The Word Foundation

THE

PARMA

Vol. 12 DECEMBRE, 1910. N ° 3

Copyright, 1910, da HW PERCIVAL.

TENU.

Dentru a mente umana ci surgenu naturale è senza sforzu u pensamentu di un futuru locu o un statu di felicità. U pensamentu hè statu spesu diverse. In Inglese hè resu in a forma di a parolla zeru.

I monasteri truvati in muntagni è posti di sepultura di abitanti preistorichi di l'America testimonianu u so pensamentu di u celu. I monumenti, templi è iscrizioni in metallo è in petra in rovine di civiltà antiche in l'America attestanu a credenza in u celu, da i costruttori di queste civiltà. U maestru di a terra di u Nilu hà allevatu obelischi, piramidi è tombe, è u lasciavanu cum'è testimoni silenziosi, gravani chì proclamanu un futuru statu di felicità per l'omu. E razzi di l'Asia offrenu una ricchezza di testimonianze in grotte è santuarii, è una literatura chì abunda di e descrizioni di un futuru statu di l'omu felice cum'è u risultatu di i so boni fatti nantu à a terra. Prima chì i picculi puntelli di a fede cristiana fussinu elevati nantu à u terrenu di l'Europa, i chjerculi di petra è i pilastri è e cripthe eranu aduprate da l'omu per induce e benedizioni di u celu nantu à ellu mentre era in terra, è per adattallu per entra in a sfera felice di u celu dopu morte. In modu primitivu o limitatu, o cù a facilità o u stravaganza di a cultura, ogni razza hà spressu a so cridenza in un futuru statu di u celu.

Ogni razza hà i so miti è leggene chì dicenu in u so modu un locu o statu d'innocenza, in e quali a razza hà campatu felice. In stu statu originale avianu datu l'esistenza da un essere superiore nantu à quale si vedianu cun timore o timore o riverenza è chì li cunsiderevanu cum'è u so maestru, ghjudice o cum'è un babbu, cù a fiducia di i zitelli. Sti cunti dicenu chì e regule eranu furnite da u creatore o da esse superiore, per chì a vita sicondu queste, a razza duverebbe cuntinuà à vive in u so statu di felicità simplice, ma chì risultati crudeli avissiru assiste à ogni alluntanamentu da a vita ordinata. Ogni storia conta a so manera di a disubbidienza di a razza o di l'umanità, è dopu di i prublemi, i disgrazii, i disastri, cù u so dulore è u dulore risultatu da l'ignuranza è a disubbidienza di l'ancestri.

Mitu è ​​legenda è Scrittura stanu chì e razze umane anu da vive in u peccatu è u dulore, colpiti da a malatia è afflitti cù a vechja età chì finiscinu in a morte, à causa di quellu peccatu anticu di i antenati. Ma ogni record in u so modu, è tipicamenti di e persone da quale era statu fattu, vedendu di un tempu quandu per u favore di u creatore o per l'expiazione di i sbaglii fattu, l'omi scappanu di u sognu realistu di a vita di a terra è entra in un locu duve u dolore è a soffrenza è a malatia è a morte sò assenti, è induve tutti quelli chì entranu viviranu in una felicità ininterrotta è senza allegria. Questa hè a prumessa di u celu.

U mitu è ​​a legenda dicenu è a Scrittura ordina cumu l'omu deve campà è ciò chì deve fà prima ch'ella sia capace di uttene o di averne conferitu a fecilità di u celu. Adattu à a vita è à u caratteru di a so razza, l'omu si dice ch'ella guadagnarà u celu per favore di divinu o guadagnà per fatti di valore in battaglia, superendu u nemicu, suttendu l'impiu, da una vita di digiunu, solitudine, fede a preghiera o a penitenza, per atti di carità, affinchendu i patimenti di l'altri, per abnegazione propria è una vita di serviziu, da una capiscitura è da superare è cuntrullà i so appetiti, tendenzi è inclinazioni improprie, per pensamentu ghjustu, per azione ghjusta è per a cunniscenza, è chì u celu hè o fora di u pianu o hè sopra a terra o hè da esse nantu à a terra in qualchì statu futuru.

I credenze cristiane riguardanti l'istatu iniziale è futuru di l'omu difenu pocu di quelli di e altre fede più antichi. Sicondu l'insignamentu cristianu l'omu hè natu è viva in u peccatu, è si dici chì a pena di u peccatu hè a morte, ma pò scappà a morte è altre pene di u peccatu per crede in u Figliolu di Diu cum'è u so Salvadore.

E dichjarazioni in u Novu Testamentu nantu à u celu sò veri è belli. L'affirmazioni teologiche riguardanti u celu teologicu sò una massa di irrazionalità, di cuntradizioni è di assurdu di vista breve. Repelenu a mente è inervanu i sensi. U celu teologicu hè un locu illuminatu cù luci brillanti, arredatu è stravaganti decorati cù cose terribili assai costose; un locu induve canzone d'elogie sò cantate perpetuamente à e straccine di musica; induve e strade scorri cun latte è meli è induve abbundante cibo ambrosiale; induve l'aria hè caricata da a fragranza di i profumi dolci è di l'incensu balsamicu; induve a felicità è u piacè rispondenu à ogni toccu è induve i prighjuneri o u menti di l'omi cantanu è ballanu è trasgressinu è sfondanu à hosannas di preghiera è di elogie, in eternità infinita.

Quale hè chì un celu cusì? Chì l'omu chì pensa puderia accettà un zeru cusì bassu, sensu, si fussi impacciatu da ellu? L'anima di l'omu deve esse cume un stupidu, una gelatina o una mummia, per posà ogni tale stupore. Nuddu vole avà u celu teologicu è mai menu di u teologianu, chì u predica. Vole stà quì nantu à sta terra curretta piuttostu chè andà in quellu celu gloriosu chì hà pianificatu è custruitu è ​​furnitu in u celu luntanu.

Chì ghjè u celu? Ùn esiste o esiste? Sinò, allora perchè pèrdite u tempu per deludisce sè stessu cun tali fantasia inutile? S'ellu esiste è vale a pena mentre, hè megliu chì unu deve capisce è travaglià per questu.

A mente aspetta felicità è aspetta un locu o un statu induve a felicità serà realizata. Stu locu o statu hè spressu in u terminu celu. U fattu chì tutte e razze di l'umanità anu in tuttu u tempu pensate è credi in qualchì tipu di celu, u fattu chì tutti continuanu à pensà è aspetta versu u celu, hè una evidenza chì ci hè qualcosa in a mente chì compile u pensamentu, è chì questa cosa deve esse simile in natura à quella à l'impulsa, è chì continuerà à impelà è guidà u pensamentu versu u so ideale finu à chì l'obiettivu ideale sia ghjuntu è realizatu.

Ci hè una grande energia in u pensamentu. Pensendu è aspittendu un celu dopu à a morte, unu salva una forza è custruisce secondu un ideale. Sta forza deve avè a so espressione. A vita in terra ordinaria ùn dà opportunità per una espressione tale. Tali ideali è aspirazioni trovanu a so espressione dopu a morte in u mondu celu.

A mente hè straniera da un regnu felice, u mondu mentale, induve u dulore, a lotta è a malatia sò scunnisciuti. Ghjuntu nantu à a riva di u mondu sensu sensu fisicu, u visitore hè attaccatu, ghjuvatu, scunfinitu da l'allurazioni, l'illusioni è l'ingannusi di e forme è di culori è di sensazioni. Dimenticà u so propiu statu felice è circhendu a felicità attraversu i sensi in l'ughjetti di sensazione, strive è pele è poi tristezza per truvà à avvicinà l'uggetti, chì a felicità ùn ci hè. Dopu un sorella di barter è bargain, di cunflitti, di successi è di delusioni, dopu avè intelligenti da u dulore è sollievu da gioia superficiale, u visitore parte da u mondu fisicu è torna in u so statu nativo felice, purtendu cun ellu l'esperienza.

A mente torna è viva è passa in u mondu fisicu à u so, u mondu mentale. A mente diventa un viaghjadore di u tempu chì hà spessu visitatu, ma ùn hà mai sunnutu i profondi nè risolvutu i prublemi di a vita mundana. L'omu hà avutu assai sperienza cù pocu profittu. Veni da a so casa eterna per passà un ghjornu in u mondu, dopu passa di novu à riposu, solu per vultà. Continua finu à chì scoprerà in ellu stessu, u so liberatore, chì domarà e bestie salvatiche chì l'hancianu, chì dissiperà l'illusioni chì li distrugeranu, chì li guidarà à traversu delizie sensuali attraversu l'aspetta natura di u mondu è in regnu. induve ellu hè cunuscente di sè stessu, micca attraversatu da i sensi è micca affettatu da l'ambizioni o tentazioni è attaccati à i risultati di l'azzioni. Finu à ritruvà u so trasmettitore è cunnosce u so regnu di l'omu sicurità pò aspetta versu u celu, ma ùn a saparà nè entre in u celu mentre ellu deve vince senza sapè à u mondu fisicu.

A mente ùn trova l'essenziali di u celu nantu à a terra, è ùn hè mai statu per un pocu tempu in accordu perfettu cù u circondu è cù e so emozioni è i sensi è sensazioni assistenti. Finu à chì a mente diventerà u cunnuscente è u maestru di tutti questi, ùn pò micca cunnosce u celu nantu à a terra. Dunque a mente deve esse liberata da a morte da u mondu fisicu, per entra in un statu di felicità cum'è a so ricumpenza, per vive à l'ideali di u quale avia aspettatu, è esse libera da u soffrenu chì hà suppurtatu è fughje. e tentazioni cun quale s'hè affrontatu, è di gode di i boni fatti è ha fattu è di l'unione ideale à a quale hà aspiratu.

Dopu a morte ùn tutti l'omi entranu in celu. Quelli omi chì u pensamentu è u travagliu si passanu à e cose di a vita fisica, chì ùn ne pensanu mai o si preoccupanu di un futuru statu dopu a morte, chì ùn anu micca ideali oltri à u piacè fisicu o à u travagliu, chì ùn anu micca penseru o aspirazione à una divinità oltri o dentru di elli, quelli omi ùn anu micca celu dopu a morte. Alcune di e menti chì appartene à sta classe, ma chì ùn sò micca nimici di l'umanità, restanu in un state intermediu cum'è in un sonnu profundo, finu à chì i corpi fisici sò di novu disposti è pronti per elli; poi entra in nascita in queste è più tardi continuanu a vita è u travagliu cume dumandatu da a so vita precedente.

Per entra in u celu, unu deve pensà è fà ciò chì face u celu. U celu ùn hè micca fattu dopu a morte. U celu ùn hè micca fattu da pazzia mentale, ùn fà nunda, languidendu, inghjulendu u tempu o sunniendu pigramente mentre svegliatu, è senza scopu. U celu hè fattu pensendu à u benessimu spirituale è morale di sè stessu è di l'altri è hè guadagnatu da un travagliu seriosu finu à questu scopu. Un 'si pò gode di u celu solu chì ellu stessu hà custruitu; u celu di l'altru ùn hè micca u so celu.

Dopu a morte di u so corpu fìsicu, a mente inizia un prucessu di eliminazione per quale i desideri grossi è sensuale, vici, passioni, è l'appetiti sò brusgiate o sgrossate. Eccu e cose chì anu assuciatu è disgraziatu, ingannatu è ingannatu è cunfunditu è ​​causatu dolore è soffrenu mentre era in a vita fisica è chì l'anu impeditu di cunnosce a vera felicità. Queste cose devenu esse lasciate da una parte è da una parte per chì a mente possa tene riposu è felicità, è pò vive fora di l'ideale ch'ella hà ricunnisciutu, ma hè incapace di rializà in a vita fisica.

U celu hè necessariu per a maiò parte di e menti cum'è u sonnu è u riposu hè per u corpu. Quandu tutti i desideri è i penseri sensuale sò stati abbandunati è sguassati da a mente, allora entra in u celu chì avia già preparatu per sè stessu.

Stu celu dopu à a morte ùn si pò micca dettu esse in un locu o località particulare nant'à a terra. A terra cunnisciuta per i mortali in a vita fisica ùn pò esse vistu nè sentuta in u celu. U celu ùn hè micca limitatu à e dimensioni cù quale a terra hè misurata.

Quellu chì entra in u celu ùn hè micca guvernatu da e lege chì regulanu i muvimenti è l'azzioni di i corpi fisichi in a terra. Quellu chì hè in u celu ùn cammina, nè si ne vola, nè si move da u sforzu musculare. Ùn manghjà manghjà diliziosi, nè beie pocce dolci. Ùn sente o pruduce musica o sonore nantu à strumenti di corda, in legno o in metallu. Ùn vede i rocci, l'arburi, l'acqua, case, costumi, quant'elli esistenu nantu à a terra, nè vede e forme fisiche è e caratteristiche di qualsiasi essere in a terra. Porti perlosi, strade di jaspe, cibi dolci, bevande, nuvole, troni bianchi, arpe è cherubi ponu esse situati in a terra, ùn si trovanu in celu. Dopu a morti ognunu custruisce u so celu è agisce cum'è u so propiu agentu. Ùn ci hè micca una compra è vendita di merchenzie o qualsiasi di i prudutti di a terra, cum'è questi ùn sò micca bisognu. E transazzioni cummirciali ùn sò micca realizati in celu. Tutti l'affari sò duverà esse attenti à a terra. Fate acrobatiche è spettaculi spettaculari, si sò testimoni, anu da esse veduti annantu à a terra. Nisunu tali performanti sò stati disposti per a gestione di u celu, è nimu ùn sia interessatu in queste spetacioni. Ùn ci hè nulla di u travagliu puliticu in celu, postu chì ùn ci sò pusizioni per cumpiendu. Ùn ci hè micca sette nè religioni in u celu, postu chì ognuna hà lasciatu a so chjesa nantu à a terra. Tandu ùn ci saranu manchi di moda è una elite di a società esclusiva, perchè a tela larga, sedie è lacci in a quale a società hè vistuta ùn sò micca permessi in u celu è l'arburi familiari ùn ponu micca esse trasplantati. L'accuratura è i rivestimenti è i fasgioli è tutti questi adornamenti sò deve esse cacciati prima di entre un celu, perchè tutti in celu sò cume è ponu esse cunnisciuti cume, senza ingannà è travestimentu di falsità.

Dopu chì u corpu fisicu hè statu messu da cantu, a mente incarnata cumencia à scaccià si è liberata da a bobina di i so desideri carnali. Cumu si scorda è diventa micca consapevule di elle, a mente si sveglia gradualmente à è entra in u so mondu celeste. L'essenziali per u celu sò felicità è pensamentu. Nunda hè ammessa chì impedisce o interferisce cù a felicità. Nisun cunflittu o fastidiu di qualunque tipu pò entra in u celu. A sfera di felicità, u mondu di u celu, ùn hè micca cusì grandissima, stramma di inspirazione o di sublime chì facenu chì a mente si senti insignificante o fora di locu. Né u celu ùn hè tantu indifferenti, ordinariu, ininteressante o monotunariu chì permette à a mente di cunsidereghja esse superiore è non adattata à u statu. U celu hè à a mente chì entra, tuttu ciò chì permetterà quella mente (micca i sensi) a so felicità più grande è cumprenda.

A felicità di u celu hè attraversu u pensamentu. U pensamentu hè u creatore è creatore è costruttore di u celu. U pensamentu furnisce è urganizeghja tutte e appuntamenti di u celu. U Pensamentu ammetta à tutti l'altri chì participanu à u celu di unu. U pensamentu determina ciò chì hè fattu, è u modu in quale hè fattu. Ma solu i pinsamenti chì sò di felicità pò esse aduprati in a custruzione di u celu. I sensi puderanu entre in u celu di una mente solu à u gradu chì sò fatte necessarii da a felicità da u pensamentu. Ma i sensi cusì aduprati sò di una natura più raffinata chè i sensi di a vita terrestra è ponu esse aduprati solu quandu ùn anu micca cunflittu in nunda cù u pensamentu di u celu. U sensu o sensu chì si tratta di a carne ùn anu una parte o locu in u celu. Allora chì tipu di sensu sò sti sensi celesti? Sò sensi fatti da a mente per tempu è per l'occasione, è ùn dura micca.

Eppuru chì a terra ùn hè micca vista o sentuta cumu nantu à a terra, eppuru a terra pò esse è hè percepita da a mente quandu i pinsamenti di quella mente anu, in prutezione di un ideale, preoccupatu di a terra. Ma a terra in u celu hè tandu una terra ideale è ùn hè perciuta da a mente in a so cundizione fisica reale cù e difficoltà chì impone à i corpi fisichi. Se u pensamentu di l'omu era stata cuncernata per rende abitabile è abbellimentu di certe località di a terra, cun u migliurà di e cundizioni naturali di a terra è cunvertendu per u benefiziu per u bonu cumunu di ellu stessu è di l'altri, o cù a migliurà fisica, e cundizioni murale è mentali in ogni modu, allora a terra o e località di a terra cun quell’ellu avia cuncernatu, sarebbe realizatu, in u so celu, in a più perfetta perfezione, da u so pensamentu, è senza l’ostaculi è i ostacoli cun i quali avia cuntatu in a vita fisica. U pensamentu piglia u locu di a so misura di misura è a distanza sparisce in u pensamentu. Sicondu u so pensamentu ideale annantu è di a terra, sarà cusì a so realizazione di questu in celu; ma senza u travagliu di u travagliu è senza u sforzu di pensà, perchè u pensamentu chì porta a realizazione hè furmatu nantu à a terra è solu vive in sè in u celu. U pensamentu in celu hè u piacè è u risultatu di u pensamentu chì hè statu fattu in terra.

A mente ùn hè micca cuncernata da u sughjettu di a locomotion a menu chì u sughjettu era in relazione cù u so ideale mentre era in terra è era cunsideratu senza troppu interessu stessu. Un inventatore chì u pensamentu di a terra era cuncernatu cun qualchì veiculu o strumentu di locomotione in scopu di guadagnà soldi da a so invenzione, se si entrava in celu, si ne smentirebbe è forse tutt'incunnoscimentu di u so travagliu in terra. In u casu di un inventore chì l'ideale era di perfezzionà un tali veiculu o strumentu per u scopu di migliurà e cundizioni di u publicu o per allevà individui di difficoltà, cun un motivu umanitariu, è ancu in u casu di ellu chì u pensamentu era di fà. è perfezziunà un inventu cù u scopu di dimustrà alcuna proposizione astratta - sempre chì u so pensamentu era senza u pensamentu generale o dirigente di fà soldi - u pensamentu di u travagliu averia da parte in u celu di l'inventore è averia rializatu in a misura cumpleta di ciò ch'ellu ùn era pussutu rializà in terra.

I muvimenti o viaghji di a mente in u so mondu celu ùn sò micca realizati da caminu laboriosu o da natari o volanti, ma da pensamentu. U pensamentu hè u mezzu per quale a mente passa da una località à l’altra. U pensamentu chì pò fà questu hè sperimentatu in a vita fisica. Un omu pò esse trasportatu in u pensamentu à e parti più luntane di a terra. U so corpu fìsicu ferma induv’ellu hè, ma u so pensamentu viaghja duv’ellu vole è cù a rapidità di u pensamentu. Hè faciule per ellu di trasportà in penseru da New York à Hong Kong, cum'ellu hè di New York à Albany, è ùn hè micca più tempu. Un omu chì hè assittatu in a so catedra pò assente à u pensamentu è riviseghja i lochi luntani induve hè statu è pò viva à novu eventi impurtanti di u passatu. Sweat si pò stà in grani per a so testa mentre eseguisce un grande travagliu musculare. U so visu pò esse suffuntu di culore quandu, tornatu in u passatu, resente qualchì affrontu persunale, o pò turnà à una pallida di cendri mentre passa per qualchì grande periculu, è tuttu u tempu chì ùn sia micca cunuscenza di u so corpu fisicu. è u circondu di u so contu s'ellu ùn hè interrottu è ricurdatu, o finu à chì hà vultatu in pensamentu di u so corpu fisicu in a sedia.

Cum'è un omu pò agisce è ritruvà in u pensamentu e cose chì hà attraversu per mezu di u corpu fisicu senza avè statu cuscente di u so corpu fisicu, a mente, ancu, pò agisce è riesce in modu ideale in u celu secondu e so migliori azioni è pensamenti. mentre a terra. Ma i pinsamenti seranu allora disassociati da tuttu ciò chì impedisce chì a mente sia ideale felice. U corpu adupratu da a mente per sperimentà a vita di a terra hè u corpu fisicu; u corpu adupratu da a mente per sperimentà a so felicità in celu hè u so corpu di u pensamentu. U corpu fisicu hè adattatu per a vita è azzione in u mondu fisicu. Stu corpu penseru hè creatu da a mente durante a vita è piglia forma dopu à a morte è ùn dura micca più cà u periodu di u celu. In questu corpu pensatu a mente vive mentre hè in u celu. U corpu di u pensamentu hè adupratu da a mente per vive in u so mondu celeste perchè u mondu di u celu hè di a natura di u pensamentu, è hè fattu di u pensamentu, è u corpu di u pensamentu agisce naturalmente in u so mondu celu cum'è u corpu fisicu in u fisicu. mondu. U corpu fisicu hà bisognu à l'alimentariu, per esse mantinutu in u mondu fisicu. A mente hà ancu bisognu à l'alimentariu per mantene u so corpu penseru in u mondu di u celu, ma l'alimentu ùn pò micca esse fisicu. L'alimentu induve adupratu hè di pensamentu è hè di i pensamenti chì eranu entretenuti mentre a mente era in un corpu mentre era in terra. Mentre l'omu avia lettu è pensà è idealizà u so travagliu quandu era in terra, era cusì fattu, preparava u so cantu celeste. U travagliu è u pensamentu celesticu hè u solu tipu di alimentariu chì a mente in u so mondu celu pò aduprà.

A mente pò rializà u discursu è a musica in u celu, ma solu per u pensamentu. U cantu di a vita serà accumpagnatu da a musica di e sfere. Ma a canzone serà stata cumposta da u so propiu pensamentu è secondu u so ideale propiu mentre era in terra. A musica sarà da a sfera di u mondu celu di altre menti, cum'è sò in armunia.

A mente ùn tocca altre menti o oggetti in u celu, postu chì e cose fisiche cuntattanu altre corpi fisichi in a terra. In u celu u corpu di a mente, chì hè un corpu di pensamentu, tocca à altri corpi da u pensamentu. Quellu chì sapi u toccu da solu u cuntattu di carne cù altre materiali o da u toccu di carne cù carne, ùn apprezzà micca a gioia chì si pò purtà à a mente da u toccu di u pensamentu. A felicità hè realizata, guasgi, à toccu di pensamentu cù u pensamentu. A felicità ùn pò mai esse rializzata da u cuntattu di carne cù carne. U celu ùn hè micca un locu solitariu nè un statu induve ogni mente hè cunfinata in a solità di un celu senza essere. Ermiti, reclusi solitari è metafisichi i quali i pinsamenti sò stati cuncernati quasi solu in cuntemplazione di sè stessi individualmente o cù prublemi astratti, puderanu gode u so celu rispettivu, ma hè raru chì una mente pò o esclude tutti l'esseri o altre menti da u so mondu celu.

U celu chì l'omu abite dopu à a morte hè in l'atmosfera mentale propiu di l'omu. À questu era circundatu è in ellu hà campatu durante a so vita fisica. L'omu ùn hè micca cuscente di u so atmosfera mentale, ma diventa cuscente dopu a morte, è dunque micca cum'è di un'atmosfera, ma di u celu. Iddu deve prima passà, cresce fora, a so atmosfera psichica, vale à dì attraversà l'infernu, prima ch'ellu possa entre in u so celu. Durante a vita fisica, i pinsamenti chì custruiscenu u so celu dopu a morte si trovanu in a so atmosfera mentale. Sò, per suprattuttu, micca vissuti. U so celu cunsiste in u sviluppu, a vita è a realizazione di sti pinsamenti ideali; ma tuttu u tempu, sia ricordatu, hè in a so atmosfera. Fora di sta atmosfera hè furnitu u germenu da u quale u so prossimu corpu fisicu hè custruitu.

Ogni mente hà è vive in u so propiu celu individuu, cume ogni mente vive in u so corpu fisicu è in a so propria atmosfera in u mondu fisicu. Tutte e menti in u so celu rispettivu sò cuntenute in u mondu celu grande, à u listessu modu cum'è l'omi sò cuntinuti in u mondu fisicu. A mente ùn hè micca situata in celu cum'è l'omi sò per pusizione è località nantu à a terra, ma a mente hè in quellu statu per i so ideali è a qualità di i so pinsamenti. A mente si pò chjude in u so propiu celu in u grande mondu di u celu è pò esse fora di u cuntattu cù altre menti di qualità o di u putere, simule cum'è un omu si chjude di u mondu quandu ellu assente di tutta a sucità umana. Ogni mente pò participà à u celu di un'altra mente o cù tutte l'altre menti à u puntu chì i so ideali sò uguali è à u puntu chì i so pinsamenti sò in sintonia, simile cumu l'omi in terra di ideali amichi sò disegnati inseme è gode di l'associazione mentale. attraversu u pensamentu.

U mondu di u celu hè custruitu è ​​cumpostu di pensamentu, ma di tali penseri solu chì cuntribuisceranu à a felicità. Pensi simili cum'è: m'hà robatu, mi avissi uccasione, mi caluriaria, m'hà mentidutu, o, sò geloso di ellu, l'aghju invidiu, l'odiu, ùn pò ghjucà nulla in u celu. Ùn deve esse micca duverebbe chì u celu hè un locu mutuu o un statu perchè hè cumpostu da cose cusì incerte è insostanziali cum'è u pensamentu di unu. A felicità principale di l'omu in terra, pocu ch'ella sia, vene per u so pensamentu. I rè di i soldi di a terra ùn trovanu a felicità per i so semplici imbulighjassi d'oru, ma in u pensamentu di u so pussessu di ellu, è di u so putere di u cunsiguente. Una donna ùn vene micca a so scarsa misura di felicità da e molte pezze aduprate in u maquillu d'un vestitu è ​​da u vestitu di quella toga, ma a so felicità vene da u pensamentu chì l'abbellisce è u pensamentu chì cumandarà l'admirazione da l'altri. U piacè di un artistu ùn hè micca in u pruduttu di u so travagliu. Sò u pensamentu chì ferma daretu à chì ellu piace. Un maestru ùn hè micca piacè solu per u fattu chì i studienti sò capaci di memorizà e formule difficili. A so satisfaczione si trova in u pensamentu chì capiscenu è appiecà ciò chì anu memorizatu. U picculu felicità chì l'omu face nantu à a terra, ellu vene solu u so pensamentu, è micca di qualsiasi pussessu fisicu o successu. I penseri di a terra pareranu intangibile è irreal, è e pussibuli sembranu assai reali. In u celu, l'ogetti di u sensu sò spariti, ma i pinsamenti sò veri. In l'absenza di forme sensate grossi è in a presenza è a realtà di i sughjetti di u pensamentu, a mente hè inespressibbilmente più felice chè quellu chì a mente di l'omu ordinariu attraversu i so sensi mentre a terra.

Tutti quelli chì entravanu in u nostru pensamentu mentre eranu in terra, o quelli cù quale u nostru pensamentu era direttu à l'attenzione di qualchì ideale, seranu in pensamentu presente è aiutanu à fà u nostru celu. Cusì i tuoi amici ùn ponu esse chjude da u so celu. E relazioni ponu esse cuntinuati da a mente in u so mondu celu, ma solu s'ellu a relazione hè di una natura ideale è micca in quantu hè fisicu è carnale. A fisicità ùn hà micca parte in u celu. Ùn ci hè pensatu di u sessu o di l'azzione di u sessu in celu. Certi menti mentre incarnate in corpi fisichi, associanu invariabilmente u pensamentu di "maritu" o "mòglia" cù atti sensuale, è pò esse difficile per tali pensà à u maritu è ​​a moglia senza u pensamentu di a so relazione fisica. Ùn hè micca difficiule per l'altri di pensà à u maritu o à a moglia, cum'è cumpagnu impegnati in u travagliu versu un ideale cumunu o cum'è un sughjettu di un amore disinteressu è micca sensuale. Quandu a mente sensibilmente inclinata s'hè divisa da u so corpu fisicu è entre in u so mondu celeste, ancu ella ùn averà micca pensatu di u sessu perchè averà spartutu da u so corpu carnale è di i so appetiti sensuale è serà purificata da u so grossu. desideri

A mamma chì pare esse sparta da a morte da u figliolu pò ritruvà à novu in celu, ma cum'è u celu hè diversu da a terra, cusì a mamma è u zitellu seranu differenti in celu da ciò chì eranu in terra. A mamma chì hà cunsideratu u so zitellu cù un interessu egoistu solu, è hà cunsideratu chì u zitellu cum'è a so propria prupietà persunale, ùn vole micca un tale zitellu nè u pò avè cun ella in celu, perchè un penseru egoista di pussessu fisicu hè straneru è hè. esclusu da u celu. A mamma chì incontra u so zitellu in u celu porta una attitudine mentale diversa à l'esse versu quale hè pensatu u so pensamentu, chì a mamma egoista porta à u so zitellu fisicu, mentre ella hè in u mondu fisicu. I pinsamenti dominanti di a mamma uninteressa sò d'amore, aiutu è prutezzione. Tali penseri ùn sò micca distrutti nè ostaculati da a morte, è a mamma chì avia tali penseri per u so zitellu mentre era in terra continuerà à avè in u celu.

Nisuna mente umana ùn hè limitata nè incarnata in u so corpu fìsicu è ogni mente umana incarnata hà u so babbu in celu. Quella mente chì hà lasciatu a vita di a terra è intrì in u so celu, è chì i so migliori pensieri eranu diretti o cuncernati da quelli chì cunnosce nantu à a terra, pò influenzà e menti di quelli nantu à a terra, se e menti in a terra arrivanu abbastanza altu in u pensamentu.

U pensamentu di u zitellu chì a mamma porta cun ella in celu ùn hè micca di a so forma è di a so grandezza. In a vita fisica hà cunnisciutu u so zitellu cum'è un ziteddu, cume zitellu à a scola, è più tardi forsi cum'è babbu o mamma. In tutta a carriera di u so corpu fisicu u pensamentu ideale di u so zitellu ùn hà micca cambiatu. In u celu, u pensamentu di a mamma di u so zitellu ùn includenu micca u so corpu fisicu. U so pensamentu hè di l'ideale solu.

Ognunu hà da scuntrà i so amichi in celu à u gradu di cunnosce quelli amichi in terra. A terra, u so amicu pò avè una agulla o un ochju di luna, un buttone o un nasu di buttiglia, una bocca cum'è una ciliegia o una salata, un chin di platu o scatula, un capu in forma di pera o un capu cum'è una pallottula, una faccia cum'è un fucile o una squash. A so forma pò esse altri à quella cum'è un Apollo o un satira. Quessi sò spessu disfressati è a maschera chì i so amichi porta nantu à a terra. Ma sti disfatti seranu perforati se ellu cunnosci u so amicu. Si hà vistu u so amicu attraversu i travestimenti in terra, u cunnisciarà in u mondu di u celu senza questi disfatti.

Ùn hè micca raziunale d'avè aspettatu chì duvemu vede o avè cose in u celu cumu l'avemu in terra, o di sente chì u celu ùn sia micca desideratu, salvu chì ùn puderemu cusì. L'omu raramenti vede e cose cum'è sò, ma cumu ellu pensa chì sò. Ùn capisce micca a pena di i so pussibuli à ellu. L'uggetti cum'è cose in elli stessi sò di a terra è sò percepiti per mezu di i so organi fisici di u sensu. I pinsamenti solu di questi oggetti ponu esse purtati à u celu è solu questi penseri ponu entra in u celu cumu cuntribuiscenu à a felicità di a mente. Dunque a stessa mente chì era u pensatore in u corpu nantu à a terra ùn soffrerà micca perdita dendu ciò chì ùn pò micca cuntribuisce à a so felicità. Quelli chì amemu nantu à a terra, è per amà à quale hè necessariu per a nostra felicità, ùn soffreranu micca perchè i so difetti è i vici ùn sò micca purtati cun noi in pensamentu à u celu. Saremu più veramente apprezzati quand'elli ci pudemu avè pensatu senza i so difetti è cumu pensemu à elli cum'è ideali. I difetti di i nostri amichi scontranu cù i nostri difetti in a terra, è a felicità di l'amicizia hè cascata è nuvola. Ma l'amicizia senza mancare hè megliu rializata in u mondu celu, è a sapemu più veramente ch'ella sò quandu presentate cù u puzzu di a terra.

Hè impussibile per a mente in u celu cumunicà cun unu nantu à a terra, nè per quellu in a terra per cumunicà cù un in celu. Ma una tale cumunicazione ùn hè stata prussimata per via di alcuna produzzione di fenomeni psichichi, nè vene da fonti spiritiste nè di ciò chì i spirituisti parlanu di u so "mondu spirituale" o di "terra estiva". I menti in u celu ùn sò micca "spiriti" di quale i spiritisti parranu. U mondu celesticu di a mente ùn hè micca u mondu spirituale o l'estiu di u spirituistu. A mente in u so celu ùn entra nè parlà à traversu l'estiu, nè a mente in u celu ùn si manifesta in alcuna manera fenomenale per un spirituistu o per i so amichi nantu à a terra. Sè a mente in celu hè entrata in l'estiu o apparsu à un spirituistu o si manifistò in forma fisica è strincia a manu è parlava à i so amichi in un corpu fisicu, tandu quella mente deve esse cuscente di a terra, è di a carne è di i dolori, affliczioni o imperfezzioni di quelli cù i quali si cumunicò, è u cuntrastu di questi interromperia è disturbaria a so felicità è u celu averia da fine per quella mente. Mentre a mente hè in celu a so felicità ùn sarà interrotta; ùn averà micca cuscenza di alcunu di i vici o di i difetti o di e soffrenze di quelli nantu à a terra, è ùn lasciarà micca u celu finu à u so periodu di u celu hè finitu.

A mente in celu pò cumunicà cù una sola nantu à a terra à traversu u pensamentu è solu u pensamentu è a cumunicazione saranu sempre per l'ennoblimentu è u bonu, ma mai per cunsiglià quellu nantu à a terra cumu guadagnà a so vita, o cumu per suddisfà u so desideriu o per dà u semplice cunfortu di cumpagnie. Quandu una mente in celu cumunicà cù una nantu à a terra, hè di solitu per un pensamentu impersonale chì suggerisce una bona azione. Hè pussibule, però, chì u suggerimentu pò esse accumpagnatu da u pensamentu di l'amicu chì hè in celu, se ciò chì hè suggeritu hè assuciatu cù u caratteru o cù ciò chì era u so travagliu nantu à a terra. Quandu u pensamentu di quellu in u celu hè apprezzatu da a mente nantu à a terra, u pensamentu in alcunu modu ùn si suggerirà da alcun fenomenu. A cumunicazione serà solu da u pensamentu. In mumenti d'aspirazione è in cundizioni adattate, l'omu in terra pò cumunicà u so pensamentu à unu in u celu. Ma stu pensamentu ùn pò avè una tinta terrena è deve esse in cunfurmità cù l'ideale è ligà cù a felicità di a mente in u celu, è ùn ferma in alcuna relazione cù a persunalità di a morte. Quandu a cumunicazione trà a mente in celu è a mente nantu à a terra hè continuata, a mente in u celu ùn penserà micca à l'altru chì hè nantu à a terra, nè l'omu in terra penserà à l'altru in u celu. A cumunicazione pò esse fatta solu quandu i menti si sintenu di l'altri, quandu u locu, a pusizione, i pussessi ùn affettanu micca u pensamentu è quandu u pensamentu hè di mente cun mente. Di quellu l'omu ordinariu ùn cuncepisce. Sì una tale cummunione hè fatta, u tempu è u locu ùn pare micca spuntà. Quandu una cumminazione hè tene a mente in u celu ùn esiste micca à a terra, nè l'omu ascende à u celu. Tale cummunione di pensamentu hè attraversu a mente più alta di quellu nantu à a terra.

A causa di a diffarenza d'ideali è di a qualità o di u putere di i pinsamenti è di l'aspirazioni di l'omi, u celu ùn hè micca u listessu à tutti quelli chì vanu quì. Ogni entrata è percive è apprezzà a cumpiacenza di ciò chì vulia per a so felicità. A diffarenza di penseri è ideali di l'omi hà purtatu à a ripresentazione di a numerazione è a classificazione di i celi sfarenti chì l'omu gode dopu à a morte.

Ci hè tanti celi cum'è ci sò menti. Eppuru, tutti sò in un mondu celu. Ogni vive in u so celu in felicità senza interferiscenu in alcunu manera cù a felicità di l'altri. Sta felicità pò, se misurata, in u tempu è in termini di sperienza di a terra, pare cume una eternità interminabile. In termini reali di a terra pò esse assai corta. À quellu in celu u periodu serà una eternità, chì hè un ciculu cumpletu di sperienza o pensamentu. Ma u periodu finirà, puru se a fine ùn pare micca quella di u celu u fini di a so felicità. U principiu di u so celu ùn pare micca esse subitu o inespettatu. Fin è principiatu in celu curru unu à l'altru, significanu cumplimentu o rializazione è causanu nè rimorsu nè surpresa cum'è ste parolle sò capite in a terra.

U periodu di u celu cumu era determinatu da i pinsamenti ideali è travaglia prima di a morte ùn hè micca longu o brevi, ma hè cumpletu è finisce quandu a mente hè riposata da i so travaglii è hà esauritu è ​​assimilatu i so pensamenti ideali chì ùn avia micca realizatu nantu à a terra, è di sta assimilazione hè rinfurzatu è rinfrescatu da esse sollievu da e scurdate di e carecce è di l'ansietà è di e soffrenze chì avia avutu in a terra. Ma in u mondu celu, a mente ùn acquistà più cunniscenze chè ciò chì avia nantu à a terra. A Terra hè u campu di battaglia di e so lotte è a scola in quale acquistenu cunniscenze, è a terra deve rinvià a mente per compie a so furmazione è l'educazione.

 

L'Editorialu in u numeru di Ghjennaghju sarà di u Celu nantu à a Terra.