Capitulu I di PENSARE è DESTINU


A lingua




Questu primu capitulu di Pensà è Destinu prova destinà a presentà à voi solu una pula di l'argumenti chì tratta di u libru. Parechji di i sughjetti pariranu stranu. Alcuni di elli pò esse sorprendenti. Puderete truvà chì tutti anu favuriti un pensamentu penseru. Cum'è diventà familiarità cù u penseru, è pensate a vostra strada da u libru, truverete chì diventa sempre più chjaru, è chì sì in u prucedimentu di sviluppà una capienza di certi fundamenti, ma dinò in furia misteriosi fatti di a vita - è in particulare di voi.

U libru spiega u scopu di a vita. U scopu ùn hè micca solu di truvà a felicità, nè quì ind'u dà. Ùn hè micca per salvà a so anima. U veru scopu di a vita, u scopu chì soddisferà à tempu u sensu è a ragione, hè questu: chì ognunu di noi serà progressivamente cunsente in gradi sempre più alti di esse cunsenti; cioè, cunnoscendu a natura, è in e passate è fora di a natura. Per natura hè significatu tuttu ciò chì si pò esse cunsideratu per mezu di i sensi.

U libru vi presenta ancu à voi stessi. Vi porta u missaghju nantu à voi stessi: u vostru sé misteriosu chì abita u vostru corpu. Forse avete sempre identificatu se à e cum'è u vostru corpu; è quandu pruvate à pensà di sè, pensate à u vostru meccanismo corporeu. Cù a forza di l'usu avete parlatu di u vostru corpu cume “I”, cum'è “me”. Sì abituatu à aduprà espressioni tali chì «quandu aghju nascitu» è «quandu aghju a morte»; e "Aiu aghju vistu in u bicchjettu" è "aghju riposatu", "Mi aghju tuccatu", e sì in cumenciu hè u to corpu chì parli. Per capisce ciò chì sì, bisogna prima vede chjaramente a distinzione trà voi è u corpu in cui vivi. U fattu chì tu usassi u terminu "u mo corpu" cu è cù facilità cum'è una di quelli ghjustu citati, suggerisce chì ùn sia micca impregguitu. dà sta distinzione impurtante.

Dunque, sapete chì ùn sò micca u vostru corpu; sapete chì u vostru corpu ùn hè micca voi. Dunque, anu da cunnosce chì, quandu pensate, vi capite chì u vostru corpu hè assai diversu da ciò chì era quandu, quandu, in zitiddina, avete primu cunniscutu. Durante l'anni chì avete vissutu in u vostru corpu avete sapiutu chì era cambiatu: in u so passatu per a so zitella, l'adolescenza è a ghjovana, è in a so situazione presente, hà cambiatu assai. È chì ricunnisciete chì cum'è u vostru corpu hè maturatu ci sò stati cambiamenti graduali in a vostra vista di u mondu è di a vostra attitudine à a vita. Ma per tutte e cambiamenti ti restanu: cioè, avete statu cunniscitu di sè stessi cum'è u so sè, u identicu I, tuttu u mumentu. A vostra riflessione nantu à sta vera verità ti costringe à capiscia chì tù sicuru ùn sò micca e ùn ponu micca esse u vostru corpu; piuttostu, chì u vostru corpu hè un organismu fisicu chì vene; un muvimentu di a natura vivente chì tenete operatu; un animali chì state pruvendu à capisce, a furmà è à ammaestà.

Sapete chì u vostru corpu hè venutu in stu mondu; ma cumu si hè andatu in u vostru corpu ùn sapete micca. Ùn avete micca vinutu in essa finu qualchì tempu dopu ch'ella hè nata; un annu, forse, o parechji anni; ma di stu fattu sapete pocu o nunda, perchè a vostra memoria di u vostru corpu hè cuminciata solu dopu chì avete vintu in u vostru corpu. Sapete qualcosa nantu à u materiale chì u vostru corpu sempre cambiante hè compositu; ma ciò chì hè chì sì hè micca cunnosce; ùn sà ancu cunnisciuta cum'è ciò chì sì in u vostru corpu. Sapete u nome da u quale u vostru corpu hè distintu da i corpi di l'altri; è questu avete amparatu à pensà cum'è u to nome. Ciò chì hè impurtante hè, chì avete da cunnosce, micca chi hè voi cum'è una personalità, ma ciò chì si hè cum'è un individuale - cunsente di sè, ma ùn hè ancu cunnisciutu cum'è voi stessi, un'identità ininterrotta. Sapete chì u vostru corpu vive, è vi raghjuntate abbastanza chì morirà; perchè hè un fattu chì ogni corpu umanu vivu mori à u tempu. U vostru corpu avia un principiu, è hà una fine; e di u principiu à a fine hè subitu à e leggi di u mondu di i fenomeni, di cambiamentu, di tempu. Tuttavia, voi, ùn sò micca sottu u dirittu di e lege chì afectanu u vostru corpu. Benchì u vostru corpu cambia u materiale di u quale hè compositu spessu di quantu cambiate i costumi cù chì li vestite, a vostra identità ùn cambia micca. Sò sempre a stessa tu.

Cum'è voi riflette fatti su queste verità, truvate chì, quantunque putiate provà, ùn pudete micca pensà chì tù stessu daveru mai avutu a so chjama, nè di più ca pudete pensà chì avete avutu sempre un principiu. Hè perchè a vostra identità hè senza fine è infinita; u veru I, u Sutale chì sentite, hè immortale è immutible, per sempre oltre a portata di i fenomeni di u mutu, di u tempu, di a morte. Ma ciò chì questu a vostra identità misteriosa hè, ùn sapete.

Quandu vi dumandate: "Chì sà chì soi?" A presenza di a vostra identità vi farà finalmente rispondi in un qualche modu, cusì cum'è questa: "Qualunque cosa sia chì sò, sò chì sò chì sò cunoscutu; Sò cunnessu almenu di essendu cunniscitu. ”E continuendu da stu fattu pudete dì:“ Perchè sò coscente chì so. Ci sò cunvintu, ancu, chì sò I; è ùn sò micca l'altru. Sò cusciente chì sta mio identità chì aghju cusciente - stu I-ness di so distinzione è egoità chì mi sentu chjaramente - ùn cambia micca per tutta a mo vita, ancu se tuttu u restu di ciò chì aghju cusciente sembra esse in un statu di cambiamentu constante. »Da quellu passu pudete dì:« Ùn sapiu micca quantu sta misteriosu immutabile; ma sò cunnoscutu chì in stu corpu umanu, chì aghju cusciente in i me ghjornu di a vigilia, ci hè qualcosa chì hè cunsideratu; qualcosa chì si sente è desidera è pensa, ma chì ùn cambia micca; qualchì cosa cusciente chì vulè è impelle questu corpu à agisce, eppuru, ùn hè micca u corpu. Sicuru chì questu cosciente, qualunque cosa sia, hè me stessa. "

Dunque, pensendu, ghjunghjite à cundutà tù ùn serete micca più un corpu chì porti un nomu è certi altri aspetti distintivi, ma cum'è a soi cunsente in u corpu. U sé conscia di u corpu hè chjamatu, in stu libru, u facente di u corpu. U facente-in-u-corpu hè u sughjettu cù chì u libru hè in particulari interessatu. Hè per quessa chì vi truverà di aiutu, cume si leghje u libru, di pensà à voi stessi cum'è quellu chì faci sultà; guardà a voi cum'è un immubileio in un corpu umanu. Quandu apprendite à pensate à voi stessi per fatti, cum'è quellu chì agisce in u vostru corpu, duverete fà un passu impurtante versu a capisce u misteru di voi stessi è di l'altri.

Sapete cunnosce u vostru corpu, è di tuttu l'altri chì sò di a natura, per mezu di i sensi. Ùn hè per mezu di u vostru sensu di u vostru corpu chì pudete bisognu di funziunà in u mondu fisicu. Avete funzione da pensà. U vostru pensamentu hè motivatu da u vostru sensu è u vostru desideriu. U vostru sensu è desideriu è u pensamentu manifestamente manifestu in l'attività corporee; l'attività fisica hè solu l'espressione, l'esternalisazione, a vostra attività interna. U vostru corpu cù i so sensi hè u strumentu, u meccanisimu, chì hè impulsatu da u vostru sensu è di u desideru; hè a vostra macchina individuale di natura.

I vostri sensi sò esseri vivi; unità invisibili di natura-materia; queste forze iniziali chì impadanu tutta a struttura di u vostru corpu; si sò e entità chì, ancu s'ellu ùn anu intelligenti, sò cunsenti cum'è e funzioni. I vostri sensi servenu cum'è i centri, i trasmittenti di impressioni trà l'oggetti di a natura è a macchina umana chì vo operate. I sensi sò ambasciatori di a natura à a vostra corte. U vostru corpu è i so sensi ùn anu micca pudere di u funziunamentu volontariu; Ùn hè micca solu u vostru guantone per mezu à chì pudete sente è agisce. Invece, chì putere hè voi, l'operatore, u sé cunoscente, u travagliu incarnatu.

Senza u vostru, u facente, a macchina ùn pò spiccà nunda. L'attività involontaria di u vostru corpu - u travagliu di custrutivu, manutenzioni, riparazione di u tessutu, e sìmpenu - sò purtati automaticamente da a macchina spira individuale quandu funziula per e in cunfrontu à a macchina di a natura grande di cambiamentu. Stu travagliu di rutina di a natura in u vostru corpu hè in permanenza interferitu cun, pè, u vostru pensamentu squiliatu è irregulare: u travagliu hè in maritu è ​​nullificatu à u puntu in u vostru causatu destittivu è sbilanciale tensione corporee, permittendu i vostri sentimenti è desideri d'agisce senza u vostru cuntrollu consapevente. Dunque, per chì a natura puderia esse permessa à reconditivu a vostra macchina senza l'interferenza di i vostri pensieri è emozioni, hè previsto chì daverete periodicu di lascià; a natura in u vostru corpu fornisce chì u ligame chì vi tiene è i sensi assemi hè à volte rilassatu, in parte o tuttu. Stu rilassamentu o lassà u sensu hè di dorme.

Mentre u vostru corpu dorme ùn hè micca in contatto cun in un certu sensu sì sbandiereste. Ma ogni volta chì vi sveglite u vostru corpu hè subitu cunsideratu di esse u so "I" chì sò stati prima chì avete lasciatu u vostru corpu in sonno. U vostru corpu, sì sveghje o addivintatu, ùn hè micca cunsente di niente. Ciò chì hè cunsenti, quellu chì pensa, sì tù sì, u agente chì hè in u vostru corpu. Questu diventa apparente quandu considerate chì ùn pensate micca mentre u vostru corpu dorme; almenu, se pensate chì durante u periodu di sonnu ùn sapete micca o ricurdate, quandu vi risuscite u sensu di u vostru corpu, ciò chì avete pensatu.

U sonniu hè profunu o sognu. U sonnu profunu hè u statu in u quale voi vi ritirate in voi stessi, è in chì sì scappatu di i sensi; hè u statu in u quali i sensi anu smettendu di funziunà cum'è u risultatu d'essiri staccatu da u putere cù u quali funziunanu, chì putenza sì, u facente. U sognu hè u statu di u distacco parziale; u statu in u quali i vostri sensi sò trasformati da l'oggetti exteriori di a natura à funziunezzi interiore in natura, agiscia in relazione à i sughjetti di l'oggetti chì si percepenu durante a veglia. Quandu, dopu à un periodu di sonnu profondo, rientri in u vostru corpu, vi sveglite subitu i sensi è cuminciate à funziunà per mezu di elli di novu cume l'operatore intelligente di a vostra macchina, pensendu, parlà, è cum'è u sentimentu. desideriu chì sì. È da u cunsigliu di a vita avete immediatamente identificatu a persona cume è cù u vostru corpu: "sò statu dormutu", dici. "Oghju sò svegliu."

Ma in u vostru corpu è fora di u vostru corpu, alternativamente sveglii è dormendu ogni ghjornu ghjornu; attraversu a vita è cù a morte, è in l'stati dopu a morte; è di a vita à a vita cù e tutte e vostre vite - a vostra identità è u vostru sensu di identità perseveranu. A vostra identità hè una cosa assai vera, è sempre una presenza cun voi; ma hè un mistero chì l'insignu di unu ùn pò capisce. Benchì ùn pudete micca esse arristatu da i sensi sò ancu cunnisciutu di a so presenza. Tu sò cunniscitu di u sensu; avete un sensu di identità; un sentimentu di I-ness, di selfness; sentite, senza dubbiu nè racionalizendu, chì sì un so identicu distintu chì persista in a vita.

Stu sensu di a presenza di a to identità hè cusì definitiu chì ùn pudete micca pensà chì u vostru corpu puderia mai esse qualsiasi altra di tu; sapete chì sì sì sempre u mo stesso, continuamente u stissu sé, u mo agente. Quandu si mette u vostru corpu per riposà è dorme ùn pudete micca pensà chì a vostra identità vene fine à u vostru rilassamentu nantu à u vostru corpu è lasciu andà; speranu assai chì quandu si divintarà cunnisciutu in u vostru corpu è cumincià un novu ghjornu di attività in ellu, sarete sempre u stessi, u stissu sé, u facente di mo stesso.

Comu cù u sonnu, cusì cù a morte. A morte hè solu un sonnu prolungatu, una pensione tempuranea da stu mondu umanu. Se à u mumentu di a morte vo sì cunservatu di u vostru sensu di I-ness, di selfness, sarete cumpressione altru chì u lungu sonnu di a morte ùn influenzerà micca a continuità di a to identità di più chì u vostru dormitu notturnu ne affetta . Vi sentirerete chì, in u futuru scunnisciutu, andate perse, ancu voi chì avete cuntinuatu ogni ghjornu à ghjornu in a vita chì hè ghjustu finendu. Stu Speranza, questu tu, chì hè cunsenti per tutta a vostra vita presente, hè u stissu sé, u stessi, chì era simu cunsenti di cuntinuà ogni ghjornu à ghjornu cù ognunu di e vostre vite precedenti.

Benchì u vostru passatu passatu sia un misteru avà, i to vivi precedenti nantu à a terra ùn sò micca meravigliose ch'è sta vita presente. Ogni ghjornu ci hè u misteru di ritornu in u vostru corpu di sonnu da voi-fate-micca-cunnosce-u-furmatu, cunducendu in u vostru-per-nun-micca-sapè-e, è diventà torna cuscienti di u mondu di a nascita è morte è tempu. Ma questu hà fattu spessu, hè stata tantu naturali, chì ùn sembra micca esse un misteru; hè un avvenimentu cumuditu. Eppuru ùn hè nant'à u differente chè a prassi tramindui chì, quandu, à l'iniziu di ogni rinascimentazione, entri in un novu corpu furmatu per voi da a natura, furmatu è fattu prontu da i vostri parenti o tutori cum'è u vostru novu a residenza in u mondu, una nova maschera cum'è una personalità.

A personalità hè a persona, maschera, da chì l'attore, u facente, parla. Hè per quessa più di u corpu. Per esse una personalità u corpu umanu deve esse svegliatu per a prisenza di u facente in questu. In u dramma sempre cambiante di a vita l'agente assunisce è si porti una personalità, è attraverso quellu agisce è si parla cume si usa. Come una personalità, u facente pensa di sè cum'è a personalità; cioè, u masquerader pensa di sè cum'è a parte chì riproduce, è hè u svilente di se soi cum'è a soia immortale cusciente in a maschera.

Hè necessariu capisce nantu à a rilassamentu è u destinu; altrimenti hè impussibile spiegà e differenze in a natura umana è u caratteru. Affirmà chì e disuguaglianze di nascita è di posta, di ricchezza è di povertà, di salute è di malatie, risultanu da incidenti o di prublemi hè un affruntu à a legge è a ghjustizia. Inoltre, per attribuisce l'intelligenza, u geniu, l'inventiva, i rigali, i facultà, i puteri, a virtù; chì, ignoranza, inettitudine, debundezza, pigrizia, vizio, è a grandezza o a piccolezza di u caratteru in questu, chì sò di l'eredità fisica, hè opposta à u sensu sonore è a ragione. L'eretà hà a cunnessione cù u corpu; ma u carattere hè fattu da u so pensamentu. U dirittu è a ghjustizia dicenu stu mondu di a nascita è di a morte, altrimenti ùn puderia micca cuntene in i so corsi è a legge è a ghjustizia prevalenu in affari umane. Ma l'effettu ùn seguita micca sempre immediatamente a causa. A semina ùn hè micca subitu seguita da a racolta. Hè dinò, i risultati di un attu o di un pensamentu ùn puderanu micca apparire finchè dopu un lungu tempu interveniente. Ùn pudemu micca vede ciò chì accade trà u penseru è l'attu è i so risultati, mancu ùn pudemu vede ciò chì accade in a terra trà u tempu di semina è a racolta; ma ogni soi in un corpu umanu rende a so propria legge cum'è destinu pè ciò ch'ellu pensa è ciò chì fà, ancu s'ellu ùn pò cuscere cunnosce quandu si sta prescrivendu a lege; è ùn cunnosce micca quandu a ricetta sarà pienu, cum'è destinu, in presente o in una vita futura nantu à a terra.

Un ghjornu è una vita sò essenzialmente uguale; sò i periodi ricorrenti di una existenza continua in a quale u facente scopre u so destinu è equilibra u so account umanu cù a vita. A notte è a morte, ancu, sò assai simile: quandu si fighia per lascià u vostru corpu di riposu è dorme, passa passendu una esperienza assai simile à quellu chì traversi quandu si lascia u corpu à a morte. In più, i so sogni notturni sò paragunati cù i stati post-morte chì travagliavuli regolarmente: entrambe è fasi d'attività soggettiva di u facente; in entrambi vi vivi cù i vostri pensieri è l'azione, mentre i sensi sò sempre funziunati in natura, ma in i stati interiori di a natura. È u periodu notturnu di u sonnu furestu, quandu i sensi ùn anu micca funziunari - u statu di dimenticazione in cui ùn ci hè micca memoria di qualcosa - risponde à u periodu in lignu in chì aspettate à a soglia di u mondu fisicu finu à u mumentu cunnesse cù i vostri sensi in un novu corpu di carne: u corpu infantile o u corpu di zitellu chì hè statu fattu per voi.

Quandu si principia una nova vita tu sì cunservatu, cum'è in una bruma. Sentite chì sì un serviziu distinto è definitu. Stu sentimentu di I-nessu o di a selfness hè probabilmente l'unica cosa vera di a quale vo site cunsenti per un bellu tempu. Tuttu l'altru hè misteru. Per un tempu sì scurdatu, forse ancu angosciatu, da u vostru corpu novu stranu è di i vostri ambienti sconosciuti. Ma mentre apprendite à operà u vostru corpu è aduprà i so sensi ti tendenu à pocu à pocu à identificassi cun ellu. Sò ancu furmati da altri abitanti per sentite chì u vostru corpu hè ellu; si sò fatti per sentite chì sì u corpu.

Di conseguenza, cume venite sempre di più in u cuntrollu di u sensu di u vostru corpu, vi diventeti sempre di menu sapè chì sò un qualcosa distintu di u corpu chì occupi. È cume si cresce in zitellina, perdi u contactu cù praticamente tuttu ciò chì ùn hè micca perceptibile per i sensi, o concepibile in termini di sensi; sarete mentalmente incarcerati in u mondu fisicu, cunsente solu di fenomeni, d'illusione. Sottu a tali condizioni, si hè necessariu un misteru per a vita per voi stessi.

Un misteru più grande hè u vostru veru Sità - chì Sé più grande chì ùn hè micca in u vostru corpu; micca in o di stu mondu di nascita è di morte; ma chì, cunservosamente immortali in u Regnu di a Permanenza tuttu, hè una presenza cun voi per tutte e vostre vite, attraversu tutti i vostri interludi di sonnu è di a morte.

A ricerca di l'omu per a vita chì serve per soddisfà hè in realtà a ricerca di u so veru Sò; l'identità, a selfness è I-ness, chì ognunu hè sfly consciente di, è senta è desidera sapè. Perciò u Sò vera hè di esse identificatu cum'è autocoscienza, u scopu reale ancu micca ricunnisciutu di a ricerca umana. Hè a permanenza, a perfezzione, a cumpetizione, chì hè cercata, ma ùn hè mai trovu in relazioni umane è in sforzu. In più, u Sò vera hè u cunsigliu è ghjudizia sempre presente chì parla in coru cum'è a coscienza è u serviziu, cum'è rettità è ragione, cum'è legge è ghjustizia - senza a quale l'omu sarebbe pocu più di un animali.

Ci hè un tali Speru. Hè di u Sente Triunu, in stu libru cusì chjamatu perchè hè una unità indivisibile di una trinità individuale: di una parte di cunniscitore, di una parte di pensatore, è di una parte di facente. Solu una porzione di a parte di quellu fariseu pò entrà in u corpu animali è fà chì u corpu umanu. A parte incarnata hè ciò chì si chjama quì u facitore in u corpu. In ogni esseri umani, a vene per incarnazione hè una parte inseparabile di u so Solu Triunità, chì hè una unità distinta in mezu à l'altri selve Triune. E parti ronde di cunnusciu di ogni Sente Triunu sò in l'Eternu, u Regnu di a Permanenza, chì travaglia questu u nostru mondu umanu di nascita, di morte è di tempu. U facente-in-u-corpu hè controllatu da i sensi è da u corpu; per quessa, ùn hè micca capaci di esse cosciente di a realtà di un pensatore sempre presente è di e parti sapienti di u so Sé Triunu. A manca di elli; L'ughjetti di i sensi u cecjanu, e bobine di carne antenenu. Ùn vede micca oltre a forme oggettive; hà paura di liberarsi da i bobini carnali, è stà solu. Quandu u cumpagnu esecutivu si rivela dispostu è prontu per dispelle u glamour di l'illusioni di u sensu, u so pensatore è sapienti sò sempre pronti à dà à Ghjesù Luce nantu à a strada di a Coscienza di Sua. Ma a vignetta incarnata in cerca di u pensatore è di cunniscitore si guarda fora. L'identità, o u veru Sì, hè sempre stata un misteru per l'essere umanu pensante in ogni civiltà.

Platone, prubabilmente u più prestigioso è u rapprisentante di i filòsofi di a Grecia, adupratu cum'è un preceptu per i so seguienti in a so scola di filosofia, l'Accademia: "Cuntà tù sì" - a sguenza dignoti. Da i so scritti parrà chì avia una capezzione di u veru Sò, ancu chì nisunu di e parune ch'ellu hà usatu ne sia statu fattu in Inglese cum'è niente di più adeguatu di "l'anima". Platone utilizò un metudatore d'investigazioni riguardu à a ricerca di u Sò vera. Ci hè una grande arte in u sfruttamentu di i so caratteri; in producendu i so effetti drammatici. U so metudiziu di a dialettica hè simplici è profonda. U lettore cunnisciutu, chì preferisce esse amparatu di amparà chì, Platone penserà à Platone fastidiosi. Stà u so metudiziu dialetticu hè di furmà a mente, di esse capace di seguità un corsu di raghjunamentu, è di ùn esse micca u dimentu di e dumande è risposte in u dialogu; aghju ùn si puderebbe ghjudicà e conclusioni truvate in l'argumentazione. Di sicuru, Platone ùn hà prughjettatu di presentà l'apprendente cun una massa di cunniscenza. Hè più prubabile chì hà intattu à disciplina la mente in pensà, cusì chì, cù a so propria pensazione, iddu hè illuminatu è portatu à a cunniscenza di u so sughjettu. Quellu, u metudu Socràticu, hè un sistema dialitticu di questioni intelligenti è risposte chì, dopu, aiutanu certamente à imparà à pensà; è in a furmazione di a mente per pensà chiaramente à Platone hà fattu più di qualunque altra prufetta. Ma ùn ci sò micca scritte quì, chì dite chì ciò chì pensa hè, o ciò chì anzi hè; o ciò chì hè u veru Sule è a via di a cunniscenza di a so. Un ci vole à guardà di più.

L'antica insegnamentu di l'India hè riassuntu in a dichjarazione criptica: "chì sì tu" (tat tvam asi). L'insegnamentu ùn chiarisce chjaramente chì ciò chì hè "quellu" hè o ciò chì hè "tu" hè; o in chì modu sò "chì" è u "tu" sò relativi, o cume sò da identificà. Eppuru, si sò avete bisognu di spiegà esse in e termini chì sò comprensibili. A sostanza di tutta a filosofia indiana - di prendere una visione generale di e scole principali - sembra chì in l'omu ci hè un qualcosa immortale chì hè è hè sempre stata una parte individuale di un qualcosa compositu o universale, tantu cum'è una goccia di mare L'acqua hè una parte di l'oceanu, o cum'è una scintilla hè unu cù a fiamma in cui hà a so origine è esse; e, ancu di più, chì questu individuale qualcosa, questu fattore assai incaritu - o, cume si chjama in e scole principali, l'umanu, o u purusha, - hè separatu da qualcosa universale solu cù u vellu di l'illusione di u sensu, maya, chì induce u facente in l'umanu à pensà à sè stessa separata è cum'è individuale; mentre, i docenti dichiarano, ùn ci hè micca individuazione fora di u grande qualcosa universale, chjamatu Brahman.

L'insegnamentu hè, ancu di più, chì i frammenti incarnati di u Brahman universale sò tutti assoggeti à l'esistenza umana è a sofferenza coincidente, incosciente di a so supposta identità cù u Brahman universale; cunnessu à a ruota di nascite è morti è rinasceghje in natura, finu, dopu longhe seculi, tutti i frammenti saranu gradualmente riuniti in u Brahman universale. A causa o a necessità o l'opportunità di Brahman di passà per sta pratica dilicata è dolorosa cum'è fragmenti o gocce ùn hè micca spiegata. Ùn hè micca mostratu chì u Brahman universale presumibile perfettu hè o pò esse beneficu di lu; o cume qualchi i so frammenti beneficenu; o cum'è a natura benefica. Tutta a existenza umana puderia sembra esse una prova inutile senza puntu o raghjuntu.

Tuttavia, hè indicatu un modu chì una persona curretta accertata, circà di l'isolamentu, o "liberazione" da a schiavitudine mentale attuale à a natura, pò da sforzu eroicu staccà da a messa, o l'illusione di a natura, è cuntinuà davanti à u generale fuga da a natura. A libertà hè à esse ottenuta, si dice, cù a pratica di u yoga; per via di u yoga, si dice, u pensamentu pò esse cusì disciplinatu chì l'atman, u purusha - a parte incaricata di u travagliu - impara a sopprimà o distrughje i so sentimenti è i so brami, è dissipa i illusioni di u sensu in cui u so pensamentu hè stata stallata; essendu liberatu da a necessità di una maghjine esistenza umana, hè rassorbitu in u Brahman universale.

In tuttu ciò ci sò tracce di verità, è dunque di assai bè. U yogu impara infatti à cuntrullà u so corpu è à disciplina i so sentimenti è i so brami. Puderà imparà à cuntrullà i so sensi finu di fà capisce, à piacè, i stati di a materia interiore à quelli ordinariamente percepiti da i sensi umani inesperiti, è pò esse cullè per esplorà è cunnoscà stà in natura chì sò misteri per a maggior parte di l'omi. Puderia ancu più à ghjunghje à un altru gradu di padrona nantu à certe forze di a natura. Tuttu quessa, senza dubbiu, mette l'individuu à u paru di a grande massa di impurtanti indisciplinati. Ma ancu se u sistema di yoga pretende di "liberà", o "isolà", u Sperimentu incaritu da e illusioni di i sensi, sembra chiaru chì in realtà ùn porta mai più unu in i limiti di a natura. Questu hè chiaramente à causa di un incomprensioni riguardu à a mente.

A mente chì hè furmata in u yoga hè a sensazione di u sensu, u intellettu. Hè questu strumentu specializatu di quellu chì agiscia chì hè descrittu in e pagine successive cum'è u corpu-mente, quì distingui da dui altri menti ancu ùn sò distinti: i menti di u sentimentu è u voglia di quellu chì agisce. U corpu-mente hè u solu mezu à mezu chì a facente persunalizata pò funzi trà i so sensi. U funziunamentu di u corpu-mente hè limitu strettamente à i sensi, è cusì strettamente à a natura. Tramite l'umanu hè cunsente di l'universu in u so aspettu fenomenicu solu: u mondu di u tempu, di l'illusioni. Dunque, ancu u discepulu aghjusta u so intellettu, hè nant'à u tempu chì evidenzia ch'ellu hè sempre dipindutu da i so sensi, ancu impigliatu in a natura, micca liberatu da a necessità di cuntentu di esse esistenti in i corpi umani. In breve, tuttavia adeptu un faciule pò esse cum'è l'operatore di a so macchina di corpu, ùn pò isolà o liberà a natura, ùn pò truvà cunnoscenza di seia o di u so Sé veru, pensendu cù a so mente-corpu; per chì tali sughjetti sò sempre misteri per l'intelletto, è ponu esse capitu solu cù u funziunamentu currettamente coordinatu di u corpu-mente cù a menti di u sentimentu è di u desideru.

Ùn pare micca chì e menti di u sentimentu è di u desideriu siano stati presi in considerazione in i sistemi di pensamentu d'Orienti. L'evidenza di stu scopu si trova in i quattru libri di l'Aphorisms di Yoga di Patanjali, è in i vari commentarii nantu à quellu travagliu antichi. Patanjali è probabilmente u più stimatu è rapprisentante di i filòsofi indiani. I so scritti sò profondi. Ma sembra prubabile chì a so vera insegnamentu sia stata persa o tenuta segreta; per i sutra deliziosamente sottili chì portanu u so nome puderianu esse frustrati o rendenu impossibile u scopu di perchè sò spustamenti intesi. Cumu un paradossu tali pudere persisterà senza dubbiu à traversu i seculi hè spiegatu solu à a luce di ciò chì si propone in questu è in i capituli successivi riguardu à u sentimentu è u desideru in l'umanu.

L'insegnamentu orientale, cum'è l'altre filosofie, si preoccupa di u misteru di u self consciente in u corpu umanu, è di u misteru di a relazione tra quellu sì è u so corpu, a natura è l'universu cum'è u generu. Ma i maestri indiani ùn mostranu micca chì cunnoscenu ciò chì questu a so autoscia-u atman, u purusha, u travagliu incarnatu - hè, cum'è distinta da a natura: ùn ci hè nè una distinzione chiara tra u facente in u corpu è u corpu chì hè di a natura. U fallimentu di vede o di svelà sta distinzione hè evidentemente à causa di u sbagliu universale o di l'incomprensione di u sentimentu è di u desideru. Hè necessariu chì u sensu è u desideru esse spieghjate à stu puntu.

A cunsiderazione di u sensu è di u desideriu introduce una di e materii più impurtanti è di gran portu sposti in stu libru. U so significatu è u so valori ùn pò esse stimate. A capezzione è l'usu di u sensu è di u desideriu pò significà u puntu di virata di u prugressu di l'individuu è di l'Umanità; pò liberà i facenti di penseru falsu, cuncezione falsa, scopi falsi, da u quali si sò tenuti in tenebra. Abbatisce una cuntrastu falsu chì hè accettatu dapoi à pienu; una credenza chì hè adesso cusì ancu radicata in u penseru di l'omu chì, apparentemente, nimu anu pensatu di metandosi in dumande.

Hè questu: Tutti si sò insegnati à crede chì i sensi di u corpu sò in cinque numeri, è chì u sensu hè unu di i sensi. I sensi, cum'è dichjaratu in stu libru, sò unità di a natura, essenti elementari, cunsenti cum'è e funzioni ma senza intelligent. Ci sò solu quattru sensi: a vista, l'uditu, u gustu è l'odore; è per ogni sensu ci hè un organu speciale; ma ùn ci hè nè un organu speciale per u sensu perchè u sensu - ancu chì si senti à traversu u corpu - ùn sia micca di u corpu, micca di a natura. Hè unu di i dui aspetti di l'applicatore. L'animali anu puru u sensu è u desideru, ma l'animali sò modifiche da l'umanu, cum'è spiegatu dopu.

U listinu deve esse dittatu di u desideriu, l'altru aspettu di u facente. U sentimentu è u desideru duve esse sempre cunsiderati assai, perchè sò inseparabili; ù ne pò esiste senza l'altru; sò cum'è i dui poli di un correntu elettricu, i dui lati di una moneta. Perciò questu libru utilizza u terminu cumpressu: sentimentu è desideriu.

U sentimentu è u desideru di u facente hè a putenza intelligente cù a quale a natura è i sensi sò mossi. Hè ind'è l'energia creativa chì si trova in ogni locu; senza chì a vita cessa. U sentimentu è u desideru hè l'arti creatrice senza fine è infinitu per cui tutte e cose sò percepite, concepule, furmatu, generatu, è cuntrullate, sia cù l'agenzia di i facenti in i corpi umani o di quelli chì sò di u Guvernu di u mondu, o di i grandi Intelligenze. U sensu è u desideriu hè in tutte e attività intelligenti.

In u corpu umanu, u sensu-u-desideru hè u putere cuscienti chì opereghja sta macchina individuale di natura. Nun nè unu di i quattru sensi - si sente. Sentimentu, l'aspettu passivu di u facente, hè quellu in u corpu chì si sente, chì sentia u corpu è sentia l'impressioni trasmesse à u corpu da i quattru sensi, cum'è sensazioni. Puru, pò in vari gradi pò sentisce impressioni supersensoriale, cume un umore, un'atmosfera, un premonition; si pò sentite ciò chì hè ghjustu è ciò chì hè sbagghiatu, è pò sentite l'avvertenze di a coscienza. U Desideru, l'aspettu attivu, hè u putere cunsenti chì sposta u corpu in a messa in opera di u scopu di u fatturore. L'agenti di u funziunamentu simultaneamente in ambedu i so aspetti: cusì ogni desideriu deriva da un sensu, è ogni sensu dà nascita à un desideru.

Fighjerete un passu impurtante in u modu di a cunniscenza di l'ego consapevente in u corpu quandu penserete à voi stessi cum'è u sensu intelligente presente trà u vostru sistema nervosu volontariu, cum'è distinta di u corpu chì pignoli, è simultaneamente cum'è putenza cunsente di brama crescendu in u vostru sangue, eppuru chì ùn hè micca u sangue. U sentimentu è u desideriu devenu sintesi i quattru sensi. Una comprensione di u locu è di a funzione di u sentimentu è u desideru hè u puntu di partenza da e credenze chì, per parechje seculi, hannu fattu à i fattori di l'omu di pensà à sè solu cum'è un mortali. Cù sta comprensione di u sensu-u-desideriu in l'umanu, a filosofia di l'India pò esse oghji cuntata cù novu apprezzamentu.

L'insegnamentu orientale ricunnosce u fattu chì, per ghjunghje à a cunniscenza di l'ego consapevente in u corpu, unu deve esse liberatu da l'illusioni di i sensi, è da u penseru falsu è l'azione chì deriva da a mancanza di cuntrullà i so proprii sentimenti è desideri. . Ma ùn trascende nè l'errore universale chì u sensu hè unu di i sensi di u corpu. À u cuntrariu, i maestri dicenu chì u toccu o u sensu hè un quintu sensu; stu desideriu hè ancu di u corpu; è chì sia u sensu è u desideru sò cose di a natura in u corpu. À sente à sta ipotesi si hè argustatu chì a purusha, o atman - a viciatrice incarnata, u sentimentu-è-desideru - anu supprimà cumplettamente u sentimentu, è deve distrughjaru in tuttu, "uccidendu", u desideriu.

À a luce di ciò chì hè statu dimustratu quì à u sensu di u sensu-u-desideru, si pò pensà chì l'insegnamentu di l'Oriente cunsiglià l'impossibile. U Speramentu immortale indistruttibile in u corpu ùn pò distruggervi sè. Se fussi pussibule per u corpu umanu di cuntivà senza a sensazione-u-desideru, u corpu hè un mitu meccanulu di respirazione insensibili.

A micca u so incomprensione di sentimentu-è-desideru, i maestri indiani ùn dighjanu alcuna prova di avè una cunniscenza o di capisce u Sente Triunu. In a dichjarazione senza spiegazione: "Sì questu", deve esse deduttu chì u "tu" chì hè indirizzatu hè l'atman, u purusha - l'individualu individuale incaritu; è chì u "chì" cun chì a "tu" hè così identificata hè u sé universale, Brahman. Ùn ci hè distinzione trà u facente è u so corpu; e dinò ci hè un fallimentu currisitu di distinguere trà u Brahman universale è a natura universale. Attraversu a dottrina di un Brahman universale cume a sorgente è a fine di tutti i soi individui incarnati, milioni d'impietri inutili sò stati tenuti in ignoranza di i soi selvari veri; è ancu ghjunghjenu aspettà, ancu à aspirazione, perde in u Brahman universale ciò chì hè a cosa più preziosa chì qualcunu pò avè: a vera identità di unu, a so individuale grande Sire, à mezu à l'altru Itei immortali.

Ancu s'ellu hè chiaru chì a filosofia orientale tende à tene u facente attaccatu à a natura, è in l'ignoranza di u so Sé veru, mi pari à a logica è improbabile chì sti insegnamenti anu pò esse concepiti in ignoranza; chì pudenu esse perpetuate cù l'intenzione di tene a ghjente da a verità, e cusì in a sottusione. Piuttostu, hè assai probabile chì e forme esistenti, quantunque antiche anu esse, sò solu i resti vestigiali di un sistema assai più vechju chì avianu discendutu da una civilisazione sparita è quasi scurdata: un insegnamentu chì forse era veramente illuminante; tale cuncevule ricunnisciutu u sensu-u-desideriu cum'è u doeru immortale di u corpu; chì hà mostratu à quellu fà u modu a cunniscenza di u so propriu Sé vera. E caratteristiche generale di e forme esistenti anu da esse cusì prassi; è chì in u corso di l'etati, l'insegnamentu originariu si pone impercettibilmente à a duttrina di un Brahman universale è di e dottrine paradossali chì puderanu smarrà u sentimentu immortale -e-voglia di qualcosa di censurabile.

Ci hè un tesoro chì ùn hè micca cumpletamente nascosto: U Bhagavad Gita, u più prezioso di i gioielli in India. Hè a perla di l'India al di là di u prezzu. E verità impartite da Krishna à Arjuna sò sublime, bellu è sempri. Ma a tappa di u periodu storicu in cui u dramma hè messu in scena, è l'antichi dottrine vediche induve e so verità sò velate è circate, anu troppu difficiule per capisce ciò chì sò i caratteri Krishna è Arjuna; cumu sò relativi l'unu à l'altru; ciò chì l'uffiziu di ognunu hè à l'altru, in o fora di u corpu. L'insegnamentu in sti rigali giustamente venerati hè pieno di significatu è pò esse di grande valore. Ma hè tantu mescolatu è oscudu da a teologia arcaica è da e dottrine di a Scrittura chì a so significanza hè guasi cumpletamente nascosta, è u so valore reale hè per quessa deprecatu.

A causa di a mancanza generale di chiarezza in a filosofia orientale, è u fattu ch'è sembra esse contraddittoria cume una guida per a cunniscenza di sè stessi in u corpu è di u so Sé vera, l'antichi insegnamenti di l'India parenu esse dubbiosi è nè affidabile. . Unu torna à l'Occidentu.

Cuncettu à u Cristianesimu: L'urigine attuale è a storia di a Cristianità sò oscure. Una vasta letteratura hà cresce di seculi di sforzu per spieghjà ciò chì sò l'insegnamenti, o ciò chì anu vulsutu esse. Da i tempi più antichi ci hè stata molta insegnamentu di doctrina; ma ùn ci sò micca scritte chì mostranu una cunniscenza di ciò chì era in realtà destinatu è insegnatu in u principiu.

I paraboli è e dichjarazioni in I Evangelii sò evidenti di a grandezza, di a simplicità è di a verità. Eppuru, ancu quelli à chì hè statu piazzatu primu u mumentu, sembranu micca esse capitu. I libri sò diretti, micca intenzionati à fuoriente; ma à u listessu tempu dichiaranu chì ci hè un significatu interiore chì hè per l'eletti; un insegnamentu secretu destinatu micca per tutti, ma per «quellu chì crede». Di sicuru, i libri sò pieni di misteri; è deve esse suppurtatu chì si mantene un insegnamentu chì era cunnisciutu da un pocu iniziu. U Padre, u Figliolu, u Spìritu Santu: quessi sò misteri. I misteri, ancu, sò l'Immaculata Concezione è a nascita è a vita di Ghjesù; è dinò a crocifissione, a morte è a risurrezione. I misteri, indubbiamente, sò i celi è l'infernu, è u diavulu è u Regnu di Diu; perchè ùn hè micca praticabile chì sti sughjetti sò stati cunsultati per esse capiti in termini di sensi, anziché di simboli. In più, in tutti i libri ci sò frasi è termini chì chiaramente ùn sò micca esse presi troppu littirale, ma in un sensu misticu; è ancu altri pudianu avè significanza solu à i gruppi selezziunati. In più, ùn hè micca basatu à suppurtà chì e parabole è i miraculi anu pussutu esse cume verità letterali. I misteri in tuttu - ma in nisunu postu sò i misteri rivelati. Chì hè tuttu u misteru?

U scopu evidenti di i Vangeli hè di insegnà a comprensione è a vita di una vita interiore; una vita interiore chì rigenera u corpu umanu è riesce dunque a morte, riprisenta u corpu fisicu in a vita eterna, u statu da u quali si dice chì hè cadutu, a so "caduta" hè "u peccatu originariu". sò stati un sistema definitu di insegnamentu chì spieghjenu cume si puderà vivere una vita interiore: cume si puderebbe, per ciò chì facia, cù a cunniscenza di a so vera vera. L'esistenza di tale insegnamentu secretu hè suggeritu in i scritti cristiani di prima storia da riferimenti à segreti è misteri. D'altronde, mi pari ovvio chì e parabole sò e allegorie, parechje: storie simpatiche è figure di discursu, servendu da veiculi per trasmette solu esempi morali è insegnamenti etichi, ma certi verità interiore, etere cum'è parti di un sistema definitu di insegnamentu. Tuttavia, i Vangeli, cum'è esistenu oghje, mancanu e cunnessioni chì avianu a necessità per formulà un sistema; ciò chì hè caditu in noi ùn basta micca. E, in quantu i misterii in cui tali insegnamenti eranu ammultati, ùn ci hè micca stata data a chiave cunnoscuta o codice cù u quali pudemu sbloccà o spiegà.

L'esigente di u più prestu è definitivu di e prime duttrine chì sapemu hè Paolo. E parolle chì adupratu sò state pruvate à mette in luce u so significatu à quelli chì eranu indirizzati; ma adesso i so scritti sò bisognu à esse interpretati da u ghjornu attuale. "A Prima Epistola di Paul à i Corinzi", u XV capitulu, alludi è richiama certi insegnamenti; certi istruzioni definiti in u casu di a vita di una vita interiore. Ma ci vole à suppurtà chì sti insegnamenti ùn eranu micca micca impegnati à scrive - ciò chì puderia divintà comprensibile; altrimenti sò stati perduti o sò stati lasciati fora di e scritte chì sò scenduti. À tutti i eventi, "The Way" ùn hè micca mostratu.

Perchè eranu e verità datu in forma di misteri? A ragione puderia esse stata chì e leggi di u periodu proibissanu a diffusione di nuove duttrine. A circolazione di un insegnamentu stranu o una duttrina pudia esse stata punita di a morte. In verità, a legenda hè chì Cristu soffre a morte per crucifixione per u so insegnamentu di a verità è di u caminu è a vita.

Ma oggi, si dice, ci hè a libertà di discursu: si pò dichiarà senza timore à a morte ciò chì si crede in i misteri di a vita. Ciò chì qualcunu pensa o sà nantu à a costituzione è u funziunamentu di u corpu umanu è di u sìcu cunoscente chì abita, a verità o l'opinioni chì unu pò avè riguardu a relazione tra u sé incaricatu è u so Sé reale, è riguardante u modu di a cunniscenza Queste ùn anu micca esse nascoste, oghje, in parè di misteru chì necessitanu una chjave o un còdice per a so intelligenza. In i tempi moderni tutti i "suggerimenti" è "persiane", tutti i "secreti" è "l'iniziazioni", in una lingua specifica di misteru, devianu esse prova di ignoranza, egotismu o mercatuismu sordide.

Nantu à l'errori è e divisioni è u sectarismu; è micca una grande varietà di interpretazioni di e so duttrine mistiche, u Cristianesimu si sparghje in tutte e parti di u mondu. Forse più chè ogni altra fede, i so insegnamenti anu aiutatu à cambià u mondu. Ci vole à avè verità in l'insegnamenti, per quessa esse si pò nascosta chì, per quasi duie mila anni, anu truvatu in i cori umani è hà svegliatu l'Umanità in i so.
I verità sempri sono inerenti à l'umanità, in l'umanità chì hè a tuttu di tutti i fattori in i corpi umani. Queste verità ùn ponu micca esse suppressu o cumpletamente dimenticate. In qualchì età, in qualunque filosofia o fede, e verità compareranu è riappareranu, qualunque sia a so forma cambiante.

Una forma in cui certi di sti verità sò ghjustate hè a Massoneria. L'ordine massonicu hè ancu quantu a razza umana. Hà insegnamenti di grande valore; di gran lunga più grande, in realtà, di quellu apprezzatu da i Muratori chì sò i so custitori. L'ordine hà conservatu pezzi antichi di prezixie inestimabili chì cunduce à a custruzzioni di un corpu eternu per quellu chì hè cusì immortale. U so dramma di misteru centrale hè interessatu à a ricostruzione di un tempiu chì hè statu distruttu. Questu hè assai significativu. U tempiu hè u simbulu di u corpu umanu chì l'omu deve ricostruire, rigenerà, in un corpu fisicu chì sarà eternu, eternu; un corpu chì sarà una abitazione adatta per quellu chì allora cusì immortale. "A Parola" chì hè "perse" hè u facente, perse in u so corpu umanu - e rovine di u tempu chì era maiò; ma chì si truverà cum'è u corpu hè rigeneratu è quellu chì faci hè pigliatu u cuntrollu.

Questu libru vi porta più luce, più luce nantu à u vostru pensamentu; Luce per truvà u vostru "Via" in a vita. A Luce ch'ellu porta, però, ùn hè micca una luce di a natura; hè una nova luce; novu, perchè, ancu s'ellu hè stata una presenza cun voi, ùn l'avete micca cunnisciutu. In sti pagine hè chjamatu Luce Cunciosa nant'à; hè a Luce chì pò mostrà e cose cume sò, a Luce di l'intelligenza à a quale site allora. Hè per via di a presenza di sta Luce chì pudete pensà à creà pensate; pensamenti per ti lighjeru à oggetti di a natura, o per liberarvi da oggetti di a natura, cum'è voi scelte è vulete. U reale pensamentu hè a tene ferma è a focalizazione di a Luce Cunciente nant'à u sughjettu di u pensamentu. Da u vostru pensu chì fate u to destinu. A mente esistente hè a strada di a cunniscenza di voi stessi. Quellu chì pò vede u caminu è chì pò portà nantu à u vostru via, hè a Luce di l'intelligenza, a Luce Cunciente in u interno. In i capituli successivi si dice chì questu Luce deve esse adupratu per avè più luce.

U libru dimostra chì e pensate sò cose reali, esseri reali. L'unica cosa vera chì l'omu crea hè i so pensamenti. U libru mostra i processi mentali chì i penseru sò creati; è chì parechji riflessioni sò più duranti di u corpu o u cervellu chì travagliavanu. Ci si vede chì i pensamenti l'omu pensanu sò i potenziali, i stampi blu, i disegni, i mudelli da u quali crea bè e cose materiali tangibili cu cui hà cambiatu a faccia di a natura, è hà fattu ciò chì si chjama u so modu di vivu è u so civilisazione. E penseru sò l'idee o fureste di e quali e civiltà sò custruse è mantene e distrutti. U libru spiega cumu i pensieri invisibili di l'uomo si exteriorizanu cum'è eezzi è oggetti è eventi di a so vita individuale è cumunale, creandu u so destinu per a vita dopu a vita annantu à a terra. Ma mostra ancu cume l'omu pò imparà à pensà senza creà pensate, è cusì cuntrullà u so propriu destinu.

A parola mente cum'è cum'è largamente usata hè u terminu all-inclusive chì hè fattu per applicà à tutti i tipi di pensamentu, indiscriminatamenti. Hè generalmente suppurtatu chì l'omu hà solu una sola mente. In realtà trè menti differenti è distinti, chì sò e manere per pensà à a Luce Cunsunera sò state aduprate da a furtuna incarnata. Queste, in precedenza citate, sò: u corpu-mente, u sensu-mente, è u desideru-mente. A mente hè u funziunamentu di a materia intelligente. Una mente dunque ùn funziunera micca indipindente da u facente. U funziunamentu di ognuna di e trè menti hè dipendente da u sensu incarnatu-e-desideru, u facente.

U corpu-mente hè quellu chì si pò parlà cum'è a mente, o l'intelligenza. Hè u funziunamentu di u sensu-u-desideru cum'è mover di natura fisica, cume l'operatore di a macchina di u corpu umanu, è quì si chiama quì u corpu-mente. Hè l'unica mente chì hè diretta à è chì agisce in fase cù e cù i sensi di u corpu. Cusì hè l'instrumentu per chì u facente hè cusciente di e pò agisce sopra è in e à traversu a materia di u mondu fisicu.

U spiritu di a mente è u desideru di u desideru sò u funziunamentu di u sentimentu è di u desideriu, indipendentemente o in cunnessione cù u mondu fisicu. Queste duie menti sò guasgi tuttu sommersu in u cuntrastu è subordinate da u corpu-mente. Allora praticamente tuttu u pensamentu umanu hè statu fattu per conformà à u penseru di u corpu-mente, chì lega u facente à a natura è prevene di pensà à sè stessa cum'è qualcosa di distinti da u corpu.

Ciò chì oghje si chiama psicologia ùn hè micca una scienza. A psicologia moderna hè stata definita cum'è u studiu di u comportamentu umanu. Ciò vene pruvatu per significà chì hè u studiu di impressioni da oggetti è forze di a natura chì sò fatte attraversu i sensi nantu à u meccanismu umanu, è a risposta di u muvimentu umanu à e impressioni ricevute. Ma quessa ùn hè micca a psiculugia.

Ùn ci hè micca una psiculugia cum'è scienza, finu à chì ci sia una specie di comprensione di ciò chì hè a psiche, è di ciò chì a mente hè; è una cunniscenza di i prucessi di pensamentu, di cumu funziona a mente, è di e cause è i risultati di u so funzionamentu. I psicologi danu chì ùn sanu micca ciò chì sò cose. Prima chì a psicologia pò diventà una vera scienza ci vole à capisce qualchì u funziunamentu interrelazionatu di e trè menti di u facente. Questu hè u fundamentu nantu à u quale si pò sviluppà una vera scienza di a mente è di e relazioni umane. In queste pagine si mostra chì u sensu è u desideru sò dirette à i sessi, spieguendu chì in un omu l'aspettu di sentimentu hè dominatu da u desideriu è chì in una donna l'aspettu di desideriu hè dominatu da u sentimentu; è chì in ogni umanu u funziunamentu di a ghjente-corpu oghjettu dominante hè più assai sintintu cun una o l'altru di sti, secondu u sferu di u corpu in cui stanu funzionanu; è si dimostra, ancu, chì tutte e relazioni umane depindenu di u funziunamentu di e spirite di u corpu di l'omi è di e donne in i so relazioni.

I psicologi muderni preferenu micca aduprà a parola anima, ancu s'ellu hè stata in generale usata in lingua inglese per parechji seculi. A ragione di stu hè chì tuttu ciò chì hè statu dichjaratu nantu à ciò chì l'anima hè o ciò chì faci, o u scopu chì serve, hè troppu chiaru, troppu dubbiosu è cunfusione, per ghjudicà studiu scientificu di u sughjettu. Invece, i psicologi anu cusì presu a so tema di a so studiu a macchina umana è u so comportamentu. Hè da longu capitu è ​​accettatu da e persone in generale, tuttavia, quellu omu hè cumpostu di “corpu, anima è spiritu”. Nisunu dubbia chì u corpu hè un organismu animale; ma à nantu à u spiritu è ​​l'anima ci hè stata molta incertezza è speculazione. Nantu à sti temi vitali, stu libru hè explicitu.

U libru dimostra chì l'anima vivente hè un fattu attuale è letterale. Si mostra chì u so scopu è u so funziunamentu sò di grande impurtanza in u pianu universale, è chì hè indistruttibile. Si spiega chì quellu chì hè statu chjamatu l'anima hè una unità di natura - un elementale, una unità di un elementu; è chì questu entità cosciente ma ùn hè micca intelligente hè u più avanzatu di tutte e unità di natura in u compositu di u corpu: hè l'unità elementaria anziana in l'organizazione di u corpu, avendu progressu in quella funzione dopu à un lungu apprentice in una miriade di funzioni minori. nant'à a natura. Essendu cusì a summa di tutte e leghje di a natura, sta unità hè qualificata per funzià cume u direttore generale automaticu di a natura in u meccanismo di u corpu umanu; cum'è ciò serve a u pureru immortale à traversu tutte e so reistenze, custrendu periodicamente un corpu carne per invance u mituvule, è mantene è riparà lu corpu per u mumentu chì u destinu di l'omu aghjone una necessità, da determinà da quessa pensà.

Questa unità hè chjamata a forma di respirazione. L'aspettu attivu di a forma respirazione hè u respiru; u respiro hè a vita, u spiritu di u corpu; si travaglia l'intera struttura. L'altro aspettu di a forma di respirazione, l'aspettu passivu, hè a forma o u mudellu, u mudellu, u mudellu, secondu chì a struttura fisica hè custruita nantu à l'esistenza visible, tangibile da l'azione di u respiru. Così i dui aspetti di a forma di respirazione raprisenta a vita è a forma, per chì a struttura esiste.

Dunque a dichjarazione chì l'omu hè cusì di u corpu, l'anima è u spiritu pò esse intesa cum'è chì u corpu fisicu hè compositu di materia grossu; chì u spiritu sia a vita di u corpu, u spiratu vivu, u soffio di a vita; è chì l'anima hè a forma interna, u mudellu impurtante, di a struttura visibile; e cusì chì l'anima viva hè a forma di u respiru perpetu chì forma, mantene, ripara, è ricostruisce u corpu carni di l'omu.

A forma di u respiru, in certe fasi di u so funziunamentu, include ciò chì a psicologia hà chjamatu a mente subcosciente, è l'incosciente. Gestisce u sistema nervosu involuntariu. In questu travagliu funziunate secondu e impressioni chì riceve da a natura. Esce dinò i muvimenti volontarii di u corpu, cum'è prescrittu da u penseru di u facente 'in u corpu. Hà funziunate cum'è una tampone tra a natura è u cullitariu immortale in u corpu; un automaton chì risponde ciecamente à l'impattu di l'oggetti è di e forze di a natura, è à u penseru di u facente.

U vostru corpu hè, letteralmente, u risultatu di u vostru pensamentu. Qualunque cosa sia di manifestazione di salute o di malattie, vi fà diventatu cusì da u vostru penseru, sentendu è desiderendu. U vostru corpu presente di carne hè in realtà una espressione di a vostra alma immortale, di a vostra forma di respirazione; hè cusì una exteriorizazione di e pensate di molte vite. Hè un registru visibile di u vostru pensamentu è di e fatti comu un agente, finu à u statu. In stu fattu si trova u germe di a perfettibilità è l'immortalità di u corpu.

Ùn ci hè nunda di cusì stranu oghje in l'idea chì l'omu trà un ghjornu ghjunghje à l'immortalità cunsenti; chì finalmente riprende un statu di perfezzione da u quali hè in origine caduta. Stu insignamentu in vari formi hè stata generalmente corrente in l'Occidentu per quasi duie mila anni. In quellu tempu hà sparitu per mezu di u mondu cusì chì centinaia di milioni di fàcenu, riaperendu nantu à a terra attraversu i seculi, sò stati messi in contu ricurrentu cù l'idea di verità interiore cogiata. Benchì ci sia ancu pocu a cunniscenza di questu, è ancu menu a penseru; ancu s'ellu hè statu distruttu per soddisfà i sentimenti è i desideri di diversi persone; e ancu s'ellu si pò considerà variamente oghje cù l'indifferenza, a levità o a timore sentimentale, l'idea hè una parte di u mudellu di penseru generale di l'umanità oghje, è cusì merite una riflessione pensosa.

Alcune dichjarazioni in stu libru, per quessa, puderanu cunvene strane, ancu fantastichi, finu à chì abbastanza penseru hà da esse datatu. Per esempiu: l'idea chì u corpu umanu fisicu pò esse fattu incorruptible, eternu; pò esse rigeneratu è ripresentatu à un statu di perfezzione è di vita eterna da u quale, quellu di quorsu guasgi, quellu facciu tempu hè statu fattu fà; E, ancu di più, l'idea chì quellu statu di perfezzione è a vita eterna hè di esse guadagnatu, micca dopu a morte, micca in qualchi luntanu, spariccati daveru, ma in u mondu fisicu, puru unu sia vivu. Questu pò esse veramente stranu, ma quandu esaminatu in modu intelligente ùn sembra micca essere irrazionalu.

Ciò chì hè inguestu hè chì u corpu fisicu di l'omu deve morire; ancu più assai ragiunevuli hè a proposizione chì hè solu cù a morte di chì si pò vivere per sempre. In più tardi, i scienziati dicenu chì ùn ci hè nunda di chì a vita di u corpu ùn deve esse prorogata indefinitivamente, ancu se ùn anu da suggerisce cumu si pò fà questu. Certamente, i corpi umani sò sempre stati assecusi à a morte; ma moribunu perchè ùn ci hè statu nisun sforzu ragionevulu per rigenerarli. In questu libru, in u capitulu A Grande Via, hè dichjaratu cume u corpu pò esse rigeneratu, pò esse risturtu in un statu di perfezzione è fà un tempu per u Solu cumplente di a Triuna.

U putere sessuale hè un altru misteru chì l'omu deve risolve. Devia esse una benedizione. Invece, l'omu hè assai spessu di u so nemicu, di u so diavulu, chì hè sempre cun ellu è da u quali ùn pò fughje. Questu libru mostra quantu, pensendu, di aduprarlo come a grande putenza di u bè chì esse deve; è cumu per capisce è autocontrolatu per rigenerà u corpu è cumpetisce i so scopi è ideali in gradi cumuni di progressu.

Ognunu omu hè un duplice misteru: u misteru di se soi, è u misteru di u corpu ch'ellu si trova. Hè e hè a serratura è a chjave di u duplice misteru. U corpu hè a serratura, è hè a chiavi in ​​a serratura. U scopu di stu libru hè di dì chì cum'è di capisciate à voi stessi cum'è a chjave di u misteru di te; cumu si trova in u corpu; cumu si trova è cunnosce u vostru Solu vera cum'è Autocoscienza; cumu si usa cum'è a chjave per aprite a serratura chì hè u vostru corpu; è, per mezu di u vostru corpu, cume di capisce è sapè i misteri di a natura. Vi sò in, è voi l'operatore di, a macchina individuale di u corpu di a natura; agisce è risponde à e natura è in relazione à a natura. Quandu risolve u misteru di voi stessi cum'è quellu chì agisce in a vostra cunniscenza di sè e in l'operatore di a vostra macchina di u corpu, sapete - in ogni dettaglio è in tuttu - chì e funzioni di e unità di u vostru corpu sò leggi di a natura. Dopu sapete cunnosce a legge cunnisciuta è ancu a natura sconosciuta, è puderete travaglià in armaghju cù a macchina di a natura, da a so macchina macchina individuale in cui sì.

Un altru misteru hè u tempu. U tempu hè mai presentatu cum'è un sughjettu ordinale di cunversazione; Eppuru, quandu quì si cerca di pensà è di dì ciò chì hè veramente, diventa astrattu, sconosciutu; Ùn si pò micca tene, ùn si capisce micca; eludisce, scappa, è hè ancu una di più. Ciò chì hè solu ùn hè micca spiegata.

U tempu hè u cambiamentu di unità, o di e masse di unità, in a so relazione cù l'altru. Sta definizione simpatica s'applica in ogni locu è sottu à ogni statu o condizione, ma deve esse pensatu è applicatu prima chì pudemu capisce. U travagliu deve capisce u tempu mentre hè in corpu, svegliu. U tempu sembra esse diversu in altri mondi è stati. A u tempu di u consumatore cunnosce u tempu chì ùn sembra micca uguale puru sve in quantu in sonniu, o quandu in sonnu profondo, o quandu u corpu si mori, o quandu passa da e stati post-a morte, o mentre aspetta a custrucia è a nascita di u novu corpu ghjunghjerà nantu à a terra. Ognunu di sti periodi di tempu hà una "In u principiu", una successione è una fine. U tempu sembra striscà in zitiddina, ghjunghje in i ghjovani, è ghjunghjenu in una maghjina sempre crescente finu à a morte di u corpu.

U tempu hè a reta di mutazione, intrecciata da l'eternu à u corpu umanu cambiante. U telai in cui hè intreccia a web, hè a forma di u respiru. U spiritu corporeu hè u creatore è l'operatore di u telai, di a filatrice di a reta, è di a tisseratrice di i veli chjamati “passatu” o “prisentu” o “futuru”. Pensendu fà u telai di u tempu, u pensamentu gira a reta di u tempu, u pensamentu tende i veli di u tempu; è a mente-corpu face u penseru.

A CUNCIO hè un altru misteru, u più grande è u più profunu di tutti i misteri. A parola Coscienza hè unica; hè una parola inglesi cunifata; u so equivalente ùn compare micca in altre lingue. U so valori è significatu impurtante ùn sò micca preziatu. Questu sarà vedutu in l'usu chì a parola hè fatta per servire. Per dà alcuni esempi cumuni di u so abusu abusivu: si sintisce in espressioni tali cum'è "a mo Coscienza" e "a Coscienza di unu"; è in cun consapevolezza animalia, a coscienza umana, fisica, psichica, cosmica è à l'altri tipi di coscienza. È hè descrittu cum'è a cunniscenza nurmale, è più grande è più profundu, è altu è inferiore, interiore è esterno, a coscienza; e a cunsistenza piena è parziale. Mention hè dinò sentita parlà di i principii di a coscienza, è di un cambiamentu di coscienza. Si sintisce chì e persone dicenu ch'elli anu vintu o causatu una crescita, o una estensione, o una espansione, di a coscienza. Un abusu molto cumunu di a parola hè in frasi cume: perde a coscienza, per tene à a coscienza; di ripulire, di aduprà, di sviluppà a coscienza. E si sentite, ancu, di i vari stati, e piani, e gradi, e e condizioni di coscienza. A Cuncione hè troppu grande per esse cusì qualificatu, limitu, o prescrittu. À u riguardu per questu fattu, questu libru utilizza a frase: esse cunsente di, o cum'è, o in. Spiegà: tuttu ciò chì hè cunsente è cusuratu di certe cose, o cum'è ciò chì hè, o cunsente in un certu u gradu di cunniscenza.

A Cuncione hè l'ultima, a Reale a finale. A Cuncienità hè chè da a presenza di chì tutte e cose sò coscienti. U misteru di tutti i misteri, hè in si sceglie. Senza a nenti ùn pò esse cunsenti; nisunu puderia pensà; micca esse, senza entità, senza forza, nè unità, pò svolta una funzione. Eppuru, a Cuncione stessa ùn hè micca una funzione: ùn agisce micca; hè una presenza, in ogni locu. È hè à causa di a so presenza chì tutte e cose sò cuncevuli in qualunque misura sò cunsenti. A Cuncione ùn hè micca una causa. Ùn pò esse muvutu o adupratu o in alcun modu affettu da ogni cosa. A Cuncione ùn hè micca u risultatu di nulla, nè dipende da nunda. Ùn aumenta micca o diminuisce, ampli, allarga, cuntratta o cambia; o varia in ogni modu. Benchì ci sò innumeri gradi in esse cunsenti, ùn ci hè nè gradi di Coscienza: nè piani, nè stati; micca qualificazioni, divisioni, o variazioni di alcun tipu; hè u stissa in ogni locu, è in tutte e cose, da una unità di natura primordiale à a intelligenza suprema. A Coscienza ùn hà nè proprietà, nè qualità, nè attributi; ùn avè micca; ùn pò esse pussutu. A Cuncione ùn hà mai principiatu; ùn pò cessa di esse. Coscienza IS.

In tutte e vostre vite in terra ci hè statu bramatu, cercendu o cerca una persona o qualcosa chì manca. Avete vintu à sente se sì putite truvà chì per chì avete avutu, sareste contenti, soddisfatti. Ricordi dimimurati di l'età aumentanu; sò i sentimenti attuali di u vostru passatu dimenticatu; essi fighianu una ripetizione di stanchimentu di u mondu di u tapiscia abbracciannu di e esperienze è di u vacu è a futilità di u sforzu umanu. Ci pudete cercà di soddisfà stu sentimentu cun a famiglia, per u matrimoniu, è per i zitelli, trà l'amichi; o, in l'affare, a ricchezza, l'avventura, a scuperta, a gloria, l'autorità è u putere - o da qualchì altro secretu indiscusu di u to core. Ma nunda di i sensi pò veramente soddisfà à stu desideriu. A ragione hè chì sì perse - sò una parte persa ma inseparabile di un Sente Triune cunsosamente immortale. È secunu, voi, cum'è di sentimentu-e-desideriu, a parte di quellu agisione, lasciò u pensatore è sapè parti di u vostru Sé Triune. Cusì eri perdutu per voi, perchè, senza una cunniscenza di u vostru Sente Triunu, ùn pudete micca capisce tù, u vostru desideriu è u vostru esse perduti. Perciò, à qualchì tempu avete avutu un senzu solidu. Avete scurdatu di e numerose parti chì avete spessu ghjucatu in u mondu, cum'è personalità; è avete dimenticatu dinò a vera bellezza è u putere di cui eri cunessu mentre avia cù u vostru pensatore è sapienti in u Regnu di a Permanenza. Ma voi, cum'è capimperia, avete duvutu unione equilibrata di u vostru sensu-è-desideru in un corpu perfettu, affinchì vo duvete torna cù i vostri pensatori è e parti di cunniscitore, cum'è Sé unità, in u regnu di a Permanenza. In scritti antichi ci sò state allusioni à sta partenza, in e frasi cum'è "u peccatu originariu", "a caduta di l'omu", cum'è un statu è un regnu in u quali hè soddisfatta. Chì u statu è u regnu da cui tu partisti ùn possu cessa di esse; pò esse recuperatu da i vivi, ma micca dopu a morte da i morti.

Ùn bisognu micca sente solu. U vostru pensatore è sapienti sò cù voi. In l'oceanu o in foresta, nantu à a muntagna o pianura, à u sole o ombra, in folla o in solitudine; ovunque site, a vostra vera mente è sapè Sì hè cun voi. U vostru veru Sità vi prutege, in quantu vi permetterà di esse prutettatu. U vostru pensatore è saveru hè sempre prontu per u vostru ritornu, quant'è lussu vi pò fà per truvà è seguità u parcorsu è diventeti finalmente torna cuscinu cun a casa cum'è sì u Sìme Triunu.

Intantu ùn allora micca, ùn puderete micca esse, cuntentu cù nimicu menu di Speranza di sè. Tu, cum'è sentimentu è desideriu, sò l'operatore responsabile di u vostru Sente Triunu; è di ciò chì avete fattu per voi stessi cum'è u vostru destinu vi deve amparà i duie grandi lezioni chì tutte e esperienze di vita sò di insegnare. Queste lezioni sò:

Cosa fà;

e,

Cosa avete da fà.

Pudete mette queste lezioni in offu per parechje vite cume ti piacenu, o imparate li appena ti vulemu - hè per voi chì decidite; ma in u filu di u tempu vi amparate.