The Word Foundation

THE

PARMA

Vol. 14 DECEMBRE, 1911. N ° 3

Copyright, 1911, da HW PERCIVAL.

VOI

A i zitelli hè spessu cuntata una storia di fata di una vecchia coppia chì hà passatu assai di u so tempu à voglia. Mentre stavanu seduti à u focu una sera, è, cum'è di solitu, vulendu sta cosa o quella, una fata apparì è disse, chì sapendu cum'elli aspittàvanu i so desideri gratificati era venuta à accurdalli solu trè desideri. Eranu delittati è ùn perderanu micca tempu per mettere l'offerta generosa di la fata, l'anzianu, dendu voce à un desideriu immediatu di u so core o di u stomacu, vulianu avè trè tre metri di puduta nera; è, sicuru, culà, in a so volta eranu i trè cantieri di puddu negru. A vechja, indignata di perderà una pussibulità cusì valiosa per ottene qualcosa per u simplice vuluntà, è di mustrà a so disappruvazione di l'impensibilità di u vechju, vulia chì u puddaru negru s'appicchissiria à u nasu, è s'hè ingrossatu. Temendu chì puderia cuntinuà quì, u vechju - vulia chì abbandunassi. È hà fattu. A fata svanì è ùn hè micca tornata.

I zitelli chì sentenu a storia si sentenu fastidiati da a vecchia coppia, è cusì indignati per a perdita di una chance cusì grande, cum'è era a vecchia cun u so maritu. Forsi tutti i zitelli chì anu intesu a storia anu speculatu ciò chì avissiru fattu se avissiru avutu e trè voline.

I cunti di fata chì anu da vule cù i desideri, è a maiò parte di u desideriu stupidu, sò una parte di u folklore di guasi ogni razza. I zitelli è l'anziani si puderanu vede sè stessi è i so desideri riflessi in "I Goloshi di a Fortuna" di Hans Christian Andersen.

Una fata hà avutu un paio di colpi chì avarianu chì u so purtatore sia trasportatu subbitu in qualunque ora è locu, in ogni circustanza è cundizione chì vulia. Intendendu di conferisce un favore à a razza umana, a fata ha messu i colpi in altri in la camera ante di una casa induve un grande partitu era riunitu è ​​stava discutendu a questione se i tempi di l'età medievale ùn eranu micca megliu cà i so propiu.

Quandu hà lasciatu a casa, u cunsiglieru chì avia favuritu l'età medievale hà messu i Goloshes di a Fortuna invece di u soiu è, sempri pensendu à u so argumentu mentre era fora di a porta, si hè vulsutu à l'epica di u rè Hans. Torna si n'hè andatu trècentu anni è cum'è passava si n'andò in u fangu, perchè in quelli ghjorni i strati ùn eranu micca pavimentati è e marche era scunnisciute. Questu hè spaventosu, hà dettu u cunsigliere, mentre ellu si affundò in u mire è, in più, e lampade sò alluntanate. Pruvò di uttene un cunvucamentu per purtallu in casa soia, ma nimu ùn ci era micca. I casini eranu bassi è di paglia. Nisun ponte ora attraversava u fiume. A pupulazione hà cumpurtatu una stravaganza è era vestita stranu. Pensendu à ellu stessu malatu, intrì in un hanu. Alcuni studiosi poi l'impegnonu in cunversazione. Era maravigliatu è angosciatu da a so dimostrazione di l'ignuranza, è di tuttu ciò chì avia vistu. Chistu è u mumentu più infelice di a mo vita, hà dettu cum'è ellu cascò daretu à u tavulinu è pruvò di scappà per a porta, ma a sucietà l'hà tenutu per i so pedi. In i so lotti, i goloshes partianu, è si truvò in una strada familiale, è nantu à un veranda induve un guardianu dorme sunniatu. Ringraziendu a so scappata di l'epica di u rè Hans, u cunsiglieru hà pigliatu un taxi è hè statu rapidamente purtatu à a so casa.

Salutu, dissi u guardiallu à svegliu, ci hè un paru di colpi. Cumu si adattanu, dissi, mentre li hà sbulicatu. Dopu fighjò a finestra di u tenente chì campava sopra, è vide una luce è u reclusariu chì camminava da quì à pocu. Chì mondu caru hè, dissi u guardianu. Ci hè u tenente chì camminava da a so stanza à questa ora, quand'ellu puderia falla dorme in u so lettu caldu. Ùn hà nè moglia, nè figlioli, è pò surtite è piacè ogni sera. O chì felice! Mi vulia chì eru ellu.

U sorvegliatore fù subitu trasportatu in u corpu è pensatu à u tenente è si trovava appoggiatu à a finestra è fighjendu tristemente un pezzu di carta rosa nantu à u quale avia scrittu un puema. Era innamuratu, ma era poviru è ùn vidia cumu si puderà vince quellu nantu à quale avia impostu i so affetti. Appoggiò a so testa senza speranza à u quadru di a finestra è suspirò. A luna brillava nantu à u corpu di u vigilante quì sottu. Ah, disse, chì l'omu hè più felice di mè. Ùn sà ciò chì hè di vogliu, cum'è vogliu. Hà una casa è una moglia è i zitelli per amassi, è aghju nimu. Pò aghju ma u so assai, è passà per a vita cù desideri umili è sperazioni umili, aghju da esse più felice chè mi sò. Vulariu chì eru u fuciliere.

Torna in u so corpu hè andatu in u guardianu. Oh, quellu sognu bruttu chì era, disse, è di pensà chì eru u tenente è ùn hà micca a mo moglia è i zitelli è a mo casa. Eiu cuntentu chì sò un vigilante. Ma avia sempre nantu à i goloshes. Sguardò u celu è vide una stella cascata. Dopu girava u so sguardu meravigliosu nantu à a luna.

Chì locu stranu deve esse a luna, hà pensatu. Mi vogliu chì puderia vede tutti i lochi strani è e cose chì anu da esse.

Un mumentu era traspurtatu, ma si sentia assai fora di u locu. E cose ùn eranu micca quant'ellu sò in terra, è l'omi ùn eranu micca familiarizati, cumu era tuttu, è era malatu in facilità. Era nantu à a luna, ma u so corpu era nantu à u veranda induve l'avia lasciatu.

À chì ora hè, vigilante? dumandò un passante. Ma a pipa era cascata da a manu di u vigilante, è ùn hà fattu nunda di risposta. A ghjente si ritrovava intornu, ma ùn a pudianu svegliallu; dunque l'anu purtatu in l'uspidale, è i medichi l'anu pensatu mortu. A preparallu per sepultura, a prima cosa hè stata fatta hè di caccià i so colpi, è subitu u guardianu si svegliava. Chì notte significativa hè stata, hà dettu. Mi vogliu mai sperimentà un altru. E se s'hè cessatu di vulè, forse ùn a farà mai.

U vigilante si n'andò, ma lasciava i goloshes daretu. Avà hè accadutu chì un certu guardianu vuluntariu avia u so sguardu in l'uspidale quella notte, è, ancu s'ellu chiuviava, vulia surtite per un pezzu. Ùn avia vulsutu di lascià u portiere à a porta di a so partenza, cusì pensò ch'ellu si stendeva da a balla di ferru. Puse i goloshes è pruvò à passà per i rails. A so testa era troppu grande. Cumu disgraziatu, hà dettu. Vulariu chì u mo capu pò passà per a balla. È cusì hà fattu, ma dopu u so corpu era daretu. Quì stava, pè pruvà cumu vulia, ùn pudia chjappà u so corpu da l'altra parte è nè a so testa à traversu a balla. Ùn sapia micca chì i goloshes chì avia messu eranu i Goloshes di a Fortuna. Era in un sbagliu miserabile, perchè chiuviava più duru chè mai, è pensava ch'ellu avissi da aspettà impastatu in a balla è attaccatu da i zitelli di carità è da e persone chì ci avissinu da andà in a mattina. Dopu avè soffratu tali pinsamenti, è tutti i tentativi di liberazione di esse dimustrendu inutile, hè accadutu à desiderà u so capu di novu libera; è cusì hè statu. Dopu tanti altri desideri chì li causavanu assai inconveniente, u vuluntariu si ne era ridutu di i Goloshi di a Fortuna.

Questi goloshes sò stati purtati à a stazione di polizia, induve, sbagliandu per ellu stessu, l'imprese copiatore li hà pusatu è u trascinò. Dopu ad avè vulsutu un pueta è un largu, è hà sperimentatu i pinsamenti è i sentimenti di un pueta, è a sensazione di un largu in i campi è in cattività, hà finalmente vulsutu è si ritrova à a so mesa in casa soia.

Ma u megliu u Goloshes di a Fortuna purtatu à un ghjovanu studiente di teologia, chì tocca à a porta di l'ufficiale di copia in prima matina dopu à a so sperienza di pueta è d'alcuna.

Intra, disse u scrivania. Bonghjornu, hà dettu u studiente. Hè una matina gloriosa, è duverebbe và in u giardinu, ma l'arba hè umida. Pò avè l'usu di i vostri colpi? Certamente, hà dettu chì l'imprese copiatrice, è u studiente li hà messu.

In u so giardinu, a vista di u studiente era limitata da i mura stretti chì a circonda. Era una bella giornata di primavera è i so penseri anu vultatu à viaghjà in i paesi ch'era avutu aspessu di vede, è hà gridatu impulsivamente, Oh, vogliu chì viaghju per Svizzera, è l'Italia, è .... —— Ma ùn vulia più, perchè si ritrova subitu in un allenatore di scena cun altri viaghjatori, in a muntagna di Svizzera. Era attraversatu è malatu à pena è teme di a perdita di u passaportu, di i soldi è di altre pussessu, è era friddu. Questu hè assai discretu, disse. Vulariu chì eramu da l'altra parte di a muntagna, in Italia, induve hè calore. E, sicuru, sò stati.

I fiori, l’arburi, l’acelli, i laghi turchinu chì svincanu trà i campi, e muntagne s’eranu crescite da latu è ghjunghjenu à luntanu, è a luce sunera d’oru chì riposa cum'è una gloria sopra tuttu, facia una vista incantevule. Ma era in polviu, caldu è umdu. A mosche è e mosche anu piccinatu tutti i passageri è anu causatu grandi crescenu in u so visu; e so stomacu eranu viotu è i corpi stanchi. I miscerosi, deforme, misciati i seguìanu nantu à a so strada è i seguitonu finu à l'osteria povera è solitaria in cui si sò piantati. Hè cascatu à u liceu di u studiente per guardà u guardà mentre l’altri passageri dormevanu, altrimenti eranu stati arrubati di tuttu ciò ch'elli avianu. Malgradu l'insetti è l'odori chì l'anu fastidiatu, u studiente rumene. Viaghjà seria assai bè, disse, ùn era micca per u corpu. Induve vogliu o cose ch'e possu fà, ci hè sempre un desideriu in u mo core. Deve esse u corpu chì impedisce di truvà questa. Eranu u mo corpu in riposu è a mo mente libera, duverebbe senza scopu un scopu felice. A vogliu a fine più felice di tutti.

Dopu si truvò in casa. E cortini sò stati disegnati. In u centru di a so stanza stava un sarcòfanu. In ella stava durmendu u sonnu di a morte. U so corpu era in riposu è u so spiritu sparsi.

In a stanza eranu duie forme chì si muvianu tranquillamente. Eranu i Fairy Happiness chì anu purtatu i Goloshes di Fortune, è una altra fata chjamata Care.

Vede, chì felicità anu purtatu i tuoi colpi à l'omi? disse Care.

Eppuru anu uttene benefiziu quellu chì si trova quì, rispose a Fata di a felicità.

No, disse Care, si ne andò da ellu stessu. Ùn hè micca statu chjamatu. Li faraghju un favore.

Ella cacciatu i goloschi da i piedi è u studiente si sveglja è si alza. È a fata si svanì è pigliò i Goloshi di Fortuna.

Hè a furtuna chì a ghjente ùn hà micca i Goloshi di a Fortuna, altrimenti puderanu purtà più disgrazia di elli stessi da u so purtallu è avendu u so desideriu gratificatu più prestu chì a legge da a quale vivemu permette.

Quandu i zitelli, una grande parte di a nostra vita hè stata mandata à u desideriu. In a vita più tardi, quandu u giudiziu hè suppostu maturu noi, cum'è a vechja coppia è i portatori di i goloshes, passemu assai tempu à desiderà, in insatisfaczione è in disappunimentu, à e cose chì avemu ottenutu è per e quale vuliamu, è in rimpianti inutili. per ùn avè micca vulutu qualcosa.

A voglia hè generalmente ricanusciuta per esse indulgenza inutile, è parechji supponenu chì i desideri ùn sò micca seguiti da e cose chì vulete è avè pocu effettu nantu à a so vita. Ma questi sò cuncepzioni sbagliate. U desideriu influenza a nostra vita è hè impurtante chì sapemu cumu desiderà influenze è porta à certi effetti in a nostra vita. Certi pòpuli sò più influenzati da i so brami ch'è altri. A diffarenza di u risultatu di u desideriu di una persona da u desideriu di una altra dipende da l'impotenza o di a putenza suttile di u so pensamentu, da u voluminu è a qualità di a so vulintà, è nantu à u sfondate di i so mutivi passati è di i pinsamenti è l'atti componi a so storia.

U desideriu hè un ghjocu in u pensamentu trà a mente è u desideriu intornu à qualchì oggettu di desideriu. Un desideriu hè una vulintà di u core spressu. A Wishing hè diversu da sceglie è selezziunate. L'elcezzione è a selezzione di una cosa richiede un paragone in u pensamentu trà ella è qualcosa altru, è a scelta rende a cosa scelta in preferenza à altre cose cù chì hè stata paragunata. In u desideriu, u desideriu pronta u pensamentu versu un ughjettu chì vuleva, senza piantà di paragunà cù qualcosa d'altru. U desideriu spressu hè per quellu sughjettu chì hè desideratu da u desideriu. Un desideriu riceve a so forza da è nasce da u desideriu, ma u pensamentu li dà forma.

Quellu chì face u so pensamentu prima di parlà, è chì parla dopu solu pensà, ùn hè micca cusì propensu à desiderà cum'è quellu chì parla prima di pensà è chì u discorsu hè u ventu di i so impulsi. In fattu, quellu chì hà una sperienza in vechja è chì hà prufittu di e so sperienze face pocu pocu di desideriu. I principianti in a scola di a vita, trovanu assai piacè di desiderà. A vita di parechje sò processi di vulintà, è i punti di riferimentu in a so vita, cum'è a fortuna, a famiglia, l'amichi, u locu, a pusizione, e circustanze è e cundizioni, sò forme è avvenimenti in tappe successive cum'è u risultatu di u so desideriu.

U desideriu hè cuncernatu cù tutte e cose chì pareranu attrattive, cum'è a rimesse à un suppostu difettu, o l'acquistazione di un diluente, o esse u pruprietariu di vaste misure è ricchezza, o di ghjucà un pezzu evidente davanti l'ochju publicu, è tuttu questu senza avè un pianu d'azzione definitu. I desideri più cumuni sò quelli chì riguardanu u corpu propiu è i so appetiti, cum'è u desideriu di un certu articulu di cibo, o di ottene un pochinu, u desideriu di un anellu, una gioiella, un pezzu di fur, un vestitu, un mantellu, avè una gratificazione sensuale, avè una automobile, una barca, una casa; è ste vulintà si stendenu à l'altri, cum'è a voglia di esse amatu, esse invidiatu, esse rispettatu, esse famosu, è avè una superiorità mundiale nantu à l'altri. Ma quantu spessu si face una cosa per quellu chì vulia, trova chì sta cosa ùn li satisfà micca cumplettamente è ellu vole per qualcosa d'altru.

Quelli chì anu avutu qualchì sperienza cù i desideri mundani è corporei è li trovanu sempre evanescenti è inaffidabili, ancu quandu sò ottenuti, volenu esse temperati, ritenuti stessi, essere virtuosi è sàvuli. Quandu un desideriu si rivolge à questi sughjetti, cessa di desiderà è prova di acquistà questi facendu ciò chì pensa ellu svilupperà a virtù è purtà a saviezza.

Un altru tipu di desideriu hè quellu chì ùn hà micca preoccupazione cù a propria persunale ma hè ligatu à l'altri, cum'è desiderà chì un altru ripiglià a so salute, o a so furtuna, o riesce in alcuna impresa di cummerciale, o chì ellu acquistarà autocontrol è esse capace di disciplinari a so natura è sviluppà a so mente.

Tutti i generi di desideri anu u so effetti è influenze particulari, chì sò determinati da u voluminu è a qualità di u desideriu, per a qualità è a forza di a so mente, è a forza data à questi da i so pensamenti passati è l'azzioni chì riflettinu u so presente chì vuleva u futuru.

Ci hè una manera soda o zitellu di vuluntà, è un metudu chì hè più maturu è hè di volte chjamatu scientificu. A manera solta hè di unu di desideri per a cosa chì si deriva in a so mente è face a so fantasia, o quella chì hè suggerita à u so penseru da i so propri impulsi è desideri. Ellu voli per una vittura, un yacht, un millione di dollari, una grande casa di città, grandi casini in u paese, è cù a stessa facilità chì quandu vole per una scatula di sigari, è chì u so amicu Tom Jones li pagarà un visità quella sera. Ùn ci hè micca definizione annantu à a so manera sosta o chjesa di desideriu. Quellu chì si indulge hè prubabilmente vuluntà di qualcosa per qualsiasi altra cosa. Ella salta da unu à l'altru senza avè consecutivamente pensamentu o metudu in e so operazioni.

A volte, u sgiò largu s'ampara seriosamente in vacuità, è da quellu terrenu cumincianu à desiderà è fighjate l'edifiziu di u so castellu, è poi desideranu un tipu di vita sfarente cù a suttana cun chì una scimmia pende di a so cola, arruchjendu u so navigà è cercate sàviu, allora saltaranu à u prossimu ramu è cumincianu à parlà. Stu tipu di vuluntà si faci in un modu è mezzo cusciente.

Quellu chì prova di applicà metudu à u so desideriu, hè cunuscente è cuscente di ciò chì vole è di ciò chì vole Cum'è cù u sapientore solidu, u so desideriu pò inizià nantu à qualcosa chì ellu vole à vulerà. Ma cun ellu crescerà fora di a so imprecisione in una vuluntà definitiva. Allora hà da cumincià a so famia, è a so vulintà si stabilisce in un desideriu fermu è raprisentante è un stantu dumandu à u rializamentu di u so desideriu, secondu à ciò chì hè statu chjamatu di tardi da una certa scola di sapienti metodichi, "A lege di l'opulenza ". U savier cun un metudu proceda di solitu in u schema di novu penseru, vale à dì, di dichjarà u so desideriu è di dumandà è dumandà di a so lege di opulenza a so cumplimentu. U so piacè hè chì ci hè in l'universu abbundanza di tuttu per tutti, è chì hè u so dirittu à chjamà da l'abbundanza quella porzione chì ellu vole è à quale pretende ora.

Dopu avendu u so dirittu è dichjaratu prucede à a so vuluntà. Chistu la fa in un stancu affamatu è à voglia di a gratificazione di u so desideriu, è da un stintu chì tirava da u so desideriu è da pensà à u suministru universale di abbundanza assicuratu, finu à chì u vacu rapazzu in u so desideriu hè statu un pocu misu. Micca infine u sàviu, sicondu u novu metudu di penseru, ha benintestatu i so desideri, ancu s'ellu raramente riceve solu ciò chì vulia, è in a manera per u quale l'ellu u vulia. Infatti, u modu di ghjunghje spessu face assai dolore, è vole à ùn avè micca vulutu, piuttostu chè à soffre a calamità chì s'impatrunisce di l'uttene di sta voglia.

Un'illustrazione di l'insensatezza di u desideriu persistenti da quelli chì susteneranu di sapè ma chì ignuranu a lege, hè a seguente:

In una discussione nantu à a futilità di desideriu ignuratu è contru à quelli mètudi di esigene è di desiderà chì sò sfugliati da parechji di i novi culti, unu chì avianu ascoltatu cù l'interessu hà dettu: "Ùn sò micca d'accordu cù u parlante. Credu chì aghju u dirittu di voglia di ciò chì vogliu. Vogliu appena duie mille dolari, è credu chì se continuu à vogliu avarà da ottene. "" Madama ", rispose a prima," nimu ùn pò impedisce micca di voglia, ma ùn sia micca troppu affissatu. Parechji avianu a ragiò di lamentà a so vulintà à causa di i mezi per quale quellu per quellu chì vulianu hè stata ricevuta. "" Ùn sò micca di a vostra opinione ", hà prutestatu. "Credu in a lege di l'opulenza. Sò cunnisciutu di l'altri chì anu dumandatu sta liggi, è di l'abbundanza di l'universu chì i so desideri eranu cumpiiti. Ùn mi importa micca cume vene, ma vogliu dui mila dolari. À vularèla è a richiede di a so spetta, sò sicura chì l'abbandunerai. "Qualchi mesi dopu hè tornata, è, videndu a so faccia di cura, quella à a quale avia parlatu hà dumandatu:" Signora, avete ricevutu u vostru desideriu? "" Aghju, "ella disse. "È site di piacè di avè volutu?" "No", ella rispose. "Ma avà sò consapevule chì a mo voglia era sbagliata." "Cumu cusì?", S'interrogò. "Ben", hà spiegatu. "U mo maritu hà avutu una assicurazione in a so vita per duie millaie di dollari. Hè a so assicurazione chì aghju uttene. "

(A esse cunclusa à l'edizione di ghjennaghju di a Parola.)