The Word Foundation

U zodiac hè a lege secondu chì tuttu vene in esistenza, ferma un tempu, poi passa fora di l'esistenza, per ricuperà sicondu u zodiac.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 5 MAI, 1907. N ° 2

Copyright, 1907, da HW PERCIVAL.

MORTE-MORTE-MORTE-NATURA.

Ùn ci hè nè morte senza nascita, nè nascita senza morte. Per ogni nascita ci hè una morte, è per ogni morte una nascita.

Nascita significa un cambiamentu di cundizione; cusì face ancu a morte. Per esse natu in questu mondu u mortale ordinariu deve mori à u mondu da induve vene; Mori à stu mondu hè esse natu in un altru mondu.

In u viaghju à l'innumaturate generazioni anu dumandatu ripetutamente, "Da induve venemu? Induve andemu? "L'unica risposta chì anu intesu hè stata l'eccu di e so dumande.

Da e menti più meditative venenu l'altri dumande gemene, "Cumu vene? Cume mi andu? ”Questu aghjunghjene più misteru à u misteriosu, è cusì u sughjettu riposa.

Mentre passa per a nostra ombreggiatura quelli chì sò cuscenti di o chì anu avutu visu à una o l'altra parte di l'altru dicenu chì unu pò risolve e devine è risponde à e dumande riguardanti u so avvene per l'analogia di u passatu. Sta dichjarazione hè cusì simplice chì li ascoltemu è li cacciate senza pensà.

Vale bè chì ùn pudemu micca risolve u misteru. Per fà cusì puderia distrughjenu a nostra ombreggiatura prima di pudemu campà à a luce. Eppuru pudemu avè una idea di a verità, utilizendu l'analogia. Puderemu appruntà "Induve andemu?" Fendu un ochju lungo a prospettiva di "Da quandu venemu?"

Dopu avè dumandatu à e dumande gemele, "Da induve è induve?" È "Cumu vene?" È "Cumu vogliu?" Veni a dumanda di risvegliu d'anima, "Quale sò?" Quandu l'anima s'hè francamente dumandata questu quistione, ùn serà mai più cuntenutu finu à chì sà. "Eiu! Iò! Iò! Quale sò? Per chì mi facciu quì? Da induve vene? Indu mi vocu? Cumu vene? è Cumu vanu? Eppuru mi vene o passanu per u spaziu, à traversu u tempu, o al di là, sempre, sempre è sempre, sò è eiu solu! "

Da testimunianze è osservazione, un sà chì hè ghjuntu in u mondu, o almenu u so corpu hà fattu, per via di a nascita, è chì hà da passà da u mondu visibile per via di a morte. U nascita hè u portale chì porta à u mondu è l'entrata in a vita di u mondu. A morte hè a surtita da u mondu.

U significatu generale accettatu di a parola "nascita" hè l'entrata di un corpu vivu, organizzatu in u mondu. U significatu generale accettatu di a parola "morte" hè a cessazione di un corpu vivu, organizatu per coordinà a so vita è mantene a so urganizazione.

Questu, u nostru munnu, cù a so atmosfera, i dregs di Sustanza eterna hè cum'è un speck flottante in spaziu infinitu. L'anima vene da l'eternu, ma hà persu i so ali è a so memoria mentre venenu à traversu l'atmosfera densa di a terra. Arrivatu nantu à a terra, sminticatu di a so vera casa, ingannatu da i so vestiti è a bobina carnale di u so corpu attuale, hè incapace di vede in allora, da i dui lati di avà è quì. Comu un acellu chì l'ala sò rotte, ùn hè incapace di alzà è di cullà in u so propiu elementu; e cusì l'ànima abita quì per un pocu tempu, tenuta prigiuneru da i filetti di carne in u mondu tempu, senza scunnisciute di u so passatu, teme da u futuru - u scunnisciutu.

U mondu visibile ferma trà duie eternità cum'è un grande teatru in eternità. L'immateriale è l'invisibile quì diventanu materiale è visibile, l'intangibile è senza forma piglia una forma tangibile, è l'Infinitu quì pare esse finitu in quantu entra in u ghjocu di a vita.

U grembu hè a sala induve ogni alma si vestisce in u vestitu per a so parte è poi si lancia in u ghjocu. L'anima hè scurdata di u passatu. A pasta, a pittura, u vestitu, i ballai è u ghjocu facenu chì l'ànima sia scurdata di esse in l'eternità, è si trova immersa in a minuscità di u ghjocu. A so parte sopra, l'ànima hè liberata da i so vestiti unu per unu è hà rientratu in eternità attraversu u porta di a morte. L'ànima si mette i so vistimenti carnali per vene in u mondu; a so parte sopra, si mette sti vechji per lascià u mondu. A vita pre-natale hè u prucessu di custumi, è a nascita hè u passu nant'à a scena di u mondu. U prucessu di a morte hè u disbattimentu è u ritornu in i mondi di u desideriu, u pensamentu o a cunniscenza (♍︎ – ♏︎, ♌︎ – ♐︎, ♋︎ – ♑︎) da u quali simu ghjunti.

Per cunnosce u prucessu di smarisce, avemu da cunnosce u prucessu di mascherazione. Per cunnosce a trasfurmazione durante u passaghju fora di u mondu, avemu da cunnosce a trasfurmazione quandu vene in u mondu. Per cunnosce u prucessu di mascheramento o di mette u vestitu di u corpu fisicu, unu deve cunnosce un pocu di fisiologia è di a fisiologia di u sviluppu fetale.

Dapoi u tempu di a copulazione finu à a nascita in u mondu fisicu, l'ego reincarnatore hè cuncernatu cù a preparazione di i so vestiti, è di a custruzione di u so corpu fisicu chì deve abità. Duranti stu tempu l'ego ùn hè micca incarnatu, ma hè in cuntattu cù a mamma attraversu l'emozioni è i sensi, sia cunvintu à a cunuscenza a preparazione è a custruzione di u so corpu o si trova in un sognu. Queste cundizioni sò determinate da u sviluppu precedente di l'ego in quantu à i so puteri è capacità.

Ogni alma vive in un mondu distintu di a so propria, è di a so propria fabricazione, chì si raporta à o identifica cun sè stessu. L'anima custruisce un corpu fìsicu intornu è intornu à una parte di sè stessu per un pacatu è sperienza in u mondu fisicu. Quandu a salute hè in termine, dissipa u corpu fisicu da u prucessu chjamatu morte è decadenza. Duranti è dopu stu prucessu di morte prepara à altri corpi in chì campà in i mondi invisibili à questu mondu umanu. Ma sia in u mondu fisicu visibile o in i mondi invisibili, l'ego reincarnatore ùn hè mai fora di u so propiu mondu o sfera d'azzione.

Dopu una vita appena finita l'ego face chì u corpu fisicu hè dissolutu, cunsumatu è risolta in e so fonti naturali da i foci fisichi, chimichi, elementali, è ùn resta nunda di quellu corpu fisicu fora di un germe. Stu germe hè invisibile à l'ochju fisicu, ma ferma in u mondu di l'anima. Simbulizendu u corpu fisicu, questu germe si prisenta cum'è un ardente ardente ardente durante u processu di a morte è a decadenza di u corpu fisicu. Ma quandu l'elementi di u corpu fìsicu sò stati risolti in e so fonti naturali è l'ego reincarnatore hè passatu in u so periodu di riposu u germulu cessà di arde è luminezza; diminuisce gradualmente in talla finu à chì finarmenti pare esse un diminutivu cignificatu brusgiatu di un culore ashy. Continua cum'è un spechju ashy in una parte oscura di u mondu di l'ànima durante tuttu u periodu di godimentu è u restu di l'ego. Stu periodu di riposu hè cunnisciutu da i sferenti religiosi cum'è "Celu". Quandu u so periodu di u celu hè finitu è ​​l'ego si prepara à reincarnate, a cinsina brusgiata, cum'è u germe di a vita fisica, cummincia da novu. Continua à brillà è diventà più luminoso, postu chì hè purtatu in relazione magnetica cù i so futuri genitori da a lege di fitness.

Quandu u tempu hè maturu per u germe di u fisicu per inizià a crescita di un corpu fisicu entra in una relazione più stretta cù i so futuri genitori.

À u principiu di umanità i dii caminavanu a terra cun l'omi, è l'omi eranu guvernati da a saviezza di i dii. In quelli tempi l'umanità hà copulatu solu à certe stagioni è per u scopu di dà nascita à l'esseri. In quelli tempi ci era una relazione intima trà l'ego chì era pronta à incarnà è l'ego chì eranu da furnisce u corpu fisicu. Quandu un ego era pronta è dispostu à incarnà, hà fattu cunnosce a so prontezza dumandendu à quelli di u so propiu tipu è ordine chì stavanu vivi in ​​u mondu fisicu per preparà un corpu fisicu in quale puderia incarnà. Per accunsentu mutuale, l'omu è a donna s'avvicinonu cusì accuminciavanu un cursu di preparazione è di sviluppu chì durò finu à a nascita di u corpu. A preparazione consistia di una certa furmazione è una serie di cerimonii religiosi chì sò stati cunsiderati solenni è sacri. Elli sapianu chì eranu per ripiglià a storia di a creazione è chì stessi fussinu per agisce cum'è dii in a presenza augusta di a sopra-anima universale. Dopu a purificazione necessaria è a furmazione di u corpu è di a mente è à i tempi è staggione particulari adattati per è indicatu da l'ego per incarnà, u ritu sacru di unione sacramentale copulativa hè statu fattu. Allora u soffiu individuale di ogni unitu in una sola respira di forma di fiamma, chì furmò una atmosfera intornu à u paru. Durante u ritu di unione copulativa, u germe luminoso di u futuru corpu fisicu hè surtitu da a sfera di l'anima di l'ego è intrì in la sfera di u soffiu di u paru. U germe passava cum'è fulmini à traversu i corpi di tutti dui è li fece frivure quandu pigliò l'impressione di ogni parte di u corpu, poi si centru in u ventre di a donna è diventò u ligame chì hà causatu i dui germi di u sessu à fonder in unu - l'ovu impregnatu. Dopu hà cuminciatu a custruzzione di u corpu chì deve esse u mondu fisicu di l'ego.

Hè statu cusì quandu a saviezza hà guvernava l'umanità. Eppo, a nascita di u zitellu ùn era participata da alcun dolore di travagliu, è l'omi in u mondu sapianu di quelli chì anu da entra. Ùn hè micca avà.

A lussuria, a lascività, a sexualità, a voluptuosità, l'animalità, sò i capi presenti di l'omi chì anu avà desideratu unione sessuale senza pensà à l'esseri maligni chì venenu in u mondu per via di e so pratiche. I so inevitabili cumpagni à queste pratiche sò ipocrisia, ingannione, fraude, falsità è tradimentu. Tutti inseme sò i causi di a miseria di u mondu, di malattia, di malattia, di idiotia, di miseria, di ignuranza, di patimentu, di paura, d'invidia, di spesa, di gelosia, di mallezzione, di pigraza, di scurdà, di nervosità, dibulezza, incertezza, timidità, rimorsu, ansietà, disperanza, disperazione è morte. È micca solu chì e donne di a nostra razza soffrenu u dolore per dà nascita, è i dui sessi sò sottumessi à e so malatie peculiare, ma l'ingressi egosi, culpabili di i stessi peccati, feriscenu una grande soffrenza durante a vita prenatale è a nascita. (Vede Editoriale, u Verbu, Vol. 5, N ° 1, p.97.)

U germe invisibile da u mondu di l'anima hè l'idea di un disignu archetipale secondu u quale u corpu fisicu hè custruitu. U germe di l'omu è u germe di a donna sò e forze attive è passive di a natura chì custruiscenu secondu u disignu di u germe invisibile.

Quandu u germe invisibile hè ghjuntu da u so locu in u mondu di l'anima è hà passatu per u soffiu di a flama di u paru unitu è ​​hà pigliatu u so locu in u ventre unisce i dui germi di u paru, è a natura principia u so travagliu di creazione. .

Ma u germe invisibile, ancu fora di u so locu in u mondu di l'anima, ùn hè micca stesu à u mondu da l'anima. Quandu surtite u mondu di l'anima u germinu invisibule glampu lascia una traccia. Questa traccia hè brillanti o di un scogliu inutile, sicondu a natura di l'essere chì incarneranu. U percorsu diventa u cordone chì cunnette u germe invisibile falatu cù u mondu di l'anima. U cordone chì cunnetta u germe invisibile cù a so anima parente hè cumpostu da quattru fili in trè guaine. Inseme parenu comu un cordone; in culore varienu da un tonu duru, pesante, porta à una tonalità luminosa è dorata, indicativa di a purezza di u corpu in prucessu di furmazione.

Stu cordone furnisce i canali per mezu di chì sò trasmessi à u feto tutti i putenzi è e tendenzi di caratteru, postu chì sò involutati in u corpu è chì sò stesi cum'è sementi (skandas) per fiorite è da fruttu quandu u corpu matura in a vita, è e cundizioni. sò furnuti per l'espressione di queste tendenze.

I quattru fili chì custituiscenu u cordone sò i canali à traversu chì passa a materia grossa, a materia astrale, a materia di vita, è a materia di desideriu, per esse furmatu in u corpu di u fetu. Attraversu i trè guai circundanti i quattru fili hè trasmessa a materia suprana di u corpu, vale à dì quella chì hè l'essenza di l'osse, i nervi è i glanduli (manas), a medula (buddhi), è u principiu virile (atma). I quattru fili trasmettenu a materia chì hè l'essenza di a pelle, capelli è unghie (sthula sharira), tessuti di carne (linga sharira), sangue (prana) è grassu (kama).

Cume sta materia hè precipitata è condensata, ci sò pruduciuti da a mamma certe sensazioni è tendenzi peculiari, per esempiu, cum'è u desideriu di certi alimenti, sentimenti bruschi è scoppii, stili d'animi è longings, tendenze mentali di una religione, artistica, poetica. è culore eroicu. Ogni tappa tali pare chì l'influenza di l'ego hè trasmessa è travagliatu in u corpu di u fetu per mezu di u so corpu corpore - a mamma.

In i tempi antichi u babbu hà ghjucatu una parte più impurtante in u sviluppu di u feto è s'hè guardatu cun cura per stu travagliu cum'è a mamma. In i nostri tempi degenerati a relazione di u babbu cù u fetu hè ignorata è scunnisciuta. Solu per l'instinzione naturale, ma in l'ignuranza, pò issa agisce in modu pusitivu annantu à a natura passiva di a donna in u sviluppu di u fetu.

Ogni vera scrittura è cosmogonia descrive a custruzzione di un corpu fisicu in u so sviluppu graduale. Dunque, in Genesi, l'edificazione di u mondu in sei ghjorni hè una descrizzione di u sviluppu di u fetu, è in u settimu ghjornu u Signore, l'Elohim, i costruttori, si sò riposati da i so travaglii, postu chì u travagliu era statu finitu è ​​l'omu. era creatu à l'imaghjini di i so creatori; vale à dì per ogni parte di u corpu di l'omu ci hè una forza è entità currispondenti in a natura, chì hè u corpu di Diu, è l'esseri chì participanu à a custruzione di u corpu sò liati à quella parte chì anu custruitu è deve risponde à a natura di a funzione chì quella parte hè cumandata da l'ego incarnatu per eseguisce.

Ogni parte di u corpu hè un talismanu per attrarà o guardà contr'à i puteri di a natura. Mentre u talismanu hè adupratu i puteri risponderanu. L'omu hè in verità u microcosmos chì pò richiamà u macrocosmos secondu a so cunniscenza o a so fede, a so creazione d'imaghjini è a so vuluntà.

Quandu u fetu hè statu cumpletatu hè solu l'edifiziu di l'esse fisicu in a so sette divisione chì hè stata fatta. Questu hè solu u mondu più bassu di l'anima. Ma l'ego ùn hè ancu incarnatu.

U fetu, perfezzionatu è riposatu, lascia u so mondu fisicu di a bughjura, u grembu, è u mure à ellu. E sta morte di u fetu hè a so nascita in u so mondu fisicu di a luce. Un soffiu, un soffiu è un chiancellu, è attraversu u soffiu l'ego inizia a so incarnazione è nasce in e sbuchjata da a sfera psichica di a so sopra-anima. L'ego, ancu, morre da u so mondu è nasce in è immersu in u mondu di a carne.