The Word Foundation

Dapoi u mondu di sustanza si respirava a materia spirituale, a gemella mistica, è à traversu u sessu manifestatu si truvava in sè soiu l'altru. Attraversu l'amore è u sacrifiziu, avà hà risoltu un misteru più grande: ha truvatu, cum'è Cristu, cum'è Anima, stessu per tuttu: chì sò I-Thou-and-Thou-art-I.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 2 NOVEMBER, 1906. N ° 5

Copyright, 1906, da HW PERCIVAL.

ANIMA.

SOUL cume rapprisentatu da u segnu di l'acquariu di u zodiacu hè in u listessu pianu chì a sustanza (gemini), ma a diffarenza in u gradu di sviluppu à a fine finale hè quasi incalculabile. Hè a diffarenza trà u principiu di a dualità da l'unità, in u mondu senza manifesta, è l'attenzione di l'unione intelligente consciente di a dualità in l'anima.

A sustanza hè quella radica primordiale non manipulata da quale a materia spirituale, à l'iniziu di ogni periodu di evoluzione, si respira (cancru) in manifestazione è diventa universi è mondi visibili è invisibili è tutte e forme. Allora tutti passanu è sò finamente risolti (attraversu capricornu) in a sustanza radicali originale (gemini), per esse ripiuta in manifestazione è di novu risolta. Anch'ellu à u principiu di ogni vita terrestra, ciò chì chjamemu l'omu si respira da a sustanza cum'è materia spirituale, assume una forma visibile è à menu chì ùn riesce à immortalizà cuscente in quella vita, u materiale chì hè cumpostu hè risolta per mezu di i vari stati in a sustanza originale di u so mondu hè respirata di novu finu à ch'ella riesce a immortalità cuscente, è si unisce è diventa una cù l'anima.

Quandu a sustanza si respira come materia spirituale entra in l'oceanu di a vita, chì hè invisibile è micca da esse rilevata da i sensi fisici, ma pò esse percepita in a so azione in u so propiu pianu, chì hè u pianu di u pensamentu, (leo —Sagittariu). A materia spirituale cum'è a vita hè sempre à circà l'espressione. Entra in e forme invisibili di germi, è espansione, precipitate, è custruisce stessu è e forme invisibili in visibilità. Continua a precipità è espansione a forma chì si sviluppa in u sessu, a più attiva espressione di dualità in u mondu manifestatu. Attraversu u desideriu sessuale hè sviluppatu à u più altu gradu, è per l'azzione di u soffiu hè funditu à u pensamentu. U desideriu ferma nantu à u so pianu chì hè u pianu di e forme è desideri (virgo-scorpio), ma per mezu di u pensamentu pò esse cambiatu, trasfurmatu è sviluppatu.

L'anima hè un termu chì hè adupratu in modu indiscriminatu è ubicuamente. U so usu indicariaria chì era una qualità indefinita per esse qualificata è culurita da a parola precedente o seguente; per esempiu, l'anima mundiale, l'anima animale, l'anima umana, l'anima divina, l'anima universale, l'anima minerale. L'anima hè in tutte e cose cum'è tutte e cose sò in anima, ma tutte e cose ùn sò micca cuscenti di a presenza di l'anima. L'anima hè presente in tutte e materie finu à tutta a materia chì a materia hè pronta à cuncepisce è percepisce. Si usa di modu intelligente, tutti l'usi generali è indiscriminati à quale hè purtatu u terminu avà pò esse capitu cù definizione. Cusì in parlendu di l'anima elementale, significemu cusì un atomu, forza, o elementu di a natura. Per anima minerale, designemu a forma, a molécula, o u magnetisimu chì cuntene o unisce l'atomi o l'elementi da chì hè cumpostu. Per anima vegetale, hè significata a vita, germe, o cellula chì precipiteghja e forze in forma è face chì a forma si espansione è cresce in cuncepimentu ordinatu. Ci chjama l'anima animale, u desideriu o l'energia o u focu latente, fattu attivu da u cuntattu cù u soffiu, chì ci circonda, abbia, cuntrola, cunsuma, è riproduce e so forme. L'anima umana hè u nomu per quella porzione o fasa di a mente o l'individualità o un cunsensu di sè stessu principiu di I-am-I chì incarna in l'omu è chì si batte cù u desideriu è e so forme per u cuntrollu è a maestria. L'anima divina universale hè l'intelligente intelligente di tuttu u velu, a vestura, è u veiculu di a prisenza di l'ineffabile Una Cuscenza.

L'anima ùn hè micca sustanza sì l'anima hè a fine è u più altu sviluppu di sustanza, i dui opposti nantu à u listessu pianu; l'ànima ùn hè micca alè mentre l'ànima agisce per u soffiu in u svegliu di tutta a vita; l'anima ùn hè micca a vita è anche si hè u cuntrariu di a vita (leo-aquarius) ma l'anima hè u principiu di l'unità in tutte e manifestazioni di a vita; l'anima ùn hè micca forma sì l'anima raporta tutte e forme cù l'altri in quellu chì vive è si move è anu u so essere. L'anima ùn hè micca sexu se l'anima usa i sessi cum'è u so simbulu, a dualità, è per a so presenza cum'è androgyna divina in ogni essere umanu, permette à a mente per equilibrà è parità di a materia spirituale per via di u sessu è di risolve in anima. L'anima ùn hè micca u desideriu ancu chì l'anima hè l'amore altru di quale u desideriu hè l'aspettu inquietante, turbio, sensuale è micca furmatu. L'anima ùn hè micca pensata ancu sì l'ànima si riflette à u pensamentu chì per mezu di u pensamentu, tutta a vita è e forme inferjuri ponu esse elevate à u più altu. L'anima ùn hè micca individualità anche se l'anima hè a saviezza in l'individualità chì permette à l'individualità di sacrificà a so persunità è di espansione a so identità è d'identificà si cù tutte l'altre individualità è cusì truvà quella espressione perfetta d'amore chì l'individualità cerca.

L'anima hè un principiu intelligente cuscente chì si interpenetra, chì ligà, è chì raporta ogni atomu in l'universu cù ogni altru atomu è tutti inseme. Cume assucia è relaziona l'atomi è si relaziona in gradi progressivi cuscenti, u regnu minerale, vegetale, animale è umanu, cusì hè ancu ligatu cù visibili cù i regni invisibili, u mondu cun u mondu, è ognunu cù tutti.

Cum'è l'anima umana principia hè l'umanità in l'omu, a cuscenza di u quale rende u mondu sanu è l'omu egoistu un Cristu. L'anima hè u principiu cusciente chì porta cunsulazione à u dulore, riposa à l'impatente, forza à l'aspirante chì si ne batte, a saviezza à quelli chì sapanu, è a pace silente per i saggi. L'anima hè u principiu di tuttu cuscenza, u velu divinu di a Cuscenza. L'anima hè cuscente di tutte e cose, ma solu l'esse autocuscente pò esse diventata autocuscente di è in è cum'è anima. L'anima hè u principiu di l'amore universale in quale tutte e cose sò sustinute.

L'anima hè senza forma. Hè u listessu cum'è Cristu è Cristu ùn hà nisuna forma. "U Cristu" hè Anima chì funziona attraversu una individualità incarnata.

Incusciente di a presenza di l'anima, l'ignuratu è l'egoistu è a viciosa si sforzanu contr'à ellu, ancu chì l'infantilianu scumbatte contru i sforzi di a so mamma per allevà. Eppuru, l'ànima si tratta in modu delicatu cù tutti quelli chì s'opponenu à ellu cum'è una mamma cù a furia ceca di u so zitellu.

Quandu i romanzeri scrivenu di l'amore chì face un omu o una donna per sacrificà ellu stessu o ella stessu per l'amatu, sia a ghjuventù sia a criatura eccitanu è sò elati à a lettura. E persone più vechje pensanu à a forza è a nobiltà di carattere di l'eroe. Tramindui ghjovani è vechji penseranu è cunnetteranu cù u caratteru. Ma quandu i saghi scrivevanu di l'amore chì hà incitatu u Cristu o qualsiasi altru "salvatore di u mondu" chì si sacrificà per u so amatu - l'umanità - a ghjuventù è a cameriera tremperaranu à u pensamentu è l'anu cunsideratu cum'è un sughjettu à esse cunsideratu dopu ch'elli sò vechji. , o da quelli chì sò stanchi di o attraversu cù a vita, quandu a morte hè vicinu. U vechju populu veneranu è cuntemplanu u salvatore cun temutà religiosa, ma nè ghjovanu nè vechji si cunnetteranu cù l'attu, nè quellu chì l'hà fattu, eccu ch'ella sia da crede è di prufittà da l'azzioni di u "salvatore". Eppuru l'amore o u sacrificiu di sè stessu per un amatu per una amata o di una mamma per u so figliolu, hè u stessu principiu, anche se infinitamente espansu, chì impele à u Cristu per rinunzià a persunalità è per espansione l'individualità da i limiti stretti di u limitatu. persunalità in tutta e attraversu l'umanità entera. Questu amore o sacrificiu ùn hè micca fora di l'esperienza di l'omu o di a donna ordinaria, è cusì vedenu cum'è superumanu è fora di elli, è micca di u so tipu. U so tipu hè l'amore umanu di l'omu è di a donna è di i genitori è di u zitellu è u sacrificiu di è per l'unu per l'altru. L'auto-sacrificiu hè u spiritu di l'amore, è l'amore piacè in sacrificiu perchè attraversu l'amore di sacrificiu trova a so espressione è a felicità più perfetta. L'idea hè a stessa in ognunu, a diffarenza hè chì l'amante è a mamma agiscenu impulsivamente mentre u Cristu agisce intelligente, è l'amore hè più completo è immensuramente più grande.

Per u scopu di custruisce l'individualità, I am-I-ness, l'elevazione di a materia à un statu induve si hè cunuscente di sè stessu è a so identità di individualità, per questu scopu l'egoismu hè sviluppatu. Quandu l'individualità hè stata uttenuta, allora u sintimu d'egoismu ha servutu u so scopu è deve esse abbandunatu. A materia spirituale ùn hè più in materia spirituale. Hè unitu à una sola sustanza, avà cuscente cum'è I-am-Thou-and-Thou arte-I. Ci hè l'assassinu è l'assassiniu, l'uducatore è u vestale, quellu stupidu è u sàvulu hè unu. Quella chì li face unu hè Cristu, l'Anima.

U solvente di l'egoismu hè l'amore. Avemu scunnisciutu l'egoismu per amore. U picculu amore, l'amore umanu, in u so picculu mondu, hè u detentore di l'amore chì hè Cristu, l'Anima.

Anima prima annuncia a so presenza in l'omu cum'è a cuscenza, a voce sola. A voce unica in mezzo à e miriade voce di u so mondu u prumove à atti di disinteressu è sveglia in ellu a so cunvivialità cù l'omu. Se a voce unica hè seguita quandu percipitu parlarà per ogni attu di a vita; l 'anima si rivelarà allora per via di a voce di l'umanità in ellu cum'è l'anima di l'umanità, di fratellanza universale. Dopu diventerà fratellu, allura cunnoscerà a cuscenza di I-am-Thou-and-Thou-art-I, diventatu un "salvatore di u mondu", è esse in una sola à l'anima.

L'esperienza di l'ànima deve esse fatta mentre l'individualità hè incarnata in un corpu umanu è vive in stu mondu fisicu. Ùn pò micca esse fattu prima di nascita o dopu a morte o fora di u corpu fisicu. Ci hè chì deve esse fattu ind'è u corpu. Unu deve esse consciente di l'anima in u so propiu corpu fisicu prima chì l'ànima pò esse cunnisciuta bè fora di u corpu fisicu. Ciò hè statu riferitu in l'editorialu annantu à u prublema di "Sex", (libra). (Vede u Verbu, volume 2, N ° 1, p. 4.)

Si dice da maestri viventi, è in alcune Scritture, chì in quale u spiritu vulerà, sceglie di rivela si. Questu significa chì solu in quelli chì sò qualificati da una forma fisica, morale, mentale è spirituale, è in u mumentu propiu, l'anima sarà cunnisciuta cum'è a rivelazione, a luce, a nova nascita, u battesimu, o l'illuminazione. L'omu poi campà è hè cuscente di una nova vita è di u so travagliu veru, è hà un novu nome. Era cusì chì quandu Ghjesù hè statu battezzatu - vale à dì quandu a mente divina s'hè incarnata - era diventatu è si chjamava u Cristu; in seguitu hà cuminciatu u so ministeru. Cusì era ancu chì Gautama meditò sottu l'arbre Bo - l'arbre sacru in u corpu fisicu - ottene l'illuminazione. Hè à dì, l'anima si svilò in ellu, è si chjamava Buddha, l'illuminata, è hà cuminciatu u so ministeru trà l'omi.

In certi mumenti in a vita di un individuu s'avvicinanu da dentru di una espansione cuscente di a cuscenza, da i picculi affari di a vita mundiale di l'umdrum in u mondu di u travagliu à un mondu internu chì penetra, circonda, sustene, è si estende oltre. stu poviru mondu chjucu di a nostra. In un soffiu, in un lampu, in un instant di tempu, u tempu cessa è stu mondu interiore si apre da fora. Più brillanti cà miri soli si apre in un lume di luce chì ùn spece o brusgia. U mondu cù i so oceani inquieti, sfondi continenti, cummerciu corretu, è parechji turbuletti di civilisazione culurati; i so diserti solitari, giardini di rose, muntagne nevicate in nuvola; i so vermi, uccelli, animali salvatichi è omi; i so saloni di scienza, di piacè, di culte; tutte e forme nantu à u sole è a terra è a luna è e stelle sò trasfurmate è diventate glurificate è divine da a bellezza supernale è a luce senza ombre chì irradia à traversu tuttu da u regnu internu di l'anima. Tandu a piccula scuderia di angeri, d'odi, invechje, vanità, fiertà, avidità, disprezzi di sta piccula terra scumpare l'amore è u putere è a saviezza chì regnanu in u regnu di l'anima, fora è fora di u tempu. L'individuu chì hè statu cusì cusciente si ritrova da l'infinitu in u tempu. Ma ha vistu a luce, hà sentitu u putere, hà intesu a voce. Eppuru, senza esse liberatu, ùn vole più risà è gemà è s'afferra di a croce di u ferru di u tempu, quantunque pò esse purtatu da u circondu. Dunque vive da trasfurmà i spini è i posti pedreggiali di a terra in pasture verdi è in campi fertili; traccia fora di u bughju squiridendu, rampante, rastrellendu cose, è entrenu per stà in e supportu di a luce; per aiutà à u mutu chì pare u sguardu è chì caminava cù e mani è i pedi in a terra per stalla in verticale è ghjunghje per u lumu; vive à cantà a canzona di a vita ind’u mondu; per facilità i carichi; per accende in cori di quelli chì aspiranu, u focu di sacrificiu chì hè l'amore di l'anima; da dà à i servitori di u tempu chì cantanu a canzona di u tempu nantu à u forte è flat di u dulore è di u piacè, è chì giranu di sè stessu attaccati à a croce di ferru di u tempu, a canzone sempre nova di l'anima: l'amore di u stessu sacrificiu . Cusì vive per aiutà l'altri; è cusì, mentre vive, agisce è amatu in silenziu, guadagna a vita per u pensamentu, a forma per a cunniscenza, u sessu per a saviezza, u desideriu per a vulintà, è, guadagnà a saviezza, si rinuncia à u sacrificiu di l'amore è passa da a so propria vita. in a vita di tutta l'umanità.

Dopu vistu prima a luce è sintendu a putenza è intesu a voce, ùn sarà micca subitu à passà in u regnu di l'anima. Hà campà parechje vite nantu à a terra, è in ogni vita camminerà in silenziu è scunnisciutu annantu à u percorsu di e forme finu à a so azzione altruista face chì u regnu di l'anima si apre di novu da l'internu quandu ellu riceverà di novu l'amore altru, u putere vivu. , è a saviezza silenziosa. Dopu seguità i morti chì anu viaghjatu prima nantu à u percorsu senza morte di a Cuscenza.