The Word Foundation

U desideriu hè a causa di a nascita è a morte, è a morte è a nascita,
Ma dopu à parechje vite, quandu a mente hà superatu u desideriu,
Desideriu liberu, auto-sapendu, u Diu risuscitatu vi dicerà:
Natu da u vostru ventre di a morte è di a bughjura, oh desideriu, aghju unitu
L'ospitu immortale.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 2 NOVEMBER, 1905. N ° 2

Copyright, 1905, da HW PERCIVAL.

DESIRE.

DI tutti i puteri cù chì a mente di l'omu deve cuntestà, u desideriu hè u più terribule, u più ingannatore, u più periculosu, è u più necessariu.

Quandu a mente principia à incarnà si spaventa è repele l'animità di u desideriu, ma per via di l'associu a repulsione diventa attraente, finu à chì a mente hè finalmente ingannata è ammazzata in u scurdatu da i so delizii sensuali. U periculu hè chì per via di u desideriu di sè stessu, a mente pò parighjà cù un desideriu assai più longu di ciò chì deve, o pò sceglite per identifia si, è cusì riturnà à u bughju è à u desideriu. Hè necessariu chì u desideriu devi dà resistenza à a mente, chì videndu attraversu i so illusioni chì a mente si cunnoscerà stessa.

U desideriu hè l'energia di dorme in mente universale. Cù a prima muzione di a mente universale, u desideriu sveglia in attività i germeni di tutte e cose esistenti. Quand'ellu hè toccu u soffiu di u desideriu di a mente si sveglia di u so statu latente è circonda è permeate tutte e cose.

U desideriu hè cecu è sordu. Ùn pò micca tastà, o odore, o toccu. Eppuru chì u desideriu hè senza sensu, ma usa i sensi per ministrà à sè stessu. Eppuru chì hè cecu, ghjunghje à traversu l'ochju, attruisce è dà l'anch'elli dopu à culori è forme. Eppuru sorda, stà à sente è beie à l'orechja i soni chì stimulanu a sensazione. Senza gustu, ma fachja, è si gratifica per mezu di u palatu. Senza odore, ma attraversu u nasu inhala odori chì stinzanu e so apetite.

U desideriu hè presente in tutte e cose esistenti, ma vene à spressione completa è cumpletu solu per mezu di a struttura animale animale viva. È u desideriu si pò scuntrà solu, maestru, è direttu à usi più alti ch'è l'animali mentre si trova in u so statu d'animali nativu in u corpu di l'animali umani.

U desideriu hè un vacu insatiable chì causa a venuta è a passa constante di u soffiu. U desideriu hè a whirlpool chì tirà tutta a vita in sè. Senza forma, u desideriu entra è cunsuma tutte e forme da a so muta sempre cambiante. U desideriu hè un polipo in fondu assuciatu in l'organi di u sessu; i so tentaculi ghjunghjenu attraversu e via di i sensi in l'oceanu di a vita è ministranu à e so dumande à ùn esse mai satisfacute; un accriscimentu, fiamme, focu, raghjura in i so appetite è a so lussuria, è arruchja i passioni è l'ambizioni, cù l'egoismu cecu di u vampiru chì tira i forzi di u stessu corpu à traversu chì a so fam hè calata, è lascia a personalità brusgiata. fora cinder nantu à u fogliu di u mondu. U desideriu hè una forza ceca chì innamora, stagna è soffoca, è hè a morte à tutti quelli chì ùn ponu stà a so presenza, a cunverta in cunniscenza, è chì a trasmette in vulintà. U desideriu hè una putenza chì tira tuttu u pensamentu d'ellu stessu è u obliga à furnisce novi melodie per a danza di i sensi, novi forme è oggetti per a pussessu, novi prugetti è esigenze per gratificà l'appetiti è stupisce a mente, è novi ambizioni per sfrutà a persunalità è pander à u so egotisimu. U desideriu hè un parasitu chì cresce da, manghja in, è po grassu in a mente; entriendu in tutte e so azzione hà lanciatu un glamour è hà causatu a mente pensà cum'è inseparabile o per identificallu cù iteslf.

Ma u desideriu hè a forza chì face a natura di ripruduce è di nasce tutte e cose. Senza u desideriu, i sessi rifiutavanu cumpare è riproduce u so generu, è a respirazione è a mente ùn pudianu più incarnate; senza voglia chì tutte e forme perdessinu a so forza organica attraente, sfracicherà in pòlvara è dissiparanu in l'aria fina, è a vita è u pensamentu ùn anu micca disignu in quale precipità è cristalizà è cambiassi; senza voglia a vita ùn puderia micca risponde à u soffiu è germinà è cresce, è ùn avendu nisun materiale nantu à u quale pensà à u travagliu sospende a so funzione, cessaria di agisce è lascià a mente un biancu irreflettivu. Senza u desideriu, u soffiu ùn faria micca chì a materia sia manifestata, l'universu è e stelle si sciugliserà è vultessinu in l'elementu primariu, è a mente ùn averia micca scupertu sè stessu davanti à a dissoluzione generale.

La Mente hà l'individualità, ma a voglia ùn hè micca. A mente è u desideriu spuntanu da a stessa radica è sostanza, ma a mente hè un gran periodu evolutivu in avanzu à u desideriu. Eppuru chì u desideriu hè dunque assuciatu à a mente hà u putere di attirà, influenza è ingannà a mente in a credenza chì sò identiche. A mente ùn pò micca fà senza u desideriu, nè pò desiderà fà senza a mente. U desideriu ùn pò micca esse uccisu da a mente, ma a mente pò suscitarà u desideriu da forme più bassu à e forme più altu. U desideriu ùn pò micca avanzà senza l'aiutu di a mente, ma a mente ùn pò mai cunnosce sè stessu senza esse pruvatu da u desideriu. Hè u dovere di a mente di suscitarà è individualizà u desideriu, ma quantunque u desideriu sia ignorante è cecu, u so deliriu tene a mente un prigiuneru finu à chì a mente vedrà attraversu l'illusione è deve esse abbastanza forte per risiste è sottumette à u desideriu. Per via di sta cunniscenza, a mente ùn vede solu sè stessu è perchè libera da l'ignuranza di u desideriu di l'animali, ma ancu inizialerà l'animali in u processu di u ragiunamentu è allora solleva da a so bughjura in u pianu di a luce umana.

U desideriu hè un stadiu di u muvimentu cuscente di a sustanza postu chì si respira in a vita è si sviluppa per via di a forma più elevata di u sessu, induve hè ghjunghje l'acme di u desideriu. Per mezu di u pensamentu pò allora diventà separati da e passà al di là di l'animali, unìlinu cù l'ànima di l'umanità, agiscenu intelligente cù u putere di a vulintà divina è cusì diventanu in fine a Cuscenza Unica.