diminutiva in i so prupurzioni, cù tracce è colorazioni cusì delicate cum'è una cunchiglia di l'oceanu o cum'è grossu è pesante cum'è un pezzu di fegatu pallidu, ma hè sempre un ochju. E labbra pò esse mustrate da curve è linee forti, gentile o tagliu; una bocca puderia appare cum'è un tagliu aspra o grossu in a faccia; hè una bocca in ogni modu, è pò emettà soni per delecià i dii faibuli o ancu per terrorizà i so fratelli, i diavuli. E caratteristiche sò umane è rapprisentanu tante varianti è riflesse di a natura umana à parechje strade di l'omu.

L'esseri umani sò tanti tippi o fasi di a natura di l'omu chì hè riflessu in a multitùdine di e riflessioni di i lati o di diversi aspetti di l'umanità. L'umanità hè un omu, male-femina, chì ùn hè micca vistu, chì ùn si vede micca sè solu da i so riflessi in dui lati, chjamati omu è donna.

Avemu guardatu un specchiu fisicu è avemu vistu alcune di l'ughjetti chì riflettenu. Pensemu avà i riflessi psichichi.

Pè esse cunclusu.