The Word Foundation

A vuluntà hè a Strada di a Cuscenza.

A vuluntà hè impersonale, muviva, libera; a surgente di u putere, ma micca ellu stessu un putere. À mezu à tutte l'innumerevule epiche u Grande Sacrifiziu hè Will.

- U Zodiac.

THE

PARMA

Vol. 2 MARZU, 1906. N ° 6

Copyright, 1906, da HW PERCIVAL.

WILL

A Will (pisci) hè u dodicesimu signu di u Zodiacu.

Da a primigione non manifesta in manifestazione l'ordine di l'involuzione hè: u muvimentu (tauro) provoca una sustanza omogena (gemini) per sprimà a dualità cum'è materia spirituale; a materia spirituale hè agita da u grande soffiu (cancer) chì a respira in l'oceanu di a vita (leo); l'oceanu di vita germinate è precipitate in forma (virgo); è a forma si sviluppa in u sessu (libra). Cù u sviluppu di u sessu l'involuzione di a materia spiritu hè cumpleta. Quandu u sessu hè sviluppatu, a mente (cancru) incarna. L'ordine di l'evoluzione hè: a materia spirituale di u sessu (libra) sviluppa u desideriu (scorpio) per mezu di a forma (virgo); u desideriu si sviluppa in u pensamentu (sagittariu) à traversu a vita (leo); u pensamentu si sviluppa in l'individualità (capricornu) per via di u soffiu (cancer); l'individualità si sviluppa in anima (aquarius) per mezu di a sustanza (gemini); l’anima si sviluppa in vuluntà (pisci) per via di u muvimentu (tauro). Se diventerà a Cuscenza (aries).

A vuluntà hè incolora. A vuluntà hè universale. A vuluntà hè dispassiunata, illimitata. Hè a surghjente è l'urighjini di tuttu u putere. A vuluntà hè tutta sapiente, all-intelligent, all-intelligent, sempre presente.

Averà capace di tutti l'esseri sicondu e so capacità per aduprà, ma ùn hè micca una putenza.

A vuluntà hè libera da tutti i legami, i legami, i limitazioni, o inganni. A vuluntà hè libera.

A vuluntà hè impersonale, unattached, illimitata, self-move, silenziosa, sola. A prisenza serà prisente in tutti i piani, è capacita à ogni entità in accordu è in proporzione à a so natura è a so capacità à aduprà u putere. Eppuru chì a vuluntà dà à l'essere u putere di agisce secondu e so qualità inerenti, e proprietà, i desideri, i penseri, a cunniscenza, e a saviezza, ma mai sarà sempre liberu è incollatu da u caratteru di qualsiasi azione.

Senza a vulintà nunda hè pussibule. Si presta à ogni operazione. A vuluntà ùn hè micca limitata, limitata, attaccata, o interessata, in qualsiasi mutivu, causa, operazione, o effettu. A vuluntà hè a più occulta è misteriosa.

A vuluntà hè liberu quant'è a luz di u sole è cum'è necessaria per ogni azione cum'è u sole hè da cresce, ma ùn selezziunà chiunque hà da permette à e so cose più sole chì a decisione di u sole nantu à quale oggettu sarà cascatu. U sole brilla nantu à tutti quelli chì chjamemu bè è cattivu, ma u sole ùn brilla cù l'intenzione di esse sia bè o cattivu. U soli pruvucarà una carcassa per sparghje i pesti è a morte, è pruvucarà ancu a terra dolce per u dolore per pruduce l'alimentariu per a vita per i so figlioli. L'urientu di u sole è a salute rudosa, u desertu aridu è a valle fertili, l'ombre mortali è i frutti gustosi, sò simili à i rigali di u sole.

A vuluntà hè a fonte di u putere chì permette à l'assassinu di colpisce u colpu fatale, è ancu a fonte di u putere chì permette à unu di fà qualsiasi attu di bondà, eserciziu mentale o corpore, o di autosacrifiziu. Prestà si à quellu chì u chjama à adupralli, sarà, dunque, liberu di l'azzione chì impone. Ùn hè micca limitatu solu à l'azzione nè à u mutivu di l'azzione, ma si presta à tramindui per chì per via di a sperienza, è cum'è u risultatu di l'azzione, l'attore puderà vene à a cunniscenza finale di azzione ghjusta è sbagliata.

Hè un grande sbagliu di dì chì puderà esse rinfurzatu cumu avaria da dì chì pudemu darà luce à u sole. A vuluntà hè a fonte di forza cum'è u sole hè di luce. L'omu adupirà cusì liberu cum'è ellu aduprà a luz di u sole, ma l'omu sà cumu adupralli cù prudenza ancu in un gradu menu di quellu chì sapi aduprà u soli. Tuttu ciò chì l'omu pò fà hè di sapè cumu preparalli, è dunque di preparà strumenti per l'usu di u sole o di a vuluntà. A luce solare distribuisce quantità enormi di forza di quale l'omu usa una parte mansa solu, perchè ùn hà micca nè sà cumu preparà i strumenti per u so usu, è perchè ùn sanu micca aduprallu sapientemente. A vuluntà hè a grande fonte di tuttu u putere, ma l'omu u so adupratu in un gradu assai limitatu perchè ùn hà micca bè strumenti, perchè ùn sà micca cumu utilizà a vulintà, nè cume preparà i strumenti per u so usu.

In u so pianu è u pianu di muvimentu, a volontà hè incolore è impersonal; in u pianu di a sustanza è di l'alma universale (gemini-aquarius), permetterà a sustanza di sferenziare in materia spirituale, è l'anima per pruteghja, unisce, è sacrificà sè stessu per tutte e cose; in u pianu di a respirazione è di l'individualità (cancru - capricornu), hè u putere di u soffiu per mette tutte e cose in manifestazione, è dà forza à l'individualità per diventà autocunoscente è immortale; in u pianu di a vita è di u pensamentu (leo - sagittariu), permette a vita per custruisce è sfregà e forme, è permette à u pensamentu di ottene risultati desiderati secondu l’ogetti di a so scelta; in u pianu di a forma è di u desideriu (virgo-scorpio), permette a forma di mantene u corpu, u culore è a figura, è dà forza à u desideriu di agisce secondu u so impulse cecu; in u pianu di u sessu (libra), l'abbilitarà à riproduce e forme, à cunghjuntà, à aghjustà, à equilibrà, à trasmette è à sublimà tutti i principii di l'omu è di l'universu.

L’omu hà dunque in u so corpu fìsicu u materiale è i puteri necessarii per uttene ogni oggettu, è di diventà ogni essere, putere, o dio, tuttu per l’usu di l’azzione magica di a vuluntà.

Ogni omu ùn hè micca un solu omu, ma una cumminazione di sette omi. Ognunu di sti omi hà e so radiche in una di e sette constituente di l'omu fisicu. L'omu fisicu hè u più bassu è u più grossu di e sette. I sette omi sò: L'omu fisicu bruttu; l'omu di a forma; l'omu di a vita; l'omu di u desideriu; l'omu di a mente; l'omu d'ànima; l'omu di a vulintà. L'aspettu materiale di l'omu di a vuluntà hè u principiu seminale in u corpu fisicu. U principiu seminale hè liberu è inattaccatu à l'usi a quali hè messu cumu hè u principiu intelligente di vuluntà da chì vene a so putenza.

À ogni infundazione (cancru), u soffiu stimula, per via di u sangue, u desideriu (scorpio) à l'azzione. Quandu stu centru hè stimulatu, cù a persona ordinaria, u pensamentu hè induutu da u desideriu, chì di solitu cuntrola u pensamentu, è a vulintà (pisci), seguitendu u pensamentu, abbottia u desideriu d'azzione. Cusì avemu a dicitura ermetica: "Dapoi si ferma a vulintà", chì si basa in u fattu chì a vuluntà sia incolora è impersonale, è chì, benchì uninteressata à i risultati di ogni azione, hè a fonte di u putere di azzione; è chì per induce l'azzione di a vuluntà, l'omu in u so statu prisente deve desiderà. Eppuru, se u pensamentu ùn segue micca u suggerimentu di u desideriu, ma invece appellu à l'aspirazione à un ideale più altu, a forza di u desideriu deve allora seguità u pensamentu, è hè suscitatu à a vuluntà. A triada di u desideriu-vuluntà (cancer-scorpio-pisci), hè da i pulmoni, à l'organi di u sessu, à a testa, per via di a spina. U zodiac hè in verità u pianu di a custruzzione è di u sviluppu di l'universu è di qualsiasi o tutte e sette omi.

U principiu seminale hè u mezzu in u corpu à traversu chì a vuluntà universale pò opera, è e pussibulità è rializazioni di un omu dipendenu di l'usi à quali stu principiu hè messu. Immortalità hè rializatu in u corpu. Solu mentre vive in u so corpu, solu prima di a morte, l'omu pò diventà immortale. Dopu a morte di u corpu nimu hè diventatu immortale, ma deve reincarnate nantu à a terra in un novu corpu fisicu umanu.

Avà, per diventà immortale, l'omu deve beve di "l'elixir di a vita", u "acqua di l'immortalità", u "nettaru di i dii", "l'acqua dolce d'Amrita", u "sume di soma", cum'ellu hè. chjamatu in e diverse lettere. Deve, cume l'alchimisti l'hà truvatu, anu truvatu "a petra di u filosofu", da a quale i metalli baserichi sò trasmessi in oru pur. Tuttu chistu si riferisce à una cosa: à l'omu di a mente, è u principiu seminale chì l'alimenta. Questu hè l'agente magicu per quale tutti i risultati sò pruduciuti. U principiu seminale hè u muvimentu di sè stessu, accriscimentu di l'anima, rinfurzà a mente, ardore di desideriu, edificazione di vita, dà forma, putenza procreativa in u corpu.

Ci hè alchimatu da a quarta ronda di a quintessenza di e quattru alimenti purtati à u corpu (vede editoriale "Manghjà" u Verbu, Vol. I, N ° 6), a mente-omu. Hè alimentatu è custruitu da u principiu seminale, chì hè a vulintà. Per rializà stu risultatu di custruisce a mente-omu, chì hè magicu, tutte e altre cose anu da esse sottumessu à u principiu seminale; tutti l'atti di a vita, cù u scopu di sublimà a quintessenza; è, per quessa, ùn si deve effettuà alcuna chjamata annantu à u principiu seminale per rende u so putere à indulgenza o eccesso. Allora a vuluntà universale ferà di a quintaessenza attraversu a vulintà, quellu corpu chì face a mente stessu; senza morte; prima di a morte di u corpu. Un metudu praticu per i studienti hè di pensà cun ogni incruduzione di i centri superiori in u corpu, finu à chì i pinsamenti sò allora centrati abituale. Sempre chì i pinsamenti sò attrati da a vulintà à i centri inferiori, i pinsamenti anu da esse elevati immediatamente. Questa custruisce l'omu di mente è chjama direttamente nantu à a vuluntà di sopra, invece di lascià a vuluntà serà spustata da u desideriu da quì sottu. Per daretu si ferma u desideriu, ma sopra à u desideriu ferma. L'aspirant in a Strada di a Cuscenza face una nova regula; per ellu cambia l'ordine; per ellu: sopra à u desideriu ferma.

U prerequisite di tuttu u prugressu reale hè una cunvinzione ferma chì ogni omu hà u dirittu è u putere di scelta, per agisce secondu a so intelligenza, è chì l'unicu limitu à a so azzione hè l'ignuranza.

Cù poca saviezza è apparentemente nisuna nuzione chjara in quantu à ciò chì cunnoscenu veramente, a ghjente parle di liberu vuluntà è di u destinu. Certi dicenu chì l'omu hà u liberu di vuluntà, mentre chì altri dicenu chì a vulintà ùn hè micca libera, chì hè una facultà o una qualità di mente. Parechji pensanu chì a mente è u restu hè u travagliu di u destinu; chì tutte e cose sò cume perchè sò tantu destinate à esse; chì tutte e cose seranu in u futuru solu ciò chì sò predeterminate è destinate à diventà da una vuluntà superiore, u putere, a providenza, u destinu, o Diu; è chì, senza avè voce o scelta in a materia, l'omu deve sottumette.

A libertà ùn pò mai esse rializata da quellu chì ùn sente micca intuitivamente chì a vuluntà hè libera. Quellu chì crede chì tutti sò impelsati à cummette azzioni da una vuluntà predestinata altru chè u soiu, hè guvernatu è cuntrullatu da un impulso naturale isciutu à mezu à u desideriu chì li incurda è li tene in servità. Mentre un omu crede chì ellu ùn hà micca u putere di scelta o di "liberu liberu", ùn ci hè pussibule di scappassi di u so treadmill immediatu di l'abitudine sottu u cuntrollu è u duminiu di u desideriu.

Sì hè vera chì a vulintà hè libera; chì l'omu pò; chì tutti l'omi anu u dirittu è u putere di scelta; cumu cunciliamu l'affirmazioni? A dumanda dipende, benintesa, di ciò chì l'omu hè; chì sarà; è quale hè u destinu. Ciò chì l'omu è ciò chì hè, avemu vistu. Avà, chì hè u destinu?

U muvimentu chì provoca a prima differenziazione da una sostanza omogenea in u nuvellu mundiale non manifestato da respirare in manifestazione in ogni periodu evolutivu, hè determinatu da u desideriu cumminatu è u pensamentu è a cunniscenza è a vuluntà di u periodu evolutivu precedente, è sta muzione hè assoluta. è cambiable in a so azzione finu à circa u listessu gradu o stadiu di sviluppu hè stata arrivata cumu era in u periodu evolutivu precedente. Questu hè u distinu o u destinu. Hè u bilanciu di u nostru contu è u cuntu di u ciculu passatu di evoluzione. Questu hè applicatu à l'universu o à a nascita di un omu.

Tempu è locu di nascita; circustanzi di l'ambiente; ripruduzzione, e facole e tendenzi inerenti di u corpu; sò u destinu, record o cuntu di u caratteru, chì hè l'eredità di u caratteru da i so sforzi passati è l'esperienze. U tutale pò esse favorevule o sfavorevule. Havi un bilanciu per inizià è deve cuntentà cù cunti antichi. I tendenzi è e facultà di u corpu sò in destinu chì limitanu l'azzioni di a mente, finu à chì i cunti sò pagati. Tandu, ùn ci hè una scappata, ùn ci hè una scelta? Ci hè. A scelta ghjè in u modu accetta è usa u so destinu.

L'omu pò rinunzià cumplitamenti è abbandunà si à i suggerimenti di a so eredità, o pò accettà cum'è suggerimenti per ciò chì vale a pena, è decide di cambià. Pocu avvene si pò vede in principiu, ma hà da cumincià à furmà u so avvene cumu hà postu in u passatu u presente.

U mumentu di scelta hè ogni mumentu di u pensamentu. A somma totale di i pinsamenti di una vita di a vita hè u destinu o eredità di l'incarnazione futura.

L'omu ùn pò micca aduprà o aduprà liberamente quellu chì ùn hè micca stessu stessu, è nimu hè liberu chì hè attaccatu à e so azzioni o à i risultati di e so azioni. L'omu hè liberu solu in u gradu chì agisce senza attaccamentu à e so azioni. Un omu liberu hè quellu chì agisce sempre cù a ragione, ma chì ùn hè nè attaccatu à i so atti nè à i risultati di e so azioni.

A volontà, ellu stessu, decide è sceglie quand'ellu vulerà diventà a cuscenza, ma mai in nessuna altra circustanza o cundizione s'interesserà, o sceglie, o decide, ciò chì farà, ancu sì hè l'unica fonte di putere chì permette tutti. mutivi à l'azzione è porta à l'effetti di l'azzioni.

In l'editorialu annantu Forma (u Verbu, Vol. I, N ° 12) si dicia chì ci sò solu dui chjassi: a strada di a cuscenza è a strada di e forme. A questu ci vole avà aghjustà: a vulintà hè a strada di e forme; a vulintà hè a strada di a cuscenza.

A vuluntà hè u desideriu creatore preservatore è ricruditore di tutte e cose. Hè a fonte silenziu di tuttu u putere di tutti i dii in tutte l'età di l'armunia infinita di u tempu. À a fine di ogni evoluzione o grande periodu di manifestazione, a vuluntà hè u muvimentu in muvimentu universale chì risolve tutta a materia in sustanza primaria, stampendu nantu à ogni particella i registri di e so azioni in manifestazione; è a sustenzione mantene queste impressioni ancu cumu a terra congelata priserva i germi latenti. Hè ancu, à u principiu di ogni grande manifestazione, chì cum'è auto-motion, face u primu muvimentu in sustanza è tutti i germi in primavera è vita.

A vuluntà hè u Grande Sacrificiu attraversu tutte e eternità innumerevoli. Hà u putere di identificà sè stessu è di diventà a Cuscenza, ma ferma per l'eternità esse a scala chì ogni particella di materia pò passà da tutte e tappe di l'esperienza è di a cunniscenza è di a saviezza è di u putere è, infine, di sè stessu. diventà a Cuscenza.