The Word Foundation

U velu d'Isis si estende in tutti i mondi. In u nostru mondu hè u vestitu visibile di l'anima è rapprisintatu da i dui esseri di u sessu oppostu.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 6 U OCTUBBU, 1907. N ° 1

Copyright, 1907, da HW PERCIVAL.

A VELETA DI L'ISIS.

ISIS hè dichjaratu ch'ella hè stata una surella-moglia-surella-mamma. Hè stata chjamata a regina di i celi, a purtatrice di a vita, a mamma di tuttu ciò chì vive è a dadora è u restauratore di e forme.

Isis era cunnisciutu sottu à tanti altri nomi è aduniti universalmente da l'umanità di periodi iniziali in tutta l'Egittu. Tutti i ranchi è e classi eranu listesse à u fedore di Isis. L'esclava sott'à u caccia, chì a so vita di a vita era sposa da u so travagliu quotidianu nantu à e pietre di a piramide; a bellezza mimata, chì a so vita era un sognu di piacè in mezzu à una musica suave è fiori fragranti, bagnati in profumi è arruinati di aria delicatamente incensata, chì ogni sensu era stimulatu da l'arti è l'ingenuità di a razza è indultu cù i prudutti di l'età di pensamentu è sforzu; l'astronomu-magu chì da u so postu in a piramide hà osservatu u muvimentu di i viaghjatori celesti, hà misuratu a velocità di a so velocità è l'arcu di viaghju, calculatu da u tempu di a so apparenza in u spaziu in tutta a so storia, è cusì sapia di a so origine, a natura. è fine: tutti e so simule eranu adoratori di Isis, ma ognunu secondu a so classa è tippu è da u so pianu di cunniscenze.

L'esclava chì era pricatu à azzione per forza ùn pudia vede a "mamma graciosa di a misericordia", cusì adorava un oggettu ch'ella pudia vede è chì era statu dichjaratu à esse sacru per ella: una maghjina gravidata di petra, à a quale avarìa. fora l'amarezza di a so anima è prega per a liberazione da i legami di u maestru. Alluntanatu da a tristezza è da e difficoltà, ma sapendu chì Isis ùn hè megliu chè l'esclava di u dulore, a bellezza, un schiavu di piacè, appellu à l'Isis invisibili à traversu i simbuli di i fiori è i tempii è s'inchjappò à l'Isis per cuntinuà a recompensa di chì u supplente piacia. In u muvimentu di i corpi celesti, l'astrònomu-magu averia vistu e lege è u cursu di i soli. In quesse lerebbe a legge è a storia di a creazione, a priservazione è a distruzzione: li avaristi in relazione cù i pinsamenti è l'impulsi di l'umanità è leghjera u destinu di i dinastii cum'è dicrettu da l'atto di l'omi. Percettendu l'armunia in tutta l'azione inarmonica, a legge in cunfusione è a realtà daretu à l'apparenza, l'astronomu-magu hà fattu cunnosce e lege di Isis à i guvernatori di a terra, chì à u turnu ubbidì à queste legge secondu a so natura è l'intelligenza. Videndu l'azione inalterable di a legge è l'armunia attraversu tutte e forme esistenti, l'astronomu-magu reverava a lege, agitu in cunfurmità è adorava a sola realità in e forme produttu da Isis sempre invisibile.

I schiavi di u dulore è di u piacè cunnoscenu Isis solu per mezu di a forma è di i sensi; u sàviu hà cunnisciutu Isis cum'è u pruduttore continuu è sustenevule di tutte e cose.

L'umanità hà cambiatu pocu da u ghjornu di l'anticu Khem. I so desideri, ambizioni, e aspirazioni sò diffirenti solu in gradu, micca in natura. I principii di a cunniscenza sò listessi cum'è di yore. I metudi è e forme solu anu cambiatu. L'animi chì anu participatu à a vita di l'Eggittu ponu tornà à l'arena in i tempi muderni. Isis ùn hè micca morta in Egittu ancu ch'ella ùn era micca nati quì. L'adorazione esiste oghje oghje cum'è l'averebbe allora.

U minatore chì si arrampica in l'intestine di a terra prega à l'imaghjini di Maria per liberallela di e catene di u travagliu. U fantasimu chaser di piacè prega per una continuazione di piacè. U sàviu vede a legge è l'ordine attraversu l'apparente inghjustizia è a cunfusione è travaglia in armunia cù l'unica realtà da amparà à percirà per tutte l'apparenze. Isis hè in tempu reale cum'è in i ghjorni di Khem. Oghje ghjornu Isis hè venerata da i so elettorali cum'è un idolu, un ideale, o u veru, cum'è ella era allora. U nome è a forma di e religioni anu cambiatu ma a venerazione è a religione sò listesse. A ghjente vede è adora l'Isis secondu e so natura, caratteri è gradi di sviluppu. Cumu l'adorazione di Isis era secondu l'intelligenza di u populu di l'Eggittu, cusì hè ora secondu l'intelligenza di u populu di a nostra età. Ma ancu prima di l'ascensione di a nostra civilisazione finu à un puntu chì currisponde à a gloria è a saviezza di l'Eggittu, u nostru populu hè diventatu degeneratu in u so cultu à Isis, cum'è l'egiziani in a decadenza di l'Eggittu. In più di u glamour di i sensi, u putere di i soldi, a pulitica è a prigiuneria supponenu oghje da u populu a cunniscenza di Isis, ancu in i tempi di l'Eggittu.

Quellu chì cunnosce Isis deve passà al di là di u velu in i regni di l'Immaculata Isis; ma à tutti i mortali Isis hè cunnisciuta solu chè ella hè, drappevata bè è spalmata.

Ma quale hè Isis è chì cosa hè u so vitellu? U Mititu di u Velu di Isis pò spiegà. U racontu funziona cusì:

Isis, a nostra mamma immaculata, a natura, u spaziu, hà purtatu u so bellissimu velu chì attraversu tutte e cose puderia esse chjamatu in esistenza è esse datu. Isis hà iniziatu in i so mondi immateriali a tessere e, mentre travesteva, tirava a texture di u velo, più delicata di u sole, circa e divinità. Cuntinuendu à traversu i mondi più pesanti, u velu era tissutu cunsegna finu à ch'ella ghjunghjessi è incarnatu i mortali è u nostru mondu.

Allora tutti l'esseri anu guardatu è vistu da a parte di u velu in u quale eranu, a bellezza di Isis à traversu a texture di u velo. Eppuru ci sò stati truvati in l'amore di u vitellu è l'immortalità, a coppia eterna è inseparabile, à quelli chì i più alti dii s'inchjenu in una venerazione reverente.

I mortali poi pruvò di pusà queste presenze eterne in forma chì puderanu guardà è sentenu in u velu. Questu hà causatu u vitellu per esse divisu; da una parte l'omu, di l'altra donna. In u locu di l'amore è l'immortalità, u velu hà scupertu à i mortali a presenza di l'ignuranza è a morte.

Allora l'ignuranza hà scacciatu una nuvola scura è stupefiante circa u vitellu chì i mortali inutili ùn puderanu micca viulà l'amore per u so sforzu di rassicà in u velo. A morte hà aghjuntu ancu u timore à a bughjura, chì l'ignuranza avia purtata, per quessa chì i mortali ùn si pudessenu micca cuntechjà in un disgraziatu interminable à circà di definisce l'immortalità in i pieli di u velo. Amuri è immortalità, dunque, sò oculati ora da i mortali per l'ignuranza è a morte. L'ignuranza scura a visione è a morte aghjusta u timore, chì impediscenu a ricerca di l'amore è l'immortalità. E mortale, temendusi ch'ellu puderia esse persa, abbracci è appiccicati più vicinu à u velu è grida in furia in la bughjura per rassicurarse.

Isis si ferma ancu in u so velu in aspettà finu à chì a visione di i so figlioli serà abbastanza forte per incastallà è vede a so bellezza indefilata. L'amore hè sempre presente per purificà è purificà a mente da i so macchi scuri è ferite di l'egoismu è di l'avidità, è di mustrà a cunvivialità cù tuttu ciò chì vive. L'immortalità hè per ellu chì u sguardu si ferma micca à l'internu, ma chì face una vista ferma à traversu u velo di Isis, è oltre. Dopu truvà l'amore chì si senti simili à tutti, diventa un difensore, un sponsor per, è u salvatore o u fratellu maiò, di Isis è di tutti i so figlioli.

Isis, puro è indefilatu, hè una sustanza primitiva omogenea in tuttu u spaziu infinitu senza limiti. U sessu hè u velu di Isis chì dà a visibilità di a materia ancu se nuvola a visione di l'esseri. Trà i pinsamenti è le opere di l'omi è di l'omi di i mondi gastrati, chì Isis (natura, sustanza, spaziu) hà manteneu impressu in sè stessu, u nostru mondu hè statu ripruduttu secondu a lege di a causa è l'effettu. Allora Mamma Isis hà iniziatu i so movimenti in u so regnu invisibili è ci hè purtatu lentamente tuttu ciò chì avia participatu in evoluzioni passate; cusì u nostru mondu hè statu furmatu fora di l'invisibile cum'è una nuvola hè tracciata da u celu senza nuvola. À u primu ghjornu l'esseri di u mondu eranu luminosi è aria; gradualmente si condensanu in i so corpi è e forme finu à finalmente sò cumu truvamu per esse oghje. In quelli primi tempi, in ogni modu, i dii caminavanu a terra cun l'omi, è l'omi era ancu cum'è i dii. Ùn cunniscianu micca u sessu cumu facemu avà, perch'elli ùn eranu micca cusì profondamente incarnati in u velu, ma sò cunnuscenu pocu à pocu cumu e forze si condensavanu è diventonu più turbulenti. A visione di l'esseri chì ùn eranu di u sessu era menu nuvola chè a nostra; puderianu vede u scopu di a lege è travagliavanu sicondu; ma cum'è a so attenzione era sempre più affascinata da e cose di u mondu, è in cunfurmità cù a lege naturale, a so vista si chjude à u mondu internu di u spiritu, è più aperta à u mondu esternu di a materia; si sviluppevanu in u sessu è diventanu l'esseri ordinari chì simu oghje.

In a antichità i nostri corpi sò stati produtti da una operazione attraversu a lege naturale. Oggi i nostri corpi sò generati da u desideriu, è più spessu venenu in esistenza contr'à a voglia di quelli chì li generanu. Ci stemu in i nostri corpi à a fine più bassa di l'arcu involuziunariu è à l'arcu ascendenti di u ciculu evoluzione. Oghje ci pudemu inizià a scalata, da i pirati più grossi è pesanti finu à i filieri più livini è più sottili di u velu di Isis, è ancu perforar u velu interamente, alzate sopra, è fighjemu à Isis stessu invece di e forme amiche di noi. cuncepì ch'ella sia, interpretendu da u velo.

Sicondu e lege per quale u nostru mondu hè guvernatu tutti l'esseri chì venenu in u mondu facenu per sanzione d'Isis. Ella teghje per elli u velu chì devenu purtà durante a so stima. U velo di Isis, u sesso, hè filatu è tessutu da e fate, chì l'antichime anu chjamatu e Figlie di Necessità.

U velo di Isis si estende in tutti i mondi, ma in u nostru mondu hè rapprisintatu da i dui esseri di u sessu oppostu. U sessu hè u tissutu invisibile nantu à quale sò tissuti i vestiti chì l'essere incruciati pusonu per accede à u fisicu è per participà à l'affari di a vita. Hè per l'azzione di i cuntraversati, u spiritu è ​​a materia cum'è u warp è u woof, chì u velu diventa gradualmente u vistimentu visibile di l'anima; ma e urdine è i tessuti sò cum'è strumenti è materiale chì sò in constantemente cambiati è disposti da l'azzioni di a mente nantu à u desideriu. U pensamentu hè u risultatu di l'azzioni di a mente nantu à u desideriu è per mezu di u pensamentu (♐︎) a materia spirituale di a vita (♌︎) hè diretta à a forma (♍︎).

Anime piglia u velu di Isis perchè senza ellu ùn ponu micca cumpletu u ciculu di u so viaghju à traversu u mondu di forme; ma pigliatu u velu, diventanu cusì imbottiti in i so pieghe chì ùn ponu vede cum'è u scopu di u so tissutu, nulla altru da u piacè sociale o sensuale chì dà.

L'anima stessa ùn hà micca sessu; ma quandu porta u velu, pare chì hà da esse sessu. Un latu di u velu si prisenta cum'è omu, l'altru u latu di a donna, è l'interessu mutuale è u girottu di u velu evoca tutti i puteri chì li ghjucanu. Allora hè creatu è sviluppatu u sentimentu di u velu.

U sentimentu di u sessu hè a gamma di l'emozioni umane, chì si estende in ogni fase di a vita umana, da quella di u bassu salvaticu, à l'emozione di un misticu, è à traversu tutte e fantasie poetiche assistenti di a cultura umana. U sentimentu è a morale di u vitellu di Isis sò esibiti da u listessu da u salvaticu chì compra a so moglia o cresce u numeru di elle da u dirittu di catturà; per atti di cavalleria; per a cridenza chì ogni sessu hè statu creatu per l'altru da Diu; è da quelli chì interpretanu u scopu di u sessu secondu ogni modu di nozioni fantastiche. Tutti i lochi sò sentimenti chì aumentanu u valore o l'attrattiva di ogni sessu à l'altru. Ma u sintimu chì pare piacè à parechji purtatori di u velu hè a nozione di a duttrina di l'anima gemella, presentata in parechje forme secondu a natura è u desideriu di u credente. Simply put it is that, that man or woman is only a half half. Per cumpletà è perfezzione l'essere, l'altra mità hè necessaria è si trova in unu di u sessu oppostu. Chì sti dui semiti sò fatti solu è in modu espressu per l’altru, è devanu vagare per i ciculi di u tempu finu à ch’elli si scontranu è uniti è cusì formanu un essere perfettu. U prublema hè, tuttavia, chì questa nozione fantastica hè usata cum'è scusa per ignurare u codice morale stabilitu è ​​i duveri naturali.²

A credenza di l'anima gemella hè unu di i più grandi ostaculi per u prugressu di l'ànima, è l'argumentu per l'emozione gemella distrugge sè stessu quandu hè vistu tranquillamente à a luce di a ragione da unu chì ùn hà micca truvatu l'affinità di l'anima o l'altra mità è quale ùn hè micca. troppu affannosu chì soffre di a piccula serpente di u sessu.

A parolla sessu hà mille significati sferenti à tanti chì l'ascultanu. À ognunu appellu sicondu l'eredità di u so corpu, a so educazione, è a so mente. Per unu significa tuttu ciò chì a luxuria di u desideriu di u corpu è di l'animali imparria, à l'altru un sentimentu più raffinatu di simpatia è amore cume l'esibitu da a devozione di u maritu è ​​di a moglia, è in e responsabilità di a vita.

L'idea di u sessu hè purtata in u sferu di a religione, induve u devotu pensa à un Diu sempre presente, omnisciente è onnipotente - ie, cum'è un padre è creatore di tutte e cose - è una ama di misericordia affascinante, chì hè benedicata da u devotu. per intercede per ellu cun Diu, u Babbu o u Figliolu. Cusì l'idea di u sessu hè cuncepitu da a mente umana, micca solu cume dirigendu nantu à sta terra brutta, ma cum'è estendu à traversu tutti i mondi è ancu prevalendu in u celu, u locu incorruptibile. Ma sì unu cuncepisce u sessu in u so sensu più bassu o più altu, questu velu d'Isis deve sempre velu l'ochji mortali. L'esseri umani interpreteranu sempre ciò chì si trova oltre u velu da u latu di u velu nantu à a quale vedanu.

Ùn hè micca maravigliatu chì a mente umana hè cusì impressiunata da u pensamentu di u sessu. Anu pigliatu longhi anni per modellà a materia in e so forme attuali, è a mente chì hà avutu da fà cù i diversi cambiamenti di e forme di materia deve esse necessariamente impressiunata da elli.

È cusì u sessu, u velu di Isis, hè statu gradualmente tissutu circa è intornu è attraversu tutte e forme, è u desideriu di u sessu in forma predominava è sempre prevalerà. Cume a mente più incarnata in u sessu, a so visione hè diventata culurita da u velu. Si vìdunu è l'altri à traversu u velu, è tuttu u pensu di a mente hè sempri è sarà culuritu da u velu finu à chì u purtatore di u velu amparà à discriminà trà quellu purtatore è u velu.

Cusì tuttu ciò chì va à fà l'omu omu, hè impannillatu da u velo di Isis.

I veli sò usati per parechje scopi è sò generalmente assuciati à a donna. A natura hè parlata di cum'è feminina, è in forma è azzione rapprisentata da una donna. A natura hè sempre tissendu veli di sè stessu. Da i veli di e donne sò usati cum'è veli di bellezza, veli nuppali, veli di dolu è di prutegge contra i venti è a polvera elevati. A natura cum'è a donna prutegge, nasconde è face a so attraente per l'usu di i veli.

A storia di u tissutu è di l'usura di u velu d'Isis à l'oghje, è ancu a prufezia di u so avvene, hè detta è suggerita in a vita di un umanu da a nascita à l'intellettu maturizatu è à a vechja età. À a nascita u zitellu hè curatu da u genitore; ùn hà mancu pinseru è cura. U so corpu suave è flabby piglia lentamente una forma più definita. A so carne diventa più ferma, i so ossi più forte, è amparà l'usi di i so sensi è di e so membre; ùn hà ancu micca amparatu l'usu è u scopu di u so sessu, u velu in quale hè impannillatu. Stu statu riprisenta e prime forme di vita; l'esseri di quellu periodu ùn avianu micca pensatu à u vitellu di l'Isis, anche si vivavanu in i so faldini. I so corpi eranu esuberanti cù a vita, rispondenu à è anu agitu cù l'elementi è e forze in modu naturali è allegru mentre i zitelli ritenu è ghjucanu à u sole. A zitiddina ùn hà micca pensatu à u velu chì porta, ma di quale ùn hè micca sempre consciente. Eccu l'età d'oru di i zitelli cum'è era di l'umanità. Più tardi u zitellu và à a scola è si prepara per u so travagliu in u mondu; u so corpu cresce è si sviluppa in a ghjuventù, finu à chì i so ochji sò aperti - è vede è diventanu cuscenti di u vitellu di Isis. Allora u mondu cambia per ella. A luz di u sole perde u so tonu rossu, e ombre sembranu cascà da tutte e cose, i nuvuli si riuniscenu induve ùn era mai vistu prima, un bughju pare chì arrubbina a terra. I ghjovani anu scupertu u so sessu è pare malatu adattatu per i purtatori. Questu hè dovutu à u fattu chì un novu flussu di mente hè entratu in quella forma è incarnata in i so sensi, chì sò cum'è e rami di l'arbre di a cunniscenza.

U vechju mitu d'Adamu è Eva in u giardinu di l'Eden è a so sperienza cù u serpente hè tornata, è l'amarezza di "a caduta di l'omu" torna una volta sperimentata. Ma u sensu di u cusì chjamatu peccatu diventa un sensu di piacè; u nuvola di buia chì paria sfondà u mondu da prestu avvene à tinte è tonalità arcubalenu di culore varia. Si sente u sentimentu di u velu; sbaglii grisgi diventanu canzoni d’amore; i versi si leghjenu; a puesia hè cumpostu à u misteru di u velu. U velu hè accettatu è purtatu - cum'è un mantellu sbulicatu di u visu, un vestitu di gasa di sentimentu, u vistitu di scopu.

A zitiddina di a corsa staghjunata in a prima virità di rispunsabilità in quale a razza hè esistita dapoi. Ancu se spessu impulsivamente, gradualmente, è impensamente, in ogni modu, e responsabilità di u velu sò prese. A maiò parte di l'umanità oghje sò cum'è l'omi-zitelli è donne-zitelli. Venenu in u mondu, vivi, si maritanu, è passanu per a vita senza sapè a causa di a so venuta nè di a so andata, nè u scopu di a so sughjornu; a vita hè un giardinu di piacè, un salone di vicio, o un seminariu giovani induve apprendenu un pocu è passanu bè senza assai pensamentu per l'avvene, tuttu secondu a so inclinazione è u so ambiente. Ma ci sò membri di a famiglia umana chì vedenu una sterna realità in a vita. Si sentenu una rispunsabilità, appruntanu un scopu, è cercanu di vedelu più chjaramente è travaglianu in cunfurmità.

L'omu, dopu avè vissutu attraversu u primu flussu di a so viriltà, avendu pigliatu a cura è a responsabilità di a vita di famiglia, s'hè impegnatu in u so travagliu di a vita è pigliatu a so parte in l'affari publichi, avendu prestatu serviziu à u so statu quandu vole, si sente. ultimu chì ci hè qualchì scopu misteriosu chì travaglia à mezu à e velu chì porta. Pò spessu circà di capì e pussibuli di a presenza è u misteru chì sente. Con l'età crescente, l'intellettu diventerà più forte è a visione più chjaru, à u fattu chì i lumi sò sempre sbulicati in u vitellu è ùn si sò micca brusgiati, è furnisce chì questi foci ùn si sminticanu, causendu u fume per ascendere è nuvola a visione è soffocà. a mente

Cume i focu di a luxuria sò cuntrullati è u velu resta intactu, i so tessuti si facenu purificati è purificati per l’azione di a mente cuntemplendu u mondu ideale. A mente ùn hè dopu limitata da u velu. U so pensamentu hè liberu da l'ordine è da u soffiu di u velu è aprende à cuntemplazione di e cose cumu si sò piuttostu cum'è una forma è tendenza dete da u velu. Cusì a vechje età pò maturiri in a saviezza invece di passà in senilità. Eppo, cumu l'intellettu diventa forte è a divinità hè più evidente, u tissu di u velu pò esse cusì purtatu chì si pò mette in una forma consciente. Quandu cù un altru nascita u velu hè riportatu, a visione pò esse abbastanza forte è abbastanza putente in a prima vita, per aduprà e forze mantenute in u velo per u scopu à quale sò destinate à a fine, è a morte pò esse superata.

U vitellu di Isis, u sessu, porta à i mortali tutta a so miseria, soffrenza è disperazione. À traversu u vitellu di l'Isis vene a nascita, a malatia è a morte. U velo di Isis ci porta in ignuranza, razza l'invidia, l'odiu, u rancore è u timore. Da u vestitu di u velu venenu desideriu fieru, fantasie, ipocrisia, ingannà è vuluntà cù l'ambienza.

Dunque, u sessu deve esse negatu, rinnuvatu, o suprimitu per sfraccià u velu chì ci ferma fora di u mondu di a cunniscenza? Di ricusà, di rinunzià o di suppressà u sessu hè di caccià i mezi propriu di cresce fora. U fattu chì portemu u velu ci deve impedisce di denegà; rinunzià u sessu seria un rifiutu di i so duveri è di a rispunsabilità, di supprimà u sessu hè di pruvà una bugia è distrughjini i mezi di amparà a saviezza da e lezioni chì i duveri è e responsabilità di u sessu insegnanu, è di capisce e forme chì Isis mostra. noi cum'è stampi nantu à u so velu è cum'è lezioni di ughjettu di a vita.

Ricunnosce l'usura di u velu, ma ùn fate micca u purtatu l'ughjettu di a vita. Assumite e responsabilità di u vitellu, ma ùn si ferma micca in i so maglie in modu di perde a vista di u scopu è diventà intossicatu cù a puesia di u velu. Esecutà i duveri di u velu, cù u velu cum'è strumentu d'azzione, ma micca attaccati à l'instrumentu è u risultatu di l'azzioni. U velu ùn si pò straccià, deve esse purtatu. Fighjendu fermu attraversu si sfuma è permette l'unione di u sapè cun u cunnisciutu.

U velu pruteghja e si ferma da a mente di l'influenzi di l'omu è di l'entità chì avaristi esse dannusi assai in a so ignuranza attuale di i puteri di u velu. U vitellu di u sessu impedisce a mente di vede è di entra in cuntattu cù i puteri invisibili è e entità chì swarm circa ellu, è chì, cum'è uccelli di a notte, sò attrati da a luce chì a so mente tira in i so regni. U velo di sesso hè ancu un centru è parcorsu per i forzi di a natura. À traversu hè purtata a circulazione di i gradi di materia à traversu i diversi regni. Cù u vitellu di u sessu, l'anima pò entra in i regni di a natura, fighjà di e so operazioni, diventa familiarizata cù i prucessi di trasfurmazione è di trasmissione da regnu à regnu.

Ci hè sette tappe in u sviluppu di l'umanità attraversu u velu di Isis. Quattru sò passati, simu in u quintu, è dui sò ancu da vene. E sette tappe sò: innocenza, iniziativa, selezzione, crucifixion, trasmutazione, purificazione è perfezione. A traversu sti sette tappe, tutte l'anime deve passà chì ùn anu micca ottenutu liberazione da u ciculu di a reincarnazioni. Eccu i sette tappe chì anu da vede cù i mondi manifestati, marcanu l'involuzione di l'ànimi in materia per acquistà sperienza, superà, struisce, è ottene a libertà da a materia in a cumplessa di u so viaghju evolutivu.

À quelli familiarizati cù u significatu di i segni di u zodiacu, serà d'aiutu per capiscenu e tappe o gradi citati, per sapè cumu i sette sò da esse applicati è capiti da u zodiacu, è ancu per sapè quali signi sò quelli di chì u velu di Isis si applica. In Figura 7, u zodiacu hè mustratu cù i so dodici segni in u so ordine accustatu. U velo di Isis principia da u segnu di i gemini (♊︎) in u mondu senza manifesta è si estende in basso da u so regnu immateriale attraversu u primu signu di u mondu manifestatu, u cancro (♋︎), u soffiu, u primu manifestatu à traversu u mondu spirituale, attraversu u materia spirituale di u segnu leo, (♌︎), vita. Diventendu più grossu è più pesante in u so discendenza attraversu u mondu astrale, rapprisentatu da u segnu di virgo (♍︎), forma, finisce à u so puntu più bassu in a libreria di segni (♎︎), sesso. Dopu gira versu u so arcu evolutivu, currispondente à a so curva descendente, attraversu u signu di scorpio (♏︎), desideriu; sagittariu (♐︎), pensatu; capricornu (♑︎), individualità; ci hè a fine di tuttu u sforzu persunale è u duveri individuale. Passendu torna in quellu micca manipulatu finisce à a stessa fase, ma à l'estremità opposta da u pianu da u quale hà iniziatu in u segnu aquarius (♒︎), anima.

♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♎︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎
FIGURA 7.

U velu d'Isis hè trappulatu sopra à u altu è spirituale cumu à i mondi bassi è sensuale. Accumincia à u signu di gemini (♊︎), sustanza, l'elementu primordiale omogeneu, alluntanatu bè, è passa à u sudu. Isis in u so pianu altu ùn vede alcun ochju mortale, postu chì l'ochji mortali ùn ponu mai traspassà u regnu oltre u manifestatu; ma quandu un'anima hè passata per tutte e sette tappe, allora, da u puntu di vista di l'aquarius (♒︎), l'anima percepisce Isis cum'è ella hè in gemini (♊︎), immaculata, pura, innocente.

E natura di e sette tappe sò indicate da i segni. U Cancer (♋︎), u soffiu, hè quellu stadiu o u gradu à chì tutte l'ànime participanu o chì devenu fà cù u mondu fisicu cumincianu; hè u mondu inghjustatu da guile o impurità, u stadiu di l'innocenza. Eppuru l'ego si trova in u so statu spirituale è simile à i dii, agisce in cunfurmità cù a lege universale che respira e mette da sè stessu a materia spirituale, a vita, di a tappa o di u prossimu gradu, leo (♌︎), è cusì passendu nantu à u velu, a materia spirituale si custruisce in forma.

A vita cum'è materia spirituale, hè in u stadiu iniziale di u sessu. L'esseri in fase iniziale di a vita sò doppia sessu. In u seguente segnu, forma, virgo (,), entranu in u stadiu di selezzione, è i corpi chì eranu duali diventenu issa separati in u so sessu. In questa fase a forma fisica umana hè presa, è a mente incarna. Allora accumincia a tappa o u gradu di crucifixione, in quale l'ego passa per tuttu u dulore chì i salvatori di ogni religione si dice chì anu soffrettu. Questu hè u segnu d'equilibriu è equilibriu in quale amparà tutte e lezioni di a vita fisica: incarnata in un corpu di sessu amparà tutte e lezioni chì u sessu pò insignà. À mezu à tutte e incarnazioni amparà à traversu u compitu i duveri di tutti i ligami di a famiglia è deve, mentri ancora incarnata in un corpu di sessu, passà per tutti l'altri gradi. I corpi fisichi solu di l'umanità sò in questu gradu, ma l'umanità com'è razza hè in u prossimu segnu, scorpio (♏︎), desideriu, è u gradu di trasmutazione. In questu signu l'ego deve trasmette i desideri da l'affinità puramente sessuale (♎︎), à i scopi più elevati di a vita. Questu hè u segnu è u gradu in chì tutte e passioni è e lussure devenu esse trasmesse, prima ch'ella possu percive da u so pianu i formi interni è i puteri chì stanu à l'internu è daretu à l'apparenza fisica.

U prossimu gradu hè quellu in u quale e forme di desideriu sò purificate. Questu hè fattu da pensamentu, (♐︎). Allora i correnti è e forze di a vita sò percepiti è guidati da u pensamentu, attraversu l'aspirazione à a tappa finale umana, induve l'omu diventa immortale. A tappa finale è a settima hè quella di a perfezione, à u segnu capricornu (♑︎), individualità; in u quale superare tutte le luxuria, l'ira, a vanità, l'invidia è i numerosi vici, avendu purificatu e purificatu a mente di tutti i penseri sensuali, e avendu rializatu a divinità indettante, l'omortale mette l'immortalità, attraverso i riti perfettivi. Tutti l'usu è u scopu di u vitellu di l'Isis sò dunque percepiti chjaramente, è l'aiuti immortali tutti quelli chì stanu in lotta in a so ignuranza in i piezzi inferiori di u velu.


² Vede u Verbu, Vol. 2, No. 2, "Sex".