The Word Foundation

THE

PARMA

Vol. 13 APRIL, 1911. N ° 1

Copyright, 1911, da HW PERCIVAL.

SHADOWS.

Cume una cosa misteriosa è cumuna hè una ombra. L'ombre ci perpleghje cum'è zitelli in a nostra prima esperienza in stu mondu; l'ombre ci accumpagna in i nostri camini per a vita; è l'ombra sò prisenti quandu partimu stu mondu. A nostra sperienza cù ombre cumencia prestu dopu avemu entratu in l'atmosfera di u mondu è avemu vistu a terra. Benchì prestu riescemu à cunvinceci noi chì sapemu quale sò l'ombri, ma pochi di noi ci anu esaminatu abbastanza.

Cum'è criatori avemu tombi in i nostri culla è fighjemu e maravigliate à l'ombres ghjittate in u tettu o u muru da e persone chì si movianu in a stanza. Quelli ombre eranu strani è misteriosi, finu à chì avemu risoltu u prublema à i nostri menti di i zitelli chì scopre chì u muvimentu di un ombra dipendeva da u muvimentu di a persona chì di u scuru è di l'ombra era, o di u muvimentu di luce chì li facia visibile. Tuttavia avia bisognu d'osservazione è riflessione per scopre chì una ombra era più grande quandu più vicinu à a luce è più luntanu da u muru, è chì era più chjuca è menu formidabile quandu più luntanu da a luce è più vicinu à u muru. In seguitu, cum'è zitelli, eramu entretti da u cunigli, l'alli, i capri è altre ombre chì un amicu hà pruduttu da una manipulazione abile di e so mani. Mentre avemu invechjatu, ùn eramu più entretenuti da un ghjocu cusì ombra. L'ombre sò sempre strani, è i misteri chì li circundanu resteranu finu à chì sapemu i sferenti tippi d'ombra; ciò chì sò l'ombra, è ciò chì sò per.

E lezioni di l'ombra di a zitiddina ci amparanu duie di e lege di l'ombra. U muvimentu è u cambiamentu di l'ombri nantu à u so campu varianu cù a luce da quale sò visti è cù l'ughjetti i contorni è l'ombra di quale sò. L'ombre sò grande o chjuche cum'è quelli chì ghjocanu sò luntanu o vicinu à u campu nantu à quale l'ombre sò percepite.

Pudemu avà scurdatu di sti fatti cumu scurdamu assai di e lezioni impurtanti di a zitiddina; ma, se ci sò stati allora apprezzati, a so impurtanza è a verità ci appellaranu à noi in i ghjorni successivi, quandu sapemu chì e nostre ombre anu cambiatu.

Ci hè, pudemu attualmente, dì quattru fattori necessarii per u casting di un ombra: Prima, l'ughjettu o cosa chì stanu; sicunna, a luce, chì face visibule; terzu, l'ombra; è, quartu, u campu o u screnu nantu à quale l'ombra hè vista. Questu pare abbastanza faciule. Quandu ci dici chì una ombra hè solu u contornu nantu à una superficie di qualsiasi oggettu opaccu chì intercepta i raghji di luce chì cadenu nantu à quella superficie, a spiegazione pare cusì semplice è facilmente capita da rende un'inchiesta ulteriore inutile. Ma tali spiegazioni, veri quantunque ponu esse, ùn satisfanu micca cumplitamente i sensi nè a capiscitura. Un ombra hà certe caratteristiche fisiche. Un ombra hè più cà un semplice screnu di un oghjettu chì intercepta a luce. Produce certu effetti nantu à i sensi è affetta a mente in modu stranu.

Tutti i corpi chì sò chjamati opaca pruvucarà una sombra esse ghjittata quandu si stanu davanti à a fonte d'induva vene a luce; ma a natura di un ombra è l'effetti chì produce sò sferenti secondu a luce chì prughjettanu l'ombra. L'ombre lampati da a luz di u sole è i so effetti sò sfarenti di l'ombre causate da a luce di a luna. A luce di e stelle produce un effettu differenti. E ombre lampate da lampada, gas, luce elettrica o da qualsiasi altra fonte artificiale sò sfarenti quant à e so natura, ancu s'ellu l'unica differenza chì vede à a vista hè a distinzione maiori o minima in u contornu di l'ughjettu nantu à a superficia nantu à u quale l'ombra hè ghjittata.

Nisun oggettu fisicu hè opacu in u sensu chì hè impermeable o intercepta in tuttu u lume. Ogni corpu fisicu intercepta o taglia una parte di e raghji di a luce è trasmette o hè trasparente à altri raghji.

Un'ombra ùn hè micca solu l'absenza di a luce in u contornu di l'ughjettivu chì l'intercepta. Un ombra hè una cosa in sè stessu. Un ombra hè qualcosa di più ch'è una siluetta. Un ombre hè più ch'è l'absenza di luce. Un ombre hè a projeczione di un oghjettu in cungliu cù a luce da quale hè prughjettatu. Un'ombra hè a prughjezzione di a copia, contraparti, duppu, o ghostu di l'ughjettu prughjettatu. Ci hè un quintu fattore necessariu per a causa di una ombra. U quintu fattore hè l'ombra.

Quandu vedemu un ombra vedemu u cuntrastu di l'ughjettu prughjettatu, nantu à una superficia chì intercepta l'ombra. Ma ùn vedemu micca l'ombra. L'ombra vera è l'ombra attuale ùn sò micca solu contorni. L'ombra hè una prughjezzione di l'ombra di l'internu è di e contorni di u corpu. L'internu di u corpu ùn si pò vede perchè l'ochju ùn hè micca sensibile à e raghji di luce chì venenu cù l'internu di u corpu è prughjettanu a so ombra. Tutta l'ombra o l'ombra chì si pò perverte attraversu l'ochju hè u profunnu solu di a luce, à quale l'ochju hè sensibile. Ma se a vista era addestrata, u vidente puderia percepisce l'internu di u corpu in tutte e so parti cù u so ombra, perchè a luce chì passa per u corpu hè impressiunata da è porta una copia sottile di e parti di u corpu à traversu quale. passa. A superficia fisica nantu à quale hè vista l'ombra, vale à dì chì provoca u profunnu di a luce in a forma di u corpu, hà impressu nantu à ella una copia di l'ombra, è hè affettata da l'ombra à u gradu chì mantene l'impressione longu dopu u corpu o a luce chì tira hè sguassata.

Se a superficie di una placa era sensibilizata à e raghji di luce chì passanu per corpi chjamati opacchi è chì arrubbenu una ombra, sta superficia conserva l'imprissione o l'ombra, è puderia esse unu cù vista addestrata vede micca solu i contorni. di a figura, ma per descrive è analizà l'internu di l'uriginale di quella ombra. Saria pussibile diagnosticà a cundizione di u corpu vivu à l’ora di l’impressione di l’ombra è di fà prediche di stati futuri di malatie o di salute secondu u diagnosticu. Ma nessuna placa o superficia ùn conserva l'imprese di l'ombra cum'è vistu da a vista fisica ordinaria. Quella chì hè chjamata ombra, da u puntu fisicu, pruduce certi effetti, ma questi ùn si vedenu micca.

(À seguità.)