The Word Foundation

Nimu vede u lento e ascendente
Per mezu di quale l'anima da a vita profonda
Asccunzioni, - senza casu, mayhap, quandu sò liberi,
Cù ogni nova morte vedemu in ritornu
A longa perspettiva di a nostra razza
U nostru numeru traccia di livcs passati.

—William Sharp.

THE

PARMA

Vol. 1 GhjANUARIO, 1905. N ° 4

Copyright, 1905, da HW PERCIVAL.

CICLI.

AMONG prublemi chì anu sbulicatu a mente umana, nimu ùn anu causatu più perplexità ch'è quella di i ciculi o a recurrenza periodica di l'avvenimenti.

L'antichi avianu sforzu di cunnosce a lege di i ciculi per cunfurmà a so vita. In i nostri tempi l'omi cercanu di scopre a legge ciclicu chì puderanu realizà a so attività prufittuamente. In tutti i tempi l'omi anu pruvatu à scopre a lege di i ciculi perchè cun tali cunniscenze puderanu seguità a so attività agricula cun certezza, salvezza di epidemie, pestilenze, è furnisce contra a fami; predichete guerri, tempeste, disturbi sismici, e custodiate contra affezioni di a mente; cunnosce a causa di a nascita, a vita, a morte è u statu dopu; è apprufittendu di l'esperienze di u passatu, puderanu elencare l'avvenimenti futuri cun precisione.

U ciculu di parolle hè derivatu da u grecu "kuklos", chì significa un anellu, una rota, un cercolu. In un sensu più largu un ciclu hè l'azzione è a reazione di u muvimentu da un centru, a natura è a durata di u ciculu sò misurate da a direzzione è l'impulsione di i muvimenti mentre partenu è tornanu à a so fonte. A fine di un ciclu o un cercolu hè u principiu di un altru, di manera chì u muvimentu hè spirale, cume in l'olugamentu di una corda o u spargimentu di i petali di una rosa.

I ciculi ponu esse divisi in dui classi larghe: quelli chì sò cunnisciuti è quelli chì sò sughjetti di speculazione. Trà quelli chì avemu più familiarizatu hè u ciculu di una ghjurnata, quandu a terra hà fattu una rivoluzione cumpleta intornu à u so assi in vinti quattru ore; u ciculu di un mese lunare, quandu a luna hà fattu una rivoluzione à a terra in i ghjorni 28; u ciculu di un annu, quandu a terra hà cumpritatu una rivoluzione intornu à u sole è u sole hà fattu una rivoluzione per mezu à i segni di u zodiacu, un periodu di circa 365 ghjorni; è l'annu siderale o ciclu di a precessione di l'equinocci quandu u polu di l'equatore hà da volta vultatu annantu à u polu di l'eclittica in 25,868 anni.

Hè una questione di cunoscenza cumune chì da u viaghju apparente di u sole attraversu i custellazioni di u zodiacu, ottene e nostre quattru stagioni: primavera, estate, autunno è invernu, ognuna chì si estende per un periudu di trè mesi, è chì ognuna di questi mesi hè divisu in quattru quarti è una frazione, ogni quartu di u mese esse una fasa di a luna cum'è u primu trimestre, luna piena, ultimu trimestre è luna nova. U zodiac hè u grande orologio sideral, u sole è a luna i so mani chì marcanu i periodi di tempu. Dopu à u zodiacu, avemu elaburatu un cronometru chì hà dodici segni; quessi marcanu i periodi di luce è scuru in un ghjornu di duie ore duie ore.

Un sughjettu d'interessu per l'statisticu è u storicu hè l'apparenza cíclicu di febri, pesti, fami è guerri; l'apparenza è a scumparsa di e razze, è a salta è a caduta di e civilisazioni periodicamente.

Trà i cicli individuali ci hè u ciclu di a vita currente chì passa da l'aura intornu à u corpu in i cameri d'aria di i pulmoni, induve aduprendu u sangue cum'è u so veiculu flussu da e vini pulmonari versu l'auriculare di a manca. ventriculu sinu, da quì, passendu per l'aorta hè distribuitu à tutte e parte di u corpu cum'è sangue arteriale. U corrente di vita cù e cellule di vita torna à traversu i capillari in vene, da quì à traversu a vena cavae à l'auriculare diritta, da quì à u ventriculu destra, è da quì à traversu l'arteria pulmonare finu à i pulmoni, induve, purificatu, torna. diventa u traspurtadore di a vita à u corpu, u ciculu cumpletu occupendu circa trenta seconde.

U più impurtante di tutti i ciculi per noi hè quellu ciculu in quale hè inclusu u statu pre-natalitu, nascita, vita in stu mondu, morte è u statu di dopu morte. Da una rivelazione di stu ciculu seguitaranu una cunniscenza di tutti l'altri ciculi. Cridemu chì in u sviluppu pre-natale di l'omu tutta a storia di u nostru pianeta hè epitomizata.

U corpu umanu hè chjave per eseguisce per un certu periodu, u ciculu di a so vita. In questu periodu, l'età passata in a vita di l'umanità hè campata à novu da l'individuu. Allora a rota di a vita diventa u ciculu di a morte.

Hè cù i ciculi di nascita è di vita è di morte chì i filòsufi antichi eranu in causa, perchè per cunnuscenza di elli puderanu passà e fora di quellu viaghju da quale, si dice, nimu viaggiatore torna. U scopu di u sviluppu prenatale hè di disegnà l'elementi universali in un corpu, mudeli in a forma umana, chì offre a più grande opportunità per a sperienza à u principiu intelligente, a mente, chì hè di abbità u corpu umanu. Pè a mente u scopu di a vita hè di acquistà una cunniscenza di a so relazione cù l’universu, attraversu è mentre stendu in u corpu, per fà e duveri chì seguitanu quella cunniscenza, è per custruisce in l’avvene pè e sperienze di u passatu.

A morte hè a fine, rivisione è equilibriu di u travagliu di a vita, è un mezzu di ritornu à u mondu di i pinsamenti chì appartene à stu mondu. Hè a porta da a quale l'anima torna à a so propria sfera.

U statu di a morte dopu hè u periodu di u restu è a gestazione di u travagliu di a vita prima di u principiu di una altra vita.

U nascita è a morte sò a matina è a sera di l'anima. A vita hè u periodu per u travagliu, è dopu a morte vene à u riposu, a ricuperazione è l'assimilazione. Siccomu i travaglii necessarii di a mattina sò realizati dopu à u riposu di a notte, allora i travaglii di u ghjornu, i duveri di a sera, è tornanu à restà, cusì l'ànima si mette i vestiti adatti è passanu per u periodu di a zitiddina, impegnà. in u travagliu di a vita di u ghjornu veru, è sò messi fora da a sera di a vechja età, quandu l'anima passa in quellu restu chì a prepararà per un novu viaghju.

Tutti i fenomeni di a natura contanu a storia di l'ànima per via di i so ciculi, incarnazioni è reincarnazioni in a vita. Cumu averemu regulatu sti cicli, cumu accelerà, diminuite o cambiemu e so mutioni? Quandu u modu hè veramente vistu, ognunu si trova in u so putere di fà. U modu hè attraversu u pensamentu. Attraversu u pensamentu in l'anima l'omu hè ghjuntu in u mondu, per mezu di u pensamentu l'anima hè stata liata à u mondu, per mezu di u pensamentu l'anima diventa liberata.

A natura è a direzzione di u pensamentu determinanu a so nascita, caratteru è destinatu. U cervellu hè l'attellu di u corpu, i pinsamenti chì sò disegnati da stu attellu passanu in spaziu per vultà dopu un tempu più o menu brevi à u so creatore. Siccomu i pinsamenti creati afectanu a mente di l'omi di una natura cum'è u pensamentu, cusì tornanu à u so creatore per reagisce à ellu cum'è anu agitu nantu à l'altri. Penseri d'odi, egoiismu è simili, custringenu u so creatore à passà cum'è esperienze è vincenu à u mondu.

Penseri di disinteressu, cumpassione, è aspirazione, agiscenu nantu à a mente di l'altri è, tornendu à u so creatore, liberate da i legami di nascite recurrenti.

Sò questi penseri chì l’omu incontranu continuamente à scontru dopu à a morte. Deve abbità cun questi pinsamenti, digerisce è assimilà, ognunu in a so propria classa, dopu dopu à quessu accadutu, deve vultà in stu mondu, a scola è l'educatore di l'anima. Se ci hè attinzione à u fattu, serà truvatu chì ci sò periodi in una vita induve certi umore ricurganu. E periodi di disprezzu, di tristezza, di disperazioni; periodi di gioia exuberance è felicità; periodi d'ambizione o aspirazione. Annuncià issi periodi, cumbattà e tendenze cattivi, è sfruttate opportunità favorevuli.

Questa cunniscenza ùn pò solu ghjunghje à l'omu chì diventa cusì sàviu cum'è un serpente è micca innocu cum'è una colomba. "